KUMI AND THE TRIUMPH OF LOVE IL NUOVO DISCO DELLA CANTANTE ITALO-GIAPPONESE

Cover disco_bKUMI

 

Il 5 aprile esce

 

KUMI AND THE TRIUMPH OF LOVE

IL NUOVO DISCO DELLA CANTANTE ITALO-GIAPPONESE CHE HA DUETTATO CON FRANCO BATTIATO E HA SUONATO AL FIANCO DI ARTISTI DEL CALIBRO DI

DEEP PURPLE, JEFF BECK, JETHRO TULL, GARY MOORE, ANI DIFRANCO, STEVE LUKATHER, VASCO ROSSI, BOB GELDOF, GOTTHARD

Da venerdì 5 aprile sarà disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming “KUMI and the Triumph of Love” (Routenote.com) il nuovo disco della cantante italo-giapponese Kumi, che nella sua carriera ha duettato (e ha partecipato al tour) con Franco Battiato, è stata in tour con Ani Difranco e Deep Purple ed ha aperto i concerti di artisti del calibro di Gary Moore, Jeff Beck, Jethro Tull, Steve Lukather, Vasco Rossi, Bob Geldof e Gotthard. L’anno scorso ha vinto il FIAT Music Tour 2018 organizzato da Red Ronnie e Fiat Music.

KUMI

“KUMI and the Triumph of Love”, è un disco alternative soul registrato tra Londra e Milano. L’album si sviluppa su diversi piani sonori mettendo insieme violoncello, pianoforte, chitarra, basso ed un tappeto ritmico creato da batterie, da suoni elettronici e da loop con i quali Kumi si diverte a giocare sia con parole, destrutturandone il significato, che con suoni inusuali (Dalla cipolla affettata in “Your Favorite Toy”, ai comuni suoni che si possono sentire – uova, frusta – mentre si prepara una ricetta come in “Je Voudrais Vous Dire Je t’Aime”, fino ai suoni di una foresta in “Restin’ Time”). Le melodie e gli arrangiamenti risaltano il colore e il timbro della voce di Kumi.

«Il mio mondo vuole andare oltre tutti i confini: territoriali, culturali e linguistici e musicali ed è anche popolato da suoni atipici. – commenta la cantante italo-giapponese – Ho voluto al mio fianco musicisti amici che stimo molto per creare un alternative soul pieno di ritmo, che affonda le sue radici vocali nella sensibilità rock distillata attraverso le jazz and blues torch songs.»

KUMI Cristina Watanabe è una cantante, autrice, sound-designer italo-giapponese cresciuta tra Germania, Messico, Giappone, Francia e Italia e suona il pianoforte e la batteria. Scrive oltrepassando ogni confine linguistico/culturale con brani che spaziano tra inglese, francese, italiano, giapponese e spagnolo. Gli ultimi undici anni trascorsi a Londra hanno contribuito ad accentuarne la sua creatività. In Inghilterra gli storici speaker Tom Robinson su BBC  6 Introducing e Gary Crawley su BBC LONDON hanno più volte passato alla radio i suoi brani. Nella sua carriera, tra i numerosi concerti, ha aperto gli spettacoli di: Gary Moore, Jeff Beck, Jethro Tull, Ani DiFranco, Deep Purple, Steve Lukather, Vasco Rossi, Bob Geldof e Gotthard. Ha duettato con Franco Battiato nell’album “X Stratagemmi” (Sony music) accompagnandolo nel tour Europeo del quale è stato registrato il DVD live “Un soffio al cuore di natura elettrica” (Sony music). KUMI scrive anche musica per visuals, pubblicità televisive e spettacoli teatrali.

 www.routenote.com

Ufficio Stampa KUMI: Ufficio Stampa GPC – Gaetano Petronio 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it

Annunci

In uscita il nuovo singolo di Bimeni

Bimeni.jpgJ.P. BIMENI

IL MIGRANTE FENOMENO DEL SOUL

IL 15 FEBBRAIO ESCE

FREE ME

ARRIVA ANCHE IN ITALIA IL MIGLIOR DISCO DELL’ANNO

PER BBC 6 MUSIC E UK VIBE MOJO

 

IN RADIO IL SINGOLO “I MISS YOU”

 

Da venerdì 15 febbraio arriva anche in Italia – nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming – “Free Me” (Tucxone Records/Self) il nuovo disco di J.P. Bimeni, il migrante del Burundi divenuto il nuovo fenomeno soul in Inghilterra.

Preceduto dal singolo “I Miss You” già in rotazione radiofonica nelle principali radio della penisola, “Free Me” è considerato il miglior album dell’anno da BBC 6 Music e Uk Vibe Moko.

 

J.P. Bimeni discende dalla famiglia reale burundese ma già all’età di 15 anni è costretto a fuggire dal suo paese allo scoppio della guerra civile, sopravvivendo  miracolosamente   a ben due attentati. Si rifugia nel Regno Unito e dopo qualche anno in Galles si stabilisce a Londra, dove abbraccia le infinite possibilità musicali che la città offre: jam session con la band di Roots Manuva, serate open mic insieme ai Noisettes e un incontro con una Adele all’epoca adolescente.

 

Il fatto che, come migrante, abbia vissuto un’esistenza fuori dall’ordinario e viva per raccontare questa storia rende le sue canzoni ancor più cariche di significato: «Quando mi trovavo sospeso tra la vita e la morte, dopo che mi spararono, chiamarono un prete per darmi l’estrema unzione – ricorda J.P. Bimeni – Ho guardato il prete e ho detto ‘Sento che non morirò. Sento che vivrò a lungo, conoscerò il mondo e proverò a me stesso che il mondo non è soltanto odio e violenza’».

 

A portarlo verso la strada che ancora oggi sta percorrendo è stato l’invito, nel 2013, ad unirsi alla tribute band ufficiale di Otis Redding. Partecipando, nel 2017, come ospite del gruppo funk Speedometer ad uno show in Spagna viene notato dalla Tucxtone Records che lo mette subito sotto contratto e dà inizio al suo progetto insieme ai The Black Belts la sua attuale band.

 

“Free Me” è deep soul all’ennesima potenza in cui risuona l’anima dell’Africa: le sue canzoni ci parlano di amore e perdita, speranza e paura, con la consapevolezza tipica delle vite messe innumerevoli volte alla prova. Alle jam funk si susseguono profonde ed accorate ballad provenienti dal southern soul, con un’atmosfera unica presente in tutto questo capolavoro, grazie a quel suo edificante stile africano. Che si tratti del funk di “Honesty”, della ribelle ed ispirata “Fade Away” o della commovente “I Miss You”, in ogni situazione J.P. Bimeni dimostra una incredibile profondità con la sua estensione vocale.

www.musicalista.it

Ufficio Stampa J.P. BIMENI: Ufficio Stampa GPC – Gaetano Petronio 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it

Promozione Radio J.P. BIMENI: Tunefit – Sandor Von Mallasz – Stefano Predolin stefanopredolin@yahoo.it

Booking J.P. BIMENI: Musicalista Produzioni – Magalì Berardo magalie@musicalista.it   

Musica e legalità – dal digitale al vinile il copyright

Maria Francesca Quattrone_bDAL DIGITALE AL VINILE

QUALI PROSPETTIVE PER GLI ARTISTI?

 

L’8 FEBBRAIO A CASA SANREMO PRESSO L’IVAN GRAZIANI THEATRE

 

Moderano

Luca De Gennaro e Maria Francesca Quattrone

 Nei giorni in cui da una parte a Bruxelles si discute della direttiva Copyright e del mercato unico digitale, dall’altra il focus resta sugli Artisti e sui titolari dei diritti d’autore e su come questi debbano segnare il loro percorso professionale in un mondo in continuo divenire.

Le sfide sono numerose e mentre tutto sembra andare verso la digitalizzazione delle opere e degli sfruttamenti o verso sistemi basati su registri distribuiti come la Blockchain ed i biglietti elettronici nominativi (per ovviare al secondary ticketing) molti artisti scelgono il vinile.

Certo questo non modifica il percorso del mercato, ma forse è un segnale che va ascoltato.

In occasione della 69esima edizione del Festival di Sanremo, lo Studio Legale Dike ha deciso di porre l’accento su questo tema organizzando l’incontro “Dal digitale al vinile – Quali prospettive per gli artisti?” (che si svolgerà venerdì 8 febbraio, alle ore 16.30, presso l’Ivan Graziani Theatre di Casa Sanremo).

«Abbiamo sentito l’esigenza di organizzare questo dibattito approfittando di una occasione davvero unica: la presenza di tutti gli operatori del settore. – commenta Maria Francesca Quattrone partner fondatore dello Studio Legale Dike – Poiché siamo a Sanremo e parliamo di musica abbiamo pensato fosse importante avere un momento di riflessione e di discussione su come costruire una carriera artistica oggi. Dal “Digitale al Vinile” è un po’ una provocazione perché in un’epoca in cui tutto va verso il digitale e naviga in rete, vi è un ritorno a riassaporare alcuni suoni e ed alcuni ricordi. Come mai?

È importante capire da dove si è partiti, dove ci si trova e verso quali scenari ci si deve proiettare. È importante capire il mercato discografico – anche a livello di numeri – come si presenta nel nostro Paese e nel mondo. Invitiamo a partecipare tutti gli operatori del settore perché fare un po’ di brain storming ascoltando voci diverse non sempre accade con questa facilità. Così anche noi legali comprenderemo sempre meglio le richieste dei nostri Clienti.»

“Dal digitale al vinile – Quali prospettive per gli artisti?”

moderano

Maria Francesca Quattrone e Luca De Gennaro (Responsabile Area Musicale Viacom Sud Europa)

 I produttori discografici ed editori

Enzo Mazza (Presidente SCF)

Sergio Cerruti (Presidente AFI)

Roberto Razzini (AD Warner Chappel Music Italia/Consigliere di Gestione SIAE)

Andrea Rosi (Presidente & Ceo Sony Music Ent. Italy)

 I distributori fisici e digitali

Chiara Santoro (Music Content Partnerships manager, Italy, Spain & Portugal, YouTube & Google Play)

Claudio Ferrante (CEO & Founder Artist First)

Il management

Paolo D’Alessandro (Motion Management – (Caparezza e Nickelback)

Il live

Daniele Parascandolo (Direttore Artistico Magellano Concerti)

Le collecting

Andrea Miccichè (Presidente Nuovo Imaie)

Inoltre prenderanno parte anche diversi artisti.

Lo Studio Legale Dike è una boutique di professionisti specializzati in diritto della proprietà industriale e intellettuale, dell’entertainment, dei media e delle nuove tecnologie, della privacy. Con un team di consulenti esperti garantisce assistenza anche in materie contigue o comunque connesse al diritto industriale, al diritto d’autore e dei media come il diritto amministrativo, il diritto del lavoro e la valutazione di asset d’azienda. Assiste Clienti che operano nel settore della musica, del cinema, della televisione e primarie multinazionali leader di mercato nelle nuove tecnologie. Gestisce i rapporti istituzionali con le Autorità di settore (Autorità Garante per le Comunicazioni, Garante Privacy, Autorità Garante per la concorrenza ed il mercato), e rappresenta diversi artisti e produttori nelle sedi istituzionali e avanti gli organismi di gestione collettiva e ed enti di gestione indipendente (SIAE, Nuovo Imaie, Itsright, SCF, ecc.). Ha sede a Roma, Milano e Reggio Calabria. Grazie ad accordi di partnership con primari studi legali internazionali fruisce nelle principali giurisdizioni straniere di una rete di professionisti di comprovata esperienza e specializzazione.

www.dikelegal.it 

www.dlegal.it 

Ufficio Stampa STUDIO LEGALE DIKE: Ufficio Stampa GPC – Gaetano Petronio 3491345575 gaetano@ufficiostampagpc.it      

 

YAMATT CONTINUA IL SUCCESSO DELLA HIT LEONE

yamatt9YAMATT

CONTINUA IL SUCCESSO DELLA HIT

LEONE

IL 22 FEBBRAIO DAL VIVO DURANTE LA SERATA LINOLEUM AL ROCKET CLUB DI MILANO

 Venerdì 22 febbraio, alle ore 23.00, al Rocket Club di Milano (Alzaia Naviglio Grande, 98 – ingresso 10 euro con consumazione previo inserimento in lista) nell’ambito della serata Linoleum YaMatt si esibirà in apertura del concerto della rapper italiana Priestess. Nel frattempo, il giovane talento è rientrato in studio con il produttore Riccardo Sciré (già al fianco di Riki) per produrre quattro nuovi inediti.

Intanto, il singolo “Leone” – presentato durante il talent “Amici” condotto da Maria De Filippi – è ad oggi a più di 36.000 stream su Spotify e a più di 65.000 visualizzazioni su YouTube e dimostra essere ogni giorno di più una hit che sta lasciando il segno nell’attuale panorama musicale. Come dice il ritornello, questo giovane talento sta già conquistando la savana:

yamatt6Sono un leone se

un leone se

conquisto la savana

sono un leone se

un leone se

conquisto la corona

 

Matteo Galvani, in arte YaMatt, avvia la sua carriera musicale con la fondazione del gruppo Mad&Bros nel 2013. Con la produzione del primo video della band, di cui si è occupato in prima persona, ha potuto sperimentare le sue abilità nel video-making. Tre anni dopo ha svolto la sua prima esperienza come Assistente alla Regia per YouNuts!, sui set di Jovanotti, Salmo, Marco Mengoni, Nitro, Maneskin e molti altri. Nel 2016 ha recitato insieme ai Mad&Bros nel film Disney “Come diventare grandi nonostante i genitori“. Nel 2017 ha preso parte, in veste di attore, alle riprese del video Fenomeno di Fabri Fibra. Nel 2018 avvia la sua carriera da solista con lo pseudonimo di YaMatt e pubblica tre video: Selvaggi, Leone e Fuorilegge, interamente scritti e diretti da Matt.

www.facebook.com/wowmanagement/

 Ufficio Stampa YaMatt: Ufficio Stampa GPC

FOLCO ORSELLI BLUES IN MI VOL. 1 DAL VIVO AL POLSKI KOT DI TORINO

folco orselliFOLCO ORSELLI

BLUES IN MI – VOL. 1

DOMANI SERA DAL VIVO AL POLSKI KOT DI TORINO

per la rassegna “Da via Massena al West”

 Domani sera, sabato 5 gennaio, alle ore 21.30, il cantautore milanese Folco Orselli si esibirà dal vivo sul palco del Polski Kot a Torino (via Massena, 19/A – ingresso aperitivo e spettacolo 10 euro – info su polskikot.wordpress.com) per presentare il suo nuovo disco “Blues in Mi – Vol. 1” (Muso Records-Moletto/Self-IDM) in occasione di “Da via Massena al West”, la rassegna musicale curata da Federico Sirianni.

«Da questo disco è scaturito un progetto più ampio dal titolo “Blues in Mi: periferia identità di Milano” – commenta Folco Orselli – trattasi di una serie di docufilm, diretti da Il Terzo Segreto di Satira e ideati da me e dal mio staff creativo, che gireremo lungo il 2019 e che racconteranno, attraverso le mie canzoni, il lato più blues di Milano, i suoi quartieri, la sua gente e l’esperimento continuo di integrazione tra culture, vera sfida sociale dei prossimi anni.»

«Ho riunito i musicisti con cui suono da sempre e abbiamo registrato questi pezzi – commenta ancora Folco Orselli – che sono un compromesso tra la forma canzone e il blues e che andranno a finire in due dischi: Blues in MI volume 1, che presentiamo ora e, Blues in Mi volume 2 che presenteremo a Novembre 2019.»

“Blues in Mi – Vol. 1” è composto di dodici tracce di blues tagliente cadenzato da riff pieni di groove che il cantautore milanese affianca a testi che delineano storie dalla forte componente milanese ma altrettanto diretti e ironici da poter abbracciare un immaginario molto più vasto.

Nel disco, al fianco di Folco Orselli (voce, chitarre, percussioni e cori), hanno suonato Enzo Messina (piano, wurlitzer, hammond, chitarra wha e slide, programmazioni e percussioni), Leif Searcy (batteria), Paolo Legramandi (basso elettrico e acustico), Daniele Moretto (tromba), Pepe Ragonese (tromba), Valentino Finoli (sax), Luciano Macchia (trombone) e Francesca Risoli (cori).

Folco Orselli compositore e cantautore milanese, suona chitarra e pianoforte. Nel 1995, con il duo Caligola, partecipa al Festival di Sanremo nella categoria ‘Giovani’ e, nel 1996, esce il suo primo album “Il sole che respira” (EMI). Segue una partecipazione come band di apertura del “Golden Eye Tour di Tina Turner (1996) e dello “Spirito Divino Tour” di Zucchero Fornaciari (1996). Nello stesso anno nasce il progetto musicale “Folco Orselli e La Compagnia dei Cani Scossi” con cui autoproduce l’album di inediti “La stirpe di Caino” (2000). Parallelamente crea il Caravanserraglio, autentico e originale movimento musicale formato da un gruppo di affiatati cantautori milanesi. Nel 2003 suona, interpretando il ruolo di sé stesso, nel lungometraggio di Silvio Soldini “Agata e la tempesta” e canta “More” per i titoli di coda. Nel novembre 2004 esce il suo terzo album “La Spina”, prodotto da Lifegate e registrato alle Officine Meccaniche di Mauro Pagani, dove sarà registrato anche il suo quarto album “Milano Babilonia” (2007). Nel corso dell’edizione di Musicultura 2008, il cantautore è Vincitore del Premio della Critica, Vincitore del Miglior Testo e Vincitore Assoluto votato dal pubblico con il brano “L’amore ci sorprende”. Folco Orselli è stato l’unico nella storia di Musicultura a vincere tre differenti e importanti premi contemporaneamente nel corso della stessa edizione. È del 2011 “Generi di conforto”, disco di ballate registrato con un’orchestra d’archi. Nel 2013/14/15 crea insieme a Carlo Fava e Claudio Sanfilippo “Scuola Milanese”, con 24 appuntamenti tematici sulla città di Milano, a cui partecipano più di 100 ospiti di spicco a Milano (Giuliano Pisapia, Stefano Boeri, Gillo Dorfles, Ornella Vanoni…). Folco Orselli è stato in tour con lo spettacolo “Passati col rosso” con e di Gino e Michele, per la regia di Paolo Rossi. Nel Dicembre 2015 esce il suo ultimo album “Outside is my side” co-prodotto con gli stessi Gino e Michele. Nel Settembre 2018, Folco Orselli ha partecipato, come gli anni precedenti, con Scuola Milanese, alla seconda edizione di Fuori Cinema, rassegna ideata da Gino e Michele, Sky e Cinema Anteo, in collaborazione con Cristiana Capotondi.

www.folcoorselli.com;

ANTONELLA RUGGIERO fuori ora SENZA IL NUOVO INEDITO DELLA CANTANTE ITALIANA

Antonella Ruggiero2_bANTONELLA RUGGIERO

 

Esce oggi

 

SENZA

IL NUOVO INEDITO DELLA CANTANTE ITALIANA

Fuori ora, lunedì 31 dicembre, “Senza”, il nuovo inedito della cantante italiana che ha appena pubblicato la sua nuova opera “Quando facevo la cantante” (Libera/distr. Artist First).

“Quando facevo la cantante” è la nuova opera discografica di Antonella Ruggiero in sei dischi e centottanta pagine di approfondimento musicale e sperimentazione fotografica. Centoquindici brani in cui l’interprete e autrice raccoglie il meglio delle registrazioni live dal 1996 ad oggi, insieme a brani registrati sia in concerto che in studio, mai pubblicati prima.

Un lungo viaggio nella ricca e imprevedibile carriera solista della cantante genovese, che oggi – lunedì 31 dicembre – viene presentato con il nuovo brano “Senza”. Un brano inedito che volutamente non comparirà in quest’ultimo lavoro di Antonella Ruggiero.

«Ho voluto tenere “Senza” fuori dalla raccolta dei 115 brani, racchiusi in “Quando facevo la cantante”, per un’occasione speciale. – commenta Antonella Ruggiero – E questa è quella giusta. Questo brano rappresenta ciò che penso da sempre, e cioè, che le cose importanti sono davvero poche e tutto il resto non è che un inutile orpello che condiziona la vita. A chi l’ascolterà e vorrà farla ascoltare ai più giovani, dico Grazie.»

 L’autrice di “Senza” è Yel Bosco, l’arrangiamento e la produzione sono a cura di Roberto Colombo.

“Quando facevo la cantante” è stato realizzato con la straordinaria partecipazione di: Frank Gambale, Mark Harris, Maurizio Colonna, Ramberto Ciammarughi, Riccardo Fioravanti, Bebo Ferra, Ivan Ciccarelli, Paolo Di Sabatino, Fabio Zeppetella, Francesco Buzzurro, Giuseppe Milici, Luca Colombo, Renzo Ruggieri, Andrea Bacchetti, Francesco Cafiso, Gabriele Mirabassi, Claudio Fasoli, Arkè String Quartet, Guitart, Banda Osiris, I Virtuosi Italiani, Hathor Plectrum Quartet, Banda Osiris, Palast Orchester, Ensemble Hyperion, Italian Saxophone Orchestra, Coro Sant’Ilario e Coro Valle dei Laghi, Orchestra Sinfonica Abruzzese, Orchestra dell’Accademia Naonis di Pordenone, Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, Orchestra Sinfonica di Brescia, Orchestra Cantelli, I Pomeriggi Musicali e Polifonica Santa Cecilia.

www.antonellaruggiero.com

ALESSANDRO RAGAZZO ESCE CON IL SUO NUOVO DISCO

MALAMENTE-BackstageAlessandroRagazzo_bALESSANDRO RAGAZZO

ESCE

CADO GIÙ  

IL VIDEO DEL NUOVO SINGOLO DEL GIOVANE CANTAUTORE VENEZIANO

 

Esce oggi su YouTube il video di “Cado giù” (Tank of Music/Malamente Records) il nuovo singolo di Alessandro Ragazzo, giovane chitarrista e cantautore veneziano.

Il video è stato girato con la regia di  Marco Da Re e con la partecipazione di Alessandro Burbank, poeta, performer e promotore di eventi culturali.

Cado giù è un lavoro che dimostra una solida maturità nel testo e nella musica, dove le chitarre incontrano i synth e le tastiere dando vita a una melodia malinconica ma allo stesso tempo intensa e graffiante.

Cado giù come un pugile venduto e mi domando se abbia un senso

cadere sempre al primo colpo

E che senso abbia dire aaah se poi non mi rialzo

e non sento niente

Chitarrista, cantante e compositore, Alessandro Ragazzo nasce a Venezia nel 1994. Il suo primo Ep “Venice”, disco del giorno su “Rockit”, è presentato al Coin Store di Mestre nel febbraio 2015 e da quel momento comincia ad esibirsi in acustico suonando in importanti locali e festival della zona e non solo (Suoni Di Marca, Mame Club, Across the university, Curtarock, Rivolta, Argo16-SpazioAereo, Sherwood Open Live, Home Rock Bar, Arteria, Mast). Nell’Ottobre del 2016 Alessandro fa un mini tour per Londra che lo porta a suonare in diversi locali ed eventi della città ricevendo ottimi feedback. Nel dicembre dello stesso anno partecipa ad un contest di Radio Popolare a Milano classificandosi secondo. Il 24 Dicembre 2016 esce una versione Unplugged del suo Ep “Venice” con all’interno un inedito. Nei Flux Studios di New York (dove hanno registrato anche Shakira, The do, David Crosby, Sean Lennon) ha registrato e prodotto il suo terzo Ep uscito l’8 Maggio 2017 per Nimiq Records, di nome “New York”, che ha ricevuto ottimi consensi dalla critica. Durante il 2018 Alessandro è protagonista di due diversi tour, che toccano diverse città italiane tra cui Trieste, Roma, Bologna e Perugia in cui porta le sue canzoni e accompagna alla chitarra Are You Real?. Alessandro partecipa a numerosi format musicali come Sofar Sounds, BalconyTv ed indiemood session ed ha aperto concerti di Giorgio Poi, Matt Elliott, Emily Wells, Hugo Race e Galeffi.

www.youtube.com/alessandroragazzo ; www.facebook.com/alessandroragazzomusic; www.instagram.com/alessandro__ragazzo