GIANCARLO GIANNINI: “Sarò sulla Walk of Fame, ma Venezia non mi ha mai premiato”

Cinema, Giancarlo Giannini: “Sarò sulla Walk of Fame, ma Venezia non mi ha mai premiato”

Ospite al Fara Film Festival (20 – 24 luglio) concorso internazionale di cinema ideato da Riccardo Martini e diretto da Daniele Urciuolo che gli ha tributato un premio alla carriera: “Devo tutto a Lina Wertmuller, ho appena finito tre film”

FARA IN SABINA (RI), 24 LUGLIO 2022

“Gli americani mi hanno dato la stella della Walk of Fame, la ritirerò a fine anno, è importante perché saranno due attori italiani ad averlo, uno è Rodolfo Valentino, l’altro sono io nel cinema parlato. L’ho avuta senza raccomandazioni, significa che gli piaccio”. Giancarlo Giannini si è raccontato ieri sera al pubblico del Fara Film Festival, rassegna che gli ha riconosciuto il premio alla carriera. “A Venezia hanno dato premi a tutti, a me non hanno dato manco un gatto nero”, conclude ironico.

Il 1° agosto compirà 80 anni, una vita dedicata al cinema. “Ho fatto tanti film, ne salvo pochi”. E di recente ha concluso tre set: “Una serie italiana sul calcio dove interpreto un procuratore, un film dove interpreto un Papa, e uno con grandi attrici americane, Diane Keaton, Jane Fonda e Mary Steenburgen, che ho finito qualche giorno fa a Venezia”. Il titolo di quest’ultimo è Book Club 2: The Next Chapter e vede tra i protagonisti anche Andy Garcia.

Il concorso internazionale di cinema, arte e enogastronomia ideato da Riccardo Martini, prodotto da Martini Eventi in collaborazione con Alfiere productions e diretto da Daniele Urciuolo, ha scelto di omaggiarlo con la proiezione di “Pasqualino Settebellezze” nello schermo sotto le stelle nell’antico borgo in Sabina. “A Lina Wertmuller devo tutto, un genio, una persona che scriveva sceneggiatura, si intendeva di regia, era stata aiuto regia di Fellini, aveva una fantasia pazzesca, conosceva gli attori, i ritmi, la musica. I film suoi mi hanno dato il successo. Poi ho avuto anche altri maestri come al teatro Orazio Costa, ho lavorato con grandi registi da Coppola a Visconti a Monicelli, ho fatto un po’ di tutto e continuo a farlo”.

Un mestiere che fa divertendosi, ma che sconsiglia ai giovani. “È un mestiere molto difficile, è cambiato molto negli anni. Al Centro Sperimentale, ai ragazzi e alle ragazze che venivano scelti, gli dicevo che bisogna avere grande amore per la fantasia”.

Il Fara Film Festival è realizzato grazie ai partner istituzionali Regione Lazio, Provincia di Rieti, Città di Fara in Sabina, Pro loco di Fara in Sabina e Fondazione Varrone, main Sponsor Colle del Contadino, Sponsor Engineering 2K spa, In opera, Cogetras, Farmacia Passo Corese, Edilcasa immobiliare, Consorzio Sabina DOP, Techbau Engineering & Construction, MOVI.LOG, Edoclean, SARTE telecomunicazioni, CDF logistic services, Car Camper, Vita flex materassi, Casale del Giglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...