DUCCIO BERTINI & Orchestra live alla Villa Medicea di Artimino

Duccio BertiniDUCCIO BERTINI

&

RAINBOW JAZZ ORCHESTRA

 

BOTH DIRECTIONS: THE MUSIC OF JOHN COLTRANE

DAL VIVO DOMENICA 4 NOVEMBRE PRESSO LA VILLA MEDICEA DI ARTIMINO (PO) CON LA STRAORDINARIA PARTECIPAZIONE DI

JESSE DAVIS

 Domenica 4 novembre, alle ore 17.30, Duccio Bertini & Rainbow Jazz Orchestra, presso la Villa Medicea di Artimino (ingresso gratuito) suoneranno dal vivo “Both Directions: the music of John Coltrane”, un concerto dedicato alle musiche del maestro del jazz John Coltrane e, in particolare, al suo album perduto recentemente “rintracciato” dagli eredi di Coltrane. L’evento, inserito all’interno del Festival Ognissanti suona il Jazz, vedrà la straordinaria partecipazione dell’eccezionale sassofonista afro-americano Jesse Davis.

Duccio Bertini, attraverso un linguaggio orchestrale, ricco di colori e di varietà, ci porta in nuova e originale dimensione per celebrare la riscoperta dell’album inedito di John Coltrane Both Directions at Once: The Lost Album” registrato nel 1963, insieme alla Rainbow Jazz Orchestra composta da Renzo Telloli, Michele Tino, Marco Bini, Giovanni Pecchioli, Claudio Ingletti (sassofoni), Maurizio Pasqui, Nicola Cellai, Valerio Mazzoni (trombe), Paolo Acquaviva, Jacopo Caramagno (tromboni), Guido Zorn (contrabbasso), Francesco Maccianti (pianoforte) e Andrea Beninanti (batteria).

Duccio Bertini arrangiatore, compositore e direttore d’orchestra che attualmente divide la sua attività artistica tra l’Italia e la Spagna. Nato a Firenze nel 1968, figlio d’arte (sua madre è pittrice), inizia a otto anni a studiare il pianoforte sotto la guida del padre. Successivamente passa al clarinetto e al sassofono studiando con Mirko Guerrini, Nico Gori, Marco Bini, Renato Cordovani, Daniele Malvisi, Pietro Tonolo e Barend Middlehoff. Ha studiato arrangiamento e composizione jazz con Klauss Lessmann, Giancarlo Gazzani, Giancarlo Schiaffini, Bruno Tommaso, Mario Raja, Roberto Spadoni. Ha collaborato con molte orchestre e big band jazz in Europa, in Italia e in Spagna, sia come direttore che come arrangiatore, tra cui ricordiamo la Barcelona Jazz Orchestra, la Big Band di Granada, la Cam Big Band, Andalucia Big Band di Siviglia, l’Original Jazz Orchestra di Barcellona, la Royal Big Band di Stoccolma, la USAL Big Band di Salamanca, l’Orchestra Sinfonica Città di Grosseto, e la Ljp Big Band di Matera. Attualmente fa parte dei seguenti progetti: la Futura Jazz Orchestra, la Rainbow Jazz Orchestra e la Duccio Bertini Big Band. Ha collaborato con Perico Sambeat, Bobby Watson, Scott Hamilton, Patti Wicks, Joyce Yuille, Gianni Basso, Claudio Fasoli, Fabrizio Bosso, Marco Tamburini, Fabio Morgera, Nico Gori, Mirko Guerrini, Ignasi Terrasa, David Pastor, Toni Solà, Susana Sheiman e Antonio Zambujo.

Jessie Davis è considerato uno dei migliori contraltisti jazz della scena mondiale, nato a New Orleans nel 1965, Davis ha studiato con maestri di prestigio come Ellis Marsalis, di cui ha seguito le lezioni al New Orleans Center for Creative Arts. Ha registrato e suonato dal vivo assieme a Wynton Marsalis, Jack McDuff, Hank Jones, Chico Hamilton, Joey De Francesco, Wallace Roney, Jeremy Pelt e altri grandi. Con il suo stile assolutamente “parkeriano” (e molto vicino anche a Cannonball Adderley) compare nel film di Robert AltmanKansas City”. All’inizio degli anni Novanta ha firmato un contratto con la Concord realizzando una serie di dischi a proprio nome che hanno ottenuto un notevole successo di critica.

La Rainbow Jazz Orchestra nasce da un idea di Duccio Bertini, che ne cura gli arrangiamenti e la direzione, con lo scopo di eseguire un repertorio decisamente eterogeneo e misurarsi con partiture orchestrali più disparate, dallo swing-era fino alla orchestra jazz contemporanea, ed è composta da alcuni tra i migliori talenti del jazz italiano e da musicisti attivi già da tempo sulla scena jazzistica italiana. Nel 2014 ha registrato il disco Duccio Bertini & Rainbow Jazz Orchestra “A View on Standards” (con ospite Perico Sambeat), pubblicato dalla Temp Record, l’etichetta discografica di Barcellona, con le liner notes di Dave Liebamn. La Rainbow Jazz Orchestra ha inoltre collaborato con Marco Tamburini, Scott Hamilton, Nico Gori, Stefano Cocco Cantini, partecipando ai Festival del Sesto Jazz e del Jazz Italiano a L’Aquila.

Ufficio Stampa DUCCIO BERTINI & RAINBOW JAZZ ORCHESTRA: Ufficio Stampa GPC – Gaetano Petronio 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it

Annunci

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL SAN REMO FESTIVAL CAFE’ INIZIANO I CASTING

LOCANDINA MEDIA RIS
Torna in grande stile il talent per i nuovi cantanti e cantautori San Remo Festival Cafè con la sua seconda edizione.

La nuova organizzazione prevede dei casting a zone geografiche divise tra il nord, centro, sud e isole, i cui selezionati avranno accesso alle tappe regionali e di seguito alla semifinale e finale nazionale. Per la zona centro italia i primi casting si terranno presso la Scuola di Musica Artidee, a Roma, nelle date del 18 e 25 novembre, 16 dicembre 2018 ed il 13 gennaio 2019. I vincitori della scorsa e prima edizione hanno avuto la possibilità di esibirsi al Palafiori di Sanremo proprio nella settimana del festival della canzone italiana, periodo in cui la cittadina viene invasa da produttori, talent scout e rappresentanti di etichette discografiche provenienti da tutta l’Italia e dal mondo. Il premio è aperto a cantanti e cantautori divisi nella categorie junior e senior di tutte le età e condizioni. logo srfcFondamentale, infatti, nella mission del format San Remo Festival Cafè è l’accesso alle persone stereotipate “diverse” in un percorso inclusivo e di condivisione. Oltre al concorso in senso stretto quest’edizione vedrà potenziata l’attività dell’Academy, con delle master class indirizzate esclusivamente ai partecipanti al format e tenute da vocal coach e da act coach al fine di indirizzare le potenzialità dei concorrenti sia dal punto di vista vocale che interpretativo e della movimentazione scenica, e con delle master class con musicisti per invitare i concorrenti all’accompagnamento con uno strumento musicale, a nozioni di scrittura ed analisi del testo etc. Tra i professionisti che hanno fatto parte del team del SRFC della scorsa edizione è considerevole nominare il Presidente di Giuria (sia in fase finale che in alcune delle tappe intermedie) Maestro Amedeo MINGHI, il paroliere Paolo AUDINO (che ha scritto brani anche per la grandissima Mina), il maestro Stefano BORGIA (autore di alcune canzoni di Mina tra cui “Portati Via”), Anonimo ITALIANO e diversi produttori, musicisti e talent scout che si sono alternati nella varie tappe. La seconda ed attuale edizione prevede, soprattutto nella zona centro Italia, delle giornate di casting di selezione con possibili riprese radio-televisive a cura di emittenti regionali e/o locali per poi passare alle semifinali e finali regionali. Previsti anche gemellaggi con festival nazionali e premi collaterali a cura di sponsor ed etichette discografiche. Per l’edizione del 2019 ci si avvarrà della direzione artistica della  Scuola di Musica Artidee nella persona di Giovanni Rossanese, della direzione scenica di Barbara Gallozzi, del coordinamento coreografico (nonché coaching per l’Academy) di Paola Rizzica, del look Maker Alessandro Maritato, dell’ufficio stampa gruppo #Differevent di Sara Lauricella, del supporto media di Radio Italia Anni ’60 e di diversi nomi di noti professionisti tra i giurati ed ospiti ancora in via di definizione che si aggiungeranno al team esistente.
Un progetto in continua crescita e sviluppo per poter portare avanti il concetto di musica inclusiva.
Tratto dal regolamento “Scopo della manifestazione è quella di scoprire e promuovere talenti e nuove opere musicali attraverso una serie di selezioni che si svolgeranno in Italia e all’estero, promuovendo musica socialmente integrata. Ad integrazione del percorso conoscitivo e formativo potranno essere proposte giornate di master class e di esercitazioni collettive da parte degli organizzatori di zona o dall’organizzazione centrale del SRFC” .
Per info, regolamento ed iscrizioni contattare la mail sanremofestivalcafe@gmail.com, il sito http://www.sanremofestivalcafe.it oppure seguire il format nelle pagine sui social facebook https://www.facebook.com/sanremofestivalcafe/?ref=bookmarks

ed instagram https://www.instagram.com/sanremo_festivalcafe2019/
Ufficio stampa e comunicazione SRFC
#Differevent di Sara Lauricella – differevent@gmail.com

 

20 ANNI DALLA MORTE DI LUCIO BATTISTI. IL PENSIERO DI CAROL MARITATO

battistiIeri, 9 settembre 2018, ricorrevano vent’anni esatti dalla morte di Lucio Battisti, il più importante innovatore della popular music italiana. Faceva parlare solo delle sue canzoni, refrattario com’era al divismo e dunque autentico, mai appiattito nella ricerca dei gusti de suoi fans.

Carol Maritato, cantautrice italiana giá vincitrice di Maglia Rosa del Cantagiro e protagonista su palcoscenici importanti (come il teatro Ghione, il teatro Cassia e il teatro Brancaccio a Roma; il Palafiori e Villa Ormond a Sanremo) lo ricorda con profonda stima e ammirazione <>.

Oggi Lucio Battisti manca seriamente a tutti. Perchè anche chi non lo seguiva, lo ha conosciuto e lo riteneva “un grande”. E allora lanciamo tutti un abbraccio al cielo in sua memoria…Con la promessa di non dimenticare mai, nei secoli, il suo “canto libero”.

Press Office Roberta Nardi

Management The Mac Live

GRANDE SUCCESSO SU RADIO ITALIA ANNI ‘60 PER “E CI SEI TU”. L’AVVENTURA RADIOFONICA DI CAROL MARITATO ACCANTO A VINCENZO CAPUA.

carol-maritato-roberta-nardi-320x427

 

 

E’ subito boom di ascolti e nuovi followers per Carol Maritato che, accanto a Vincenzo Capua, ha iniziato venerdì 7 settembre la conduzione della nuova stagione di “E ci sei tu”, conosciutissima trasmissione radiofonica capitolina.

Carol Maritato e Vincenzo Capua, infatti, hanno appena cominciato ad allietare il pomeriggio di migliaia di romani, e saranno tutti i venerdì dalle 18 alle 19 su Radio Italia Anni ’60, in frequenza a Roma sui 105.00 Fm e in diretta streaming sull’App per dispositivi mobili e sul sito http://www.radioitaliaanni60roma.it.

“E ci sei tu” è un programma di musica e intrattenimento, dove ogni puntata è accompagnata da momenti di musica Live e spazio social in trasmissione, oltre ad essere arricchita dalla presenza di autorevoli personaggi del mondo dello spettacolo e della scena canora italiana e internazionale.

Ospiti della puntata di venerdì scorso sono stati Monsieur David, apprezzato artista e professionista del teatro del Mimo, e Mino Abbaccuccio, comico di “Made in Sud”, le cui performances hanno fatto e continuano a far sorridere milioni di italiani.

carol in radioNumerosissimi i like e i commenti durante e dopo la trasmissione a testimonianza del fatto che i radioascoltatori sono connessi e il programma funziona! Torna nell’etere, dunque, un programma radiofonico di grande rilievo, affermatasi negli anni, e nel 2014 vincitore del “Microfono d’Oro” come migliore trasmissione musicale della radiofonia romana.

Il duo alla conduzione di “E ci sei tu” sono Carol Maritato, cantante della The Mac Live Management, giá vincitrice di Maglia Rosa del Cantagiro e protagonista su palcoscenici importanti (come teatro Porta Portese, Ghione, Brancaccio, e il Palafiori di Sanremo), che è alla sua prima esperienza radiofonica e ciononostante si è già affermata egregiamente..!!

carol

Ad affiancare Carol c’è Vincenzo Capua, artista conosciuto al grande pubblico sia per la sua esperienza cantautorale, sia per le partecipazioni in programma radio/tv di successo come “EdicolaFiore” e “L’anno che verrà”.

Insomma, non vi resta che sintonizzarvi sulle frequenze di Radio Italia Anni ’60!

Press Office Roberta Nardi

http://www.roberta-nardi.it

Grande successo per la V edizione del Festival della Bellezza a Verona … con Morgan

Morgan al Festival della Bellezza 2018V edizione

Festival della Bellezza – i Maestri dello Spirito

 

Il festival culturale di Verona si afferma

tra le più prestigiose manifestazioni culturali italiane

 Sold out per oltre 30.000 presenze

 Un unicum nel panorama nazionale

Eventi unici e anteprime

 Nel 2019 previsti appuntamenti speciali all’Arena di Verona

www.festivalbellezza.it

Morgan_b

(Verona 12.06.2018)

GRANDE CRESCITA DI UN FESTIVAL CHE RAPPRESENTA UN UNICUM NAZIONALE CON EVENTI INEDITI

Con oltre 30.000 presenze, teatri sold out, eventi unici ideati per il festival da grandi intellettuali e artisti, spettacoli e concerti in prima nazionale, il Festival della Bellezza si afferma alla quinta edizione tra i più prestigiosi appuntamenti culturali italiani.

Per 15 giorni, dal 27 maggio al 10 giugno, Verona è stata palcoscenico per riflessioni sui poeti e la bellezza, che hanno appassionato un pubblico proveniente da ogni parte d’Italia e anche dall’estero, con 20 appuntamenti in ambienti di grande storia e suggestione come il Teatro Romano, il Teatro Filarmonico e il rinascimentale Giardino Giusti.

Il Festival si conferma un unicum nel panorama culturale italiano con un format che unisce le riflessioni culturali e il pathos dello spettacolo attraverso filosofi, attori, musicisti, critici d’arte, scrittori.

“Siamo felici di poter constatare, a due giorni dalla chiusura del festival, il grande successo registrato dall’edizione di quest’anno – ha dichiarato il sindaco Federico Sboarina -. Mai come in questo caso il titolo della manifestazione rappresenta appieno la nostra idea di cultura: in una cornice spettacolare, appuntamenti di grande bellezza e spessore. Questa rassegna, inoltre, si sposa esattamente con la nostra volontà di alzare l’asticella culturale della città, ecco perché siamo orgogliosi di sostenerla e continueremo a farlo”.

Il direttore artistico Alcide Marchioro ha sottolineato come l’idea di bellezza del festival ha a che fare con l’armonia, lo stile ma anche con il pathos, la forza espressiva, la capacità di impressionare e di andare oltre, di oltrepassare il tempo, come accade per i classici di cui si parla al Festival.

 

TEMA DELL’EDIZIONE 2018: GLI ANNI ‘60 E ‘70 E I POETI DA DANTE A JANNACCI

Tema dell’edizione 2018 sono state le grandi innovazioni culturali degli anni 60 e 70. Tra i protagonisti icone internazionali di quella stagione come Catherine Deneuve, che ha raccontato i capolavori surrealisti e della Nouvelle Vague che l’hanno vista musa e interprete, e Philip Glass che ha inaugurato il Festival con un concerto con triplo pianoforte di sue celebri composizioni unito a riflessioni sulle sue esperienze artistiche. Tra le innovazioni di quegli anni, il festival ha concentrato l’attenzione sul fenomeno italiano della canzone d’autore, con in scena alcuni dei principali interpreti: Gino Paoli in concerto con una nuova formazione, Ivano Fossati in una riflessione sul teatro-canzone di Giorgio Gaber; altri sono stati ricordati: Fabrizio De André e la sua arte poetica in una lezione-concerto con orchestra di Morgan, Enzo Jannacci con la sua satira surreale da Michele Serra e Paolo Jannacci in un racconto con canzoni, Lucio Dalla e il suo estroso lirismo in un concerto di artisti a lui legati, tra cui Ron, Gaetano Curreri e Ornella Vanoni. Alle riflessioni sui cantautori come nuovi poeti si sono intersecate quelle sui grandi visionari della storia, artefici del nostro pensiero e della nostra sensibilità, con rimandi tra i vari appuntamenti. Philippe Daverio ha indagato le vicende di Vivaldi, Dante e Giotto come capostipiti dell’arte moderna, Massimo Cacciari le relazioni tra Beethoven e la filosofia romantica, Alessandro Piperno ha messo in contrapposizione i fondatori del romanzo Stendhal e Flaubert. Massimo Recalcati ha proposto un’analisi sull’immagine dell’inesprimibile attraverso l’analisi di pittori del novecento, Fabrizio Gifuni ha raccontato la sua esperienza attoriale in classici letterari, Luigi Lo Cascio e Gloria Campaner hanno portato in scena la poetica russa di Esenin e Rachmaninov, Goran Bregovic ha espresso le contaminazioni musicali del novecento in un concerto con un’orchestra di fiati e archi. Sono andate in scena anche due prime teatrali: Vittorio Sgarbi si è confrontato con il genio di Leonardo, Federico Buffa coi bivi esistenziali di grandi personaggi del novecento. Un evento infine è stato dedicato all’ispirazione del Festival: Umberto Galimberti ha svelato la Bellezza come segreta legge della vita. Stefano Bollani nell’evento conclusivo attraverso suono e narrazione ha raccontato protagonisti di jazz, classica e canzone riprendendo i fili delle riflessioni degli altri appuntamenti del festival e del legame tra poesia e ironia.

 

UN FESTIVAL CHE RIFLETTE UNA CITTÀ: VERONA, CITTÀ DEI POETI E DEI TEATRI, DELL’AMORE E DELLA… BELLEZZA, CON UNA VOCAZIONE PER L’ARTE E LA CULTURA DI QUALITÀ

Il festival è un’esperienza atipica nel panorama culturale italiano: non è un semplice format, ma una manifestazione che riflette una città, Verona, legata a Shakespeare, Dante, Catullo e con alcuni tra i più importanti teatri al mondo. Promosso dal Comune di Verona e organizzato dall’associazione Idem, con la direzione artistica di Alcide Marchioro, il festival dalla prima edizione nel 2014 è cresciuto rapidamente negli anni raddoppiando gli appuntamenti e triplicando il pubblico.

Gli amanti di proposte culturali originali hanno imparato in breve tempo ad appassionarsi a questa manifestazione, in una città con una tradizionale vocazione per la cultura di qualità, meta privilegiata del turismo culturale che dai teatri si dirama tra le vie e le piazze, alla scoperta di un territorio ricco di storia, arte e cultura tramandata in monumenti, chiese, palazzi, musei, teatri. Città che ha nel Festival della Bellezza un appuntamento classico, in cui la cultura si intreccia all’emozione e alla storia.

 

I PARTNER, LA PRESENZA SUI MEDIA

Il festival conta sulla partnership di prestigiosi enti e aziende nazionali, come Cattolica Assicurazioni, Banco Bpm, Fondazione Cariverona, Agsm e altre 14 aziende come main sponsor, sponsor e sponsor tecnici. Radio ufficiale del festival è Rai Radio 1, media partner sono Touring Club Italiano, Spettakolo.it, L’Arena, Fondazione Corriere della Sera. La programmazione ha avuto la copertura delle principali testate nazionali, con interviste, recensioni, articoli di presentazione e approfondimento, speciali televisivi, servizi ai Tg e trasmissioni in prima serata su reti nazionali.

 

LA PROSSIMA EDIZIONE: PREVISTI EVENTI SPECIALI IN ARENA

L’associazione Idem è già al lavoro con il Comune di Verona per programmare l’edizione 2019. Tra gli appuntamenti sono previsti eventi speciali di livello internazionale in Arena, in linea con lo spirito e il tema del festival.

 

I NUMERI DELLA V EDIZIONE

  • 15 giorni di programmazione (27 maggio – 10 giugno)
  • 20 appuntamenti inediti e connessi tra di loro
  • 40 ospiti
  • Oltre 30.000 presenze

 

Promosso dal Comune di Verona, il Festival della Bellezza è organizzato dall’associazione Idem.

Direttore artistico: Alcide Marchioro

Partner: Cattolica Assicurazioni, Banco Bpm, Fondazione Cariverona, Agsm

Radio ufficiale del festival: Rai Radio 1

Media partner Touring Club Italiano, Spettakolo.it, L’Arena, Fondazione Corriere della Sera

 

_________________________________________________________

Responsabile Comunicazione per il Festival della Bellezza:

Marilisa Capuano

 

 

Ufficio Stampa:

Marilisa Capuano

cell. 347.2879717

marilisa.capuano@mabacomunica.it

 

Gaetano Petronio 

cell. 3491345575

gaetano@ufficiostampagpc.it

ALESSANDRO PIROLLI PORTA LA SUA “UNA STELLA DIVERSA IN TOUR” IN VERSIONE SPECIAL EDITION – di Sara Lauricella

IMG-20180608-WA0032

Il giovanissimo e poliedrico Alessandro Pirolli riparte con il tour estivo con il suo primo album “UNA STELLA DIVERSA”. L’album, uscito lo scorso anno e che ha già riscosso un buon successo, è stato rielaborato in special edition  con tracce riarrangiate e rinnovate.

IMG-20180608-WA0029All’interno del tour, che prevede delle tappe anche fuori dal Lazio, si potrà ascoltare anche il brano scritto a quattro mani con Federico Tabak “Sbaglio Umano” un reggaetton che ha già spopolato nella scorsa estate romana. “UNA STELLA DIVERSA IN TOUR” partirà il 17 GIUGNO alle ore 17,30 dal Centro Commerciale  “PARCO DA VINCI “ (sulla Roma – Fiumicino) con un concerto in cui si potranno ascoltare tutti i brani dell’album più delle cover inedite.

parravanoAlessandro Pirolli continuerà il tour il 22 GIUGNO al Centro Commerciale di CASTEL ROMANO OUTLET a POMEZIA, nel Mondadori Store, durante la presentazione del libro “Atteggiamenti Vocali” di Alex Parravano, per poi chiudere le tappe di questo mese il 23 GIUGNO presso la NOTTE ROSA di TORTORETO nelle MARCHE, dove il giovanissimo precederà il concerto della meravigliosa Cristina d’Avena.  Come oramai d’abitudine Alessandro Pirolli “apre le porte” ai suoi Friends e, per il concerto opening del Tour del 17 giugno , che durerà circa due ore e mezzo, si farà affiancare dal bravissimo Federico Tabak, prima esibizione live insieme e Guest star dell’evento,   e dalle voci di Davide Tassone, Laura Sangermano, Daniel Rap e Ludovica Tassini. La pomeridiana, condotta dal maestro David Pironaci di Produzioni Why Not…?, prevede tanti  duetti e inediti eseguiti  dai giovani artisti quasi tutti in versione acustica, ma non mancheranno le cover di brani attuali in versione dance (anche di Shawn Mendes) ed una sezione in cui i giovanissimi cantautori e cantanti faranno omaggio alla musica popolare romanesca  (in cui sarà eseguita anche “Lella”, “Il barcarolo” e diverse altre). Inoltre nei pressi dell’area concerto si potrà gustare il mitico Tiramisù di Pompi, sponsor dell’evento.  Un’apertura tour in versione Street e senza barriere, perché “Voglio avere il contatto diretto con il pubblico che mi segue  -come afferma  Alessandro Pirolli- e voglio che sia uno spettacolo adatto a tutti grandi e piccoli, un momento di riunione per le famiglie e per noi giovani, tutti insieme sotto il segno della musica”. A breve saranno rese pubbliche le tappe del mese di luglio.

logo

17 GIUGNO PARCO DA VINCI -ROMA
22 GIUGNO CASTEL ROMANO OUTLET-POMEZIA
23 GIUGNO NOTTE ROSA TORTORETO -MARCHE
Date in costante aggiornamento.

Potete trovare l’album “Una Stella Diversa” al seguente link: https://www.youtube.com/playlist?list=PL6ir28YI8NSbsK4vI5AezaT5EAXkMdvGL

Potete trovare il brano “Sbaglio umano” al seguente link: https://open.spotify.com/track/2vE8eSZTnFFRieisXYosch?si=RVLGAcrOQfmUA5DZi2PmZA&utm_source=Facebook_SimpleMusicStories&utm_medium=sms

Potete visionare la trasmissione radiofonica condotta da Alessandro Pirolli dal titolo “Spazio artisti” https://www.spreaker.com/user/10505522/spazio-artisti_10?autoplay=true

spazio artistiSeguitelo su tutti i social

Ufficio Stampa di Alessandro Pirolli

#Differevent by Sara Lauricella – differevent@gmail.com

PREMIO DONIDA: APERTE LE ISCRIZIONI PER IL CONCORSO DI COMPOSIZIONE MUSICALE

PremioDonida_bPREMIO DONIDA

APERTE LE ISCRIZIONI

PER LA PRIMA VOLTA ONLINE SU

www.premiodonida.it

FINO AL 30 LUGLIO SARÀ POSSIBILE INVIARE IL PROPRIO BRANO

PER PARTECIPARE AL CONCORSO DEDICATO AD UNO DEI PIÙ IMPORTANTI AUTORI DELLA MUSICA ITALIANA

Sono aperte le iscrizioni per la nona edizione del LOGHI DIONIDA e in memoria di CARLO DONIDA LABATI, autore di numerosi successi della musica italiana e, a lungo, collaboratore di Mogol. Fino al 30 luglio per la prima volta, basterà inviare i documenti e il proprio brano online sul sito www.premiodonida.it (dove è possibile trovare le informazioni relative alla nona edizione e le modalità di partecipazione).

 

«Penso che questa sia un’opportunità preziosa per i giovani che si avvicinano a questo settore – ha dichiarato MONICA DONIDA Presidente dell’Associazione La Compagnia di Donida – da un lato hanno la possibilità di provare un’esperienza professionale e di vita, dall’altro quella di poter ambire ad un futuro concreto nel settore. La composizione è un’arte complessa e difficile che richiede studi approfonditi, il Premio Donida è nato proprio per valorizzare i compositori, aiutandoli a inserirsi nel mondo della musica».

 

Il Premio è aperto a tutti i cantautori e compositori che abbiano compiuto 16 anni. I brani pervenuti verranno esaminati da una commissione artistica composta da esperti del settore: compositori, autori, musicisti, produttori e rappresentanti d’importanti major tra cui Universal Music Publishing Ricordi Srl, BMG, Warner Music Italia e Saar Records. I nominativi dei componenti della commissione verranno indicati sul sito del Premio Donida. La commissione avrà il compito di selezionare i brani che accederanno alle semifinali previste per settembre 2018 che avranno luogo a Milano e Roma. La finale si terrà il 30 ottobre 2018 presso la sala piccola del Teatro dal Verme di Milano.

 

Anche quest’anno il brano del vincitore sarà distribuito in tutti i maggiori store digitali dalle edizioni Universal Music Publishing Ricordi Srl, storica casa editrice dei brani del M° Carlo Donida, e avrà una promozione radiofonica di 90 giorni in radio, tv e carta stampata. La giuria che assegnerà il prestigioso riconoscimento sarà composta da nomi illustri del panorama musicale italiano, tra cui autori, compositori, editori, discografici e critici. Salvatore Depsa, Monica Donida e Massimo Satta costituiscono la direzione artistica. Il premio è patrocinato da Regione Lombardia, Comune di Milano e sostenuto da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.

 

Per info e iscrizioni  www.premiodonida.it

https://www.facebook.com/premio.donidahttps://www.facebook.com/pages/Premio-Donida/217453218275808

UFFICIO STAMPA: GAETANO PETRONIO gaetano@ufficiostampagpc.it