Wine & Fashion 2018 grande successo per l’evento che unisce vino e moda

44319796_10156785451549282_1012602719728304128_n“Wine & Fashion” 2018, 4° edizione, affinità elettive tra vino e moda, dove i sensi uniscono il mondo della moda a quelli del vino attraverso un linguaggio comune, dove il buon vino diventa accessorio e moda, comunicando allegria, eleganza e successo. Moda, bellezza e vini pregiati sono stati i protagonisti di una manifestazione immersa in una magia di profumi e colori con ospiti illustri, mise fantasiose e performance dedicate alla vendemmia. La kermesse è stata organizzata dalla manager Sara Iannone  presidente dell’associazione culturale “L’Alba del Terzo Millennio” per i centocinquanta selezionatissimi ospiti, tutti estimatori di vino e di moda presso il Casale Tor di Quinto a Roma. 44161768_10156783369704282_5132155914907811840_nEvento nell’evento la selezione di Miss Vendemmia 2018 con uno spettacolare red carpet per le giovani Miss che hanno sfilato nel magnifico salone delle feste interpretando i vini in gara, indossando gli abiti Luigi Bruno e le pellicce di Roberto Cagnetta. I vini scelti per l’occasione sono stati quelli di Le Masserie di Giuseppe Carusone per la Campania, di Bisceglia per la Puglia, di Casale del Giglio per il Lazio e di Sancarraro per la Sicilia. 44159741_10156783312164282_2263418606459027456_n

Il tutto condotto da Camilla Nata e supervisionato da una folta giuria di esperti formata dallo Chef Bruno Brunori, dal giornalista Marino Collacciani, l’attrice Demetra Hampton, il giornalista Carlo Senes, l’attrice Aline Pilato, il giornalista Rai Mauro Calandra, la dottoressa Stefania Gugi, l’onorevole Antonio Paris, la giornalista Loredana Filoni, Besian Demce e dal Presidente di giuria l’onorevole Catia Polidori sotto il controllo del notaio Giampiero Buttitta. Per allietare la serata, Sara Iannone ha pensato di premiare anche due, tra le numerose ospiti che hanno onorato questo evento dedicato alla vendemmia con grande estro e raffinatezza, con il “Premio Bacco” e il Premio “Vino, Amore e Fantasia”, che sono andati rispettivamente a Roselyne Mirialachi e ad Aline Pilato, oltre all’intrattenimento canoro della splendida soprano Sara Pastore. La giuria ha pensato, inoltre, di improvvisare anche un terzo premio, simbolizzato con una bottiglia di nettare degli dei che è andato alla charmante Pina Carbone. In passerella ha sfilato anche a sorpresa un fantastico abito-opera d’arte floreale creato in esclusiva dal maestro Mauro Fiordiluna con oltre quattrocento rose fresche, ispirato al vino Bosco delle Rose di Bisceglia e indossato dalla conduttrice e attrice pugliese  Floriana Rignanese. L’abito era arricchito da un particolare copricapo-scultura realizzato da Sergio Tirletti. Lo spirito della serata è stato all’insegna dell’allegria, della gioia e del buon gusto. Del resto Sara Iannone non sbaglia un colpo, ed anche questa edizione del “Wine & Fashion” è stato un grandissimo successo.

44162528_10156782987789282_5351893940784070656_nTra gli ospiti: Manuela Pozzi, Ceo di Panta Rei Solution Srl; Alessia Fabiani; Elena Russo; marchese Emilio Mansi Petrini della Fontanazza; Maria Pia Lettini, immobiliarista dei vip; Ernesto Carpintieri, presidente Aerec; Federico Tassinari, direttore di Mondolibero; Sara Manfuso; Neda Mokhtari, stilista; Chiara Zamboni, presidente Rotay club Roma Aniene; Maria Monsè; Giampiero Butitta, notaio; Giuliana Guidotti, stilista; Patrizia Caimmi; Cecilia Villani; Rosa Altavilla; Giusi Vaccari; Annapaola Ricci; Maria Carla Ciccioriccio; Pina Carbone; Leoluca Russo; Maria Luisa Lomonte; Ella Grimaldi; Marco Petrillo; Laura Nuccetelli col marito Alessandro D’Orazio; Diana Torrice; Luciano e Graziella Bernazza; Luca Chiapponi; Giusi Cimino; Carla Ficoroni; Francesca Romagnoli; Luigi Sarpi; Maria Pia Cappello; Marianna Petronzi; Lara Landolfi e molti altri ancora…

Appuntamento alla prossima edizione.

Ella Grimaldi44254004_10156785488944282_8821255607802658816_n (1)WINE FASHION

 

 

 

Annunci

FOOD&BOOK la cultura gastronomica parte da Montecatini

_CGF3172 copia

ARTE, VINO E TERRACOTTA A FOOD&BOOK

Montecatini 12/14 ottobre

 

 

Food&Book,  un binomio che comprende tutte le caratteristiche che appartengono al concetto di “cultura gastronomica”, uno dei pilastri italiani, dove il cibo è ormai “moda”, cultura, sapienza e tradizione familiare, connessioni raccontate da Food&Book, la manifestazione diretta da Carlo Ottaviano e Sergio Auricchio, che torna dal 12 al 14 ottobre nelle storiche Terme liberty Tettuccio di Montecatini con scrittori, chef, sommelier e degustazioni  grazie all’organizzazione dell’associazione Leggere Tutti.  MITAL il padre Angiolo e i f.lli Mariani

Molti gli eventi, tra cui alcuni appuntamenti istituzionali come l’incontro tra il Ministro dell’Agricoltura Centinaio con i dirigenti degli istituti alberghieri d’Italia, ma anche tanti eventi e iniziative all’interno del centro storico di Montecatini dove si festeggerà l’evento-compleanno di Eat Parade, dove a festeggiare Bruno Gambacorta e la sua troupe arriveranno buona parte degli chef e dei produttori che  in questi anni hanno contribuito al successo della rubrica del Tg2.mital t

Divini-sensi-_Elisabetta-Rogai-

Tra i tanti eventi in calendario sabato 13 ottobre Ore 16.00 alle Terme Tettuccio, Mital Terrecotte, l’EnoArte di Elisabetta Rogai e l’Azienda Agricola I Balzini, alla presenza di  oltre 1500 etichette di produttori provenienti da tutte le regioni italiane, raccontano una storia affascinante, di arte, di terracotta e di vino, un magico incontro per  ricordare Brunelleschi.

Mital dei Fratelli Mariani di Impruneta, il paese della terracotta, il “paese dal colore rosso”, dove la storia legata agli orci e alla cupola del Duomo di Brunelleschi, affonda le sue radici nel periodo Medievale, la “civiltà del cotto“ nata nel XI secolo, che racconta di questo affascinante mondo color rosso brunito, dove vivono ancora grazie alle poche fornaci rimaste, le attività delle famiglie patriarcali di una volta.

L’Azienda de I Balzini, che si trova a Barberino Val d’Elsa, nel cuore della Toscana centrale, ai confini tra le province di Firenze e Siena, immersa in un territorio splendido, ricco di testimonianze storiche importanti, quali i reperti della città perduta, l’antica Semifonte, ricordata da una piccola cappella che riproduce la cupola del Brunelleschi in scala. I Balzini, Azienda che fa parte del Comitato Grandi Cru d’Italia, l’associazione nata nel 2005 per tutelare e sviluppare il prestigio delle aziende vitivinicole che da almeno 20 anni producono grandi vini con ratings ai massimi livelli

Diana D'Isanto I BalziniDiana D’Isanto, che conduce l’azienda agricola de I Balzini, è una giovane donna attenta alle peculiarità e rispetto del territorio, e ha  valutato un progetto per introdurre in cantina l’uso di tini in terracotta di Mital per   stabilire così  un contatto più diretto tra le antiche tradizioni del vino e un prodotto naturale del territorio toscano. Infatti in Azienda da  I Balzini si sta sperimentando con  Mital, l’Antica Fornace dei Fratelli Mariani a Impruneta i vari processi di vinificazione in orcio e la particolare ossigenazione. In sala del Tettuccio infatti è possibile ammirare  un  orcio di terracotta dell’azienda imprunetina durante la performance live dell’artista Elisabetta Rogai approfittando dell’appuntamento di Food&Book.

Presentata dal Prof. Marco Nocca, Professore di Storia dell’Arte antica all’Accademia di Belle Arti di Roma, il pubblico  delle Terme al Tettuccio assisterà ad una eccezionale performance live dell’artista fiorentina Elisabetta Rogai, che con la sua esclusiva tecnica EnoArte, dipingere con il vino de I Balzini White Label dell’Azienda Agricola I Balzini, interagendo con gli ospiti, facendo nascere sulla tela una creatura fantastica, l’immagine di un cavallo dal mantello bianco, colto nell’attimo di una corsa pazza, il bianco che diventa colore nelle tonalità e sfumature arricchite dal vino.

Quella del vino fermentato nella terracotta è un mercato di nicchia che sta riscontrando un grande interesse da parte di nomi importanti dell’enologia italiana e mondiale che porta a pensare ad un trend generale in ascesa.

TETTUCCIO1La terracotta dell’Impruneta ha caratteristiche ideali per la vinificazione e la maturazione del vino, fornisce inoltre un ottimo isolamento termico e quindi ha la capacità preservare il vino da pericolosi sbalzi di temperatura, mentre la sua porosità consente allo stesso di conservare una giusta ossigenazione e tutto ciò, poiché la terracotta è un materiale inerte, avviene senza trasmettere alcun tipo di sapore, cosa che invece non accade quando il vino è conservato nel legno. Altra caratteristica della terracotta è quella di conservare l’integrità dell’uva, il vino si presenta con un colore rosso porpora intenso, deciso e profondo, il profumo dona sensazioni di confettura di frutti rossi in primo piano accompagnate da note leggermente tostate, speziate e di pepe oltreché un sentore minerale dovuto alla terracotta. In bocca una certa morbidezza è resa vitale da una buona vena di freschezza e tannicità.

www.elisabettarogai.it

www.terrecottemital.it

http://www.ibalzini.it