Grande successo per il Gran Gala’ della Chaine Francigena Toscana a Villa Artimino

IMG_2631

Grande emozione e  trionfo per l’evento dell’anno 2017, “Il gran Gala Della Chaine Francigena Toscana”, rendendo merito in primis alla determinata  Presidente della neonata Bailliage Francigena Toscana, l’Avvocato  Giovanna Elettra Livreri,  ha aperto la serata inaugurale Chaine des Rotisseurs nella splendida Villa Medicea La Ferdinanda, patrimonio dell’Unesco, ospitata da Annabella Pascale, l’organizzazione curata dalla Gran Dama della Real Casa Savoia Cristina Vittoria Egger.

E, dopo il Benvenuto al Presidente della Chaine Des Rotisseur Nazionale – il Bailli dellegue d’Italie Dr. Roberto Zanghi con la Signora Petra nostra Conseur, al Bailli di Venezia Enrico Spallazzi e la sua signora Monica  nostra Conseur,  al Bailli di Firenze Stefano Pistorozzi e la sua signora nostra Conseur, al Presidente della Amites Sans Frontieres nostro partner della serata e sua signora, al M.se Giuseppe Ferrajoli di Filacciano e sua signora, la Stilista Eleonora Altamore  la vicepresidente Erika Emma Fodre, Lorenza Altamore,il critico e storico dell’arte prof.Enzo dall’Ara,  IMG_2632

 alla delegazione cinese di Cinzia Chen Misiano con il famoso pittore cinese ChengYajie, alla delegazione della Camera Italo estera Italia Caraibi e America Latina, ai Confreres ed alle Conseures d’Italia, agli young del Bailliage Francigena, agli chef professionisti, alla stampa, agli Artisti capitanati dalla Conseur Antonella Ventura di Arte per le marche ed i numerosi sponsor della serata capitanati dalla Charge des Missions Cristina Vittoria Egger,

IMG_2627

l’avvocato Giovanna Elettra Livreri ci porta per mano in un viaggio affascinante dando una nuova anima e incredibile bellezza a questo straordinario luogo, mixando in maniera moderna l’eccellenza italiana.  Ed ecco poesia e sinergia di immagini e gusto con una cena placee creata dalla chef Michela Bottasso, premiata anche di recente in occasione della World Gourmet Society, la piattaforma internazionale che riunisce oltre 50mila chef, critici e appassionati di food & wine in tutto il mondo.Un evolversi di performance per questa meravigliosa serata, presentata dal noto conduttore Beppe Convertini,  ed allietata dalle magiche note del compositore Alessandro Martire, un susseguirsi di emozioni tra premiati e ospiti d’eccezione, che  in primis annunciano il magico mondo del fashion con  la presenza di Alessandro Egger

IMG_2624modello internazionale tra i piu’ richiesti dalle maison piu’ celebri al mondo come: Versace e D&G,  accenni di sfilata  per la donna  di Dario Biglino creativo della maison Avaro Figlio che ha immaginato un giardino di donne-petalo, dagli abiti senza orlo, che sbocciano in un risveglio di sensualità che si evince nei dettagli e nell’armonioso movimento del tessuto, a seguire hanno sfilato le calzature di Fabi, eleganza, raffinatezza, sperimentazione per una armonia fatta di equilibri progettuali ed emotivi con un abbinamento impreziosito da Swarosky,lacci, seta, pietre e metalli, infine la presentazione di Virage, il primo orologio del brand Lonville che rinasce dopo 50 anni di silenzio. Un incantevole  presentazione del libro “In viaggio con Leonardo” della Contessa Melzi d’Eril sullo sfondo opere del pittore Fabrizio Savi e dello scultore Mădălin Ciucă cala il sipario su Artimino e la neonata Chaine BailliageFrancigena Toscana, un romanzo incantato sullo sfondo di un castello di fiaba.Un trionfo che conferma che il grande inizio per la chaine bailiage Toscana Francigena e la presidente decisa a divulgare la diffusione della cultura gastronomica e i suoi valori in linea con  l’essenza  della Confrèrie, il piacere della tavola e il valore dell’amicizia. IMG_2622

 

La Chaine Toscana Francigena è grata a tutti Partners e gli Sponsor che hanno aderito all’Evento CHAINE ROUGE 2017 DEL 9 DICEMBRE 2017 della Chaine Toscana FrancigenaCHAINE DES ROTISSEURS D’ITALIE AMITES SANS FRONTIERES MONACO – FIRENZE PURA DELIZIA CICCOLATO ARTIGIANALE TENUTA DI ARTIMINO AVARO FIGLIO STILISTACOMUNICAZIONE E PRESS “LE SALON DE LA MODE” – Gabriella Chiarappa LONVILLE 1873 OROLOGI FABI SHOES  BERG TU DIVA GIOELLI EDOARDO TRANCHESE – I TRANCHESE FOTOGRAFI HM DI LUCIANO CARINO

VILLA ARTIMINO RESORT

Viale Papa Giovanni XXIII,1

59015 Artimino Prato (PO)

http://www.artimino.it

writer Gabriella Chiarappa

Annunci

“PARLA CON NOI” PROGETTO PER GLI UOMINI CHE USANO VIOLENZA ALLE DONNE

parla con noi

Non colpirla. “Parla con noi”
LA REGIONE LAZIO FINANZIA “PARLA CON NOI”.
IL PROGETTO PER CONTRASTARE LA VIOLENZA SULLE DONNE
La linea telefonica 371. 3564730 sarà collegata a uno sportello di ascolto per gli uomini
“maltrattanti” che vogliono intraprendere un percorso educativo alla relazione di coppia contro la violenza di genere. Il progetto è promosso dall’Associazione Donna e Politiche Familiari e finanziato dalla Regione Lazio. Sarà presentato giovedì 14 dicembre, dalle ore 10.00, alla Casa internazionale delle donne di Roma. La comunicazione è l’arma vincente nel contrasto agli episodi di violenza domestica e di genere. Ecco perché il nome del progetto promosso dall’Associazione Donna e Politiche Familiari, finanziato dalla Regione Lazio, è “Parla con noi”: uno sportello e una linea telefonica di primo contatto per gli uomini “maltrattanti” che vogliono uscire dalla morsa del loro comportamento violento. Il progetto si propone infatti il recupero degli uomini autori di violenza contro le donne e fa seguito a “Colpire non è virile” del 2010, prima esperienza pilota nella Capitale in quest’ambito, che ha riscosso l’apprezzamento delle Istituzioni, delle Forze dell’Ordine e del Tribunale Giudiziario di Roma, per il carattere innovativo ed efficace, per essere strutturato secondo modelli clinici e di ricerca validati per la prevenzione della recidiva. “Parla con noi”, il cui numero è 371. 3564730, viene presentato giovedì 14 dicembre presso la Casa Internazionale delle donne (sala Tosi – via della Lungara, 19 – ore 10.00) in un convegno al quale partecipano numerosi rappresentanti delle Istituzioni, oltre a psicologi e psicoterapeuti. “Parla con noi” , si rivolge agli uomini “maltrattanti”, ovvero che si rendono autori di episodi di violenza nei confronti delle donne, aiutandoli a uscire dal cerchio del loro comportamento violento, acquisendo una maggiore consapevolezza sul piano emotivo dei fattori scatenanti, potenziando gli strumenti cognitivi di riconoscimento e modulazione delle emozioni che generano la collera, per arrivare, infine, a sostituire i comportamenti violenti con modalità di relazione più adeguate, quali il riconoscimento della donna come soggetto alla pari e il dialogo con essa.
Al convegno di presentazione del progetto “Parla con noi” parteciperanno:
• Teresa Dattilo, psicoterapeuta e presidente Associazione Donna e Politiche Familiari
• Lucia Valente, assessore Lavoro e Pari opportunità Regione Lazio
• Marta Bonafoni, consigliera Regione Lazio
• Maria Grazia Passuello, Cabina di regia per la prevenzione e contrasto alla violenza di genere
• Angela Altamura, dirigente Divisione Anticrimine Questura di Roma
• Maria Monteleone, procuratore aggiunto Procura della Repubblica presso Tribunale di Roma
• Angelo Proietti, capitano Nucleo investigativo Carabinieri
• Anna Costanza Baldry, psicologa e criminologa
• Maddalena Cialdella, psicoterapeuta familiare
• Simona Stefanile, psicologa
• Vera Cuzzocrea, psicoterapeuta, esperta in psicologia giuridica
• Chiara Gambino, psicoterapeuta
A margine degli interventi saranno presentate testimonianze di donne e uomini che hanno vissuto storie di violenza.
Cosa prevede il progetto
• L’attivazione della linea telefonica 371. 3564730, a cui gli uomini possano rivolgersi per un primo contatto, uno sportello in grado di recepire le richieste di aiuto per il contenimento del comportamento violento;
• colloqui individuali, finalizzati alla valutazione del rischio di recidiva e alla canalizzazione verso l’attività terapeutica di gruppo;
• la somministrazione del test SARA per la valutazione del rischio di recidiva e la raccolta dati relativi al comportamento violento;
• l’attivazione di un gruppo terapeutico di supporto agli uomini con comportamenti violenti, per elaborare gli stereotipi culturali e le emozioni da cui traggono origine e acquisire maggiore capacità di gestione della rabbia, al fine di trasformare i comportamenti aggressivi in una interazione paritaria.
Per informazioni:
Ufficio Stampa | Rossana Tosto | http://www.rossanatosto.com |
redazione@rossanatosto.com | rossanatosto@gmail.com |

ARCIPELAGO 24o Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini

cast

Un’ondata di rifugiati sbarca al Festival
[A]RCIPELAGO 2017

Trovano ad accoglierli Paul Verhoeven, il Movimento del ’77, James Bond e una
flottiglia di cortometraggi accorsa in loro aiuto da mezzo mondo

Teatro Palladium – Università Roma Tre
Piazza Bartolomeo Romano 8, 00154 Roma

Ingresso libero

Si è inaugurata lunedì 4 dicembre, per concludersi domenica 10, al Teatro Palladium di Roma, la 24a edizione di [A]RCIPELAGO | Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini, la più seguita e longeva tra le manifestazioni dedicate ai nuovi linguaggi audiovisivi e ai giovani talenti.
Ad ingresso totalmente gratuito, dopo un anno d’interruzione dovuta alla scarsità di finanziamenti, la popolare manifestazione romana – che quest’anno fa parte del programma di Contemporaneamente Roma 2017 promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale e in collaborazione con SIAE – torna più determinata che mai ad
attraversare i confini che separano generi cinematografici e linguaggi visivi, anticipando come sempre nuove tendenze e immaginari del futuro.
Oltre a ConCorto, la competizione riservata ai cortometraggi italiani che ha fatto da trampolino di lancio a molti dei giovani filmmaker scoperti dal Festival, tra cui il regista di Il più grande sogno Michele Vannucci (quest’anno invitato nella giuria che dovrà giudicare 25 film, assieme alla produttrice Gloria Giorgianni e al direttore della Film Commission Torino Piemonte Paolo Manera, assegnando per la prima volta anche il Premio SIAE per il Migliore Giovane Talento Under 35), e alla quarta edizione del concorso dedicato alle serie web internazionali World Wide Series, che l’ultimo giorno del Festival salperà verso il cyberspazio a bordo del sito www.arcipelagofilmfestival.org, per concludere il suo viaggio alla fine di gennaio, nel programma fa spicco la competizione internazionale The Short Planet, che raccoglie i migliori corti provenienti da tutto il mondo, suddivisi in quattro programmi tematici (Welcome Home!, Fratello, dove sei?, Il seme della discordia e Breaking Mad), ognuno dei quali sarà introdotto da un breve reading interpretato da giovani diplomati del corso di recitazione della Scuola d’Arte Cinematografica “Gian Maria Volonté”.
Due gli italiani selezionati su 21 titoli: il notevole saggio di diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia di Hleb Papou Il legionario, sul conflitto interiore di un giovane celerino costretto a sgomberare l’abitazione abusivamente occupata dalla sua stessa famiglia, e il delizioso Merlot, una folle girandola animata firmata dal Giulia Martinelli e Marta Gennari. A premiare i migliori film saranno i giurati Elena Cotta (grande interprete del teatro e della tv italiani, vincitrice della Coppa Volpi come Miglior Attrice alla Mostra di Venezia 2013), la regista iraniana Fernoosh Samadi e il giovane regista francese Morgan Simon, vincitore della precedente edizione del concorso internazionale di [A]RCIPELAGO, che porterà al Festival il suo recente, intenso debutto nel lungometraggio Compte tes blessures (A Taste of Ink), protagonista di una vertiginosa carriera nei festival internazionali.
Nel quarantennale del “Movimento del ’77”, [A]RCIPELAGO ha scelto di ricordare la rivolta giovanile che ha segnato quell’anno fatidico evidenziandone più le ricadute culturali e artistiche che gli avvenimenti più schiettamente politici, con una retrospettiva che già dal titolo “dada” Bu-bù?! Settantasette-té! rievoca la vena più sarcastica e provocatoria che attraversava la contro-cultura dell’epoca, dominata dagli Indiani Metropolitani e dall’ala creativa del Movimento. Partendo dai grandi eventi giovanili di massa come quello raccontato da Alberto Grifi nel 1976 con il documentario Il festival del proletariato giovanile al Parco Lambro, e passando per il “memoir” del Movimento bolognese messo in scena in Il trasloco (1991) di Renato De Maria, la rassegna indugia sull’esperienza della storica rivista satirica “Il Male” raccontata dai suoi protagonisti in Lo stato si è estinto (2010) di Gianluca Rame, si ferma ad indagare sui “tormenti” politico-adolescenziali svelati in Porci con le ali di Paolo Pietrangeli (uscito appunto nel 1977, ma nato dal precedente successo editoriale del romanzo omonimo di Lidia Ravera e Marco Lombardo Radice), esplora la turbolenta scena musicale dell’epoca (la vicenda artistica del grande Demetrio Stratos, ripercorsa da Monica Affatato e Luciano D’Onofrio in La voce Stratos, 2009) ed approda infine alla nascita dei primi centri sociali (Macondo a Milano di Michele Sordillo, 2004), lungo un percorso a zig-zag più simile ad un “graffito urbano” che alla sistematicità di un’indagine storico-sociale. E tracciato ad uso e consumo di tutti quelli che “Io c’ero”, ma anche di quanti avrebbero voluto esserci.
L’omaggio che [A]RCIPELAGO dedica al grande cineasta olandese Paul Verhoeven (sezione Outsiders), intende dimostrare una volta di più che anche i grandi del cinema hanno “iniziato da piccoli”. Proposti in anteprima italiana, i cinque cortometraggi giovanili realizzati da Verhoeven tra il 1960 e il 1970 (Eén Hagedis Teveel/A Lizzard Too Much, Niets Bijzonders/Nothing Special, Feest!/Let’s Have A Party, Het Korps Mariniers/The Royal Dutch Marine Corps e De Worstelaar/The Wrestler) gettano inoltre un inedito sguardo sul cammino artistico del regista di blockbuster americani come Basic Instinct, Starship Troopers e Robocop, ma anche di film d’autore come il recente Elle, confermando in lui un raro esempio di come si possa restare profondamente europei perfino nel proverbiale “tritacarne” hollywoodiano.
L’appuntamento è domenica 10 dicembre alle 20:00.
Tra gli eventi speciali, [A]RCIPELAGO 2017 proporrà anche quest’anno, in A distanza ravvicinata, una selezione ragionata di lungometraggi indipendenti, perlopiù in anteprima italiana o almeno cittadina, a cominciare dall’intrigante bio-pic Essere James Bond (Becoming Bond) di Josh Greenbaum (il 6 dicembre alle 22:00, in collaborazione con Studio Universal e Wanted Cinema), sulla curiosa vicenda che portò uno sconosciuto meccanico e poi modello australiano, George Lazenby, prima a vestire gli eleganti smoking di successore di Sean Connery nel ruolo di 007 e poi a perdersi nell’oblio. Oltre al già citato Compte tes blessures di Morgan Simon, della sezione fanno parte anche due film prodotti dal prolifico Gianluca Arcopinto, La cena di Toni di Elisabetta Pandimiglio e Scuola calcio del Collettivo Mina, mentre un altro “ensemble” di giovani cineasti – i 13 allievi del Master di Cinema del Reale 2016 del DAMS dell’Università Roma Tre – firma Fuoricampo, documentario su una squadra di calcio composta di soli rifugiati, che condivide l’impegno sociale con il documentario di Parsifal Reparato Nimble Fingers, film di chiusura del Festival, il 10 dicembre.
Sempre in tema di diritti umani, il Festival ne celebra quest’anno la Giornata Mondiale (che cade appunto il 10 dicembre) con il focus Fuga senza fine | Vecchi esodi, nuovi muri: il dramma dei rifugiati attraverso la visione prismatica proposta da 15 tra cortometraggi, documentari e lungometraggi, italiani e internazionali, e di cui fanno parte anche – è una novità, per [A]RCIPELAGO – tre matinée per le scuole (il 5, 6 e 7 dicembre, in collaborazione con l’Associazione Diario di bordo) e il concorso tematico Chiedo asilo, quest’ultimo in collaborazione con Emergency (da non perdere le sue postazioni di Virtual Reality al Palladium, con le quali “visitare”, attraverso alcuni corti a 360°, le missioni umanitarie in cui la ONG è impegnata, nel Sud del Mondo e non solo), la quale offrirà in premio al regista vincitore l’opportunità di realizzare un breve documentario su uno dei suoi ospedali, ospitandolo “sul campo.”
Martedì 5 dicembre alle 15:00, invece, si parlerà ancora una volta del rapporto tra  videogiochi, Realtà Virtuale e Cinema, nel corso dell’incontro FilmWare 2017 dal titolo Lady Macbit – Le signore del videogame, durante il quale la giornalista e critica cinematografica e videoludica Ilaria Ravarino, fiancheggiata da un nutrito parterre di sviluppatrici di videogiochi, esponenti di squadre femminili di e-sport e registe cinematografiche, in collaborazione con AESVI e VIGAMUS – Museo del Videogioco di Roma, ne esplorerà il vivace “versante femminile” Per tutta la durata del Festival, VIGAMUS metterà inoltre a disposizione del pubblico – nel foyer del Palladium – due postazioni sulle quali giocare con alcuni titoli classici sulle grandi eroine del videogioco.
Concludono il programma del Festival il tradizionale spazio autogestito dal DAMS dell’Università Roma Tre (Carta Bianca DAMS Roma Tre, il 10 dicembre alle 16:00), con una selezione di 6 cortometraggi provenienti dall’ultima edizione del Roma Tre Film Festival, e la riproposizione – il 7, 8 e 9 dicembre, in collaborazione con Biblioteche di Roma e l’Isola del Cinema – dei vincitori della 6a edizione del concorso Mamma Roma e i suoi quartieri, bandito ogni anno dalla popolare manifestazione estiva dell’Isola Tiberina.
L’artwork di [A]RCIPELAGO 2017 è di Simone Massi [A]RCIPELAGO 2017 è dedicato alla memoria di CARLA MANFREDONIA, per tanti anni prezioso punto di riferimento per tutti i festival di cortometraggi (ma non solo) al Centro Sperimentale di Cinematografia.
La Società Italiana degli Autori ed Editori è lieta di sostenere il Festival [A]RCIPELAGO per il suo impegno nella ricerca di nuovi talenti nella produzione italiana ed europea, con una particolare attenzione alle spinte più originali e ai linguaggi più innovativi, contribuendo così a definire l’identità del cortometraggio nel nostro Paese.

[A]RCIPELAGO
2.4° Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini
fa parte del programma di Contemporaneamente Roma 2017
promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale
e in collaborazione con SIAE
ed è realizzato con il contributo della
REGIONE LAZIO
Assessorato alla Cultura e Politiche giovanli
e con il sostegno della
SIAE
ed è patrocinato da
ISTITUZIONE BIBLIOTECHE DI ROMA
MUNICIPIO ROMA VIII
Media Partner
MULTIPLAYER

Info
tel. 06-39388262
e-mail: info@arcipelagofilmfestival.org
web: www.arcipelagofilmfestival.org
Infoline Teatro Palladium: tel. 06-57332772

Ufficio stampa
Studio PUNTOeVIRGOLA
tel. 06-45763506/7
e-mail: info@studiopuntoevirgola.com
Teatro Palladium – Università Roma Tre
Sito ufficiale: http://teatropalladium.uniroma3.it/
Pagina FB: https://www.facebook.com/search/top/?q=teatro%20palladium

Organizzazione e promozione Teatro Palladium: Music Theatre International
Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
info@elisabettacastiglioni.it

40 ANNI DI PUNK AL THE CLUB98 DI ROMA

slowfesta

Il 9 dicembre, a partire dalle ore  19.00, al The Club 98 ci sarà una serata unica dedicata al PUNK. Un genere musicale per “gente tosta” e che ha fatto epoca. La leggenda narra che il #Punk sia nato nello storico Covent Garden di Londra la notte di Capodanno del 1977.

2hurt

Il concerto dei Clash inaugura un anno che vedrà uscire gli album di debutto di Sex Pistols, Damned, Clash, Stranglers. Nulla sarà come prima. Il Punk non tarderà a giungere anche in Italia, dove oltre alla sua matrice dura e pura e “Straight Edge”, a volte si trasformerà in suoni più morbidi e in una vena ironica. Basti citare i bolognesi Skiantos, su tutti.

reflux

 

 

 

Ma il Punk non è solo un’espressione musicale, quanto una sorta di movimento ideologico che è fonte di diversi tipi di espressione artistica.  La Celebrazione di questo 40ennale avverrà presso il The Club 98 di Roma. Sarà lì che il blog culturale Slowcult : Il lento fluire del sapere festeggerà 10 anni di attività. Una decade di musica, cinema, teatro, letteratura vissuti e raccontati con contenuti esclusivi. Per gli amanti del genere e per i curiosi che vogliono sapere di più qualcosa del Punk una serata da non perdere al The Club 98, via di Monteverde, 98 – Romafreak

Ingresso GRATUITO.
Dalle 19, happy hour drink+buffet €5

▪ Musica (punk si intende) con

2Hurt – band guidata da Paolo Spunk Bertozzi che con i Fasten Belt è stato il più importante esponente del punk romano
Her Pillow – con la loro micidiale miscela folk-punk

▪ Ospiti d’onore i fotografo Tano D’amico, giornalista e fotoreporter che ci ha regalato alcune tra le immagini più famose di quel periodo. Insieme a Gabriele Agostini, fondatore del Centro Sperimentale di Fotografia “CSF-Adams” presenteranno il libro dedicato a quegli anni intitolato “Il piombo e le rose” e la mostra attualmente in corso al Museo di Roma in Trastevere 77 una storia di quarant’anni fa – visita guidata.

▪ La famosa giornalista Daniela Amenta ci racconterà la figura di #Freak#Antoni frontman degli Skiantos presentando il libro “Freak out. Freak Antoni: Psicofilologia di un genio” (Compagnia Nuove Indye).
▪ La serata sarà arricchita da un allestimento speciale, la mostra “Reflux Generation” a cura di Mario Belfiore, dove il punk verrà raccontato con materiali d’archivio.

https://www.facebook.com/events/390868421362399/

www.slowcult.com 

RECENT WORKS ON CERAMIC – MINIGALLERY DI CLAUDIO ANDREOLI

Claudio Andreoli Sottocosto 4 MinigalleryRECENT WORKS ON CERAMIC

Sottocosto 4

Di Claudio Andreoli

 

Venerdì 8 dicembre 2017 ore 18
Minigallery, Assisi      Recent works on ceramic Sottocosto 4

La Minigallery è lieta di presentare Recent Works on Ceramic, la prima personale in galleria di Claudio Andreoli. Dopo le sculture lignee esposte alla Terza Biennale di Scultura di Piazzola sul Brenta, l’artista propone ad Assisi la recente ricerca composta da 30 “tavole” (18x14cm circa) in ceramica naturale o verniciata, con impressa l’immagine di una figura umana sempre più astratta, rarefatta.

Recent Works on Ceramic

L’argilla è per sua natura duttile, incapace di resistere alla forza; facile da manipolare, ha una predisposizione intrinseca a essere messa in forma. Partendo da queste riflessioni Andreoli ne ribalta l’approccio: da un lato riduce al minimo l’energia utilizzata, sottolineando gli incidenti involontari del lavoro, che diventano cicatrici durature. La modellazione come testimonianza di un metodo processuale. Dall’altra interviene sulla resistenza del materiale, stravolto da azioni violente: le proprietà fisiche consentono a linee, graffi, incisioni di dissolversi gradualmente nella massa stessa. Così, quelli che sono dei corpi, la sottile umanità che ossessivamente l’autore racconta, viene diluita in segni impercettibili, sostituita dall’imprevedibilità e dal caso. Anche la rottura in cottura o essiccazione (l’errore) può trasformarsi in opera, ricomposta con barre di piombo e gomma. In mostra, infine, sono presenti due tele di grandi dimensioni che perdono il telaio e acquistano, nella deformazione, la capacità di farsi struttura nello spazio.

Claudio Andreoli Sottocosto 4

E’ il quarto Sottocosto di Claudio Andreoli, un appuntamento che si concentra sul tema dell’accessibilità dell’arte; un progetto nato nel 2012 con la Takeawaygallery di Roma e che dopo il legno, il cemento e la pittura, approda alla Minigallery per insistere sull’analisi dei ruoli di gallerista, critico, artista e collezionista e del complesso rapporto tra gli ultimi due. Ciascuna tavola, proposta a una cifra irrisoria, perde nel momento dell’acquisizione la sua aura, assumendo quella di semplice “oggetto”; un esperimento sui processi e i meccanismi dello scambio; un cortocircuito che fa saltare la regola non scritta della corrispondenza tra prezzo e valore.

Info:

RECENT WORKS ON CERAMIC

flyerSottocosto 4    Di Claudio Andreoli

8 – 17 dicembre 2017

Vernissage: venerdì 8 dicembre 2017 ore 18

Orari: dal giovedì al martedì 10-18; mercoledì chiuso

MINIGALLERY

Di Stefano Frascarelli

Via Portica 26, Assisi PG

stefano.frascarelli@gmail.com | 3332946260 | http://www.minigallery.it

Ingresso gratuito

IL VIDEO DEI CYWKA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE PRESENTATO AL COMUNE DI FANO

TIZI DUO

Il 26 novembre 2017, nella settimana dedicata a combattere la violenza sulla donna,  come evento conclusivo della programmazione annuale della Presidenza del Consiglio e dell’Assessorato alle Pari Opportunità, nella  Sala Verdi del Teatro della Fortuna Comune di Fano, è stato proiettato il cortometraggio musicale “La violenza va denunciata”, del singolo “Io meno te”. Il brano é contenuto nel mini cd “Messaggi” dei CYWKA Duo acustico di cui Tiziana Stefanelli – voce e Riccardo Paci – chitarra classica. Il cd, ideato, voluto e creato dal duo è rivolto ai “Diritti Umani” ed ha trovato, in questo caso, il sostegno della Regione Marche e del Comune di Fano.

TIZI ATTRICIE’ proprio in questa località che il video (o meglio i due video) sono stati girati,  in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Fano, e che hanno coinvolto circa 120 persone per la realizzazione.  I videoclip, in doppia versione con la partecipazione uno dei Carabinieri e l’altro della Polizia,  sono stati autorizzati dal Ministero dell’Interno e del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, ed hanno visto come partecipanti il Commissariato di Fano e il Comando dei Carabinieri di Fano al fine di rendere più veritiero il momento dell’atto di denuncia. TIZIGRUPPO

Protagonisti del video l’attrice Lucilla Monaco, la donna che subisce violenza domestica e l’attore Marco Marchese che incarna il ruolo dell’uomo violento. Parte focale quella dell’Anima, incarnata dalla giovanissima Maria Castaldo, quell’anima che spesso viene dimenticata e che porta i lividi indelebili per tutto il resto dell’esistenza. Corale ed intenso il momento delle 51 figuranti, tra le quali anche Erminia Kobau di Uomini e Donne, che si sono rese disponibili ad incarnare le future donne che andranno a denunciare una violenza seguendo il coraggioso esempio. Perché è proprio il sostenere le donne a denunciare l’accaduto il messaggio centrale del brano e del video. La sceneggiatura del video è di Tiziana Stefanelli, Prodotto da Associazione Teatro LaVanda e lo possiamo trovare sul canale personale dei CYWKA Duo acustico della piattaforma professionale Vevo-Youtube. https://www.youtube.com/watch?v=MjS2hL2jFtE

I CYWKA Duo acustico, da sempre paladini di musica e testi  raffinati e colti, hanno voluto creare questo brano, poi divenuto video, appositamente per la tematica della violenza sulle donne, che affligge quotidianamente  la nostra società. Dallo scorso anno è iniziato il loro tour itinerante italiano presso i centri/associazioni anti violenza e manifestazioni in genere in cui devolvono loro i proventi a sostegno delle attività. Tutto il cd è portatore (e lo dice il titolo stesso) di “Messaggi”, che contengano dei principi positivi e di riflessione verso vari aspetti dei diritti umani. La mission dei CYWKA è quella di seminare delle “note“ positive e dei modi di vivere e di espressione che possano essere indicazioni di buona via per le generazioni future e di memento per i cittadini attuali. Riportiamo le parole di Tiziana Stefanelli:

“Un lavoro di utilità sociale, non solo espressione musicale, un lavoro progettato nel lontano 2010 per la sua complessità, soprattutto con la volontà di far capire quanto la musica e le immagini possano contribuire, quando sorretti da messaggi corretti, a cambiare il corso di vita di alcune donne e aiutino l’intera società a comportamenti più sani.” 

Oltre ai personaggi già citati si vogliono ringraziare:

Erminia Kobau personaggio pubblico di Uomini e Donne di Maria de Filippi che per l’occasione ha prestato la sua immagine a sostegno del progetto e di tutte le donne

erminia
– Carlo Diamantini, che ha curato gli effetti speciali; grazie ai precedenti lavori internazionali gli sono stati assegnati
2 Premi del David di Donatello
– Mario Orfei, stilista romano che ha donato gli abiti di scena per Tiziana Stefanelli; riconosciuto Ambasciatore della
moda italiana negli Emirati Arabi
– Stefano Melone, pianista, arrangiatore e sound engineer a livello internazionale che ha curato la scrittura archi del
brano “Il canto che non so”.
– Claudio Morosi pianista e arrangiatore che vanta collaborazioni musicali con la Ferrari Casa Automobilistica e
Musical di Broadway; ha firmato la scrittura degli archi di “Io meno te” e “Il volo degli angeli”
– Mauro Chiappa, tramite l’arte del disegno in caricatura, ha lasciato al mondo del jazz a livello internazionale le sue
opere; ha firmato il disegno di copertina del cd “Messaggi”.

Di seguito alcune foto di backstage

TIZI 51DONNE

TIZI BACK MARIA

 

tizdue

HARRY POTTER … A ROMA GUARDI IL CINEMA CON L’ORCHESTRA DAL VIVO!!!

harry

EVENTO UNICO

Manca davvero poco alla prima nazionale del secondo capitolo delle serie dei cine-concerti dedicati ad Harry Potter. L’1, 2 e 3 dicembre all’Auditorium della Conciliazione di Roma, a distanza di un anno dal clamoroso sold out del debutto della “Pietra Filosofale”, la formazione di oltre 80 elementi dell’Orchestra Italiana del Cinema diretta dal Maestro Justin Freer interpreterà dal vivo, in sincrono con le immagini del film, “Harry Potter e la Camera dei Segreti”. Si tratta di un’esperienza unica che farà rivivere la magia del film in alta definizione tramite uno schermo di ben 14 metri e riproporrà, in contemporanea alle immagini della pellicola, la colonna sonora del Premio Oscar John Williams, che per questo specifico film ottenne una nomination al Grammy Award (2004).
Queste le date e gli orari:
Venerdì 1 dicembre – ore 20
Sabato 2 dicembre – ore 15 e ore 20
Domenica 3 dicembre – ore 18

L’evento, presentato da Marco Patrignani e Forum Music Village, gode del sostegno del MIBACT, del patrocinio dell’Ambasciata Britannica in Italia, del Consolato Generale Britannico e del Department for International Trade e della collaborazione di Mini Roma e Rds.

Vi aspettiamo!

Maggiori info su:
www.ticketone.it
e
www.orchestraitalianadelcinema.it

Guarda il video qui: https://www.youtube.com/watch?v=Od1BhtnHPRA

Auditorium Conciliazione
Via della Conciliazione, 4 – 00193 Roma
http://www.auditoriumconciliazione.it/

Orchestra Italiana del Cinema
Marco Patrignani | President
Piazza Euclide 34, 00197 Roma
Tel + 39 068084259 – Fax + 39 068074947
info@orchestraitalianadelcinema

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni