INTERVISTA VIDEO AD ILARIA CECI DI PROGETTO LUNGA VITA FESTIVAL … L’ARTE IN OGNI LUOGO

Andare a vedere un concerto gospel invitata da un’amica ed imbattersi in un progetto culturale e sociale di grande valore. Il bello di questa mia passione per la divulgazione e per lo spettacolo. Ed ecco che, presso l’Accademia Nazionale di Danza a Roma, incontro una giovanissima direttrice organizzativa, Ilaria Ceci, che ci illustra le attività del Progetto Lunga Vita Festival. Come i giovano, riunendosi, riescano a portare l’arte in luoghi chiusi e difficili. Un grande in bocca al lupo a questo gruppo di ragazzi. Vi invito a vedere e condividere la mia intervista video.

Sara Lauricella

Annunci

IL DUO BIT’N B IN VERSIONE ACUSTICA CON LE LORO COVER DALL’ANIMA SOUL PER L’ESTATE ROMANA

bitnb corretta

Due giovanissimi dall’anima soul e black intoneranno le loro calde note alla banchina sul Tevere “Poveri ma belli” in uno dei punti più affascinanti di Roma in una rassegna che fa parte del progetto di intrattenimento della capitale “Estate Romana”. Oggi 10 agosto dalle ore 21.30m circa il giovane duo, composto da Giorgia Quagliola ed Alessandro Passi, si proporranno al pubblico con le loro rivisitazioni di brani noti sia del panorama musicale italiano che internazionale, in uno stile a cavallo tra il classico soul e gli arrangiamenti attuali. Il duo artistico Bit’N B, benchè di recente formazione, sta già riscuotendo un interessante successo di  seguito e di ascolti proprio per la particolarità delle loro proposte. Gli artisti, che fanno parte dei venerdì musicali proposti dalla direzione artistica di #Differevent di Sara Lauricella, fanno parte della “scuderia” della Produzioni Why Not…? di David Pironaci, che tanto investe nei giovani talenti ed in nuovi progetti musicali. E sarà proprio David Pironaci a presentare i Bit’n B sul palco  raccontandoci anche un po’ il percorso di questi giovanissimi che hanno scelto di proporsi in uno stile così particolare, che potremo continuare ad ascoltare anche in altre tappe del loro minitour.

FB_IMG_1533905212168[1]Sabato  11 agosto si proseguirà poi con la vitalità di Rock Circus Bandche proporranno uno show liver di Rock Dance, aspettando  il 15 agosto con la Fp Band in concerto che ripercorrerà i successi anni 70 ed 80.  Il progetto “Poveri ma belli”, è stato ideato e proposto dalla “Take off 2011” che si è attivata per mettere in atto la riqualificazione di una parte della banchina sul Tevere abbandonata restituendola ai cittadini ed ai turisti, oltre ad offrire varietà gastronomiche e dare spazio a diversi artisti del mondo della musica, dell’arte, dell’editoria e del teatro.

FB_IMG_1533905198991[1]Tra un piatto di pesce fresco, un po’ di sushi, un gelato, ascoltando musica e guardando spettacoli,  si partecipa anche alla buona riuscita di progetti sociali. Con  questo format, infatti, la Take off 2011,  si è attivata per  provvedere all’inserimento sociale e lavorativo di alcuni ragazzi di una nota casa famiglia ed ha scelto di affidare la sorveglianza ad una cooperativa di vigilantes composta da personale extracomunitario. Un rassegna sempre piena di stimoli il “POVERI MA BELLI”  e sempre aperta a dare nuovi enzimi culturali.

Per info ed aggiornamenti ci trovate su tutti i social, seguendo l’hastag #pmbfestival nella pagina  www.facebook.com/poverimabellifest/

Coordinamento stampa e sponsor media Sara Lauricella – differevent@gmail.com

SALINA DOC FEST … spettacoli e musica invadono la bella isola mediterranea

san sebastianSalina luogo di fughe e di approdi, crocevia di incontri tra persone che viaggiano con il proprio bagaglio personale e culturale, Isola come metafora di una comunità fluida e in divenire che trae la sua forza dall’isolamento, senza mai diventare isolata. Un luogo – spiega – dove ci si sente accomunati dallo stesso orizzonte culturale di una comunità che dal mare mediterraneo trae la propria cultura e nel mare si riconosce ritrovando un universo comune di valori condivisi. Da qui il tema prescelto: Comunità –  Isolani sì, isolati no!.

Ritrovare il senso della Comunità è il presupposto che ha mosso dalle origini il SalinaDocFest e che quest’anno viene ribadito con forza per ricominciare a raccontare il nostro paese e ricostruire quell’orizzonte comune, che passa attraverso la memoria, lasciataci in eredità dai nostri padri.

Ad aprire il festival il 13 settembre, sara’ Mario Incudine, da quest’anno alla direzione artistica della sezione Spettacoli e Musica del SalinaDocFest, con il celebre “U lamentu pi la morti di Turiddu Carnevale, scritto dal poeta Ignazio Buttitta per il cantastorie paternese Ciccio Busacca, e ispirato alla vita del sindacalista Turiddu Carnevale ucciso dalla mafia nel 1955 e protagonista di Un uomo da Bruciare (1962), il primo lungometraggio dei fratelli Taviani, che sarà proiettato in apertura del festival, in omaggio a  Gian Maria Volonté (protagonista del film) e Vittorio Taviani recentemente scomparso.

Artista poliedrico e straordinario, Mario Incudine, con Gaspare Balsamo e Giovanni Calcagno, porteranno al festival la tradizione dell’arte dei narratori orali e poeti popolari passati attraverso la moderna rivisitazione dei grandi maestri Mimmo Cuticchio e Ciccio Busacca. Gli eroi dei narratori sono gli stessi cavalieri carolingi dell´opera dei pupi, ma non solo. Questi artisti di strada, cantori siciliani, porteranno al SalinaDocFest un “contro-cunto” itinerante in acustica tra le cantine delle Malvasie delle Lipari con Gaspare Balsamo, Giovanni Calcagno e Mario Incudine, che con la chitarra e la voce scandirà i tempi del racconto. Tre narratori orali reintepretano e attualizzano, in maniera fantasiosa e alla luce del presente, il mito di Ulisse e Polifemo rivisitatandolo alla luce della tragedia contemporanea dei viaggiatori migranti. In chiusura del festival il cunto del narratore orale iracheno-palermitano Yousif Latif Jaralla, della scuola di Mimmo Cuticchio, con Roberto Alajmo.

 

Isolani, non isolati! Per ribadire l’importanza del valore della comunità il simbolico gemellaggio con la Valigia dell’Attore diretto da Giovanna Gravina a La Maddalena dove Giovanna Taviani con Renato Scarpa il 29 luglio presenterà Sotto il segno dello Scorpione (1969) dei Fratelli Taviani, mentre a settembre avverrà lo scambio tra i due festival con la presenza di Giovanna Gravina a Salina.

 

Così il SalinaDocFest, entrato nel Calendario dei Grandi Eventi della Regione Sicilia, presenta il tema di quest’anno al centro del XII Concorso Internazionale del Documentario narrativo (Premio Tasca D’Almerita e Premio Signum del Pubblico) con un parterre di nomi internazionali per il Premio RavesiDal testo allo Schermo e il Premio Irritec a un ospite siciliano speciale che presto sarà reso pubblico. Quest’anno la selezione del Concorso del SalinaDocFest, a cura di Antonio Pezzuto per i titoli nazionali, con Ludovica Fales e Stefano Missio per i titoli stranieri, proporrà una selezione di sette film tra i migliori documentari prodotti quest’ anno, dalla forte risonanza internazionale, sul tema prescelto dal Festival “Comunità”, per indirizzare lo sguardo fuori dai nostri confini e dai nostri orizzonti e provare a ripensare all’altro e al diverso da una prospettiva comune.

 

Il SalinaDocFest alla sua dodicesima edizione è cresciuto in questi anni e e trova conferma nei nomi prestigiosi del Comitato Scientifico del festival che, a partire da quest’anno, può contare anche sullo scrittore Roberto Alajmo, il giornalista Francesco D’Ayala, i critici Fabio Ferzetti e Enrico Magrelli, lo sceneggiatore Andrea Purgatori.

IL GIOVANE FEDERICO PROIETTI IN ACUSTICA SUL TEVERE A “POVERI MA BELLI” PER L’ESTATE ROMANA – di Sara Lauricella

IMG-20180719-WA0021

Altro weekend entusiasmante per la banchina sul Tevere in uno dei punti più belli di Roma che fa parte del progetto di intrattenimento della capitale “Estate Romana”.

FB_IMG_1532003128967 Si comincia con il venerdì letterario organizzato da “Insieme per l’Arte” di Ella Grimaldi e con la presentazione del libro “Frammenti” di Domenico Oriolo e l’importante tematica sociale trattata, moderatore della presentazione il dott. Claudio Mazzella, psicoterapeuta, accompagnati dalle letture dell’attore Dante Perrel. Come ormai di consueto i venerdì culturali musicali proseguono con l’apporto di #Differevent di Sara Lauricella che, in questa serata, propone un giovane e talentuoso artista romano: Federico Proietti. L’artista è appena uscito su tutte le piattaforme con il suo nuovo video “Davide x Golia” ed il videoclip stà già riscuotendo un grande successo sul “Tubo” superando le 17.000 visualizzazioni in poco meno di un mese dall’uscita.

Lo stile fresco e frizzante del giovane cantautore è molto coinvolgente e lo si può vedere ed ascoltare in diversi locali dell’interland romano, ma per questa serata eccezionale dell’Estate Romana, avremo modo di apprezzare Federico Proietti in versione acustica, per un omaggio che l’artista vuol fare alla romantica sede sul Tevere e con lo sfondo di Castel Sant’Angelo.

FB_IMG_1532003142109

Marco Liotti & Fifty Fifty

Il sabato si proseguirà poi con l’esibizione di Marco Liotti & Fifty Fifty in concerto al 33 Tevere, uno dei locali adiacenti al palco sulla banchina, che si sta prodigando per offrire gli spettacoli del sabato sera. Il progetto “Poveri ma belli”, è stato ideato e proposto dalla “Take off 2011” che si è attivata per mettere in atto la riqualificazione di una parte della banchina sul Tevere abbandonata restituendola ai cittadini ed ai turisti, oltre ad offrire varietà gastronomiche e dare spazio a diversi artisti del mondo della musica, dell’arte, dell’editoria e del teatro. Tra un carciofo alla giudia, un piatto di pesce fresco, un po’ di sushi, un gelato, ascoltando musica e guardando spettacoli, si partecipa anche alla buona riuscita di progetti sociali. Con questo format, infatti, la Take off 2011, si è attivata per provvedere all’inserimento sociale e lavorativo di alcuni ragazzi di una nota casa famiglia ed ha scelto di affidare la sorveglianza ad una cooperativa di vigilantes composta da personale extracomunitario. Un rassegna sempre piena di stimoli il “POVERI MA BELLI” e sempre aperta a dare nuovi enzimi culturali. Per info ed aggiornamenti ci trovate su tutti i social, seguendo l’hastag #pmbfestival nella pagina http://www.facebook.com/poverimabellifest/

Coordinamento stampa e sponsor media Sara Lauricella – differevent@gmail.com

Di seguito BIOGRAFIA del cantautore Federico PROIETTI

Federico Proietti nasce a Roma il 19 Maggio 1996.
Il cantautore inizia a prendere lezioni private di chitarra in seguito al suggerimento del suo insegnante di musica.
Mentre frequenta il liceo viene scelto per partecipare ad un corso per autori al CET, la scuola di Mogol.
Intraprende il percorso accademico al St. Louis College of Music di Roma, dove tutt’ora sta studiando per diplomarsi in Chitarra Pop.
Inizia a cantare davvero dopo aver scritto la sua prima canzone, avvicinandocisi in precedenza solo grazie al suo amore per la musica e alle sue esperienze teatrali come attore di Musical nell’associazione culturale ”Compagnia della Nanas”.

 

Vanta una grande esperienza live, sia con varie band che come solista, salendo su palchi importanti come quelli di Auditorium  Parco della Musica, Atlantico Live, Terrazza del Pincio, Jailbreak, Monk e tanti altri.
Il 22 Dicembre 2017 esordisce con il suo primo singolo “Regina delle tenebre”, e il 5 Marzo 2018 il relativo Videoclip Ufficiale. Il suo secondo lavoro in studio “Davide x Golia” esce il 25 Maggio 2018, mentre il video esce esattamente un mese più tardi.

 

Nelle sue canzoni parla di esperienze, sensazioni o semplicemente di storie inventate, mettendole in musica in un incrocio di generi che va dal Pop all’ Indie, passando dal Rap all’Alternative Rock, in chiave fresca e moderna.

IMG-20180719-WA0018

Il week end di “Poveri ma belli” tra teatro, musica, arte, buon cibo e … tanti talenti

FB1Sta per iniziare il primo week end festivo della nuova banchina sul Tevere “Poveri ma belli” la rassegna di food, arte e musica sul Lungotevere in Sassia (due ingressi sia sotto Ponte Vittorio che da Piazza della Rovere). La rassegna fa parte delle iniziative dell’estate romana, e, per questo weed end, che comprende anche la festività di San Pietro e Paolo, IMG-20180625-WA0000[1]

 

 

presenta ai cittadini ed ai turisti, un ricco programma culturale e di intrattenimento oltre le tante e succulente proposte culinarie. Si inizia già da mercoledì con l’appuntamento fisso con il Dj Set di Larry C, si continua il giovedì con un altro appuntamento fisso con la serata “SSB *#SANZALA SUMMER BEATS” – genere Kizomba Bachata afrobit e reggetton-,

IMG-20180622-WA0000[1]

per continuare con l’esplosivo e festivo venerdì 29 giugno con un triplo spettacolo condotto da Sara Lauricella e David Pironaci: dalle 21 si inizia con il teatro e la piece, scritta appositamente per la manifestazione, dal titolo “Poveri ma belli” da Marianna Petronzi e Carlo Baldassini ed interpretata dagli stessi autori ed attori, conla speciale cornice di quadri di pittura digitale di Michele Grimaldi. La serata del venerdì 29 continua poi, a partire dalle  22.30 con degli artisti musicali del team #Differevent e Produzioni Why Not…?. Si inizia la prima parte con l’acustico e poi si conclude la serata con il rock pop.

francesco oscar ferraro

Francesco Oscar Ferraro

L’introduzione è affidata all’indie pop dell’alternativo Francesco Oscar Ferraro, accompagnato alla chitarra dal bravissimo Ezio Natale,

ezio natale

Ezio Natale

 

che ci introdurrà in un mondo musicale che unisce in se le canzoni “datate” ma riadattate in chiave moderna ed accattivante.

 

Lo stesso chitarrista accompagnerà, a seguire, Mike di Tommaso, un altro giovane artista, questa volta del panorama black soul con uno stile anche più ballabile.

 

mike di tommaso

Mike di Tommaso

 

La serata sarà poi conclusa con la band Alicia Pizzonia & Black Soul che ci faranno urlare e sfogare con il loro rock di cover e non solo. Non si può non concludere la settimana con il sabato dedicato alla pop dance con la band EMTV che ci farà scatenare. Ma “Poveri ma belli” non è solo musica e spettacoli: tante le degustazioni disponibili a partire dalla classica ed italianissima pizza, a continuare con le proposte gastronomiche internazionali passando per l’orientale sushi.

alicia pizzonia

Alicia Pizzonia

Ovviamente con dolci e bevande in quantità. Una rassegna mai monotona che si appresta a diventare un punto fermo per l’intrattenimento di romani e turisti. Nelle prossime settimane vedremo anche mostre d’arte, di fotografia, reading di poesia, presentazioni di brand, tanta musica, Made in Italy ed eventi internazionali. Un dialogo dunque tra le diverse discipline artistiche per colorare le già suggestive serate estive sul Tevere, esperienze culturali originali e creative, ricche di linguaggi e pratiche che pongono al centro lo spazio pubblico e lo stare insieme.

Per info ed aggiornamenti ci trovate su tutti i social, seguendo l’hastag #pmbfestival nella pagina http://www.facebook.com/poverimabellifest/

Coordinamento stampa Sara Lauricella – differevent@gmail.com

“Reginella Street” Festa Europea della Musica 2018

Reginella StreetREGINELLA STREET

Festa Europea della Musica 2018

 

21 giugno ore 18.00 – 23.30

 

Via della Reginella e Piazza Mattei, Roma

 

Reginella Street è il primo di una serie di eventi a carattere trimestrale tra via della Reginella e Piazza Mattei nato per rivitalizzare il cuore del Rione Sant’Angelo: il 21 giugno in occasione della Festa Europea della Musica alcune attività artistiche e artigianali rimarranno aperte oltre l’orario abituale per offrire a clienti e passati esibizioni, concerti, aperitivi, sconti e dimostrazioni. Un palinsesto variegato per vivere una serata alla scoperta di una realtà caratteristica e poco conosciuta.

 

Partendo dalla piazza, Le Tartarughe Eat & Drink avvia il proprio programma alle 18.30 con la mostra Recent Works on Ceramic – Sottocosto 6 di Claudio Andreoli, appuntamento che si concentra sul tema dell’accessibilità in arte. A seguire, dalle 22.00, Marco Pische – voce e chitarra – e il suo repertorio cantautorale con l’esibizione “Mutande calzini disordine nel bar”.

All’inizio della via, SharingMood arti e mestieri propone l’esposizione dei quadri di Barbara Pellegrini, gli arredi di design di Giovanni Di Stefano e i gioielli di ArteKuthuma oltre al calendario dei corsi 2018-19. Dalle ore 19 comincia il primo intervento con le improvvisazioni musicali di Marco Fratini.

L’Officina Naturale – Erboristeria presenta la Linea Aequanime con la degustazione delle Formule Nutrizionali Golden Milk &Ojas; la dott.ssa Scalesse dalle 21 offre una serata open sul Metodo 3Emme depurazione e benessere psicofisico; amiche/clienti Allyouneed indossano un gioiello della collezione pezzi unici; il Centro Benessere Hara ha in serbo piccole sorprese con la descrizione dei loro trattamenti. Tutto in un’atmosfera di colori profumi e musiche orientali.

Marta Ray, esempio di eccellenza nel campo del fashion design, in cui la tradizione italiana della lavorazione artigianale della pelle si sposa a una meticolosa cura dei dettagli e alla ricerca continua di un disegno innovativo e funzionale, ha pronte delle novità da  mostrare alle proprie clienti.

Si prosegue verso la metà di via della Reginella dove la Galleria Opera Unica inaugura l’ultima produzione LightMusic di Sandro Melaranci, progetto legato alla luce, al design e alla musica; lampade d’autore composte utilizzando spartiti e veri strumenti quali violini e fiati, pezzi unici realizzati artigianalmente. È inoltre esibito un quadro di grandi dimensioni di Claudio Andreoli.

Da Pocket Art Studio, laboratorio artistico e spazio espositivo da poco aperto al numero 11 della strada, la performance pittorica di Barbara Berardicurti prevede l’esecuzione, durante l’arco della serata, di un dipinto a tema musicale. Ospiti della galleria, assieme alla padrona di casa: Marco Cavalieri, Fabio Imperiale, Francesca Mariani, Claudio Meli e marta ray, Giuseppe Ribechi.

Moodoricco, pelletteria handmade e made in Italy, solo per la Festa della Musica offre ai propri habitué e ai visitatori intervenuti per l’occasione uno sconto del 20% sulla sua produzione: borse, zaini, valigie, giubbotti, scialli e scarpe della collezione primavera-estate. Una opportunità imperdibile.

Infine TheShape Salon | Hair Project & Female Lab prolunga l’orario del suo consueto Bella di notte: i giovedì dedicati a tutte le donne che non vogliono rinunciare a regalarsi una coccola e un momento di relax anche quando fuori è buio. Clienti, ospiti e curiosi si possono intrattenere con un aperitivo offerto dalle titolari Marina Lamonaca e Cristina Matacotta.

Lo scopo è valorizzare e mettere in rete le forze che insistono su quel quadrante di città: solo mostrando le differenti offerte dell’area, spesso offuscate da situazioni storicamente più riconosciute anche se similari, si può facilitarne un rilancio. C’è una ricca offerta di arte contemporanea, con una concentrazione sorprendente di gallerie e non profit. È possibile ancora trovare spazi riservati alla lavorazione artigianale, al restauro, scomparsi in molte parti del centro. Non mancano negozi e botteghe specializzati nella cura del corpo. Reginella Street vuole portare alla luce la ricchezza dell’offerta del luogo attraverso un palinsesto ogni volta diverso.

 

REGINELLA STREET

Festa Europea della Musica 2018

 

Con il Patrocinio del Municipio Roma I Centro

 

21 giugno ore 18.00 – 23.30

Via della Reginella e Piazza Mattei, Roma

 

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1096276997203829/

Per informazioni: sharingmood2017@gmail.com

 

LUOGHI DI SVOLGIMENTO:

Le Tartarughe Eat & Drink, Piazza Mattei 7/8
SharingMood arti e mestieri, via della Reginella 1a

L’OFFICINA NATURALE – Erboristeria e Centro Benessere, via della Reginella 3

Marta Ray, via della Reginella 4

Pocket Art Studio, via della Reginella 11

TheShape Salon | Hair Project & Female Lab, via della Reginella 12

Moodoricco, via della Reginella 23

Galleria Operaunica, via della Reginella 26

 

Grande successo per la V edizione del Festival della Bellezza a Verona … con Morgan

Morgan al Festival della Bellezza 2018V edizione

Festival della Bellezza – i Maestri dello Spirito

 

Il festival culturale di Verona si afferma

tra le più prestigiose manifestazioni culturali italiane

 Sold out per oltre 30.000 presenze

 Un unicum nel panorama nazionale

Eventi unici e anteprime

 Nel 2019 previsti appuntamenti speciali all’Arena di Verona

www.festivalbellezza.it

Morgan_b

(Verona 12.06.2018)

GRANDE CRESCITA DI UN FESTIVAL CHE RAPPRESENTA UN UNICUM NAZIONALE CON EVENTI INEDITI

Con oltre 30.000 presenze, teatri sold out, eventi unici ideati per il festival da grandi intellettuali e artisti, spettacoli e concerti in prima nazionale, il Festival della Bellezza si afferma alla quinta edizione tra i più prestigiosi appuntamenti culturali italiani.

Per 15 giorni, dal 27 maggio al 10 giugno, Verona è stata palcoscenico per riflessioni sui poeti e la bellezza, che hanno appassionato un pubblico proveniente da ogni parte d’Italia e anche dall’estero, con 20 appuntamenti in ambienti di grande storia e suggestione come il Teatro Romano, il Teatro Filarmonico e il rinascimentale Giardino Giusti.

Il Festival si conferma un unicum nel panorama culturale italiano con un format che unisce le riflessioni culturali e il pathos dello spettacolo attraverso filosofi, attori, musicisti, critici d’arte, scrittori.

“Siamo felici di poter constatare, a due giorni dalla chiusura del festival, il grande successo registrato dall’edizione di quest’anno – ha dichiarato il sindaco Federico Sboarina -. Mai come in questo caso il titolo della manifestazione rappresenta appieno la nostra idea di cultura: in una cornice spettacolare, appuntamenti di grande bellezza e spessore. Questa rassegna, inoltre, si sposa esattamente con la nostra volontà di alzare l’asticella culturale della città, ecco perché siamo orgogliosi di sostenerla e continueremo a farlo”.

Il direttore artistico Alcide Marchioro ha sottolineato come l’idea di bellezza del festival ha a che fare con l’armonia, lo stile ma anche con il pathos, la forza espressiva, la capacità di impressionare e di andare oltre, di oltrepassare il tempo, come accade per i classici di cui si parla al Festival.

 

TEMA DELL’EDIZIONE 2018: GLI ANNI ‘60 E ‘70 E I POETI DA DANTE A JANNACCI

Tema dell’edizione 2018 sono state le grandi innovazioni culturali degli anni 60 e 70. Tra i protagonisti icone internazionali di quella stagione come Catherine Deneuve, che ha raccontato i capolavori surrealisti e della Nouvelle Vague che l’hanno vista musa e interprete, e Philip Glass che ha inaugurato il Festival con un concerto con triplo pianoforte di sue celebri composizioni unito a riflessioni sulle sue esperienze artistiche. Tra le innovazioni di quegli anni, il festival ha concentrato l’attenzione sul fenomeno italiano della canzone d’autore, con in scena alcuni dei principali interpreti: Gino Paoli in concerto con una nuova formazione, Ivano Fossati in una riflessione sul teatro-canzone di Giorgio Gaber; altri sono stati ricordati: Fabrizio De André e la sua arte poetica in una lezione-concerto con orchestra di Morgan, Enzo Jannacci con la sua satira surreale da Michele Serra e Paolo Jannacci in un racconto con canzoni, Lucio Dalla e il suo estroso lirismo in un concerto di artisti a lui legati, tra cui Ron, Gaetano Curreri e Ornella Vanoni. Alle riflessioni sui cantautori come nuovi poeti si sono intersecate quelle sui grandi visionari della storia, artefici del nostro pensiero e della nostra sensibilità, con rimandi tra i vari appuntamenti. Philippe Daverio ha indagato le vicende di Vivaldi, Dante e Giotto come capostipiti dell’arte moderna, Massimo Cacciari le relazioni tra Beethoven e la filosofia romantica, Alessandro Piperno ha messo in contrapposizione i fondatori del romanzo Stendhal e Flaubert. Massimo Recalcati ha proposto un’analisi sull’immagine dell’inesprimibile attraverso l’analisi di pittori del novecento, Fabrizio Gifuni ha raccontato la sua esperienza attoriale in classici letterari, Luigi Lo Cascio e Gloria Campaner hanno portato in scena la poetica russa di Esenin e Rachmaninov, Goran Bregovic ha espresso le contaminazioni musicali del novecento in un concerto con un’orchestra di fiati e archi. Sono andate in scena anche due prime teatrali: Vittorio Sgarbi si è confrontato con il genio di Leonardo, Federico Buffa coi bivi esistenziali di grandi personaggi del novecento. Un evento infine è stato dedicato all’ispirazione del Festival: Umberto Galimberti ha svelato la Bellezza come segreta legge della vita. Stefano Bollani nell’evento conclusivo attraverso suono e narrazione ha raccontato protagonisti di jazz, classica e canzone riprendendo i fili delle riflessioni degli altri appuntamenti del festival e del legame tra poesia e ironia.

 

UN FESTIVAL CHE RIFLETTE UNA CITTÀ: VERONA, CITTÀ DEI POETI E DEI TEATRI, DELL’AMORE E DELLA… BELLEZZA, CON UNA VOCAZIONE PER L’ARTE E LA CULTURA DI QUALITÀ

Il festival è un’esperienza atipica nel panorama culturale italiano: non è un semplice format, ma una manifestazione che riflette una città, Verona, legata a Shakespeare, Dante, Catullo e con alcuni tra i più importanti teatri al mondo. Promosso dal Comune di Verona e organizzato dall’associazione Idem, con la direzione artistica di Alcide Marchioro, il festival dalla prima edizione nel 2014 è cresciuto rapidamente negli anni raddoppiando gli appuntamenti e triplicando il pubblico.

Gli amanti di proposte culturali originali hanno imparato in breve tempo ad appassionarsi a questa manifestazione, in una città con una tradizionale vocazione per la cultura di qualità, meta privilegiata del turismo culturale che dai teatri si dirama tra le vie e le piazze, alla scoperta di un territorio ricco di storia, arte e cultura tramandata in monumenti, chiese, palazzi, musei, teatri. Città che ha nel Festival della Bellezza un appuntamento classico, in cui la cultura si intreccia all’emozione e alla storia.

 

I PARTNER, LA PRESENZA SUI MEDIA

Il festival conta sulla partnership di prestigiosi enti e aziende nazionali, come Cattolica Assicurazioni, Banco Bpm, Fondazione Cariverona, Agsm e altre 14 aziende come main sponsor, sponsor e sponsor tecnici. Radio ufficiale del festival è Rai Radio 1, media partner sono Touring Club Italiano, Spettakolo.it, L’Arena, Fondazione Corriere della Sera. La programmazione ha avuto la copertura delle principali testate nazionali, con interviste, recensioni, articoli di presentazione e approfondimento, speciali televisivi, servizi ai Tg e trasmissioni in prima serata su reti nazionali.

 

LA PROSSIMA EDIZIONE: PREVISTI EVENTI SPECIALI IN ARENA

L’associazione Idem è già al lavoro con il Comune di Verona per programmare l’edizione 2019. Tra gli appuntamenti sono previsti eventi speciali di livello internazionale in Arena, in linea con lo spirito e il tema del festival.

 

I NUMERI DELLA V EDIZIONE

  • 15 giorni di programmazione (27 maggio – 10 giugno)
  • 20 appuntamenti inediti e connessi tra di loro
  • 40 ospiti
  • Oltre 30.000 presenze

 

Promosso dal Comune di Verona, il Festival della Bellezza è organizzato dall’associazione Idem.

Direttore artistico: Alcide Marchioro

Partner: Cattolica Assicurazioni, Banco Bpm, Fondazione Cariverona, Agsm

Radio ufficiale del festival: Rai Radio 1

Media partner Touring Club Italiano, Spettakolo.it, L’Arena, Fondazione Corriere della Sera

 

_________________________________________________________

Responsabile Comunicazione per il Festival della Bellezza:

Marilisa Capuano

 

 

Ufficio Stampa:

Marilisa Capuano

cell. 347.2879717

marilisa.capuano@mabacomunica.it

 

Gaetano Petronio 

cell. 3491345575

gaetano@ufficiostampagpc.it