ANTONELLA RUGGIERO ALLA FIERA INTERNAZIONALE DELLA MUSICA DI MILANO

RUGGIERO

ANTONELLA RUGGIERO e ANDREA BACCHETTI
con ORCHESTRA CLASSICAVIVA

diretta da Stefano Ligoratti
arrangiamenti di Stefano Barzan 

La vita imprevedibile delle canzoni

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti
Giovedì 31 maggio 2018, Auditorium Testori, Piazza Città di Lombardia, Milano. Si conclude ufficialmente la prima giornata della nuova edizione di FIM – Fiera della Musica con un concerto straordinario, davvero imperdibile. In occasione dei 20 anni di Tranquilo, Antonella Ruggiero e Andrea Bacchetti, insieme all‘Orchestra ClassicaViva diretta da Stefano Ligoratti, presentano al FIM il concerto La vita imprevedibile delle canzoni. FIM 2018, edizione ricca di grandi novità, non poteva che aprirsi così: con il concerto di una diva della musica italiana, una straordinaria voce e un’artista con una nota ed eclettica sensibilità musicale. La vita imprevedibile delle canzoni è l’ultimo album della popolare vocalist, realizzato insieme al pianista genovese, e contiene le più belle canzoni della sua carriera e del suo periodo con i Matia Bazar, riarrangiate per voce e pianoforte, come se fossero arie antiche, da Stefano Barzan, fondatore di Tranquilo, storica casa di produzione musicale di Milano nata nel 1998.

unnamed(1)Nella sua carriera da solista Antonella Ruggiero ha affrontato repertori diversi che hanno attraversato folk, etnica, pop, musica sacra, lirica e contemporanea, accompagnata da ogni genere di organico: orchestre, solisti, organo, cori popolari, elettronica pura. Per Antonella non esiste distinzione tra generi musicali e Roberto Colombo, da sempre al suo fianco, è probabilmente l’unico produttore in Italia con una veduta così ampia a livello musicale, da non rappresentare alcun limite per Antonella. L’inarrestabile ricerca sonora e musicale di Colombo e il talento di Antonella hanno creato una alchimia unica, riconoscibile e penetrante nel panorama italiano. La visione musicale e artistica di Antonella Ruggiero è totalmente condivisa da Stefano Barzan, arrangiatore, orchestratore e direttore d’orchestra ma soprattutto fondatore di Tranquilo, che quest’anno celebra 20 anni di attività.

Senza compromessi (in primis commerciali), la musica vissuta e prodotta da Tranquilo, nei propri studi, non ha generi e non ha etichette. Stefano Barzan e Michela Casazza coltivano giorno per giorno la qualità del suono e della musica, trasferendo (da ormai 13 anni) il know-how acquisito anche ai giovani allievi del Corso di Tecnologia del suono dell’Accademia del Teatro alla Scala di Milano. Spaziando dal pop alla musica cantautorale, dalle incisioni di musica classica-sinfonica alla partecipazione ad eventi memorabili come l’inaugurazione e la chiusura di Expo 2015, 14 edizioni del festival di Sanremo e 2 edizioni dello Zecchino d’oro, Stefano Barzan è una figura presente “dietro le quinte” di molte produzioni oltre che come musicista come tecnico di registrazione e di mastering. Fondatore con Massimo Mariani del corso di Tecnologia del suono presso l’Accademia del teatro alla Scala di Milano, svolge anche una intensa attività divulgativa e didattica centrata sull’integrazione delle competenze tecniche con quelle musicali, con l’intento di formare figure complete e competitive per il mondo della musica.

FIM è una manifestazione ideata e diretta da Verdiano Vera e organizzata da Maia, in collaborazione con BigBox e L’Alveare e il contributo di Regione Lombardia e in Lombardia.

Per informazioni: www.fimfiera.it  – Info Line: +39 010 86 06 461

UFFICIO STAMPA
Synpress44 Ufficio stampa: www.synpress44.com

Annunci

NOMA: UNA SFIDA CREATIVA ALLA VITA … il film che ci racconta il rapporto tra arte e malattia

unnamedLunedì 14 maggio alle ore 18 al WEGIL (Largo Ascianghi, 5, 00153 Roma) avrà luogo la presentazione ufficiale di NOMA: UNA SFIDA CREATIVA ALLA VITA, il film documentario di Alessandra Laganà e Tommaso Marletta vincitore del premio di riconoscimento per il valore umanitario dell’opera all’Accolade Global Film Competition 2017 (CA), USA. Si tratta di un’opera particolarissima sul rapporto tra Arte e Malattia, basata su una esperienza personale vissuta dalla stessa autrice, che affronta il tema delicato della prevenzione oncologica del tumore al seno: un viaggio straordinario per ritrovarsi, per riscoprire l’essenza, per rigettare il superfluo. La proiezione dell’opera verrà anticipata dal dibattito a cui parteciperanno i medici e gli artisti coinvolti nel progetto.

Questo il programma ed i relatori:

Ore 18.00

Andrea Ciampalini
Direttore Generale Lazio Innova

Alfredo d’Ari
Direttore Generale della Comunicazione e dei Rapporti Europei e Internazionali Ministero della Salute

Gian Paolo Manzella
Assessore Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Start-Up, “Lazio Creativo” e Innovazione Regione Lazio

Partecipano al dibattito:

Viviana Enrica Galimberti
Direttore della Divisione di Senologia dell’Istituto Europeo di Oncologia

Carlo De Felice
Professore al Dipartimento di Scienze Radiologiche Oncologiche,
Università La Sapienza di Roma

Paola Iorio
Medico Chirurgo Specialista in Ginecologia e Ostetricia
Consulente presso il Policlinico Militare del Celio e Aereonautica Militare

Laura Agostini
Psicologa, Psiconcologa, Psicoterapeuta

Tommaso Marletta
Produttore Artistico ed Esecutivo
Sound Designer e musicista del Film Documentario NOMA

Andrés Arce Maldonado
Regista del Film Documentario NOMA

Fabio Zanino
Artista, Digital Art Director

Alessandra Laganá
Ideatrice, autrice e musicista del Film Documentario NOMA

Daniela Terrinoni di Lazio Innova introdurrà l’appuntamento per Race for the cure 2018
Dona per la lotta ai tumori al seno, che si terrà a Roma (Circo Massimo) dal 17 al 20 maggio.

Ore 19.00

Conclusioni

Gian Paolo Manzella
Assessore Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Start-Up, “Lazio Creativo” e Innovazione Regione Lazio

Proiezione del Film Documentario NOMA (durata 60’)

NOMA è sostenuto dal Ministero della Salute e dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica, AIOM. È condiviso con i suoi amichevoli partecipanti nell’Associazione no-profit NOMA World A.P.S., che devolverà i proventi del film alla causa motrice che l’ha ispirata.

Maggiori info e trailer al sito: www.noma.world

Elisabetta Castiglioni
+39 06 3225044 – +39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

PREMIO ABBRACCIO 2018: Il successo della seconda edizione nel segno dell’arcobaleno

PREMIO AGEDO_Strabioli+Antonella Montano_ph Alessandra Merelli

La sala piena, il gran fervore e l’emozione a fil di pelle, fortemente tangibile come la commozione sugli occhi di tutti, mentre sul fondo passava la meravigliosa video-campagna dal titolo #AMOREDIMMELO,  realizzata da CondividiLove per Agedo Roma ormai tre anni orsono, ma sempre incredibilmente attuale. (Guarda il video: https://www.youtube.com/watch?v=9O3EOmmVNdc)

E’ la domenica delle strette al cuore, quelle suggellate dal Premio Abbraccio 2018, alla sua seconda edizione svoltasi nel neonato OFF/OFF Theatre di Via Giulia, che nella serata è stato teatro della premiazione dedicata alle aziende ed alle personalità adoperatesi a favore della comunità LGBT+.

PREMIO AGEDO_Vanni Piccolo ritira il Premio_ph Alessandra MerelliA condurre la serata il grande Pino Strabioli, che insieme a Roberta Mesiti, presidente di Agedo Roma, hanno dato il via alla serata, consegnando i riconoscimenti a Giorgio Gaino – Responsabile Marketing Wealth Management Italy Deutsche Bank; alla dottoressa Antonella Montano – psicoterapeuta, docente, direttrice dell’Istituto Beck; a Silvia Grilli – direttore della rivista Grazia (ha ritirato per lei Giancarlo Loquenzi, che ha letto le sentite parole della direttrice); a Vanni Piccolo – storico volto del movimento Lgbt+, che ha raccontato con commozione i suoi ricordi a colori sul palco di Via Giulia.

PREMIO AGEDO_Dario Guidi+Arpa_ph Alessandra MerelliA loro sono andati i premi realizzati da Conigli Bianchi – artivisti contro la sierofobia e dalle artiste Silvia De Valeri e Giulia De Santis del Liceo Artistico Statale ‘Enzo Rossi’ di Roma, insieme all’omaggio dei Tonatto Profumi, destinato a tutti i protagonisti sul palco.

In apertura, spazio anche al saluto del giornalista e direttore di Gaynews Francesco Lepore, che porta alla platea i saluti di Franco Grillini. A render ancor più piacevole la serata ci hanno pensato la voce e l’arpa del giovane Dario Guidi. Un plauso pregno d’amore e grande rispetto da parte di tutta la sala, è andato alla grande Piera Degli Esposti, ospite d’onore della serata, che ha salutato il pubblico con un ricordo carico di tolleranza e grande intelligenza. Tra il pubblico anche il direttore artistico Silvano Spada e la direttrice organizzativa Carmen Pignataro, che nella prima stagione del teatro hanno dedicato ampio spazio alle tematiche arcobaleno e poi Mario Colamarino, ex presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli e il giornalista RAI Giovanni Anversa insieme all’artista Maurizio Prenna. Al termine della serata brindisi e degustazione di specialità a cura del Madame Cousine Bistrot.

Si ringraziano per il sostegno: l’OFF/OFFTheatre e tutti i soci Agedo Roma.
agedoroma@libero.it / www.agedo.roma.it

PREMIO AGEDO_Strabioli+Giorgio Gaino di Deutsche Bank_ph Alessandra Merelli

Cineforum Palestina – 1948 : creation e Catastrophe – a 70 anni dalla Nakba

unnamed(4)

Giovedi 10 maggio – Ore 18

1948: CREATION & CATASTROPHE
di  Ahlam Muhtaseb e Andy Trimlett

USA 2017  / 85 minuti in
inglese, arabo, ebraico con sottotitoli italiani

Un evento in collaborazione con Al Ard Doc Film Festival

Sala Zavattini FONDAZIONE AAMOD
Via Ostiense 106 – Roma (Centrale Montemartini)

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

unnamed(3)
È impossibile avere un  quadro completo del conflitto israelo-palestinese, senza  comprendere  pienamente cosa sia stato il 1948 – anno della fondazione dello Stato di  Israele. Il documentario 1948: CREATION & CATASTROPHE di  Ahlam Muhtaseb and Andy Trimlett, in programma giovedi 10 maggio alle ore 18 alla Sala Zavattini dell’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico nell’ambito della rassegna Cineforum Palestina, affida questo compito – a 70 anni di distanza – a storici e a chi ha vissuto quell’esperienza  in prima persona, da entrambi le parti  coinvolte. Per molti testimoni era l’ultima occasione di raccontare i tragici avvenimenti della Nakba, la Catastrophe  per il popolo palestinese….
L’ingresso alla proiezione è libero a tutti.

Infoline: 06/57289551 – 06/5742872 – 06/5730544
www.aamod.itinfo@aamod.itapalandrani@aamod.it

Ufficio stampa AAMOD: Elisabetta Castiglioni
+39 06 3225044 – +39 3284112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Info CINEFORUM PALESTINA: reteromanapalestina@gmail.com

Enzo Salvi ed il Codice del Volo di Leonardo da Vinci

IMG-20180421-WA0047

Alla scoperta del Codice del Volo di Leonardo da Vinci

con Enzo Salvi istruttore dei volatili per un giorno

Parco Zoomarine 29 aprile dalle ore 15.00

Cosa hanno in comune il grande genio italiano Leonardo da Vinci e il popolarissimo attore Enzo Salvi? Semplicemente la passione per i volatili. Lo scienziato dedicò parte della sua vita allo studio della conformazione delle ali degli uccelli e a quello delle correnti d’aria, perché era certo che con la giusta meccanica anche l’uomo sarebbe, in qualche modo, riuscito nell’impresa di rimanere “sospeso” nel cielo. Salvi, grande estimatore del genio toscano, si occupa invece dello studio della loro personalità per instaurare un legame di amicizia ed educare le nuove generazioni al rispetto di questi meravigliosi esseri viventi. Due diversi scopi, entrambi importanti, che saranno al centro dell’evento ideato dal Parco Zoomarine per il prossimo 29 aprile (a partire dalle 15.00) in collaborazione con il Museo Leonardo da Vinci Experience di Roma, il museo più completo al mondo sul genio universale in via della Conciliazione, per vivere insieme le suggestioni che solo gli uccelli sanno evocare sfidando la forza di gravità. Scienza, tecnologia e ambiente. Per grandi e piccini sarà l’occasione di apprendere una serie di nozioni e curiosità sui volatili in modo un pò diverso dal solito, grazie anche alla simpatia del comico romano che ha due pappagalli, Chicco e Jerry, ed è padrino dell’iniziativa di “Volo libero Italy “ volare con i pappagalli FreeFlight del trainer Gianluca Ranzan, in compagnia del veterinario Ignazio Pumilia, specializzato in ornitologia e del direttore del museo, Leonardo La Rosa, accolti dall’Ad del parco Renato Lenzi. Una lezione speciale a spasso tra storia e natura, in compagnia di studiosi, ricercatori e l’energia positiva di Salvi, in partenza per l’inizio delle riprese di due film: “Free” per la regia di Fabrizio Maria Cortese e “Din Don” con Maurizio Battista.

RITORNA A ROMA “C’ERA UNA VOLTA MIMI’ LO SPETTACOLO DI DOMENICO SANTARELLA DEDICATO A DOMENICO MODUGNO – di Sara Lauricella

locandina c'era una volta mimiDopo il grande successo del debutto romano e delle tappe del tour che ha toccato anche la Svizzera, ritorna a Roma lo spettacolo teatrale di e con Domenico Santarella e dedicato a Domenico Modugno, l’11 maggio 2018, dalle ore 21, presso il Teatro Vigna Murata. Lo spettacolo, prodotto da Produzioni Why Not…? di Tomas Conforti e David Pironaci, è stato fortemente voluto dalla Diamond Production di Ivano Trau e Catiuscia Siddi.

23550167_10210913766743336_5558298676632928641_o

La struttura dello spettacolo “C’ERA UNA VOLTA MIMI’”  è semplice e di notevole presa sul pubblico: Domenico Santarella canta e suona sul palco, accompagnato dalla coreografa e danzatrice Cora Gasparotti,  riproponendo  la musica, il canto, i racconti e la vita di uno delle voci che ha fatto la storia della musica e dello spettacolo italiano. Due vite messe in parallelo: quella dei due Mimì entrambi pugliesi ed entrambi alla ricerca di un posto nel mondo della musica e dello spettacolo. In questo viaggio di vite parallele il pubblico viene coinvolto in un percorso musicale, ma anche in un percorso storico e della memoria. Com’è cambiata l’Italia, com’è cambiata la musica, com’è cambiato il modo di cantare e di fare arte dagli anni 40 ai giorni d’oggi.

WAL_6119HD

 

Canto, musica e racconti partendo dalle prime canzoni di Domenico Modugno in dialetto salentino e siciliano ispirate alla sua amata e mai dimenticata Puglia, che parlano del mare, del sole, di pescatori, di minatori, di cicorie, di tamburelli, di gatti neri, di grilli innamorati, di svegliette, di donne dai capelli ricci, di pesci spada, per poi passare alle canzoni in napoletano divenute parte della quotidianità di tutti i tempi come “Tu si na cosa grande”, “Resta cu me”, “Io mammeta e tu”, “O ccafè”, ‘’Lazzarella’’, ai grandi successi in italiano, “Vecchio Frack”, “Meraviglioso”, “Piove”, “La lontananza”, ”Nel blu dipinto di Blu”.  Non solo Domenico Modugno in C’era una volta Mimì! Durante lo spettacolo c’è anche spazio per musiche e monologhi di altri grandi artisti che hanno fatto la storia dell’arte italiana e che si sono relazionati con Domenico Modugno nel corso degli anni: Eduardo De Filippo, Totò, Renato Carosone, Nino Manfredi, Fred Buscaglione, Aurelio Fierro, Fabrizio De Andrè, Gigi Proietti. Una prova emotiva, oltre che artistica, per il giovane Domenico Santarella … uno spettacolo che riporta ad immagini e luoghi che, nonostante non siano tanto lontani da noi, già non ci sono più. Partners media della serata  #Differevent e  Radio Impegno con la collaborazione di Kasanova.   Potete seguire l’evento su facebook nella pagina dell’Accademia Why Not. Biglietto E. 10 con sconti per gruppi e persone sotto i 6 anni e oltre i 65 anni.  Per info e prenotazione posti e biglietti accademiawhynotroma@gmail.com

3494256087 Tomas Conforti

338733941 Domenico
Evento Facebook ‘’C’era una volta Mimì’’: https://www.facebook.com/events/239902479905459/

Trailer: https://www.youtube.com/channel/UCuVOolIaoU9lzottIeyoIJA 

info@whynotroma.it

23550082_1746897665618853_4377914754354319485_o

Compleanno della SIAE nella Giornata Mondiale del Diritto d’Autore

siae pal

IL DIRITTO D’AUTORE FA VIVERE CHI CI FA SOGNARE #SIAE136

Abbiamo liberato la creatività: è la Giornata Mondiale del Diritto d’Autore e il 136° compleanno di SIAE

Roma, 23 aprile 2018. Questa mattina migliaia di palloncini* sono stati liberati nel cielo dell’Eur dal palazzo della Direzione Generale SIAE, in viale della Letteratura. È il modo con cui la Società Italiana degli Autori ed Editori ha scelto di celebrare la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore, che coincide con la data di nascita di SIAE, che oggi compie 136 anni.

“Abbiamo scelto il palloncino come simbolo perché vola alto, come le emozioni – commenta Filippo Sugar, Presidente di SIAE. – È un oggetto semplice eppure capace di evocare la spensieratezza e la creatività. Ma anche un simbolo di fragilità, perché basta uno spillo per renderlo un involucro privo di vita. Così il diritto d’autore, che tutela tutti coloro che ogni giorno ci regalano emozioni, è messo a rischio dagli ‘spilli’ di chi non riconosce il lavoro degli autori”.

image002

Oggi come non mai è di importanza cruciale celebrare la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore. Il rischio, infatti, è di assistere alla incredibile affermazione del paradosso per cui corrispondendo meno diritti agli autori e agli editori si otterrebbe un aumento della produzione culturale.

Hanno ricordato l’importanza della creatività con la loro presenza premi Oscar come Ennio Morricone e Nicola Piovani, autori che hanno fatto la storia della canzone italiana come Mogol, e tanti autori e artisti tra i più amati, da Luca Barbarossa a Dori Ghezzi, da Paolo Fresu a Paolo Damiani, Mario Lavezzi, Riccardo Sinigallia, Franco Mussida, Piero Cassano in rappresentanza degli oltre ottantacinquemila associati SIAE che fanno grande ogni giorno la cultura italiana.

Con loro il Presidente di SIAE Filippo Sugar, il Direttore Generale Gaetano Blandini e il Presidente del Consiglio di Sorveglianza Franco Micalizzi, per celebrare la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore e il 136° compleanno di SIAE, fondata a Milano il 23 aprile 1882, e numerosi autori, rappresentanti di tutte le generazioni della creatività italiana, per ricordare che il diritto d’autore fa vivere chi ci fa sognare.

Sono intervenuti al festeggiamento dando prova del loro entusiasmo e del loro talento anche i ragazzi del Dipartimento di jazz presso il Conservatorio romano di Santa Cecilia diretto dal M° Paolo Damiani.

Sono Vittorio Gervasi (sax tenore), Stefano Di Grigoli (sax tenore), Daniele Dominici (sax baritono), Vittorio Solimene (pianoforte), Fabio De Vincenti (chitarra acustica), Giordano Panizza (contrabbasso), Fabrizio Ferrazzoli (percussioni), Daphne Nisi (voce), Marta Alquati (voce), Laura Sciocchetti (voce) e Daniela Troilo (voce), che hanno omaggiato il Maestro Morricone e il Maestro Piovani eseguendo alcune delle loro più celebri colonne sonore, da C’era una volta un film a La vita è bella.

Fotografo ufficiale dell’evento è stato Massimo Sestini, vincitore del World Press Photo 2015.

Tutte le immagini e il video dell’evento sono scaricabili a questo link: http://www.massimosestini.it/archive/Slate.aspx?id=c33505dc-4235-4567-98d3-3c108f11547d

*tutti i palloncini utilizzati per realizzare l’evento sono ecologici e biodegradabili

Maria Rosaria Grifone

UFFICIO STAMPA

 SIAE Società Italiana degli Autori ed Editori