COCKTAIL BAR il documentario sul jazz alla Festa del Cinema di Roma

logo festa del cinema roma

IL MAGICO ACCORDO: CINEMA E JAZZ

unnamed(9)Venerdì 12 ottobre 2018 – Ore 21

COCKTAIL BAR
Storie jazz di Roma, di note, di amori

Un documentario di Stefano Landini Toni Lama 
Casa del Jazz
Viale di Porta Ardeatina 55 – Roma

Ingresso: € 8

Biglietti in vendita sul circuito Ticket One:
https://www.ticketone.it/biglietti.html?affiliate=ITT&doc=artistPages%2Ftickets&fun=artist&action=tickets&erid=2294511&includeOnlybookable=false&xtmc=cocktail_bar&xtnp=1&xtcr=1
A seguire concerto jazz con:
Bruno Biriaco – batteria
Luca Pirozzi  – contrabbasso
Aldo Bassi – tromba
Gianni Savelli – sax tenore
Massimo Fedeli  – pianoforte
Nel 1971 il principe Pepito Pignatelli, malato di jazz ed eccentrico personaggio, assieme alla bellissima moglie Picchi aprì uno dei più importanti locali europei, ritrovo internazionale di musicisti che poi scrissero la storia del jazz, nonché luogo-fucina di fermenti letterari, sociali e musicali che segnarono il costume degli appassionati e non solo: il Music Inn.
In questa cantina umida passarono i più grandi, come in nessun altro jazz club in Italia: da Chet Baker a Bill Evans, da Charlie Mingus a Dexter Gordon, da McCoy Tyner a Philly Joe Jones e Max Roach, in un elenco infinito che ha cambiato intere generazioni.
La sua storia, unica alla pari dei suoi proprietari, viene ora raccontata in Cocktail Bar – Storie jazz di Roma, di note, di amori, un documentario con la regia di Stefano Landini e Toni Lama, che ne ripercorre, insieme a numerosi testimoni di quel tempo, le vicende e i percorsi contestualizzati. Artisti come Giovanni Tommaso, Renzo Arbore, Pupi Avati, Bruno Biriaco, Franco D’Andrea, Antonello Salis, Roberto Gatto, Adriano Mazzoletti, Amedeo Tommasi, e molti altri che parteciparono attivamente a quel vissuto, rappresentano – grazie ai loro vivi ed affettuosi ricordi – le complesse trame di uno spaccato d’epoca, qui condito dalla colonna sonora originale firmata da Massimo Fedeli ed intriso di passione e nostalgia per un’affascinante avventura musicale che sfortunatamente ebbe un triste e tragico epilogo, ma che resta sempre e comunque viva nella memoria di quanti hanno amato ed assaporato la musica jazz del periodo d’oro.
Il documentario sarà presentato nell’ambito della Festa del Cinema di Roma 2018 (sezione “Altri Eventi”), venerdì 12 ottobre alle ore 21 presso la Casa del Jazz. A seguire, un concerto dell’ensemble jazz guidato da Massimo Fedeli che interpreterà dal vivo le atmosfere musicali del periodo. A suonare saranno Bruno Biriaco alla batteria, Luca Pirozzi al contrabbasso, Aldo Bassi alla tromba, Gianni Savelli al sax tenore e Massimo Fedeli al pianoforte.
COCKTAIL BAR
Storie jazz di Roma, di note, di amori
Durata:1h18min
Un documentario di Stefano Landini e Toni Lama
Prodotto da Stefano Landini e Roberto Gambacorta
per LCN srl
Montaggio: Stefano Landini
Musica originale: Massimo Fedeli

FB: https://www.facebook.com/docjazz.it/

Il Principe Pepito Pignatelli e il Jazz
Principe del S.R.I.,  XVI  principe di Castelvetrano,  XVI principe di Noja,  XVIII duca di Monteleone,  XVI duca di Terranova,  XVIII marchese di Cerchiara,  XVI marchese di Avola  e marchese di Caronia: questi i titoli ereditati da Giuseppe Pignatelli e Molyneux , detto Pepito, nato a Città del Messico il 9 ottobre 1931 e meglio conosciuto come pianista e batterista jazz, nonché fondatore dello storico “Music Inn” di Roma.
Mecenate senza quattrini che ai suoi titoli tuttavia preferiva Charlie Parker e Dizzy Gillespie, Pepito coltivò fin da bambino la sua passione per la musica, alimentandola in modo fin quasi estremo, ma comunque coraggioso e intraprendente e realizzando alla fine degli anni Sessanta il suo sogno di aprire un locale dove poter ascoltare i suoi musicisti preferiti, all’interno di uno scenario jazzistico romano ancora acerbo.In sua compagnia c’era la moglie Maria Giulia Gallarati, detta Picchi, sposata nel 1959 e anch’essa appassionata di musica jazz.
Su modello del FolkStudio nacque così nel 1969 il Blue note, in via dei Cappellari, che, privo di licenza per somministrare alcolici, non ebbe lunga vita ma riuscì in poco tempo ad ospitare musicisti come  Jean Luc Ponty, Phil Woods, Johnny Griffin e Dexter Gordon.
Due anni dopo, Pepito individuò un altro locale, in largo dei Fiorentini, alle spalle di via Giulia: si trattava di una cantina abbandonata che rilevò dall’Arciconfraternita e che inaugurò, dopo molte vicissitudini e ritardi burocratici, diventando in poco tempo il luogo di riferimento del jazz romano e la palestra per un’intera generazione di jazzisti italiani. Qui suonarono i giovani Massimo Urbani,  Maurizio Giammarco, Danilo Rea, Roberto Gatto, Enrico Pieranunzi, Antonello Salis, e i colleghi più maturi Giovanni Tommaso, Franco D’Andrea, Gegè Munari, insieme a mostri sacri internazionali quali Dexter Gordopn, Johnny Griffin, Chet Baker, Mal Waldron, Charles Mingus, Bill Evans, Elvin Jones, Ornette Coleman, Steve Lacy, Mal Waldron, Gato Barbieri.
Tra sacrifici ed amore, con un entusiasmo capace di superare ogni difficoltà, la coppia principesca mise in carreggiata un locale fumoso, con le salette scavate nel tufo e le panche di cemento armato, che non rappresentava un semplice jazz club ma  un cenacolo di artisti che regalava profondi momenti di rispetto, fascino e insegnamento per chi la musica, oltre a masticarla, la voleva vivere da vicino. Una casa ricca di aneddoti che ha ispirato la ripresa musicale di Chet Baker ed ha ospitato il giovane e squattrinato Gato Barbieri; che è stata testimone di memorabili nottate regalate alla inquieta generazione romana degli anni ‘ 70 con le performance dal vivo di Miles Davis, Charles Mingus ed Elvin Jones, tanto per ricordarne alcuni…
Alla tragica e prematura morte dei due proprietari, avvenuta rispettivamente nel 1981 per infarto (Pepito) e 1992 per volontario soffocamento (Picchi),  il locale – nonostante molteplici gestioni e tentativi – non è mai riuscito a tornare ai livelli dell’eta d’oro del jazz ed è diventato – come proclama il titolo del documentario di Stefano Landini e Toni Lama, un tradizionale “cocktail bar”.

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
+39 06 3225044 – +39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

 

Annunci

Al via il Festival Internazionale del Cinema dei Castelli Romani

Fabrizio Borni-Fabrizio Pacifici-Festival Internazionale del Cinema dei Castelli RomaniAl via la 2^ edizione del Festival Internazionale del Cinema dei Castelli Romani, evento ideato e prodotto dalla Fondazione Punto e Virgola, Presieduta da Marco Di Stefano, organizzato da Fabrizio Borni e Fabrizio Pacifici per conto di Tetramax Movie Services e Patrocinato e sostenuto dalla Direzione Generale Cinema – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, in collaborazione con i Comuni di Ariccia e Frascati. Sette film in concorso di cui due stranieri e una coproduzione Italia/Spagna e sette cortometraggi in nominations su trentatrè selezionati per contendersi il Premio di Miglior Short Film.

A differenza della scorsa edizione, due le location di quest’anno; infatti oltre alle prestigiose sale del Palazzo Chigi di Ariccia, anche il Comune di Frascati ha aderito, mettendo a disposizione le sale delle Scuderie Aldobrandini, con la speranza che di anno in anno anche gli altri comuni dei Castelli Romani sposino l’iniziativa così che l’evento diventi l’unico che comprenda una serie di più Città coinvolte contemporaneamente.

Due le giurie, di cui quella dei film presieduta da Elizabeth Missland già Presidente Onoraria dei Globi d’Oro ed oggi Coordinatrice Artistica del Festival de la Comediè di Montecarlo ideato da Ezio Greggio.
Altra novità il coinvolgimento degli studenti delle scuole di Frascati ed Ariccia che, guidati da due registi, Francesco Colangelo e Maria Laura Moraci produrranno alcuni cortometraggi che verranno proiettati il 12 Ottobre alle Scuderie Aldobrandini, iniziativa fortemente voluta per far avvicinare ancora di più i ragazzi all’interesse e alla diffusione della cultura cinematografica in genere.
Tutte le proiezioni sono ad ingresso libero sino ad esaurimento dei posti ed il programma completo si può visitare sul sito www.festivalinternazionalecinemacastelliromani.com
Domenica 14 Ottobre, presso la Sala Maestra di Palazzo Chigi, la serata di Gala, presentata da Laura e Silvia Squizzato, vedrà la consegna dei Premi a cui seguirà una cena preparata dallo Chef Josè Amici del Monte 2 Torri Gourmet di Genzano.

Al via la “Asiatica Film Festival”

di Riccardo Bramante

asiatica1

 

 

Dal 4 ottobre e fino al 10 ottobre si terrà a Roma, presso il Cinema Nuovo Sacher e negli spazi della WEGIL riaperti dalla Regione Lazio, la 19° edizione di “Asiatica Film Festival”, manifestazione che si è affermata nel corso di questi ultimi venti anni come apprezzato mezzo di comunicazione e scambio con il mondo orientale.

asiatica regista Yeo Siew HuaCon i suoi circa 4,5 miliardi di persone l’Asia rappresenta oggi il crogiolo vivo di alcuni dei fenomeni sociali ed economici di maggiore impatto nel panorama mondiale e, in un mondo globalizzato come l’attuale, si rende sempre più urgente la necessità di conoscersi e di rapportarsi alle diverse espressioni culturali che via via emergono.

asiatica2E’ questo l’obiettivo primario del Festival che si esprime attraverso il cinema presentando una rassegna di trenta film tra lungometraggi, documentari e cortometraggi inediti in Italia e in Europa, tutti di produzione asiatica dalla Cambogia alla Cina, al Giappone, alle Filippine, Thailandia, Taiwan, Sri Lanka, Singapore, Iran, Kirghizistan, Palestina e Turchia.

Tra i film più attesi c’è sicuramente “A Land Imagined” del regista di Singapore Yeo Siew Hua già vincitore del “Pardo d’Oro” nell’ultima edizione del Festival di Locarno dopo avere già ottenuto nel 2016 il Grand Prix nell’ Autumn Meeting di Da Nang (Vietnam) con la sua storia di “caporalato” e di violenza dell’uomo sull’uomo raccontata nelle tipiche atmosfere rarefatte e fantastiche proprie della magia asiatica.

Non meno interessante si preannuncia “A Family Tour” del registaasiatica3 cinese Ying Liang che rivive la sua storia personale di presenza scomoda per il regime attraverso il suo alter ego che nel film è una donna esiliata ad Hong Kong per motivi politici che, quando la madre è costretta a recarsi a Taiwan per una operazione chirurgica, decidono di incontrarsi usando come pretesto le visite guidate di una agenzia turistica. Il film, volutamente molto lento, consente, peraltro, di avere, attraverso una tragedia privata, un quadro dell’atmosfera esistente nella Cina odierna.

In contemporanea ai film, nel vicino Palazzo WEGIL si terranno incontri, presentazioni di libri e mostre specifiche come quella del fotografo giapponese Yusuke Hishida e l’installazione “Iranian Family Photo” di Moshen Rastani, nonché performances musicali, dalla danzatrice sufi Zeinabkhatoon Ghalazade al quartetto jazz di Mauro Verrone. Per gli italiani interverranno, tra gli altri, il professor Giorgio Amitrano, traduttore di illustri scrittori giapponesi come Banana Yoshimoto e Haruki Murakami, gli scrittori e giornalisti Emanuele Giordana e Carlo Buldrini ed il sinologo Romeo Orlandi, Vice-direttore della rivista “Osservatorio Asia”, think tank specializzato in ricerche e convegni sui mercati ed i Paesi dell’Estremo Oriente.

L’Estate in biblioteca – il Cinema legge il mondo

unnamed(4)Venerdì 21 Settembre 2018
Biblioteca “Valle Aurelia” 
via di Valle Aurelia 129 – Roma, quartiere Aurelio – XIII° Municipio
ore 19:00 AperiCinema con Giona A. Nazzaro
ore 20:00 VELENO di Diego Olivares
Il prossimo appuntamento con la rassegna L’Estate in biblioteca – il Cinema legge il mondo avrà luogo alla Biblioteca Valle Aurelia venerdì 21 settembre. Preceduto da un incontro di approfondimento con Giona A. Nazzaro, a cura di Veronica Flora, sarà proiettato il film Veleno di Diego Olivares: una storia ambientata nelle campagne del casertano ed incentrata sulla criminalità organizzata con cui due fratelli che portano avanti con fatica un’azienda di famiglia, si devono scontrare per proteggere le proprie terre, facendo i conti con le intimidazioni, le minacce e la corruzione.
Pellicola di estrema attualità e rivolta ad una forte denuncia sociale delle condizioni illegali di coltivazione delle terre, il film, interpretato tra gli altri da Luisa Ranieri e Massimiliano Gallo, con le musiche di Enzo Gragnaniello, è stato presentato quale evento speciale di chiusura alla Settimana Internazionale della Critica 2017 (Biennale di Venezia).
Gli ultimi appuntamenti con la manifestazione che porta la migliore produzione cinematografica dei Paesi del Mediterraneo nei luoghi della lettura, sono previsti mercoledì 26 settembre, sempre a Valle Aurelia, con la maratona di corti “Made in Med”,  giovedì 27 Settembre, presso la Biblioteca di Rebibbia Terza Casa, con il film Ammore e malavita di Antonio e Marco Manetti che vedrà gli autori presenziare all’incontro con i detenuti (l’ingresso è riservato solo agli ospiti dell’Istituto penale) e venerdì 28 settembre, nuovamente a Valle Aurelia, con la pellicola Summer 1993 di Carla Simòn.

La critica:

” Veleno è il cinema civile italiano al suo meglio. Attingendo alla grande tradizione del melodramma italiano – da Matarazzo a De Santis – il regista compone un film potente e lirico. La resistenza degli ultimi contro le prepotenze dei pochi. La dignità contro l’arroganza. Cinema civile ma contaminato con le passioni più veraci dello spettacolo popolare: dalla sceneggiata al noir. Veleno è un film dolente eppure potente. Ma soprattutto è un film giusto. “.
(Giona A. Nazzaro)

“Il veleno è quello della Terra dei Fuochi. Disperazione morale e dissoluzione fisica, ed è lì che Diego Olivares infila la macchina da presa: una famiglia assediata da Gomorra, un cinema non pastorizzato, un affondo civile.”
(Federico Pontiggia)

 

L’ESTATE IN BIBLIOTECA – IL CINEMA LEGGE IL MONDO
La Rassegna, diretta da Ginella Vocca e realizzata dall’Associazione Methexis, in collaborazione con le Biblioteche di Roma e il MedFilm Festival, entra dalle biblioteche comunali (tra cui anche quelle di Istituti penali), per arricchirne l’offerta culturale, con una panoramica varia e interessante della produzione cinematografica contemporanea di qualità.  Il cinema legge il mondo, perché il mondo ci guarda e ci riguarda: dalla Norvegia al Marocco, dalla Spagna al Belgio, passando per la Siria, l’Algeria, la Tunisia, Israele e la Croazia, fino all’Italia, con l’obiettivo di fornire possibili chiavi di lettura del mondo d’oggi, stimolando ragionamenti su tematiche e contraddizioni della società contemporanea.
L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana 2018 promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE.

Sito ufficiale: medfilmfestival.org
Pagina FB: https://www.facebook.com/estateinbiblioteca/
Twitter @estateinbiblioteca
#estateinbiblioteca

Ufficio stampa :
Elisabetta Castiglioni
+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it
Raffaella Spizzichino
+39 338 8800199 – raffaspizzy@gmail.com

VELENO
Italia, 2017, 103 min

https://www.youtube.com/watch?v=_y-inq0XQMw

Regia Diego Olivares
Sceneggiatura Diego Olivares, Marcello Olivieri
Produttore Bronx Film, Minerva Pictures, Tunnel Production, Sky Italia, Rai Cinema,
Fotografia Andrea Locatelli
Montaggio Davide Franco
Musiche Enzo Gragnaniello, Marco Messina, Sasha Ricci
Suono Daniele Maraniello
Cast  Luisa Ranieri, Massimiliano Gallo, Salvatore Esposito, Gennaro di Colandrea, Miriam Candurro, Nando Paone, Marianna Robustelli

Festival e premi

Tetuan Mediterranean Film Festival 2018 : Premio alla migliore attrice Luisa Ranieri
Los Angeles – Italia 2018: Italian Cinema Today
Busan International Film Festival 2017: Flash Forward Competition
Festival du Film Italien de Villerupt 2017: Compétition
La Biennale di Venezia 2017: Settimana della Critica – Evento speciale – Film di chiusura
Les rencontres du cinéma italien à Toulouse 2017: En compétition

23° Les Prix Lumières della stampa internazionale 2018
17° Festival del cinema mediterraneo di Bruxelles – Premio Speciale della Giuria
23° Medfilm Festival – Menzione Speciale
In anteprima al Festival de Cannes 2017 – Un certain regard

CORE – Oltre il Giardino fino al 23 Settembre 2018 a Villa Mercede

CORE_Ascanio CelestiniCORE – Oltre il Giardino

fino al 23 Settembre 2018 a Villa Mercede:

29 Giorni di TEATRO, CINEMA, DANZA, BENESSERE, LABORATORI,  nel cuore del quartiere San Lorenzo 

Sabina Guzzanti, Andrea Satta, Ascanio Celestini, Daniele Vicari e tanti altri

La Cultura nel Cuore di San Lorenzo

CORE_cinema con KAMA È iniziato lo scorso 26 Agosto e durerà fino al 23 Settembre CORE – Oltre il Giardino, il festival nato dalla necessità di condivisione reale di un gruppo di sognatori che per 29 giorni animerà la suggestiva Villa Mercede nel quartiere San Lorenzo. Teatro, danza, appuntamenti dedicati al benessere, laboratori per grandi e bambini, oltre che proiezioni cinematografiche realizzate in collaborazione con KAMA Productions, che nei giorni passati ha già accolto Sabina Guzzanti con la proiezione del suo film “Le Ragioni dell’Aragosta” e che vedrà l’arrivo di Andrea Satta, voce dei Tête de Bois, che presenterà “Mamma Quante Storie – Mamme Narranti”, in scena il prossimo Lunedì 17 Settembre. E poi ancora Daniele Vicari e Ascanio Celestini e molti altri ancora…

CORE_Villa Mercede (1)Un vero e proprio LabFest in continuo divenire, pensato come luogo d’incontro, condivisione e progettazione di nuove iniziative che si svilupperanno nel corso della stagione invernale. Cuore di questo percorso è HABITAT, atelier artistico di ricerca culturale orchestrato da Alessandro Conte, rivolto a tutti coloro che hanno interesse a esplorare il proprio habitat (danzatori, biologi, fotografi, agricoltori, musicisti, filosofi, attori, studenti, ricercatori, giornalisti, video makers, fisici, grafici). Un’immersione nel gioco delle esperienze urbane, ognuno con le proprie competenze e con il proprio sguardo, per raccogliere elementi e informazioni con i quali il gruppo elaborerà e comporrà un ENVIRONMENT in continuo divenire, una finestra quotidianamente aperta al pubblico, sul work-in-progress dell’atelier nonché sull’autopoiesi dell’habitat stesso.

CORE_Andrea SattaCHI SIAMO: Un festival fortemente voluto dall’ associazione Qui e Ora, il Collettivo Utopista dedito al Teatro, Arte, Ricerca e Artigianato Sociale, sostenuto dalla KAMA Productions del regista Riccardo Biadene, che si avvale anche della presenza del Centro il Fiume, l’associazione che promuove il benessere delle persone attraverso la diffusione delle discipline olistiche.

CORE_Bambini

COSA FACCIAMO: Il festival è aperto tutti i giorni dalle 8.30 fino a mezzanotte e propone continui appuntamenti culturali gratuiti, come lezioni e spettacoli di teatro svolti all’ombra della biblioteca interna alla villa, oppure video proiezioni con dibattiti svolti sul neonato spazio dedicato anche a lezioni di yoga, tango e swing, registrando un continuo flusso di curiosi uniti agli abitudinari frequentatori del quartiere, che il pomeriggio conducono i loro figli ai laboratori di pittura, musica e intrattenimento dedicati ai più piccini.

CORE_Yoga e BenessereIl tutto con il sempre presente stand di cibi siriani a cura di Hummustown, progetto che aiuta i rifugiati a ottenere un’indipendenza economica attraverso un’opportunità di lavoro.

 IL PROGRAMMA:

da Giovedì 13 a Domenica Lunedì 17 Settembre

Tutti i giorni: HABITAT, assemblaggi provvisori di un organismo;

Tutte le mattine dalle 8.30: Attività legate al Benessere e alla cura di sé;

Tutti i Giovedì e Venerdì mattina: Metamedicina, Massaggio corpi sottili e Carte dei Nat, per ritrovare la propria essenza;  

Tutti i pomeriggi dalle 17.30: Laboratori per Bambini;

Venerdì 14 Settembre alle 19.30: secondo appuntamento con Pillole di Teatro, un percorso di tre incontri sul teatro e l’approccio alla recitazione, con l’acting coach Alessia Di Pasquale;

(A chiusura del festival i laboratori si svolgeranno presso le sale dell’Altrove Teatro Studio)

 Giovedì 13 Settembre dalle 19.00: Lezioni Aperte di Swing, Tip Tap e Lindy Hoop

Venerdì 14 Settembre dalle 21.00: Serata Evento “Al Margine”.

Alle 21.00 – Giulia Angeloni recita il monologo di Dario Fo “Il Matto e la Morte”;

Alle 21.30 – Le storie e le canzoni di Piero Cipriano e Alessio Lega, insieme a Rocco Marchi, celebreranno i matti, a 40 Anni dalla Legge Basaglia;

Alle 22.15 – Proiezione del film “Il Principe di Ostia Bronx”, di Raffaele Passerini.

Sabato 15 Settembre alle 10.00: workshop di Mindful Self Compassion;

Dalle 17.00: Lorenzo Casadei ci porterà nel mondo dell’AIKI con lezioni aperte per adulti e bambini;

Dalle 19.30: Teatro con “Un Delirio a Due”, libero adattamento da Ionesco, con Liliana Massari e Pietro Faiella;

Alle 20.30: Racconto/Incontro su cultura, intercultura, partecipazione, tra le parole di Giovanna Marini, Andrea Satta e Antonella Rosetti della Casa delle Culture di Ravenna. Incursioni musicali di Alessio Lega.

Domenica 16 Settembre dalle 17.30 si balla con la Contact Improvisation: Lezioni Aperte di Ballo con Fabio Saetta; per i bambini un merendalab a sorpresa all’insegna dell’horror!

Dalle 18.30: Pane al Pane, Vino al Vino, Core a Core: la consueta cena domenicale con pane, vino e incursioni poetiche offerti dal festival;

Alle 21.00: Cinema de Kore, proiezione del film “Velocità Massima”, di Daniele Vicari, accolto da Riccardo Biadene di KAMA Productions.

Lunedì 17 Settembre alle 20.00: Andrea Satta, voce dei Tête de Bois e pediatra di periferia, presenta, racconta e canta Mamma Quante Storie – Mamme Narranti. La presentazione sarà accompagnata dalle illustrazioni di Fabio Magnasciutti e dal teatro di Alessandro Conte, con la partecipazione di Circo Maximo.

Segui tutti gli eventi della settimana su:

Facebook: https://www.facebook.com/CORE.Festival/

Instagram: https://www.instagram.com/corefestivalroma/?hl=it

ALESSANDRO PIROLLI: COMPLEANNO SUL PALCO CON IL SUPEROSPITE ALEX PARRAVANO PRESENTANDO IL SUO NUOVO SINGOLO PER L’ESTATE ROMANA

 

pirolliWeek end unico per la banchina sul Tevere “Poveri ma Belli” in uno dei punti più belli di Roma che fa parte del progetto di intrattenimento della capitale “Estate Romana”.  Si inizierà, Venerdì 17 agosto alle ore 21.00, con il “complipalco” del giovanissimo artista Alessandro Pirolli anticipato dall’intervento del Superospite Alex Parravano che ci parlerà anche del suo libro (dedicato a tutti coloro che usano la voce come strumento di lavoro) dal titolo “Atteggiamenti Vocali”, per continuare sabato 18 con lo spettacolo della bandLogo all you can hit “All You Can Hit” Cinematographic Rock Show  che ripercorre in chiave rock tanti successi delle musiche da cinema.

 

Il “complipalco” del giovanissimo Pirolli sarà un’esplosione di energia e di novità: saranno, infatti, due spettacoli in uno, con la prima parte dedicata al lancio del suo nuovo singolo, uscito lunedì 13 agosto, dal titolo “Ti Amo” e dall’esecuzione di tutti i brani del fortunato album “Una stella diversa” che, ad un anno dall’uscita, riscuote ancora grande gradimento.

La seconda parte dello spettacolo vi possiamo anticipare solo che si inscenerà una sorta di musical. Come in ogni festa ci saranno gli amici e, ad esibirsi e sostenerlo durante lo spettacolo, potremo ammirare le piccolo e bravissime Chiara Ruggiu, Laura Sangermano e Ginevra Masi.

facebook_1534162118215Al via un nuovo format, fortemente voluto dal giovane Alessandro Pirolli ed  ideato da “Differevent e Produzioni Why Not…? per la promozione, oltre che di #UnaStellaDiversaInTour, anche di talenti giovani e giovanissimi che spesso, hanno difficoltà ad avere uno spazio tutto proprio. Superospite della serata il Vocal Coach Alex Parravano, instancabile maestro e professionista che porta la gioia del canto e della forza interpretativa in giro per l’Italia percorrendola in lungo ed in largo. Per l’occasione il locale sottopalco “33 Tevere” ha voluto creare un menù Young dedicato al giovanissimo pubblico. L’ingresso  è possibile dalle scalette di Ponte Vittorio e di Piazza della Rovere, proprio nel tratto di banchina sotto l’Ospedale Santo Spirito, a due passi da Castel Sant’Angelo e San Pietro. Il progetto “Poveri ma belli”, è stato ideato e proposto dalla “Take off 2011” che si è attivata per mettere in atto la riqualificazione di una parte della banchina sul Tevere abbandonata restituendola ai cittadini ed ai turisti, oltre ad offrire varietà gastronomiche e dare spazio a diversi artisti del mondo della musica, dell’arte, dell’editoria e del teatro, unendoli a progetti sociali. Con  questo format, infatti, la Take off 2011,  si è attivata per  provvedere all’inserimento sociale e lavorativo di alcuni ragazzi di una nota casa famiglia ed ha scelto di affidare la sorveglianza ad una cooperativa di vigilantes composta da personale extracomunitario. Un rassegna sempre piena di stimoli il “POVERI MA BELLI”  e sempre aperta a dare nuovi enzimi culturali.

FB_IMG_1534161427158

Per info ed aggiornamenti su Alessandro Pirolli lo trovate su tutti i social, seguendo l’hastag #UnaStellaDiversaInTour , e sul sito https://swite.com/alessandropirolliofficial

Per seguire la “All You Can Hit” Cinematographic Rock Show https://www.facebook.com/allyoucanhitband/

Per seguire il Poveri ma Belli festival #pmbfestival o su  www.facebook.com/poverimabellifest/

Coordinamento stampa e sponsor media Sara Lauricella – differevent@gmail.com

 

IL WEEK END DEL GAY VILLAGE DI ROMA

 

Diverso Da Chi_Gay Village Drive In (4)

Dal 9 all’11 Agosto 2018, ore 21.30

LUNGOTEVERE TESTACCIO / LARGO DINO FRISULLO

GAY VILLAGE DRIVE IN

Il meglio del #Cinema e della #TV in salsa rainbow

Giovedì, h.21.30: DIVERSO DA CHI? (Anno 2008). Dalle 23.30: RED BOLOGNA

Venerdì, h.21.30: MY BEAUTIFUL LAUNDRETTE (Anno 1985). Dalle 23.30: GIRL VILLAGE

Sabato, h.21.30: PRIDE (Anno 2014). Dalle 23.30: Imperium Festival presenta KLUSTER (Madrid)

My Beautiful Laundrette_Gay Village Drive In (3)

Pop Corn offerti da DEM Supermercati

 Il villaggio si fa DRIVE IN ed è subito WeekendMovies! Tutto il meglio del cinema arcobaleno

Il cinema d’estate per molti, ha ancor più fascino di quello invernale. Godere di un bel film sotto le stelle mentre si sgranocchiano pop-corn e si sorseggia un buon drink, in attesa che la temperatura delle notti testaccine salga insieme al volume della musica, è il modo migliore per iniziare la serata al Gay Village, che per l’occasione diventa Drive In. Un #weekendmovies dedicato al meglio del cinema arcobaleno, che vedrà la proiezione di Diverso Da Chi? il giovedì, passando per My Beautiful Laundrette e Pride, che saranno proiettati rispettivamente venerdì e sabato alle ore 21.30.

Gay Village_abbraccio_pubblico

IL PROGRAMMA DELLA SETTIMANA:

Giovedì 9 Agosto alle ore 21.30, spazio alla fortunata commedia d’esordio del regista Umberto Carteni dal titolo Diverso Da Chi?, con protagonisti Luca Argentero, Filippo Nigro e Claudia Gerini. Al termine della proiezione spazio al party RED Bologna, con KastaDiva e Giusva pronti a dimenarsi sulle note di X.Charls e Brezet, in una notte dal tema hollywoodiano.

Venerdì 10 Agosto dalle 21.30 compiremo un tuffo nel passato fino al 1985, con la proiezione di My Beautiful Laundrette, sceneggiatura di Hanif Kureishi e regia di Stephen Frears. Nella notte a partire dalle 23.30 ritroveremo la stage direction di Andrea Pacifici e Vanity Crew che omaggerà i kolossal e il ritorno di Girl Village, il party nato a Milano e dedicato all’universo femminile, che ospiterà Savannah e il corpo di ballo pronto a scatenarsi con la musica mixata da Strulle e Anne Cullen.

 Sabato 11 Agosto dalle ore 21.30 è tempo di diritti con la proiezione di Pride, film del 2014 di Matthew Warchus. La notte dedicata a Star Wars a partire dalle 23.30, vedrà protagonista il dj Sandro Tommasi in pista pop e soprattutto il nuovo appuntamento con Imperium Festival diretto da Fabio Di Domizio, che in questo sabato di metà agosto accoglierà il party Kluster da Madrid, con l’apertura del resident Manuel Coby e special guest Neo Scott. A fare gli onori di casa ci penseranno KastaDiva, Silvana della Magliana e Mario Glossa.

 

KastaDiva_Gay Village_2

UFFICIO STAMPA CARLA FABI ROBERTA SAVONA

Carla 338 4935947 – carla@fabighinfanti.it / Roberta 340 2640789 – savonaroberta@gmail.com

www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavonawww.gayvillage.it 

Silvana Della Magliana+Kastadiva+MArioGlossa+Brezet Dj