Concluse le selezioni laziali di “Una Ragazza per il Cinema” 2018

da sx_Elisa Pepe Sciarria e Mila Coccia
In dirittura di arrivo “Una Ragazza per il Cinema” 2018:  concluse nella regione Lazio le selezioni definitive per questo  contest nazionale  di Bellezza. Espletate infatti da poco le ultimissime fasi del noto concorso Beauty prima della finalissima siciliana :  la finale provinciale Latina e la finale  regionale del Lazio.
Lo scorso 23 agosto è stato il giorno dell’ultima scelta regionale di ragazze candidatisi nel Lazio in contemporanea con la finale provinciale Latina di questo  famoso ed ambito concorso di bellezza e talento, giunto quest’anno alla sua trentesima edizione, e nell’occasione, a Piazza Mazzini di Terracina, si è svolta  anche la X° edizione del concorso locale Miss Tempio di Giove.
Venti  le ragazze che si sono sfidate per aggiudicarsi le ultime fasce per l’accesso alla finale regionale laziale, che alla fine sono state conquistate da Ilaria Semenzato, Martina Avitabile, Martina Genovesi, Erika Filosa e Myriam D’Aversa; la fascia di Modella per l’Arte a Raffaella Marsili, mentre sia la fascia di Una Ragazza per il Cinema Provincia di Latina che il titolo di Miss Tempio di Giove 2018 sono andate a Mila Coccia, ragazza votata da entrambe le giurie divise per i due concorsi.
Da sx_Naira_Gio Di Giorgio_Massimo Meschino_Michele ConidiNelle fila dei membri giudicanti  il regista Michele Conidi, il giornalista nonchè editorialista di Inciucio.it  Giò Di Giorgio, l’attore e regista Giovanni Pannozzo e la cantante Naira,  che si è anche esibita cantando il suo ultimo successo “The Key of your Hearth”, il  cui il videoclip sta attualmente spopolando su tutti i social.
Prima della cantante Naira,  è salito sul palco  anche il  cantante-ballerino Steven B.,  che ha eseguito live il  brano “Put the ball and…run!”, sostenuto dal Comitato Nazionale Italiano Fair Play Italia e vero tormentone pop-sport di questa calda estate.
Ad entrambi gli ospiti canori l’organizzazione ha consegnato una targa ricordo, e lo ha fatto direttamente tramite le  mani del  consigliere comunale con delega ai grandi eventi Andrea Bennato, che figurava anche tra i  giurati della gara.
Due giorni dopo, il 25 agosto, sull’incantevole terrazza panoramica del Castello Baronale di Fondi (LT), è stato  il turno della finalissima regionale.
40215245_1937847149594540_1772704879060451328_o
Le ragazze in competizione  si sono sfidate a suon di passerella e prova talento,  per aggiudicarsi uno dei 10 posti disponibili per la finale nazionale di “Una Ragazza per il Cinema”, che si svolgerà dal 5 al 10 settembre prossimo a Taormina, incantevole luogo dove le 120 finaliste nazionali provenienti da tutta Italia vivranno un’esperienza unica,  a stretto contatto con noti  protagonisti  del cinema, canto, ballo, make up, impegnate  allo stesso tempo a  preparare  tutte le coreografie della serata conclusiva del contest guidate dal Maestro di Amici Garrison Rochelle.
Folta e qualificata la giuria a Fondi, composta dalla Ragazza per il Cinema 2015  (la giovane attrice Elisa Pepè Sciarria), dall’attore, regista e titolare dell’impresa di spettacolo On Broadway di Fondi Giovanni Pannozzo, dallo showman Carmine Diaco, dall’ex campione mondiale di box Nino La Rocca, dagli organizzatori di eventi Mirko Ferranti e Carlo Rizzi, dal cantante Tony Riggi (voce del gruppo The Knights Templar che potremo vedere presto sugli schermi televisivi di LA5 nel talent “I BAND”; nell’occasione  sono stati proiettati due suoi videoclip musicali e a lui è stata consegnata una targa di ringraziamento per la  partecipazione alla serata), dall’ex corista di Domenico Modugno nonché attrice Diana Corey, dall’insegnante di danza Ylenia Fragione della scuola Top Dance di Fondi, dall’insegnante di canto nonché titolare dell’accademia musicale Moysa di Fondi Maria Di Biasio, dalla Make Up artist Raffaella Giancola e dall’Assessore comunale di Fondi Claudio Spagnardi, che ha  portato il saluto  a tutti i presenti dell’Amministrazione ospitante.
Con Steven B_ a dx
Durante la serata, condotta dal presentatore Thierry Mandarello, si sono esibiti i cantanti Marilisa Priftuli e Dario Micci dell’accademia Moysa;  è stato inoltre proiettato il cortometraggio sul bullismo intitolato “Cinque minuti ancora” del regista Michele Conidi,  a cui è stato consegnato il riconoscimento  “Premio Solidarità” per aver trattato  un argomento di grande interesse  sociale.
Eccole le dieci ragazze del Lazio che andranno in finale nazionale : Vanessa Angelici, Mila Coccia, Michela D’Antonio, Giulia Colacchi, Ilaria Semenzato, Cristina Alexandra, Ludovica Gentile, Sabrina Tocci, Raffaella Marsili e Micaela Lombardi.
Oltre alle fasce ufficiali per la finale nazionale, sono state consegnate :  Ragazza per il Cinema Regione Lazio a Mila Coccia, Ragazza Non Solo Video a Vanessa Angelici, Ragazza MTM EVENTS a Martina Genovesi, Ragazza Città di Fondi a Raffaella Marsili e  Modella per l’Arte  a Michaela Lombardi.
Inoltre, sia il fotografo ufficiale del concorso per il Lazio Mario Buonanno che i fotoamatori Vincenzo Bucci e Maurizio Perria, hanno omaggiato alcune ragazze di un servizio fotografico.
Prima del momento topico delle premiazioni, è stato fatto un omaggio floreale a tutte le  partecipanti in gara e a tutte le donne della giuria.  Gentile pensiero, questo,  del Vivaio Desirèe di Fondi, che ha curato anche l’allestimento floreale di tutta la serata.
L’evento  è stato patrocinato dal Comune di Fondi Assessorato alla Cultura ed è stato possibile  grazie alla collaborazione  di Ricevimenti Miramonti, dell’istituto immobiliare Peticone, del centro pulizia Cep, del gommista Firststop, dall’autocarrozzeria Colantuono Domenico e figli, dall’officina meccanica F.lli Feula, dall’agenzia funebre Viola & Zomparelli, dal bazar di Thierry Mandarello, dalla pizzeria Zio Mario e dal vivaio Desirèe tutti di Fondi.
Il concorso nel Lazio e Molise si ricorda essere gestito dalla MTM EVENTS di Massimo Meschino e Thierry Mandarello, con un’equipe formata dal regista ufficiale del concorso per il Lazio Michele Conidi, dal fotografo ufficiale del concorso per il Lazio Mario Buonanno e dai collaboratori Giovanna D’Urso e Mirko Ferranti.
Appuntamento con le selezioni della  edizione 2019 a partire già dal prossimo mese di ottobre  e,  per chi volesse partecipare al concorso,  ci si puo’ orientare tra diverse soluzioni: rivolgersi a Massimo Meschino al numero 328/8954226 o al suo profilo facebook ; iscriversi tramite il sito nazionale www.unaragazzaperilcinema.eu;  rivolgersi alla pagina facebook Una Ragazza per il Cinema Lazio e Molise.
Viva la Bellezza!
Lisa Bernardini
DSC_0428
Annunci

FREAK & CHIC PRESENTA THE ANDRÉ dal vivo a TREVISO

TheAndre_bFREAK & CHIC

PRESENTA

THE ANDRÉ

 

IL 30 AGOSTO DAL VIVO ALL’HOME FESTIVAL DI TREVISO

IL 5 SETTEMBRE AL PARCO TITTONI DI DESIO

IL 9 SETTEMBRE ALL’ELEVA ADVANCED MUSIC MEETING DI REGGIO EMILIA

 

 

Continua il successo dal vivo di The Andrè che porta avanti il suo tour a Treviso (30 agosto – Home Festival), Desio (5 settembre – Parco Tittoni) e Reggio Emilia (9 settembre – Eleva Advanced Music Meeting) dopo essersi esibito nei festival estivi più importanti della Penisola, senza mai svelare il suo volto e donando la sua arte di interpretare in versione acustica le hit indie e trap più famose.

 

Ecco tutte le date del tour:

30 agosto – Home Festival – Treviso;

5 settembre – Parco Tittoni – Desio (Mb);

9 settembre – Eleva Advanced Music Meeting – Reggio Emilia;

13 settembre – Tendenze Festival – Piacenza;

 info su www.freaknchic.it – prevendite disponibili su www.ticketone.it

Con quasi 3 milioni di visualizzazioni sul canale YouTube, The André diventa presto un fenomeno del web grazie alle straordinarie versioni di cover d’autore in cui omaggia il grande Maestro immaginando come si sarebbe cimentato ai giorni nostri cantando i testi del filone trap.

 

Le opere prime del ‘Principe del Web’ sono disponibili anche sui digital stores: l’ep “Demos” raccoglie l’ormai celebre “ Habibi” di Ghali, “Rockstar” e “Tran Tran” di Sfera Ebbasta, “Cono Gelato” e “SportsWear” della Dark Polo Gang, mentre l’ep “Deluxe” annovera le cover di Salmo con ”Perdonami”, Marracash e Gue Pequeno con “Scooteroni”, ancora Gue Pequeno con “Lamborghini”, Capoplaza con “Giovane Fuoriclasse” e la Dark Polo Gang con “Diego Armando Maradona” (https://artistfirst.lnk.to/TheAndreCantaLaTrap-Demos).

www.youtube.com/channel/UC0MLXyxoAT-GDcjGWkHdhVA/; www.facebook.com/theandreufficiale

Ufficio Stampa: Ufficio Stampa GPC – Gaetano Petronio 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it

Label & Management: Freak & Chic – Jacopo Levantaci – jacopo@freaknchic.biz

MIRKOEILCANE continua con successo il tour SECONDO ME

Mirkoeilcane-045MIRKOEILCANE CONTINUA IL GRANDE SUCCESSO DAL VIVO

 

CON IL SECONDO ME – UN TOUR POCO DEMOSCOPICO

IL 2 SETTEMBRE AL FESTIVAL LAGORAI D’INCANTO A GRIGNO (TN)

IL 30 SETTEMBRE ALLA RASSEGNA CORDE & VOCI D’AUTORE DI CREMONA

Continua il grande successo del “Secondo Me – un tour poco demoscopico”, il tour di Mirkoeilcane, prodotto da Otr Live, che a settembre porterà il cantautore romano a Grigno (Tn) – 2 settembre e a Cremona – 30 settembre.

Mirkoeilcane ha vinto la Targa Tenco 2018 nella sezione “Miglior Canzone Singola” con il brano “Stiamo tutti bene” che ha già portato il cantautore romano a vincere ben cinque riconoscimenti – tra cui il Premio della Critica “Mia Martini” – alla 68° edizione del Festival di Sanremo nella categoria “Nuove Proposte”.

È disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e in tutte le piattaforme streaming “Secondo Me”, il nuovo disco di Mirkoeilcane: undici tracce in cui il cantautore romano prende posizione spaziando su le diverse tematiche che toccano la nostra vita su un tessuto musicale sempre curato ed attento al suono, gli arrangiamenti e le armonie. Non c’è nota fuori posto, non c’è parola che non sia inserita nel suo contesto.

Mirko Mancini, in arte Mirkoeilcane, nasce il 6 maggio 1986 ed è un cantautore romano. Negli anni lavora come chitarrista in studio e suona dal vivo con diversi artisti. Compone diverse colonne sonore come quella della web serie “Forse sono io”, dei corti “Memories”, “Il lato oscuro” e “Quattro battiti” e del film “I peggiori”. Impegnato nella scrittura di testi e musica per altri artisti, nel 2016 decide di avviare una carriera musicale da solista, che viene consacrata con l’uscita del suo primo disco omonimo a gennaio. Nello stesso anno, Mirkoeilcane vince il Premio Bindi, il Premio Incanto, miglior testo e migliore interpretazione di cover al Premio Musica Controcorrente e il suo album figura tra le cinquanta opere prime candidate al Premio Tenco. Le tematiche sociali e i rapporti affettivi, figurano spesso al centro delle sue canzoni. A giugno del 2017 vince Musicultura e a luglio firma un contratto discografico con l’etichetta Fenix Entertainment. Nel 2018 Mirkoeilcane partecipa alla 68° edizione del Festival di Sanremo nella categoria “Nuove Proposte” e vince i seguenti riconoscimenti: Premio “Sergio Bardotti” Per Il Miglior Testo, Il Secondo Posto Tra Le Nuove Proposte, Il Premio Della Critica “Mia Martini”, Premio “Enzo Iannacci” Di Nuovoimaie e La Targa Pmi (Produttori Musicali Indipendenti).

www.fenixent.com    

 Ufficio Stampa MIRKOEILCANE: Ufficio Stampa GPC – Gaetano Petronio 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it

Promozione Radio-Tv MIRKOEILCANE: Red & Blue Music Relation – Marco Stanzani – 335 5438616 – stanzani@redblue.it

Booking MIRKOEILCANE: OTRlive – info concerti Salvatore Padula – salvatore@otrlive.it    

ALBANO, KATIA RICCIARELLI E MICHELE PLACIDO PER LA FINALISSIMA DI “FUTURA MISS ITALIA”

40229403_2088109291517060_1167970962637848576_n

Ospiti d’eccezione in una location eccezionale per la finale dell’undicesima edizione del concorso nazionale “FUTURA MISS ITALIA”. Il 29 Agosto le tenute del Maestro ALBANO CARRISI apriranno le porte per quest’evento straordinario di grandi maestri e nuovi talenti e bellezze. SuperOspiti e che riceveranno un premio alla carriera, saranno, la sempre stupenda Katia Ricciarelli, voce indiscussa della lirica italiana nel mondo ed il bravissimo Michele Placido che ha attraversato tutte le forme attoriali del panorama artistico. Ed il grande Albano, uno dei più grandi portabandiera della musica leggera italiana a tutte le latitudin, questa volta in versione “padrone di casa”. Dinanzi questi tre personaggi si potranno esibire e sfilare giovani dee della bellezza e nuovi talenti della musica e del canto; il tutto condotto con la nota solarità e l’energia della bellissima  Floriana Rignanese e sotto le telecamere attente di Antenna Sud e Canale85.  Il concorso nato all’interno dell’Accademia della Moda “MARIA ANTONIETTA” e giunto all’undicesimo anno di attività, vuol essere per le “GIOVANISSIME” non solo  una vetrina per farsi ammirare in tutta le loro bellezza, ma anche un’occasione per valorizzarle e poterle far esprimere nei loro talenti artistici. Le bellezze saranno affiancate anche dai talenti musicali, in un tutt’uno di armonia e di artisticità. Tre le categorie previste:

– LA PRIMA CATEGORIA comprende partecipanti di età compresa tra i 6 e i 10 anni.
– LA SECONDA CATEGORIA comprende partecipanti di età compresa tra 11 e 15 anni.
– LA TERZA CATEGORIA comprende partecipanti di età compresa tra i 16 e 25 anni.

missLe concorrenti che vedremo in finale, sono state selezionate in una serie di tappe PROVINCIALI e REGIONALI, che hanno fatto respirar loro l’aria della passerella e del palco, unendole insieme nelle loro piccole aspirazioni come nelle piccole paure. Una fase di socializzazione importante e che ha permesso alle piccoline di poter prendere le prime confidenze con il mondo dello spettacolo. Un evento da non perdere
Per info e iscrizioni chiamare al: 3292150154

Sara Lauricella

 

Il Regista Pierfrancesco Campanella: l’intervista di Ester Campese

con Dalila Di Lazzaro sul set di STREPITOSAMENTE... FLOPIl Regista Pierfrancesco Campanella: meglio sempre rimanere coi piedi per terra, aggrappandoci ai valori veri della vita!

intervista di Ester Campese

E’ con noi oggi per la nostra intervista il noto regista Pierfrancesco Campanella. Definirlo regista però è davvero riduttivo, ha spaziato infatti, in questa che è la settima arte, potremmo dire, in tutti i ruoli e sfaccettature possibili. E’ stato attore debuttando nel 1982 nel film per la TV “La veritaaaà” del grande maestro Cesare Zavattini, lo storico sceneggiatore dei film di Vittorio De Sica. Ha scritto soggetti e sceneggiature per fotoromanzi, fumetti, novelle per bimbi, persino racconti hard e diversi copioni per il cinema. Ha svolto spesso anche ruoli nel “dietro le quinte” come consulente artistico e di produzione con le più accreditate case cinematografiche italiane. Il suo primo film “Cattivi Pierrot”, scritto ed interpretato da lui stesso , è stato subito un successo, ed ha partecipato in una sezione collaterale alla Mostra del Cinema di Venezia del 1986, distribuito l’anno successivo con una nuova titolazione “La trasgressione” ed un diverso montaggio e finale, realizzato dal regista Fabrizio Rampelli.

con la Rettore sul set di STREPITOSAMENTE... FLOP

Un tratto che definisce l’artista Pierfrancesco Campanella, di origine russo-pugliese, è senza dubbio l’ironia, che ha messo in scena anche nella sua commedia satirica “Strepitosamente… flop”, che ha visto la partecipazione dell’attriceDalila Di Lazzaro e di Donatella Rettore.

con Franco Nero sul set di CATTIVE INCLINAZIONICampanella sa affrontare tematiche scottanti a viso aperto e con lucido sarcasmo, e senza dubbio fuori dagli schemi, come nel suo lungometraggio del 1993, ambientato nel mondo gay, dal titolo “Bugie rosse”, con Tomas AranaAlida ValliLorenzo Flaherty e Natasha Hovey,  o il suo thriller “Cattive inclinazionidel 2003, interpretato da Eva Robin’sFlorinda BolkanFranco NeroMirca Viola. I suoi lavori da regista, nel 2017, sono stati il corto “L’amante perfetta” e il docufilm “I love… Marco Ferreri”, un affettuoso ritratto, con spezzoni di repertorio, interviste e fiction, dedicato alla memoria di questo grande regista e maestro del cinema italiano, nel ventennale della sua scomparsa.

Ma moltissime sono anche le produzioni di Pierfrancesco Campanella , di indiscutibile e multiforme personalità artistica, come cortometraggi e documentari, che costellano la sua lunga carriera.

Campanella dirige Bolkan in CATTIVE INCLINAZIONIGrazie carissimo Pierfrancesco per essere oggi qui con noi dedicandoci il tempo per questa intervista. Ti chiedo subito, tu hai avuto modo di dirigere grandissimi attori, spesso artisti dalla forte personalità, nel corso della tua longeva carriera, come hai gestito il rapporto con loro?

Quasi sempre in modo ottimale. Diciamo che sul set ogni volta è filato tutto liscio e c’è stata con tutti molta complicità. In alcuni casi però qualche piccolo problema c’è stato dopo, a film finito. Gli attori spesso sono persone molto fragili e insicure e hanno la smisurata esigenza di stare a tutti i costi al centro dell’attenzione. Per cui, se durante il montaggio tagli loro un primo piano o accorci una battuta, apriti cielo!  Sono capaci di maledire a vita te e il lavoro stesso che fino al giorno prima dicevano di amare.

Qual è stata la svolta decisiva, per te, nell’ambito della settima arte?

L’incontro giusto al momento giusto, dopo che per anni tentavo invano di trovare una strada per sfondare in questo settore, ricevendo umiliazioni e porte sbattute in faccia a dosi massicce. Si tratta di una persona peraltro che non ho mai più rivisto ma che ancora oggi mi sento di ringraziare per aver creduto in me.

C’è un film, una sceneggiatura o un progetto, a cui sei particolarmente legato? E perché?

Campanella dietro la macchina da presaSì, un copione molto complesso, un insolito mix di sesso, sensualità, mistero  e perversione. Si intitolava provvisoriamente “Pioggia acida”: ad oggi nessuno ha avuto il coraggio di farmelo fare e ho dovuto rinunciare, sia pure con dispiacere. E così mi ci sono molto affezionato, come a un figlio desiderato e mai nato.

Quanto conta l’ironia nel tuo lavoro?

Certamente molto. L’ironia è la qualità delle persone intelligenti e ne serve tanta non solo nel cinema ma soprattutto nella vita. Vedo colleghi che si prendono troppo sul serio, credendosi grandi intellettuali: mi fanno semplicemente pena, specie nei casi di registi che non segue nessuno e sono “importanti” solo nella loro testa.

C’è un regista che ti ha ispirato, anche se tu hai uno stile indubbiamente del tutto personale ed inconfondibile?

Vista la mia passione per i film di genere thriller, mi verrebbe da dire Alfred Hitchcock e il nostro Dario Argento. Ma non più di tanto. Ho amato molto anche Pasolini e, in tempi più recenti, David Cronemberg. Non voglio apparire presuntuoso, ma credo che chi fa questo mestiere debba fare un suo percorso personale ed originale, senza farsi influenzare da nessuno.

La qualità che maggiormente apprezzi in un attore o in generale in una persona con cui ti relazioni nell’ambito cinematografico?

La sincerità, una caratteristica che dovrebbe essere alla base di ogni rapporto umano, sia nel privato che in ambito lavorativo. La schiettezza e la buona fede pagano sempre e si vedono nel risultato artistico. Al giorno d’oggi c’è però in giro una strisciante ambiguità di fondo e non sempre c’è chiarezza nei comportamenti.

In carriera hai ricevuto tantissimi attestati e riconoscimenti, ricordiamo uno su tutti il Premio “Personalità Europea 2016” in Campidoglio. E’ questo o quale, quello che ti ha dato maggiormente soddisfazione?

Questo che hai citato  lo considero in effetti un fiore all’occhiello perché è una iniziativa istituzionale e la commissione selezionatrice è molto seria e competente. Mi ha molto emozionato essere premiato insieme a mostri sacri come Carla Fracci e il compianto Carlo Vanzina. Vedo che ultimamente è tutto un proliferare di premi, premiucci e premietti, dispensati a casaccio da improvvisati “organizzatori del nulla”, una razza in continua espansione. Spesso, dietro questi eventi di serie Z, si nascondono sedicenti associazioni artistico-culturali che di artistico e culturale non hanno nulla, il loro intento è solo sbarcare il lunario, usando i nomi più o meno famosi dei premiati per raccattare i soldi di qualche sponsor. Io per fortuna so valutare bene persone e situazioni e non cado in certe trappole!

Cosa consiglieresti ad un giovane regista che volesse intraprendere questa carriera, al giorno d’oggi?

Di lasciar perdere. E’ sempre stata una professione difficile, ma ora, con la crisi generalizzata, è quasi impossibile da portare avanti, almeno a livello professionale. Anche se la creatività non verrà mai meno: si può essere autori anche semplicemente realizzando un video col telefonino, da pubblicare su Youtube.

Il tuo ultimo lavoro prodotto?

Due cortometraggi cinematografici. Il primo si intitola “Pensiero Giallo”, un noir grottesco molto divertente, del quale sono protagonisti gli strepitosi Luciana Frazzetto  e Gianni Franco. L’altro invece è “L’idea malvagia”, un giallo vero e proprio, ricco di tensione e colpi di scena, interpretato, tra gli altri, dalle bellissime e bravissime Elisabetta Pellini e Nadia Bengala e dal giovane e promettente Simone Amato.

Cosa ci riserva il poliedrico Pierfrancesco Campanella nel prossimo futuro?

Tanto amore, da dare e da ricevere. Perché il cinema è un lavoro importante e può regalare a chi lo fa tante emozioni e gratificazioni, ma è anche un meccanismo spietato che può farti piangere qualche lacrima di troppo. Meglio sempre rimanere coi piedi per terra, aggrappandoci ai valori veri della vita!

Il PREMIO CESARE ZAVATTINI approda al Lido di Venezia

unnamed(1)

Lunedì 3 settembre 2018 – Ore 10,30

75a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia
Italian Pavilion – Hotel Excelsior
Lungomare Guglielmo Marconi, 41 – Venezia Lido (VE)

Interverranno:
Paolo Baratta – Presidente della Biennale di Venezia
Alberto Barbera – Direttore artistico della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
Enrico Bufalini – Direttore dell’Archivio Storico, Cinema e Documentaristica Istituto Luce Cinecittà
Antonio Medici – Direttore artistico Premio Zavattini
Vincenzo Vita – Presidente Fondazione Archivio Audiovisivo Movimento Operaio e Democratico

Saranno inoltre presenti:
Laura Delli Colli – Presidente Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani
Giuseppe Giulietti –  Presidente Federazione Nazionale della Stampa Italiana

La presentazione sarà preceduta alle 10 dalla proiezione delle opere vincitrici della prima edizione del Premio
Il PREMIO CESARE ZAVATTINI approda al Lido nell’ambito della settantacinquesima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia! Lunedì 3 settembre, alle ore 10,30, avrà infatti luogo la presentazione della terza edizione del concorso pubblico rivolto a giovani filmmaker, professionisti e non, che ha la particolarità di stimolare e premiare l’originalità, la sperimentazione, il “tradimento” e il rimescolamento dei generi nell’ambito del riuso del cinema d’archivio.

Si tratta di un’occasione unica per comprendere, comunicare e sperimentare percorsi di massima apertura alla riutilizzazione del nostro patrimonio filmico, attraverso l’adozione di licenze aperte e la valorizzazione delle opportunità offerte dal Web. Una nobile causa che ha l’obiettivo di stimolare la creatività dei giovani tramite una diversificata reinvenzione della documentazione del passato con innovazioni e tecnologie moderne, che è stata favorevolmente già accolta da prestigiosi enti con i quali la Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, artefice dell’iniziativa, collabora, e che viene ora sposata con entusiasmo dai vertici della Biennale di Venezia.unnamed

 

All’interno dell’Italian Pavillion dell’Istituto Luce-Cinecittà, partner della manifestazione, parteciperanno infatti, insieme al Direttore dell’Archivio Storico, Cinema e Documentaristica Enrico Bufalini, al direttore artistico del Premio Antonio Medici, e al presidente AAMOD Vincenzo Vita, i vertici della Biennale nel suo presidente Paolo Baratta e direttore della Mostra cinematografica Alberto Barbera. In tale contesto interverranno anche Laura Delli Colli, presidente Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani e Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Un’occasione per conoscere lo status del Premio, i nuovi progetti in corso e i lavori della neo-giuria costituitasi per l’edizione 2018, oltre alle nuove opportunità che il Premio Zavattini offre ai talenti per far crescere, reinterpretare e attualizzare la storia con uno sguardo espressivo “new generation” su presente e futuro.

La presentazione sarà preceduta alle 10 dalla proiezione di tre opere vincitrici della prima edizione del Premio: si tratta di Blue Screen di Alessandro Arfuso e Riccardo Bolo, Fuori programma di Carla Oppo e Massimino di Pierfrancesco Li Donni.

Il Premio Zavattini è promosso dalla Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (di cui lo stesso Zavattini fu primo presidente), sostenuto dalla Siae e dal MiBACT (attraverso il bando “Sillumina”) e dalla Regione Lazio, e realizzato in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà, con la partecipazione della Cineteca Sarda, Deriva Film e Officina Visioni.

www.premiozavattini.itwww.aamod.it

+39 06 3225044 – +39 3284112014 – info@elisabettacastiglioni.it

MUDIMBI TOUR 2018

Mudimbi @ Ilaria Magliocchetti_b

Mudimbi @ Ilaria Magliocchetti_b

BPM

CONCERTI

presenta

MUDIMBI TOUR 2018

 IL 29 AGOSTO AL FESTIVAL CONTRO

DI CASTAGNOLE DELLE LANZE (AT), e 31 agosto – Polpe La Sagra – Polpet (Bl)

Mercoledì 29 agosto, alle ore 21, sul palco del Festival Contro di Castagnole delle Lanze (At) – P.zza San Bartolomeo, ingresso gratuito – ci sarà l’ottava data del Mudimbi Tour 2018, la serie di appuntamenti live, prodotta da BPM Concerti, che porterà l’ironia e la spontaneità coinvolgente dell’eclettico rapper sui palchi dei migliori festival di tutta Italia. In particolar modo, nel concerto di domani sera, Mudimbi aprirà il concerto di Caparezza.

 

Dal vivo, il sound di Mudimbi, è un concentrato di energia ed estro musicale dove l’interazione tra elettronica, groove e il ritmo delle rime sono alternati alla innata capacità del giovane rapper di intrattenere il pubblico con sarcasmo e ironia. La scenografia basata su effetti ottici e l’utilizzo sincronizzato delle luci che darà un valore aggiunto al nuovo set dal vivo. Insieme a Mudimbi, professionisti del calibro di Lino Emiliani (aka Dj Giovan8), alla console, Alessandro Bavo, alle tastiere e ai synth, Federico Bruni, alla batteria, Matteo Bronzi, backliner, Angelo Cioci, light designer, e Stefano Luciani, sound engineer.

 

L’artista di San Benedetto del Tronto porterà dal vivo i brani del suo primo album “Michel” (Warner Music), oltre al nuovo singolo e alla sua hit “Il Mago”, che lo ha reso noto al grande pubblico e che si è subito posizionata tra i singoli più ascoltati delle Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2018, e il cui video (https://www.youtube.com/watch?v=Df66-GLnZuI) ha superato gli 8 milioni di visualizzazioni.

 

Ecco le date finora confermate:

8 giugno – Futuracqua – Rieti;

15 giugno – Alley-Oop Festival – Piacenza;

30 giugno – Fool Festival – Morrovalle (Mc);

8 luglio – Vivafestival – Ostuni (Br);

14 luglio – Cose Pop Festival – Centobuchi (Ap);

21 luglio – Goa-Boa Festival – Genova;

26 luglio – Eremo Club – Molfetta (Ba);

29 agosto – Festival Contro – Castagnole delle Lanze (At)

31 agosto – Polpe La Sagra – Polpet (Bl) 

Venerdì 11 maggio è tornato con “AMEMÌ” (https://www.youtube.com/watch?v=7w0x72bwf-Q), il suo nuovo singolo, prodotto da Mace e Swan, in una versione inedita dal sound afropop fresco e dinamico. «L’idea di un ritornello che ripetesse “A me mi piace” è stata di Andrea Bonomo (con cui ho scritto anche “Il Mago”) – racconta Mudimbi di “Amemì” – Ho pensato di farlo cantare a un coro di bambini, gli unici che risultano credibili nel fare un errore grammaticale del genere. Il testo è un elenco di cose che mi stressano, ma su cui ho imparato a ridere: ad esempio quando mi definiscono “Il rapper congolese”; sono nato e cresciuto in Italia… di congolese non ho niente!»

 

Terzo posto al Festival di Sanremo 2018 nella categoria “Nuove Proposte” con la hit “Il Mago”, Mudimbi ha ricevuto il “Premio Assomusica 2018” che premia l’originalità e la capacità di saper emozionare mostrate sul palco dell’Ariston ed è stato premiato ai “Soundies Awards” per il miglior videoclip tra quelli presentati a questa 68^ edizione del Festival.

 

Mudimbi, il cui vero nome è Michel Mudimbi (San Benedetto del Tronto, classe 1986), è un artista il cui marchio di fabbrica è, insieme alla schiettezza, una pungente ironia. Questi aspetti, che contraddistinguono lui e la sua musica, sono una reazione istintiva a una storia personale fatta di umiltà, perseveranza e rivalsa: cresciuto senza padre, con la madre che è una guida fondamentale per Michel, dopo dieci anni di lavoro in officina abbandona tutto per seguire seriamente la sua passione per la musica. Inizia con il rap attorno al 2000, scrivendo i suoi primi pezzi e pubblicandoli su YouTube, mentre tra il 2013 e il 2014 esce il suo primo ep di cinque tracce.
Mudimbi non solo è autore di tutti i suoi testi, ma è anche il creatore di un immaginario supercolorato avendo curato personalmente tutti i suoi videoclip: uno dei migliori è senz’altro “Pistolero” prodotta da Elisa Bee. Si fa conoscere per la sua ironia dissacrante che spesso contrasta con testi crudi, provocatori e politically incorrect e nel 2017 arriva la firma con Warner Music, apre il concerto di Samuel all’Alcatraz di Milano, e partecipa al Red Bull Culture Clash nella crew “Milano Palm Beach”. Dopo il video ironico e dissacrante di “Empatia”, geniale mix di parodie e un chiaro omaggio a quattro classici del piccolo e grande schermo, l’8 settembre è uscito il remix di “Risatatà”, accompagnato da un video realizzato con il contributo dei suoi fan.

 

www.mudimbi.comwww.facebook.com/mudimbiwww.instagram.com/mudimbi

https://open.spotify.com/artist/0pmgwPGqkEVI0zPABTxPVR

 Ufficio Stampa MUDIMBI TOUR 2018: Ufficio Stampa GPC – Gaetano Petronio 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it

Booking MUDIMBI TOUR 2018: BPM Concerti – info concerti Attilio Perissinotti – attilio@bpmconcerti.com