L’ATTRICE ROBERTA GARZIA INSIEME CON FABIO GRAVINA IN “UN FIGLIO A TUTTI I COSTI” DEBUTTA AL CINEMA

UNFIGLIO ATUTTI I COSTI35mm e Easy cinema

presentano 

Commedia all’italiana di e con Fabio Gravina, su vicende e peripezie di una coppia per arrivare a coronare il sogno di diventare genitori

Colonna sonora di Gigi D’Alessio

Divertimento, riflessione e sentimento. Sono questi gli ingredienti di “Un figlio a tutti i costi”, opera prima di Fabio Gravina, prodotto da 35mm, dal 1° marzo nelle sale italiane. La pellicola, girata tra maggio e giugno 2017 tra Lariano e Roma, trae spunto da una commedia teatrale rappresentata nel 2012. Il suo successo al Teatro Prati con più di 5000 spettatori in due mesi di repliche, ha convinto Gravina a crearne un adattamento per il cinema. Gravina+Garzia_Un Figlio A tutti i Costi

“Un figlio a tutti i costi” è una commedia d’autore curata nei minimi dettagli dal regista. Il film affronta con ironia un tema molto serio, come quello della difficoltà di due coniugi ultraquarantenni ad avere figli a fronte del loro forte desiderio di diventare genitori.

“Questa commedia – spiega Fabio Gravina – attraversa i sentimenti di chi deve fare i conti con i ritmi e le convenzioni della società attuale. Prima bisogna trovare la propria anima gemella, poi una posizione lavorativa, e alla fine, il momento giusto per un figlio arriva tardi. L’amore può fare molto ma non tutto; e non è facile trattare un argomento così personale e delicato. La sfida nel raccontare questa storia è stata puntare sulla comicità, senza cedere mai alla volgarità”.

La situazione in cui vengono a trovarsi Orazio (Fabio Gravina) e Anna (Roberta Garzia) è di stretta attualità: la coppia può cominciare a costruire una famiglia soltanto in un’età in cui concepire un figlio comincia a risultare problematico. Per inseguire questo sogno, i protagonisti si troveranno, come accade nella vita di tutti i giorni, a seguire strade diverse, a volte anche poco ortodosse, sino a ricorrere a metodi “alternativi” collegati a credenze popolari e superstizioni. Moglie e marito si imbatteranno in personaggi molto particolari, dal commissario implacabile (Ivano Marescotti) alla stalker (Paola Riolo) paziente dell’amico psicanalista (Stefano Masciarelli); c’è anche la partecipazione straordinaria di Maurizio Mattioli nel ruolo di medico “terapeuta” e l’”inseminatore professionista” Beppe Convertini. Garzia+Gravina+Tittocchia_Un Figlio a Tutti i Costi

Quando Anna decide di rivolgersi ad un sedicente professionista del settore, nonostante il secco rifiuto di Orazio, il destino riserva ad entrambi la sorpresa per un gustoso finale.

Accanto a Fabio Gravina, tanti bravi attori come Roberta Garzia, Ivano Marescotti, Paola Riolo, Gianni Ciardo, Angelo Di Gennaro, BeppRoberta Garzia_ph Azzurra Primaverae Convertini, Emanuela Tittocchia, Gino Cogliandro ‘Nduccio.

Con la partecipazione di Stefano Masciarelli

e con la partecipazione straordinaria di Maurizio Mattioli.

La colonna sonora è di Gigi D’Alessio.

Fabio Gravina

Fabio Gravina nasce a Roma il 24 settembre 1965. Attore, regista e autore.

Nel 1995 inizia a mettere in scena testi di grandi autori della tradizione napoletana: De Filippo, Scarpetta, Curcio, Samy Fayad. Nel 1996 fonda la Compagnia Teatrale Umoristica Quartaparete e, dopo aver diretto artisticamente alcuni teatri della capitale, nel 1998 apre il Teatro Prati nel cuore dell’omonimo quartiere. In soli cinque anni di attività lo porta a 25.000 presenze annue, rendendolo il terzo teatro in Italia nell’ordine dei 200 posti. Dal 1998 al 2012 Fabio Gravina mette in scena oltre sessanta commedie.

Dall’ottobre del 2012 decide di cambiare il repertorio teatrale e inizia a mettere in scena commedie di cui è autore e testi del teatro classico italiano. I suoi scritti sono sempre alla ricerca del miglior equilibrio tra comicità esilarante e riflessione a volte amara sulla vita; tra feroce osservazione della realtà contemporanea e narrazione delicata e rispettosa dei sentimenti umani.

Il nuovo capitolo della sua vita artistica è il cinema. Un vecchio amore nato come nel “Nuovo cinema paradiso”, quando poco più che bambino spesso correva al cinema e, divenuto amico di un proiezionista, imparava a proiettare i film, perdendosi nel fascino del grande schermo.

Oltre ad essere sceneggiatore regista e attore del film “Un figlio a tutti i costi”, Fabio Gravina ha partecipato, come attore, al film “La macchinazione” di David Grieco con Massimo Ranieri ed al film “Made in china napoletano” di Simone Schettino.

Per quanto riguarda la televisione, l’atto unico di Fabio Gravina “Anime in pena” è stato prodotto da Rai Cultura, girato con la regia televisiva di Guendalina Biuso, con Gravina interprete, e andato in onda su Rai1 il 30 luglio 2010, successivamente replicato su Rai4 e poi ancora su Rai1.

 

Annunci

MARIA LETIZIA GORGA IN 50 ANNI E SONO ANCORA MIA .. VIAGGIO NELLA MUSICA “DELLE DONNE”

40 5

Giovedì 8 Marzo 2018, ore 21.00

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA /Sala Petrassi

MARIA LETIZIA GORGAMARIA LETIZIA GORGA_Ph Tony Zecchinelli (2)

in

50 ANNI E SONO ANCORA MIA

 scritto e diretto da

PINO AMMENDOLA

 Stefano De Meo Tastiere / Paola Caridi Batteria 

Pino Iodice Chitarra / Andrea Pintucci Basso

 

Arrangiamenti Stefano De Meo / Video Claudio Ammendola,

Coreografie Jacqueline Chenal / Allestimento Scenico Raffaele Golino

A 50 ANNI DAL ’68 UN VIAGGIO NELLA CANZONE FEMMINILE PER RACCONTARE LA STORIA CHE CAMBIA

Presentato dal Centro Mediterraneo delle Arti e dal MiBact con la collaborazione di Heliconia, Giovedì 8 Marzo presso l’Auditorium Parco della Musica /Sala Petrassi, andrà in scena 50 ANNI E SONO ANCORA MIA, interpretato da Maria Letizia Gorga e scritto e diretto da Pino Ammendola.

 L’attrice e cantante sarà accompagnata sul palco da una formazione pop-rock di quattro musicisti: Stefano De Meo alle tastiere, Pino Iodice alla chitarra, Paola Caridi alla batteria e Andrea Pintucci al Basso. Gli arrangiamenti sono di Stefano De Meo, le coreografie di Jacqueline Chenal, l’allestimento scenico di Raffaele Golino e i filmati a cura di Claudio Ammendola.

 CINQUANTA ANNI_GORGA_Ph Francesco Cicconi (2)

A cinquanta anni da quel ’68 che cambiò la nostra società, va in scena uno spettacolo che rievoca la storia e se ne fa memoria, attraverso la canzone femminile, con brani-simbolo di un’epoca che ha cambiato il ruolo delle donne nella coscienza collettiva.

Nei panni di una cantante che inaugura uno spazio divenuto oggi Casa delle donne e poi nei panni di sua madre che 50 anni prima, incinta di lei, occupò quel luogo, Maria Letizia Gorga interpreta i pezzi più significativi del decennio a cavallo del ’68: da Noi le donne noia Gianna, passando per Gli uomini non cambiano” a “Il Kobra” e “Qui e là”. Un divertente percorso musicale nel mondo femminile, che si libera proprio in quegli anni, dell’immagine rassicurante della donna madre, moglie e massaia e scuote tutti al grido di tremate, tremate, le streghe son tornate!“.

 “50 Anni e Sono Ancora Mia, è uno spettacolo che ci piace molto portare in scena, ci ricorda Pino Ammendola, autore e regista, perché sottolinea le vere conquiste delle donne, quelle che sono rimaste fino ad oggi!”Si diceva IO SONO MIA e mai come oggi di quel grido c’è bisogno!” Aggiunge Maria Letizia Gorga.  Ci piace raccontare con leggerezza, come solo la musica sa fare, la storia di un percorso che non deve fermarsi, che deve continuare ad  andare avanti…”  Un viaggio insomma nella nostra memoria, compiuto attraverso la canzone popolare, vero e proprio elemento di raccordo tra le generazioni.

BIOGRAFIE ARTISTI:

MARIA LETIZIA GORGA: Attrice e cantante, laureata in Lettere con Lode presso l’Università di Roma La Sapienza con una tesi su Gatta Cenerentola di G.B.Basile e diplomata presso la Scuola Internazionale dell’Attore diretta da Alessandro Fersen, si specializza alla Scuola drammatica di Mosca con il Maestro Anatolj Vassiliev, con cui lavora in Italia e in Russia dal 1990, con un progetto su Ciascuno a suo modo di L. Pirandello. Ha studiato voce e canto con i maestri: G. De Amicis-Roca, G. Jurova, T. Carcavallo e S. Molik. Ha lavorato sull’interpretazione e la diffusione della Poesia con Achille Millo, Elio Pecora, Edoardo Sanguineti, il M° Fausto Razzi, la regista Federica Altieri per i Sentieri della poesia, l’Einaudi e il festival Mediterranea diretto da F.Bettini, e per l’Odin Teatret. Ha realizzato il dvd “Avec le temps, Dalida” e il cd “Viaggio intimo con Mercedes Sosa” tratti dagli omonimi spettacoli, distribuiti dalla CNI, Compagnia Nuove Indye. Ha composto ed interpretato per il Macerata Opera Festival “Mediterranea, onde sonore” melologo per voce ed archi musicato e diretto dal Maestro Cinzia Pennesi e da Carla Magnan, Carla Rebora e Roberta Vacca. Ha inciso il disco de “La Cantata dei Pastori” di Peppe Barra e del  “Decamerone” di Renato Giordano, entrambi con le musiche originali di Lino Cannavacciuolo. Nel disco Satyricon canta i brani di Mario Rivera e Gabriele Coen. E’ nel film Youth di Paolo Sorrentino e nella sua colonna sonora con il brano “A ma maniere” di P.Sevran. In teatro è diretta da Vassiliev, De Simone, Albertazzi, Scaparro, Barra, Micol, Ammendola, Sepe, Russo, Pesce, Giordano, Pedroni, Giorgetti, La Manna, Gazzara, Tamburi, Prosperi, Belli, Piccoli, Lombardo Radice, Pera Tantina de La Fura dels Baus, etc. In cinema e in televisione è stata diretta da Ammendola e Pistoia, Laudadio, Balducci, Izzo, Odorisio, Terracciano, Ponzi, Rocco, Parisi, Graffeo e Manni, Pingitore, Colabona, Mercalli, Inturri, Sorrentino, etc.Nel 1995 viene premiata come migliore attrice protagonista al festival di Fondi per lo spettacolo “Controfigura” con Franco Castellano. Unisce da anni alla sua professione di attrice quella d’insegnante di dizione, educazione della voce e recitazione presso prestigiose accademie nazionali. Il 25 marzo 2018 parteciperà ai Concerti del Quirinale, con il suo spettacolo Todo Cambia, Omaggio a Mercedes Sosa.

PINO AMMENDOLA: Si è avvicinato al mondo dello spettacolo grazie ad Achille Millo, che è stato il suo primo maestro, debuttando poi giovanissimo in “Operazione San Gennaro” di Dino Risi, con un piccolo ruolo accanto a Nino Manfredi. Ha lavorato con i più grandi nomi del teatro italiano da Salvo Randone a Tino Buazzelli, da Mariangela Melato a Gabriele Lavia. In televisione è stato diretto da Anton Giulio Majano, Sandro Bolchi, Enzo Trapani, Nanni Loy e tanti altri. In cinema e in pubblicità oltre che con Dino Risi ha girato tra gli altri con Tinto Brass, Lina Wertmuller, Steno, Cinzia Torrini, Oliver Parker e Giuseppe Tornatore. Ha cominciato il doppiaggio sotto la direzione di Pier Paolo Pasolini ne “Il Decameron”, lavorando poi per Ettore Giannini, Federico Fellini, Ettore Scola, Mario Monicelli, Enrico Maria Salerno, Damiano Damiani, i Taviani e persino Stanley Kubrick. Prestando la voce a Jerry Lewis, David Carradine, Brad Davis, Prince, Murray Abraham, Antonio Banderas, Dana Carvey, Jacques Villeret, Stanley Tucci, Roman Polansky e Gatto Silvestro. Dopo il grande successo ottenuto in teatro con “Uomini sull’orlo di una crisi di nervi” ha scritto diretto e interpretato una ventina di commedie che hanno ottenuto grandi consensi di pubblico e di critica. Nel 2000 ha debuttato alla regia cinematografica con “Stregati dalla Luna”, tratto dalla sua più famosa commedia. Dal 2005 è l’ispettore Torre nel fortunato serial di Rai1 “Provaci ancora Prof” alla settima stagione. È inoltre autore di alcuni recital musicali come “Osceno Novecento” “Todo cambia” e “Avec le temps, Dalida” che da anni riscuotono un grande consenso di critica e di pubblico nazionale ed internazionale. Nel 2011 ha ricevuto il premio Roma… È arte come autore teatrale. Nel 2015 il Leggio d’oro alla carriera per la sua ultra trentennale attività nel doppiaggio. E’ autore del libro “Scarpediem, storie di scarpe straordinarie” con la prefazione di Renzo Arbore, alla terza edizione con più diecimila copie vendute.

STEFANO DE MEO (pianoforte ed arrangiamenti): Pianista, arrangiatore e compositore, si diploma presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma. Segue corsi di perfezionamento con il M° Hector Pell, il M° Boris Petrushanskij, il M° Enrico Pieranunzi. Studia composizione con il M° Edgar Alandia. Opera attivamente nel teatro musicale: autore di musical, musiche originali, arrangiamenti e direttore di esecuzioni dal vivo. In qualità di pianista e direttore musicale si è esibito in Italia e all’estero in numerosi festival. Ha lavorato tra gli altri con: Marco Mattolini, Ammendola & Pistoia, Maria Letizia Gorga, Maurizio Scaparro, Achille Millo, Enrico Brignano, Germano Mazzocchetti, Nicola Piovani, Riccardo Cavallo, Ulderico Pesce, Ugo Pagliai, Peppe Barra, Mario Scaccia, Maximilian Nisi, La Fura Del Baus, etc. Nel 2013 è uscito il suo primo disco da solista, “In ordine sparso” (Lake Records). E’ autore degli arrangiamenti e interprete nel CD “Viaggio intimo con Mercedes Sosa” (CNI Music, 2013). È presente nel CD della colonna sonora del Film Youth di P. Sorrentino come arrangiatore del brano “A ma maniere”, interpretato da Maria Letizia Gorga. Aurore di musiche per la televisione, collabora con varie società (Flippermusic, Magnolia, Kimeratv, Rai).

PINO IODICE (chitarra) Chitarrista. Ha un’ampia esperienza nel settore musicale, come musicista e produttore artistico presso il suo studio di registrazione. Teatro come chitarrista: “40 Anni e sono ancora mia”, “Sous le ciel de paris”, “Parle-moi d’amour”, “On Connet la chanson”, “Paris Paname”, “1968”,“Je t’aime”, “Magma”, “L’amore è un sogno”, “Canzoni Romane”, “Il profumo del principe”, etc… Live come chitarrista: Marina Occhiena (ricchi e poveri), Daniele Vit (Sanremo 2002), Off Side (Sanremo 2001), Eva Lopez, Frédéric Lachkar, Claudia Bertè, Francesca Ciommei, Katia Rizzo, Barbara Iandolo, Radio Club, Michele Amadori, Serena D’ercole, Sandro Scapicchio, Fabio Villanis (Trasmissione Amici), Samantha Discolpa (Trasmissione Amici), Manola Moslei (Trasmissione Amici), Thomas Grazioso (Trasmissione Amici), I ragazzi di amici voice quintet, Marco Taggiasco Band, Tanguedia (Tango tradizionale), Moira de Santi e Paola Canestrelli voice duo, Laura Serra (Corista Rai) e molte altre situazioni… Produzioni in studio come autore e/o arrangiatore: Mike Francis (Solo come chitarrista), Sous le ciel de paris, Je t’aime, Parle-moi d’amour, Fabio Villanis, Manola Moslehi (Amici), Arya, Off Side, Ivana Piro, Belle ma Belle, Vincenzo Bocciarelli (Attore Orgoglio), Barbara Parisi, Samantha Discolpa (Amici). Televisione autore e arrangiatore di sigle pubblicitarie: Tim, Toyota, Honda, Dindo servizi loghi e suonerie (Ogni settimana fornisco uno Spot), Gambero rosso… Partecipazione a trasmissioni: Festival di Sanremo 2001/2002, Dopo festival, Sanremo Rock, Disney Channel, Mtv, Rete All Music, Maurizio Costanzo Show, Uno Mattina, Video Italia, Tg rai news 24, Tg 2…

 PAOLA CARIDI (batteria) Ha iniziato a suonare da giovanissima all’età di 14 anni con vari gruppi nella sua città natale, Reggio Calabria. Nel 1998 si è trasferita a Roma dove ha studiato presso l”Università della Musica – Ettore Mancini, Maurizio Dei Lazzaretti. Ha seguito vari seminari: Ellade Bandini – Tullio De Piscopo – Maurizio Dei Lazzaretti – Dave Weckl – Dennis Chambers – Gavin Harrison. Nel 2012 si è trasferita a Milano, dove vive attualmente, e ha iniziato a studiare con Alfredo Golin. Nel 2015 in tour con Fedez #PopHoolistaTour. Paola Caridi suona attualmente con Fedez ( tour invernale e tour estivo). Paola ha collaborato con : Massimo Ranieri- (tour e trasmissione televisiva). Fabrizio Moro – (Tour dal 2009 al 2012- SANREMO 2010). Laura Bono – (Opening VASCO ROSSI del tour “Buoni o Cattivi”). Ricky Portera-Franco Fasano- Maria Letizia Gorga -Marco Schiavoni- Agricantus-Phil Palmer.

ANDREA PINTUCCI (basso) Nasce a Roma il 27 giugno del 1970. A 15 anni impara molto bene a suonare il basso elettrico, all’età di 21 anni impara a suonare contrabbasso e piano conseguendo poi il diploma al Conservatorio di Musica. In seguito frequenta vari seminari dell’Accademia di Musica “Siena Jazz”, tra i quelli con quali Eddie Gomez e Bruno Tommaso. Prende parte alla trasmissione “Roxy Bar” condotta dal popolarissimo Red Ronnie. Ha l’occasione di suonare e cantare con molteplici artisti ospiti di questo programma come Samuele Bersani, Lorenzo Jovanotti, etc … In ambito teatrale collabora in spettacoli con regia di Garinei e Giovannini, Giorgio Pressburger, Orchestra di Giorgio Bracardi, Renzo Arbore, Davide Riondino, Serena Dandini, Neri Marcorè, Dario Vergassola, Bergonzoni, Gianni De Feo, Maria Letizia Gorga, Pino Ammendola, sono solo alcuni dei nomi. Per i musical Andrea ha collaborato con Manuel Frattini e David De Silva. Collaborazioni e formazioni jazz band: Denis Fattori, Michael Supnick,Alberto Tebaldi Trio, Traffic Jam , Joe De Vecchis Jazz Songs, Anna Fattori Jazz Quartet, 4voices e tanti altri ancora. Collabora ai seminari di celebri musicisti al Ciak.

Ufficio Stampa Carla Fabi e Roberta Savona
Carla: carla@fabighinfanti.it
, 338 4935947 – Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789
www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona/

DAL CORTO AL TEATRO: IL DEBUTTO DI “ALTERS” … LA MENTE DELLA DONNA NON HA PIU’ “STANZE SEGRETE” – di Sara Lauricella

28190694_10213769636506615_1309795189_n

Ho volontariamente voluto un gioco di parole  per il titolo dell’articolo di questo spettacolo. “Alters”, piece teatrale che scandaglia alcuni aspetti del pensare femminile, sta per debuttare al teatro “Stanze Segrete” e, per via del tema trattato, andrà a sondare alcune di quelle “stanze segrete” dove si nasconde chi soffre di disturbo dissociativo di identità.  Lo spettacolo,  tratto dal cortometraggio dal titolo omonimo già vincitore del premio Rai Cinema Channel, vede al suo debutto come regista ed autrice teatrale, Marianna Adamo, anche interprete principale assieme ad Emiliano Coltorti ed andrà in scena  dal 20 Febbraio al 4 Marzo al Teatro Stanze Segrete, in Via della Penitenza 3. 
28191036_10213769637426638_1225109485_n
…. Nina e Massimo si incontrano in un “non luogo” dove ogni giorno prendono forma, desideri e paure. Lì , dove nessuno può entrare, le loro identità si trasformano e si confondono. Inventano un presente per scappare da un terribile passato…ma forse non basterà per percorrere la strada del futuro.
In questo contesto, tra momenti intensi e con una punta d’ironia, scopriremo le loro vite e le loro storie e insieme decideremo del loro destino.
La scenografia sarà costituita da pochi elementi, un ambiente freddo che sarà “colorato” solo dalla loro presenza. Un ambiente ostile che ospita, di volta in volta, l’identità che decide di venire alla luce. L’apporto degli attori in questo contesto è di fondamentale importanza, saranno loro a dare significato al contesto altrimenti “grigio” e privo di senso.

28308537_10213769640266709_1168614422_n
“Alters”- Scritto e diretto da Marianna Adamo
Con Marianna Adamo ed Emiliano Coltorti
Teatro Stanze Segrete
Via della Penitenza, 3
tel. 06.6872690 / 3889246033
Dal Martedì al Sabato ore 21.00 – Domenica ore 19.00
Ufficio Stampa: Loredana Filoni

QUINDICI ANNI DALLA SCOMPARSA DI ALBERTO SORDI: L’UNIVERSITA’ ROMA TRE DEDICA UNA GIORNATA

sordi

STAGIONE ARTISTICA 2017/2018

Sabato 24 febbraio 2018 – ore 20,30

SERATA IN OCCASIONE DEI QUINDICI ANNI DALLA SCOMPARSA DI ALBERTO SORDI

Teatro Palladium – Università Roma Tre

Piazza Bartolomeo Romano 8 – Roma

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Il 24 febbraio del 2003 moriva Alberto Sordi. A quindici anni di distanza, l’Università Roma Tre lo ricorderà al Teatro Palladium sabato 24 febbraio alle ore 20,30 con una serata curata da Christian Uva e Vito Zagarrio. Ad aprire l’evento sarà Enrico Vanzina, figlio di Steno, che introdurrà un montaggio di sequenze di film del padre interpretati dal grande attore romano. Seguirà la proiezione del documentario “Alberto il grande” (80’, 2013) di Carlo e Luca Verdone, alla presenza di Luca Verdone e Alberto Crespi. L’iniziativa conclude la doppia giornata di studi, proiezioni ed incontri dal titolo Alberto Sordi nella storia dello spettacolo italiano. Cinema, radio, televisione, varietà, realizzata in collaborazione con l’Università di Roma La Sapienza e il Centro di produzioni audiovisivi dell’Università degli Studi Roma Tre, di cui di seguito il programma:

venerdì 23 febbraio

GIORNATA DI STUDI

a cura di Andrea Minuz e Christian Uva

presso “Sapienza” Università di Roma – Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo (AULA LEVI)

Via dei Volsci, 122,  Ore 9

Apertura dei lavori

Andrea Minuz (“Sapienza” Università di Roma)

Christian Uva (Università Roma Tre)

Ore 9,30

Alberto Sordi: maschere, voci, raffigurazioni di un italiano

chair : Stefania Parigi (Università Roma Tre)

Andrea Bini (American University of Rome) | Alberto Sordi, ovvero: la psicopatologia dell’italiano medio

Gabriele Gimmelli (Università di Bergamo) | Il domatore e la belva. Alberto Sordi secondo Mario Monicelli

Denis Lotti (Università di Padova) | Gastone. Una maschera e tre volti. Bonnard, Sordi e il passaggio del testimone “divistico” tra muto e sonoro

Francesca Cantore (“Sapienza” Università di Roma) | «Anche se non lo sa, lei è uno di noi!». Analisi della ricezione di Una vita difficile

Carlotta Guido (“Sapienza” Università di Roma) | «Lei parla male»: Alberto Sordi e l’arte del doppiaggio come pratica storica e personale

Gabriele Landrini (“Sapienza” Università di Roma) | «La vera vita è quella del sogno». Come Alberto Sordi ha raccontato l’editoria popolare

Matteo Pollone (Università di Torino) | Sordi disegnato: Alberto Sordi tra caricatura, illustrazione e fumetto.

Ore 12,30

Keynote speaker

Mariapia Comand (Università di Udine)

Alberto Sordi, il corpo del comico

Ore 15

La circolazione internazionale dell’immagine di Alberto Sordi: modelli, stereotipi, ricezione critica

chair : Massimo Scaglioni (Università Cattolica, Milano)

Dom Holdaway (Università di Bologna) | «Too parochial to travel well»: Sordi e la cultura britannica

Valerio Coladonato (American University of Paris) | Cugini lontani: Sordi e il boom visti dalla Francia

Damiano Garofalo (Università Cattolica, Milano) | Tra mafia e boom: la circolazione contemporanea di Sordi negli Stati Uniti

Ore 16,30

Tavola rotonda

Intervengono: Laura Delli Colli (SNGCI – Fondazione Cinema per Roma), Mariarosa Mancuso (Il Foglio), Emiliano Morreale (“Sapienza” Università di Roma), Vito Zagarrio (Università Roma Tre)

Coordinano: Andrea Minuz e Christian Uva

Sabato 24 febbraio

INCONTRI E PROIEZIONI

a cura di Christian Uva e Vito Zagarrio

presso Università Roma Tre

Teatro Palladium

Piazza Bartolomeo Romano, 8

Introducono Christian Uva e Vito Zagarrio

Montaggio di sequenze di film di Steno introdotto da Enrico Vanzina

Proiezione del film Alberto il grande (80’, 2013) di Carlo e Luca Verdone alla presenza di Luca Verdone, con un intervento di Alberto Crespi

Sito web: http://teatropalladium.uniroma3.it/

Organizzazione e promozione Teatro Palladium: Music Theatre International
Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
+39 06 3225044 – +39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

“LE DISSOLUTE ASSOLTE” RITORNANO CON LO SPETTACOLO IN VERSIONE INTEGRALE

LeDissoluteAssolte_27022018_3OK

Teatro Arciliuto
Piazza Montevecchio, 5 – Roma

Dal 27 Febbraio al 18 Marzo 2018
Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato (ore 20:30)
Domenica (18:30)
Date:
Febbraio
 27-28
Marzo 1, 2, 3, 4, 7, 8, 9, 10, 11, 14, 15, 17, 18

Le Dissolute Assolte
 (ovvero le donne del Don Giovanni)

Uno spettacolo ideato, scritto e diretto da Luca Gaeta

con Lucia Rossi, Nela Lucic, Valentina Ghetti, Annamaria Zuccaro, Glenda Canino, Adele Perna, Raffaella Paleari, Priscilla Micol Marino, Giulia Morgani,  Licia Amendola, Martina Palmitesta  e Marco Giustini.


Costumi Laura Di Marco

Organizzazione Federica Di Stefano
Foto locandina Christopher Alvarez-Hnks
Produzione KILL THE PIG in collaborazione con TEATRO ARCILIUTO

 ph Andrea Rubbo

Dopo il grande successo ottenuto lo scorso ottobre “Le Dissolute Assolte” ritornano a Roma presso l’evocativo e storico spazio del TEATRO ARCILIUTO nella NUOVA INTEGRALE VERSIONE  e con nuovi personaggi.

Il debutto è previsto per martedì 27 Febbraio alle ore 20:30.

Dal 27 febbraio il Teatro Arciliuto si trasformerà idealmente in una casa chiusa nella quale abiteranno le donne che Don Giovanni ha reso immortali, inserendole nel suo famoso catalogo. Ogni donna racconterà la propria storia di seduzione e contemporaneamente ricomporrà, con il proprio tassello, il mosaico del profilo dell’uomo che le ha sedotte.

In questo surreale ed onirico locale notturno, il servo Leporello accompagnerà divertito il pubblico tra scenari, corridoi e ambientazioni in cui si incontreranno le sensuali e performative attrici.

Le Dissolute assolte_1

KILL THE PIG

presenta

LE DISSOLUTE ASSOLTE
(ovvero le donne del Don Giovanni)
27 Febbraio – 18 Marzo 2018
Teatro Arciliuto
Piazza di Montevecchio, 5 – Roma

ideato, scritto, diretto da Luca Gaeta  

con Lucia Rossi, Nela Lucic, Valentina Ghetti, Annamaria Zuccaro, Glenda Canino, Adele Perna, Raffaella Paleari, Priscilla Micol Marino, Giulia Morgani,  Licia Amendola, Martina Palmitesta  e Marco Giustini.

Produzione Kill The Pig in collaborazione con Teatro Arciliuto
Costumi e scene Laura Di Marco
Organizzazione Federica Di Stefano 
Assistente Rossella Castaldo
Foto locandina Christopher Alvarez-Hnks

Date: Febbraio 27-28 / Marzo 1, 2, 3, 4, 7, 8, 9, 10, 11, 14, 15, 17, 18
Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato dalle ore 20:30
Domenica ore 18:30

Ingresso 20 € con consumazione (si consiglia prenotazione)

Si ricorda che il numero dei posti è limitato ed è consigliabile la prenotazione; mail info@arciliuto.it / sms & calls mobile +39 3338568464 / teatro tel. 06 6879419 (ore 18-22)

Segui e condividi l’evento https://www.facebook.com/events/407786546321581/
Link Evento Sito ufficiale: http://www.arciliuto.it/it/programmazione/spettacoli/649-le-dissolute-assolte.html

Note di Regia
Don Giovanni è una figura che non rappresenta solo la seduzione dell’uomo che mira alle donne e poi se ne libera, ma anche dell’essere umano che vuole assecondare i propri piaceri senza pensare ad altro, affondando sempre più nel vizio, anche a scapito della morale. Le protagoniste di questa storia sono donne che decidono di “chiudersi” in un bordello. E paradossalmente questo luogo si trasforma quasi in un convento, in un habitat sacro in cui “espiare” la propria dissolutezza. Si racconta la storia e l’incontro con il Don Giovanni di ogni singola donna, come un percorso a ritroso nel cuore di tenebra dell’uomo. Le parole sondano l’anima nera di chi prende senza trattenere, ama senza toccare il cuore, vuole senza avere.

Queste sono le donne dissolute, ma assolte, perché innocenti: unico colpevole Don Giovanni, soltanto ricordato, nominato, maledetto, già sprofondato all’inferno, ma pure presente come un personaggio protagonista. La storia di ciascuna è una storia diversa, ma ha un filo conduttore di assoluta coerenza: la fascinazione malefica e l’essere caduta in braccio all’impenitente, leggendario seduttore.” (Teatro.org)

Il Regista
LUCA GAETA. Lavora come aiuto-regia in QUESTO AMORE con Laura Lattuada, ALICE con Romina Mondello, ORLANDO IN LOVE con Lorenzo Lavia. Ha curato la regia di commedie come CENTRAL PARK STATION di Woody Allen, nel 2012 progetta uno spettacolo dal titolo le DISSOLUTE ASSOLTE (ovvero le donne del Don Giovanni). Ha diretto lo spettacolo CUORI DI DONNA (2013) con Tosca D’aquino, Iaia Forte, Michela Andreozzi. Nel Maggio 2013 debutta con il primo capitolo della futura trilogia scrivendo e dirigendo CONFESSIONI DI UN BURATTINO SENZA FILI (vincitore del premio MARTELIVE 2014) con Salvatore Rancatore e Fefo Forconi, nel 2014 e 2016 da vita al secondo e terzo capitolo rispettivamente con #ALTROKESUPERMAN e R.I.P. Ritorno in platea. Nel 2017 dirige il suo primo lavoro sul regista tedesco Rainer Werner Fassbinder – FASSBINDER/VON KANT che aprirà un ciclo sulle opere dell’autore. Viene selezionato al FRINGE FESTIVAL di ROMA con lo spettacolo LA GABBIA DI CARNE che ha scritto e diretto per l’attrice Valentina Ghetti. Nel 2015 scrive e dirige HAMLETOPHELIA con gli attori Massimiliano Vado, Salvatore Rancatore, Federica Rosellini. Dal 2014 inizia a lavorare anche come autore e sceneggiatore per il cinema e la TV.

***

Contatti Evento:

Teatro ARCILIUTO
Piazza Montevecchio, 5
00186 Roma (Italy)
Tel. +39 06 6879419 (dalle ore 18,00 in poi)
– mobile 333 8568464 (calls&sms)
info@arciliuto.it
http://www.arciliuto.it/

@TeatroArciliuto
Teatro Arciliuto Pagina Facebook

A TEATRO PER DIRE ‘NO’ ALLA VIOLENZA DI GENERE “MYSELF” DI JAMES LA MOTTA

Foto 1_Locandina spettacolo 8 Marzo Napoli

Giovedì 8 Marzo 2018 alle ore 21 – Napoli, Teatro Totò

Via Frediano Cavara, 12E

 ‘MYSELF’

VIENI A TEATRO PER DIRE ‘NO’ ALLA VIOLENZA DI GENERE

Intenso e toccante il testo del regista James La Motta darà voce a tante donne, nel giorno a loro dedicato, alternandosi tra musica e parole con un grande messaggio finale di speranza. Ospite della serata la onlus Internazionale bon’t worry da anni impegnata nella lotta alla violenza di genere

 “Un ‘Io’ diviso in più anime. Una donna allo specchio che fai i conti con se stessa, raccontandosi attraverso le sue mille fragilità, impotenze, incoscienze, innocenze, rinchiuse in corpi che le rappresentano. Stereotipi imposti da una società che l’ha sfruttata, condannata, umiliata, prima come bambina e poi come donna, per essersi ribellata all’uomo nero”. Così l’attore, regista e sceneggiatore napoletano James La Motta, descrive lo spettacolo ‘Myself’ da lui scritto e diretto che l’8 Marzo, in occasione del giorno dedicato alle donne, andrà in scena a Napoli presso il Teatro Totò alle ore 21.

Foto 3_Il regista James La Motta(1)

Prodotto dalla Source Of Emotions, in collaborazione con la Onlus Internazionale ‘bon’t worry’, già in scena al Teatro Agorà di Roma il 25 Novembre durante la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, ‘Myself’ è uno spettacolo che ha riscosso numerosi consensi di pubblico e critica. L’8 marzo arriverà a Napoli, impreziosito da camei di musica, canto e monologhi dello stesso regista. Insieme a lui sul palcoscenico le attrici Anna Soares De Oliveira, Noemi Cognigni, Lorenza Pisani, Lorena Bartoli, Fabiana Russo, con l’amichevole partecipazione di Fabio Serino.

Foto 2_Un momento dello spettacolo

Un testo-manifesto di tanti, troppi abusi che, nella visione di James La Motta, diventano corde stringenti: ogni giro una violenza. Una performance dal fiato sospeso dalla prima all’ultima nota di un carillon, illuminato da una luce di taglio, che prima di giungere all’ultimo giro musicale, fa scendere la sua ballerina per lasciarla correre via verso un mondo migliore. “Quando ho conosciuto James spiega Bo Guerreschi, presidentessa della bon’t worry mi ha molto colpita il suo tatto nel raccontare un argomento difficile come la violenza sulle donne così come il grande messaggio di speranza racchiuso sia nel suo lavoro teatrale e successivamente nel suo cortometraggio ‘Abused Child’ presentato fuori concorso alla 74a Mostra del Cinema di Venezia. Un messaggio che esorta alla denuncia, perché un’altra vita è davvero possibile, non bisogna sempre morire per essere ascoltate”.

Ed è proprio questo il messaggio di fondo di ‘Myself’, ma più in generale dell’impegno artistico che James La Motta porta ogni giorno nelle scuole di ogni ordine e grado e nei tanti workshop teatrali: avvicinare, sensibilizzandolo, un pubblico sempre più giovane attraverso momenti didattici di dialogo e di confronto per una cultura non-violenta. “I bambini e i ragazzi sono talmente esposti alla cronaca nera veicolata dai mass­-media o ad episodi negativi vissuti nel quotidiano – sottolinea La Motta -, che il modello comportamentale violento vittima-carnefice è spesso l’unico con cui si confrontano, ed è un ruolo deviante dal quale, una volta entrati, è difficile uscire”.

“Ecco perché sono convinto che educare le nuove generazioni fin da piccole al rispetto – aggiunge il regista –, a non utilizzare la violenza come base di un sentimento e a non accettarla mai come prova d’amore, attraverso attività artistico-scolastiche come il teatro sia la via da seguire per la consapevolezza e per la prevenzione di questo fenomeno”.

INFORMAZIONI

Titolo: ‘Myself’

Quando: 8 Marzo 2018

Dove: Teatro Totò – Via Frediano Cavara, 12E Napoli –

Orario: 21:00
Biglietti: Euro 5 studenti. Euro 12 adulti

Info e Prenotazioni: 333.9058550 – 328.1913814

E-mail: sourceofemotions23@gmail.com
PER INTERVISTE E ACCREDITI STAMPA

Comunicazione&Ufficio Stampa
FRANCESCA NANNI

ufficiostampa@nannimagazine.it

TUTTO ESAURITO PER IL CONCERTO DELLA BLACK VOICE ITALIANA STAR ELAIZA AL KILLER BEER

Star Elaiza e Massimo Tiburzi cop

 Star Elaiza fa il tutto esaurito con il suo concerto “Glam Music Night” al Killer Beer a Roma accompagnata dal Maestro Massimo Tiburzi

Grande successo per il concerto live della cantautrice Star Elaiza, accompagnata dal Maestro compositore e chitarrista Massimo Tiburzi, sabato scorso 10 febbraio al Killer Beer.

Star Elaiza performance ballerino

Il risto-pub ha registrato infatti il tutto esaurito per uno spettacolo che ha lasciato tutti emozionati e conquistati dal bellissimo spettacolo offerta da Star Elaiza e dalla sua graffiante voce.

La bella e brava cantante romana ha presentato durante il suo live concert una ricca selezione di bellissimi brani internazionali e nazionali di grandi aristi adattati con il Maestro Massimo Tiburzi per chitarra e voce.

Ad accompagnarla il maestro Massimo Tiburzi, artista con il qual Star Elaiza collabora da tempo e che è sicuramente un valore aggiunto al concerto per esperienza e professionalità.

Star Elaiza Tiziano Soddimo

Non solo cover per Star Elaiza, durante la serata, ma anche e soprattutto alcuni dei coinvolgenti brani scritti proprio da lei come uno dei suoi ultimi successi “Davvero” nel video https://www.youtube.com/watch?v=gkXN5-QIvSs.

La serata è stata davvero ricchissima di ospiti e di bellissime sorprese!

Molto emozionante e prestigiosa la versione de “Il cielo in una stanza”  dell’imprenditore, talent scout e showman Tiziano Soddimo insieme a Star Elaiza (https://youtu.be/jcqOmTlSu7c ).

Star Elaiza Elenia Scarsella sfilata magliette

Tiziano ha voluto poi regalare al pubblico anche la sua versione di un capolavoro di Renato Zero: “I migliori anni della nostra vita”.

Nella parte centrale della serata  non poteva mancare anche il momento glamour con la presentazione della capsule collection di T-shirt “Colors” della blogger romana Elenia Scarsella creatrice del blog di successo Blog and the City.

Modella di punta della sfilata la bellissima Elodie Vegliante, testimonial perfetta della t-shirt I’m Gold,  indossatrice per prestigiosi Atelier e fotomodella fine art lingerie moda, urban e glamour, insieme ad Emanuele Puddu, conduttore radiofonico e opinionista e redattore della trasmissione Mediaset Forum che ha interpretato la t-shirt I’m Green. Perfetti nell’interpretazione delle t-shirt Alessia Casiere, vincitrice del concorso Ragazza protagonista 2017, nella sua I’m Red, Cristina con I’m Pink e il modello Fernando Francorsi con la t-shirt I’m Blue.

Star Elaiza Elodie Vegliante

Elodie Vegliante, visti i suoi molti talenti ha deciso di deliziare il pubblico esibendosi da solista nella canzone “Luce” di Elisa e di duettare con Star Elaiza in una bellissima “L’amore si odia” di Fiorella Mannoia e Noemi (https://youtu.be/a0_LxLVeBFc) .

Tra le performance di ospiti e amici che hanno animato la serata, da segnalare è sicuramente quella del ballerino Luca Bombacigno che ha emozionato tutti con la sua danza, sulle note delle canzoni cantate da Star Elaiza.

Star Elaiza Antonietta Di VIzia

Molti gli ospiti VIP della serata, dalla Giornalista Rai Antonietta Di Vizia, la giornalista di RomaOggi Federica Pansadoro,  la PR romana organizzatrice di eventi e serate nella Capitale Rosa Vadalà, il giornalista Ruggiero Capone, il writer emozionale Enrico di The Enry’s Loft, l’attrice Marianna Petronzi.

Star Elaiza e la giornalista Federica Pansadoro

Le foto della serata sono a cura del fotografo Giancarlo Fiori.

Star Elaiza Ruggiero Capone