ALESSANDRO PIROLLI: COMPLEANNO SUL PALCO CON IL SUPEROSPITE ALEX PARRAVANO PRESENTANDO IL SUO NUOVO SINGOLO PER L’ESTATE ROMANA

 

pirolliWeek end unico per la banchina sul Tevere “Poveri ma Belli” in uno dei punti più belli di Roma che fa parte del progetto di intrattenimento della capitale “Estate Romana”.  Si inizierà, Venerdì 17 agosto alle ore 21.00, con il “complipalco” del giovanissimo artista Alessandro Pirolli anticipato dall’intervento del Superospite Alex Parravano che ci parlerà anche del suo libro (dedicato a tutti coloro che usano la voce come strumento di lavoro) dal titolo “Atteggiamenti Vocali”, per continuare sabato 18 con lo spettacolo della bandLogo all you can hit “All You Can Hit” Cinematographic Rock Show  che ripercorre in chiave rock tanti successi delle musiche da cinema.

 

Il “complipalco” del giovanissimo Pirolli sarà un’esplosione di energia e di novità: saranno, infatti, due spettacoli in uno, con la prima parte dedicata al lancio del suo nuovo singolo, uscito lunedì 13 agosto, dal titolo “Ti Amo” e dall’esecuzione di tutti i brani del fortunato album “Una stella diversa” che, ad un anno dall’uscita, riscuote ancora grande gradimento.

La seconda parte dello spettacolo vi possiamo anticipare solo che si inscenerà una sorta di musical. Come in ogni festa ci saranno gli amici e, ad esibirsi e sostenerlo durante lo spettacolo, potremo ammirare le piccolo e bravissime Chiara Ruggiu, Laura Sangermano e Ginevra Masi.

facebook_1534162118215Al via un nuovo format, fortemente voluto dal giovane Alessandro Pirolli ed  ideato da “Differevent e Produzioni Why Not…? per la promozione, oltre che di #UnaStellaDiversaInTour, anche di talenti giovani e giovanissimi che spesso, hanno difficoltà ad avere uno spazio tutto proprio. Superospite della serata il Vocal Coach Alex Parravano, instancabile maestro e professionista che porta la gioia del canto e della forza interpretativa in giro per l’Italia percorrendola in lungo ed in largo. Per l’occasione il locale sottopalco “33 Tevere” ha voluto creare un menù Young dedicato al giovanissimo pubblico. L’ingresso  è possibile dalle scalette di Ponte Vittorio e di Piazza della Rovere, proprio nel tratto di banchina sotto l’Ospedale Santo Spirito, a due passi da Castel Sant’Angelo e San Pietro. Il progetto “Poveri ma belli”, è stato ideato e proposto dalla “Take off 2011” che si è attivata per mettere in atto la riqualificazione di una parte della banchina sul Tevere abbandonata restituendola ai cittadini ed ai turisti, oltre ad offrire varietà gastronomiche e dare spazio a diversi artisti del mondo della musica, dell’arte, dell’editoria e del teatro, unendoli a progetti sociali. Con  questo format, infatti, la Take off 2011,  si è attivata per  provvedere all’inserimento sociale e lavorativo di alcuni ragazzi di una nota casa famiglia ed ha scelto di affidare la sorveglianza ad una cooperativa di vigilantes composta da personale extracomunitario. Un rassegna sempre piena di stimoli il “POVERI MA BELLI”  e sempre aperta a dare nuovi enzimi culturali.

FB_IMG_1534161427158

Per info ed aggiornamenti su Alessandro Pirolli lo trovate su tutti i social, seguendo l’hastag #UnaStellaDiversaInTour , e sul sito https://swite.com/alessandropirolliofficial

Per seguire la “All You Can Hit” Cinematographic Rock Show https://www.facebook.com/allyoucanhitband/

Per seguire il Poveri ma Belli festival #pmbfestival o su  www.facebook.com/poverimabellifest/

Coordinamento stampa e sponsor media Sara Lauricella – differevent@gmail.com

 

Annunci

INTERVISTA VIDEO AD ILARIA CECI DI PROGETTO LUNGA VITA FESTIVAL … L’ARTE IN OGNI LUOGO

Andare a vedere un concerto gospel invitata da un’amica ed imbattersi in un progetto culturale e sociale di grande valore. Il bello di questa mia passione per la divulgazione e per lo spettacolo. Ed ecco che, presso l’Accademia Nazionale di Danza a Roma, incontro una giovanissima direttrice organizzativa, Ilaria Ceci, che ci illustra le attività del Progetto Lunga Vita Festival. Come i giovano, riunendosi, riescano a portare l’arte in luoghi chiusi e difficili. Un grande in bocca al lupo a questo gruppo di ragazzi. Vi invito a vedere e condividere la mia intervista video.

Sara Lauricella

IL DUO BIT’N B IN VERSIONE ACUSTICA CON LE LORO COVER DALL’ANIMA SOUL PER L’ESTATE ROMANA

bitnb corretta

Due giovanissimi dall’anima soul e black intoneranno le loro calde note alla banchina sul Tevere “Poveri ma belli” in uno dei punti più affascinanti di Roma in una rassegna che fa parte del progetto di intrattenimento della capitale “Estate Romana”. Oggi 10 agosto dalle ore 21.30m circa il giovane duo, composto da Giorgia Quagliola ed Alessandro Passi, si proporranno al pubblico con le loro rivisitazioni di brani noti sia del panorama musicale italiano che internazionale, in uno stile a cavallo tra il classico soul e gli arrangiamenti attuali. Il duo artistico Bit’N B, benchè di recente formazione, sta già riscuotendo un interessante successo di  seguito e di ascolti proprio per la particolarità delle loro proposte. Gli artisti, che fanno parte dei venerdì musicali proposti dalla direzione artistica di #Differevent di Sara Lauricella, fanno parte della “scuderia” della Produzioni Why Not…? di David Pironaci, che tanto investe nei giovani talenti ed in nuovi progetti musicali. E sarà proprio David Pironaci a presentare i Bit’n B sul palco  raccontandoci anche un po’ il percorso di questi giovanissimi che hanno scelto di proporsi in uno stile così particolare, che potremo continuare ad ascoltare anche in altre tappe del loro minitour.

FB_IMG_1533905212168[1]Sabato  11 agosto si proseguirà poi con la vitalità di Rock Circus Bandche proporranno uno show liver di Rock Dance, aspettando  il 15 agosto con la Fp Band in concerto che ripercorrerà i successi anni 70 ed 80.  Il progetto “Poveri ma belli”, è stato ideato e proposto dalla “Take off 2011” che si è attivata per mettere in atto la riqualificazione di una parte della banchina sul Tevere abbandonata restituendola ai cittadini ed ai turisti, oltre ad offrire varietà gastronomiche e dare spazio a diversi artisti del mondo della musica, dell’arte, dell’editoria e del teatro.

FB_IMG_1533905198991[1]Tra un piatto di pesce fresco, un po’ di sushi, un gelato, ascoltando musica e guardando spettacoli,  si partecipa anche alla buona riuscita di progetti sociali. Con  questo format, infatti, la Take off 2011,  si è attivata per  provvedere all’inserimento sociale e lavorativo di alcuni ragazzi di una nota casa famiglia ed ha scelto di affidare la sorveglianza ad una cooperativa di vigilantes composta da personale extracomunitario. Un rassegna sempre piena di stimoli il “POVERI MA BELLI”  e sempre aperta a dare nuovi enzimi culturali.

Per info ed aggiornamenti ci trovate su tutti i social, seguendo l’hastag #pmbfestival nella pagina  www.facebook.com/poverimabellifest/

Coordinamento stampa e sponsor media Sara Lauricella – differevent@gmail.com

POLO MUSEALE ATAC – ARTE IN VIAGGIO

37981930_394540367740479_3136260908532105216_n

All’ombra della suggestiva Piramide Cestia e nel giardino del Polo Museale Atac, sessanta giorni di intrattenimento, eventi, cultura e aree food & drink: l’appuntamento dell’estate romana “Polo museale Atac – Arte in viaggio”, organizzato da Helikonia Indi, in collaborazione con Caffè Letterario, Atac e Roma Capitale, si svolgerà da agosto al 30 settembre. In agenda numerosi eventi che renderanno ancor più magica l’area espositiva del polo museale, un’eccellenza storica testimone culturale della vita cittadina, messa a disposizione dall’azienda dei trasporti romana per i quartieri limitrofi e per tutta la città come polo di attrazione per l’intrattenimento estivo. Una suggestione molto particolare quella di vivere la cultura, l’arte e la partecipazione tra gli antichi locomotori e i tram storici della città, gioielli perfettamente restaurati e sottratti al degrado del tempo e all’oblio della memoria. Tra le palme e i vagoni si svolgeranno incontri culturali, rassegne letterarie, mostre d’arte, spettacoli teatrali e musica dal vivo, intervallando l’esperienza artistica con una variegata offerta di aree food&drink e lounge. “Il Polo Museale Atac va vissuto – spiegano i promotori – “attraverso esperienze culturali originali e creative, ricche di linguaggi e pratiche che pongono al centro lo spazio pubblico e lo stare insieme”. “Polo Museale – Arte in Viaggio” è il format artistico dell’evento, la cui direzione è a cura del Caffè Letterario. Gli eventi e i singoli appuntamenti possono essere seguiti tramite l’hastag #polomusealearteinviaggio, su Instagram e su Facebook attraverso la pagina denominata Polo Museale – Arte in Viaggio https://www.facebook.com/polomusealearteinviaggio/  . Il polo museale Atac è in Via Bartolomeo Bossi 7, angolo via Ostiense.

Ufficio stampa e media #Differevent di Sara Lauricella

MODA E SOCIALE SUL TEVERE PER FASHION ON THE RIVER

FB_IMG_1533557899401Roma 2 agosto 2018.  Si è svolta nella magica atmosfera capitolina sulle sponde del lungotevere in Sassia all’ombra di Castel S. Angelo la kermesse multi artistica FASHION ON THE RIVER.

FB_IMG_1533558409631
L’unione tra moda e impegno sociale è stato il perno della manifestazione che si è fatta promotrice di talenti emergenti della moda musica e spettacolo che hanno raccontato con entusiasmo percorsi stilistici e artistici, guardando anche oltre i confini del fashion. In passerella per una sfida creativa e sociale le modelle del progetto fotografico itinerante Obiettivo No Violence di Michele Simolo che attraverso i suoi scatti ha voluto dare voce ad un grande messaggio di solidarietà contro la violenza di genere. La conduzione della serata è stata un opera magistrale tutta di un fiato eseguita dall’attrice pugliese Floriana Rignanese  che ha presentato le collezioni di due stiliste la pugliese Pasqua Pistillo E Sara Lumy Accademia del lusso.

FB_IMG_1533558382164 Special guest il prof. Luca Filipponi presidente dello Spoleto Art Festival. La serata si è accompagnata a momenti musical realizzati dalla cantautrice Angelita Puliafito e dal giovanissimo Sergio Salvini, un balletto realizzato dalle stesse modelle e una performance teatrale a cura di Marianna Petronzi. FB_IMG_1533558421420Gran finale sul palco con una travolgente esibizione del tanghero Sergio Tirletti. Un intreccio tra varie espressioni artistiche hanno animato una delle location più belle della Capitale attraverso un grande messaggio: la moda non veste soltanto ma fa bene alle donne! The Show Must Go On  dichiarano Ella Grimaldi e Sara Lauricella anima culturale del Festival “Poveri ma belli” manifestazione food & intrattenimento dell’estate romana che sta animando le serate sul Tevere fino all’ 8 settembre.

FB_IMG_1533558303393

FB_IMG_1533557819205

 

FATOUMATA DIAWARA LA “NEW AFRO MUSIC” ARRIVA ANCHE IN ITALIA

Fatoumata Diawara @ Aida MulunehFATOUMATA  DIAWARA

 

ARRIVA ANCHE IN ITALIA

UNA DELLE PIÙ VITALI VOCI DELLA MUSICA AFRICANA CONTEMPORANEA

 

LUNEDI’ 6 AGOSTO DAL VIVO ALL’ANFITEATRO DI THARROS A CABRAS (OR)

Lunedì 6 agosto, alle ore 21.30, all’ Anfiteatro di Tharros nella penisola di Sinis a Cabras (Or) (ingresso 10 euro + diritti di prevendita) nell’ambito di Dromos Festival, ci sarà la terza tappa del tour di Fatoumata Diawara, la serie di appuntamenti live, targata Musicalista Produzioni, che porterà una delle figure più carismatiche della musica africana contemporanea sui palchi dei migliori teatri e festival di tutta Italia.

La cantante e attrice maliana che ha collaborato con Damon Albarn, Herbie Hancock, Tony Allen e Flea porterà dal vivo tutto il suo repertorio e i brani del suo nuovo disco “Fenfo” (Wagram/Audioglobe), disponibile dal 25 maggio scorso, prodotto Matthieu Chedid e registrato tra Mali, Burkina Faso, Barcelona e Parigi.

Statuaria, superba, elegante; dotata di un sorriso radioso e naturale, Fatoumata Diawara reinventa i ritmi veloci e le melodie blues della sua ancestrale tradizione Wassoulou attraverso una sensibilità istintivamente pop. C’è qualcosa di speciale nell’idea di una giovane donna che canta con la sua chitarra. Non solo Fatoumata Diawara si riappropria di questa immagine in maniera forte e personale, ma la colloca letteralmente in una nuova era, in un’altra cultura; conferendo una prospettiva decisamente africana al c oncetto di cantautrice.

Ad accompagnare la cantautrice maliana durante il tour, ci saranno Yacouba Kone, alla chitarra, Arecio Smith, alle tastiere, Sekou Bah, al basso, e Jean Baptiste Gbadoe, alla batteria.

Fatoumata Diawara2 @ Aida MulunehEcco le prime date del tour:

19 luglio – Teatro Goldoni – Venezia; Venezia Jazz Festival

23 luglio – Carroponte – Milano;    

6 agosto – Dromos Festival – Tharros (Or);

1 dicembre – Il Volo del Jazz – Sacile (Pn);

info e prevendite su www.ticketone.it; www.mailticket.it e www.boxol.it 

 Fatoumata Diawara era una ragazza energica e testarda quando all’età di dodici anni rifiuta di andare a scuola. I suoi genitori decidono di mandarla a vivere da una zia a Bamako per disciplinarla un po’ (storia di cui canta in Sowa). Quella zia lavora nel mondo dello spettacolo e, attraverso di lei, nel 2002 il direttore della compagnia teatrale francese Royale de Luxe, rimane colpito da Fatou e le offre una parte nella sua nuova produzione. Una donna non sposata è considerata come un minore nella società maliana, così è necessario chiedere il permesso della sua famiglia. Che però rifiuta. Dopo un lungo esame di coscienza Fatou decide infine di scappare e in modo rocambolesco riesce a salire su un aereo per Parigi, sfuggendo all’inseguimento della polizia che era stata avvertita del ‘sequestro’ della ragazza. Con Royal de Luxe Fatou si esibisce in tutto il mondo, dal Vietnam al Messico e in tutta Europa. Durante le prove e i momenti di tranquillità si ritrova spesso a cantare dietro le quinte per il proprio divertimento. Il direttore si accorge presto di questo suo altro talento e in un attimo le dà anche ruoli da voce solista negli spettacoli della compagnia. Incoraggiata dalla risposta del pubblico, inizia a cantare nei caffè e club parigini durante le pause della tournèe. Qui incontra Cheikh Tidiane Seck il celebre musicista e produttore maliano che la invita a viaggiare con lui di nuovo in Mali, per lavorare come corista su due progetti; “Seya”, album della stella del Mali Oumou Sangare nominato ai Grammy e “Red Earth” progetto sul Mali della cantante jazz americana Dee Dee Bridgewater (vincitore di un Grammy Award). Quando gli album vengono pubblicati Fatou è già tour in tutto il mondo come cantante e ballerina di entrambi i progetti. È in quel momento che prende la decisione di dedicarsi a tempo pieno alla sua passione, la musica. Lavora alacremente per completare un numero di canzoni sufficienti per un album, canzoni tutte rigorosamente scritte e arrangiate da lei. Grazie ad Oumou Sangare si aprono le porte per un contratto discografico con la World Circuit e la registrazione del suo album di debutto. Durante le registrazioni trova anche il tempo per collaborare con il progetto “Africa Express” di Damon Albarn e contribuire con la sua voce agli album di Cheikh Lô, AfroCubism, il progetto “Imagine” di Herbie Hancock e il clamoroso ritorno dell’Orchestra Poly-Rythmo de Cotonou. Dopo l’uscita dell’acclamato disco di debutto “Fatou” (19 settembre 2011) Fatoumata Diawara gira a lungo con la sua band e con Damon Albarn, Tony Allen e Flea come parte del progetto “Rocket Juice & The Moon”. Più recentemente, l’abbiamo apprezzata dal vivo al fianco del celebre pianista cubano Roberto Fonseca (con cui realizza anche uno splendido disco dal vivo, “At Home”) e soprattutto nella sua ultima apparizione in veste d’attrice, quel “Timbuktu” del regista Abderrahmane Sissako, che ha riportato al centro dell’attenzione internazionale il carisma e la determinazione di un’artista unica nel suo genere.

www.fatoumatadiawara.com;

www.musicalista.it;

Ufficio Stampa FATOUMATA DIAWARA: Ufficio Stampa GPC – Gaetano Petronio 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it

Booking FATOUMATA DIAWARA: Musicalista Produzioni – Magalì Berardo magali@musicalista.it   

 

— Gaetano Petronio Fondatore e Responsabile Ufficio Stampa Gpc 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it https://www.facebook.com/UfficioStampaGpc/ https://twitter.com/ustampagpc

LUIGI MAGNI e LUCIA MIRISOLA una coppia di spettacolo senza far spettacolo – VELLETRI dedica loro un museo

a casa Manfredi con la Signora Erminia

A Settembre un grande omaggio della città di Velletri ad una coppia che ha scritto un capitolo fondamentale della storia del Cinema  – del teatro e della commedia musicale italiana

LUIGI MAGNI e LUCIA MIRISOLA una coppia di spettacolo senza far spettacolo

Velletri dedica un museo al racconto di Roma fatto da Luigi Magni durante la sua carriera che raccoglie la produzione realizzata durante una carriera durata quasi un cinquantennio.

 L'incontro con Beppe Lanci al centro sperimentale di cinematografia

Nel prossimo mese di Settembre, mese in cui Lucia Mirisola avrebbe compiuto 90 anni, essendo nata il 1 Settembre 1928, a Velletri verrà inaugurato presso il Polo Espositivo Juana Romani un museo dedicato alla straordinaria carriera della scenografa e costumista veneziana e di suo marito il grande maestro Luigi Magni che ha con la sua cultura e la sua straordinaria bravura scritto sceneggiature e diretto film che sono oggi delle colonne portanti della filmografia italiana.  Luigi e Lucia coppia nella vita e nel lavoro, si compensavano a vicenda.

i david di donatello e i nastri d'argento di Lucia MirisolaLui uomo di una straordinaria cultura storica, ha raccontato le pagine più buie della Roma del potere temporale della chiesa lei le ha vestite e stenografate. Mi riferisco a pellicole come Nell’Anno del Signore – In nome del Popolo Sovrano – In nome del Papa Re e Arrivano i Bersaglieri, quattro film che se letti attraverso una cronologia storica fatta di eventi concatenanti sono delle lezioni su un periodo storico determinante per il compimento dell’Unità d’Italia. Le sceneggiature di Magni, sono tutte basate su fatti storici reali e naturalmente alleggerite con personaggi e episodi collaterali per sdrammatizzare la violenza della Chiesa che con la croce in mano tagliava le teste. Lucia invece ha creato degli abiti di straordinaria bellezza, con un maniacale studio del dettaglio attraverso la ricerca della stoffa della passamaneria che li fanno degli veri unicum. 

i David di Donatello e il Premio Eduardo di Luigi Magni Con la morte appunto della Signora Mirisola, avvenuta a Roma lo scorso 23 Dicembre, abbiamo pensato in stretta collaborazione con l’Associazione Luigi e Lucia Magni nelle persone del suo presidente Leila Benhar e del suo segretario generale Massimo Castellani di lavorare per catalogare l’intera produzione conservata nello studiolo di Via del Babbuino, la babbuinetta coma amava chiamarla Gigi Magni e farne un museo perché le future generazioni potessero conoscere un modo di fare cinema ormai consegnato alla storia. Velletri che è stato il primo comune in Italia a dedicare una strada a Magni oggi può vantarsi di conservarne anche la memoria, si tratta di quattro sale dove nematicamente è ripercorsa la loro carriera, la prima dedicata a Magni conserverà una selezione dei suoi disegni satirici pubblicati da numerosi quotidiani romani, la seconda dedicata alla signora Mirisola conserverà la memoria delle opere di Magni come sceneggiatore. La terza dedicata a Nino Manfredi le opere da regista, mentre la quarta le opere teatrali. Tutte le sale saranno arredate con ambientazioni tratte dai film e dalle opere teatrali.

Con Edoardo Di Iorio ed Enzo Forletta a CinecittàSaranno esposti anche i numerosi riconoscimenti vinti durante la loro carriera terminata nel 2003 con La Notte di Pasquino, tra questi i 5 David di Donatello, i tre Nastri d’Argento e il Premio Pietro Bianchi alla mostra del cinema di Venezia. Un lavoro faticoso ma pieno di soddisfazioni perché abbiamo potuto conoscere ed entrare nelle loro case personalità come Maria Paola Sapienza Trovajoli – Erminia Ferrari Manfredi – Lola Mastroianni e parlare con chi i film di Magni li ha vissuti dal lato tecnico Edoardo Di Iorio ed Enzo Forletta – Maurizio Millenotti e Alberto Spiazzi – Danilo Desideri e Giuseppe Lanci. Oggi che siamo quasi a compimento del progetto sono debitore di alcuni ringraziamenti: per la stretta collaborazione, per i testi, le foto, i disegni, i premi e quant’altro ha permesso la nascita del museo va doverosamente a Leila Benhar e Massimo Castellani, rispettivamente Presidente e Segretario Generale dell’ Associazione Luigi e Lucia Magni. Al Comune di Velletri nella persona del Sindaco Orlando Pocci, dell’Assessore alla Cultura Romina Trenta, del vicepresidente del consiglio comunale Sabina Ponzo, all’assessore Francesco Cavola ai consiglieri Andrea Di Fabio e Mauro Leoni. Al comune di Lanuvio, all’Accademia del Cinema Italiano Premi David di Donatello – all’Associazione Giuditta Tavani Arquati – all’ Associazione Internazionale Via Margutta per il patrocinio. Agli amici Paolo Pace, Paolo Santapace, Dario Conte, per la stretta collaborazione, agli sponsor ed in particolare a Stefano Donati, Stefano Pirri, Marco Marino, Marco Castrichella. Un grazie al dirigente scolastico Eugenio Dibennardo, alla famiglia Magni nelle persone di Fiorella, Umberto e Mauro Magni, alla famiglia Mirisola nelle persone di Luigi, Bettina e Gilda Mirisola. Al Sindaco emerito di Velletri Fausto Servadio, agli ex Assessori Marcello Pontecorvi e Luca Masi. Per il sostegno e la collaborazione ai maestri Gigi Proietti e Massimo Wertmuller alle signore Erminia Ferrari Manfredi – Maria Paola Sapienza Trovajoli – Lola Mastroianni – Tiziana Todi – Luigi del Mastro – Davide Fontana – la famiglia De Angelis. Ora non resta di attendere il fatidico taglio del nastro che avverrà quasi certamente in occasione dell’ormai prossima Festa dell’Uva e del Vino.

 Alessandro Filippi