CAPUT MUNDI INTERNATIONAL BURLESQUE AWARD 6a edizione del Festival di Burlesque

Caput Mundi IBA_Albadoro Gala abbraccia la vincitrice della 6 edizione_ph Effetti Visivi16-17-18 Novembre 2018

presso PARIOLI THEATRE CLUB

Albadoro Gala & SDC Service

presentano

CAPUT MUNDI

INTERNATIONAL BURLESQUE AWARD

in arrivo la 6°Edizione del Festival di Burlesque più noto d’Italia

Il gesto si fa teatro e il sorriso è complicità.

Caput Mundi IBA_repertorio5_ph Effetti VisiviL’abito è un’opera d’arte, mentre il nudo diviene poesia. Un teatro votato a nuova vita, la cui storia pesa nel tempo come patrimonio unico nel percorso d’intrattenimento all’italiana e che affonda le sue radici fino al 1938, anno in cui prende vita come cinematografo, per esser poi presto trasformato in un teatro simbolo del varietà. Albadoro Gala e Silvio Cossi, creativi e produttori del Caput Mundi International Burlesque Award, il festival di burlesque più noto d’Italia giunto alla sua 6° edizione, conoscono bene il significativo percorso storico dell’ormai ex Teatro Parioli Peppino De Filippo, oggi noto come Parioli Theatre Club e non hanno faticato molto nel convincere il neo direttore artistico Nanni Venditti, ad abbracciare l’esperienza internazionale del Caput Mundi I.B.A. a Via Giusuè Borsi, in una location completamente rinnovata e già pronta ad una nuova incredibile avventura nel segno dell’eleganza e del divertimento e che avrà luogo dal 16 al 18 Novembre 2018 nel quartiere Parioli.

CaputMundiIBA_Summer Edition_repertorio_ph Effetti VisiviE’ proprio per questo e per la magia che si respira sin dall’ingresso nelle sale del Parioli, che il concept studiato dalla creatività di SDC Service per la sesta edizione in arrivo, risulta essere un vero e proprio omaggio a George Méliès, con una campagna pubblicitaria che propone la luna simbolo del regista francese, con i connotati di una Albadoro che tutto scruta dall’alto del suo cielo fatto di stelle e di profusa femminilità.

Nuova location, nuova identità e nuove concorrenti per il Caput Mundi I.B.A., con numeri di application al festival in costante aumento. Oltre duecento richieste di presenza alla kermesse, con application giunte da tutto il mondo da parte di artisti più o meno esperti. Tra questi sono solo quattro i professionisti (detti “international showcase”) selezionati dalla commissione, alternati alle sei nuove leve in gara (dette “newcomers”), giunte alla fase finale dopo le selezioni estive. Un’edizione rinnovata anche nella modalità di presenza, che ha visto gratuita la richiesta di partecipazione ai professionisti (in circa un centinaio hanno applicato da tutto il mondo).

Nei cinque anni precedenti l’edizione che sta arrivando (contando anche le due Summer Edition), sono stati oltre duecento gli artisti esibitisi sul palco. Circa cinquemila gli avventori appassionati del gusto vintage, che non si sono mai fatti sfuggire l’occasione di vedere un parterre immerso nei primi anni del novecento, con un susseguirsi di ospiti proveniente da ogni continente e tra cui ricordiamo i maggiori esponenti di genere, come: Miss Mosh, Medianoche, Jett Adore, Vicky The Butterfly, LouLou D’Vil, Mr. Gorgeous, Janet Fischietto, Michelle L’Amour e molti altri ancora, che nel tempo hanno contribuito a cementificare un’arte in cui un gesto d’ironia diviene teatro, mentre il nudo si fa poesia.

Per restare informati sul festival e per scoprire i partecipanti alla sesta edizione, bisognerà attendere ancora qualche giorno. Intanto l’invito è a seguire i canali ufficiali della kermesse e a non perdere tutte le novità del prossimo Caput Mundi International Burleque Award.

Official Page: https://www.facebook.com/CaputMundiInternationalBurlesqueFestival/

Web Site: https://www.caputmundiaward.com/

Evento Ufficiale: https://www.facebook.com/events/193469741351927/

Prevendita: https://www.ticketone.it/biglietti.html?affiliate=ITT&doc=artistPages%2Ftickets&fun=artist&action=tickets&erid=2308059&includeOnlybookable=false&x10=1&x11=caput

Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona
Carla 338 4935947 carla@fabighinfanti.it
 – Roberta 340 2640789 savonaroberta@gmail.com
www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona/

Annunci

Normodotato e paraplegico in scena a teatro

30ott_4nov-OffOffTheatre_La rivoluzione delle sedieMilleluci Entertainment

presenta:

LA RIVOLUZIONE DELLE SEDIE

di Matteo Nicoletta e Massimiliano Aceti

con Matteo Nicoletta, Massimiliano Aceti e Maurizio Bousso

 Regia Barbara Alesse

Vincitore di “Teatri in Corto” 2016 – Fiorenzuola D’Arda (PI)

Vincitore di “Autori Nel Cassetto, Attori Sul Comò” 2016

Vincitore Premio della Critica e Miglior Attore presso il “Teatro Lo Spazio”, Roma

Vincitore Premio del Pubblico per la rassegna “Short Lab”, diretta da Massimiliano Bruno

In Via Giulia va in scena la lotta di potere tra un normodotato e un paraplegico arrogante

300ott_4nov_OffOffTheatre_La rivoluzione delle sedie (3)

 Da Martedì 30 Ottobre fino a Domenica 4 Novembre all’OFF/OFF Theatre riflettori accesi sullo spettacolo “La Rivoluzione delle Sedie”, scritto da Matteo Nicoletta e Massimiliano Aceti in scena con Maurizio Bousso per la regia di Barbara Alesse, in una produzione Milleluci Entertainment, che porterà all’attenzione del pubblico la sempre delicata tematica del confronto tra normodotati e diversamente abili. Come ci si comporta se il paraplegico è arrogante e prepotente? Uno spettacolo che svela l’ipocrisia del senso di colpa dei normodotati nei confronti dei disabili, o verso chi vediamo diverso da noi.

300ott_4nov_OffOffTheatre_La rivoluzione delle sedie (2) 

SINOSSI: All’interno di un ufficio, nelle sale retrostanti il supermercato, il Capo del Personale Luca (Massimiliano Aceti), svolge il suo lavoro in modo inflessibile e autoritario. Nella stanza entra Matteo (Matteo Nicoletta), un cassiere dal fare bizzarro e con richieste altrettanto improbabili. Eppure l’integerrimo capo Luca, stranamente, non lo caccia via. Perché? Sarà forse perché Matteo è fermo nella sua sedia a rotelle? Matteo è un disabile arrogante e provocatorio, che causa in Luca una reazione forzata e da questo loro primo incontro ne accadranno di ogni, fino a che Luca sarà sollevato dalla sua carica di Capo del Personale per retrocedere a semplice cassiere. Questo darà inizio ad una vera e propria lotta di potere tra i due all’interno del supermercato e ad osservarli fra gli scaffali, come un arbitro delle loro battaglie, c’è un giovane magazziniere di colore (Maurizio Bousso), che verrà usato dai protagonisti come un vero e proprio ago della bilancia. “La Rivoluzione delle Sedie” attraverso un turbine di ritmo e divertimento, svela l’ipocrisia del senso di colpa dei normodotati nei confronti dei disabili e verso chi vediamo diverso da noi.

300ott_4nov_OffOffTheatre_La rivoluzione delle sedie (5)

NOTE DI REGIA

Questo spettacolo è una continua ricerca di equilibrio tra il paradossale e il naturalismo. Del resto nella realtà non abbiamo difficoltà ad accettare dei paradossi che invece a teatro, risaltano con tutta la loro follia. “La Rivoluzione delle Sedie” è uno spettacolo divertentissimo: comico, graffiante e dove non c’è spazio per il politically correct. Il perbenismo con cui trattiamo disabili e immigrati ci impedisce di guardare davvero le persone che ci stanno di fronte: speriamo che con il nostro spettacolo, gli spettatori riescano a vedere intorno a loro meno pregiudizi e più persone.

 GLI ATTORI:

MASSIMILIANO ACETI: si diploma all’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” e poi inizia a lavorare negli spettacoli di Gabriele Lavia (“I Pilastri della Società” di H. Ibsen, “Sei personaggi in cerca d’autore” di L. Pirandello, “Sogno di un uomo ridicolo” di F. Dostoevskij, “Vita di Galileo” di B. Brecht, “Elettra” di Sofocle”). Intanto scrive “Il Piccolo Guitto”, che dirige e interpreta e con cui arriva in finale al Premio Scenario 2015. E’ autore, regista e interprete anche di “Fumo”, uno spettacolo con sette personaggi, vincitore di due bandi per compagnie under 35.

MATTEO NICOLETTA: si diploma alla Clesis Arte e lavora in teatro con E.M. Lamanna, G. Sepe, al cinema con Virzì, Giordana e tanti altri. Scrive web serie come “Segreti”, di cui è anche interprete e regista, e che gli vale il premio come miglior serie web al “Terminillo Film Fest”. E’ poi il protagonista della web serie “Il Fenomeno” e uno degli interpreti di “Zio Gianni”, serie TV. Spettacolo vincitore del concorso “Teatri in corto” 2016- Fiorenzuola d’Arda (Pi).

Primo premio al concorso “Autori nel cassetto, attori sul como’ 2016” –

Premio della critica e miglior attore (Matteo Nicoletta) – Teatro Lo spazio di Roma.

Premio del pubblico alla rassegna di corti “Short Lab” diretta da Massimiliano Bruno.

MAURIZIO BOUSSO inizia a muovere i suoi primi passi nel mondo della recitazione all’età di 16anni seguendo corsi di teatro amatoriale dopo la scuola. Nel 2016 viene ammesso alla scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova dove si diploma nel 2018. Durante la sua permanenza a Genova riesce comunque a prendere parte ad alcuni progetti televisivi, teatrali e cinematografici, CCN 2 programma satirico in onda su comedy central condotto dal comico Saverio Raimondo, è coprotagonista del film “La Direzione del Tempo” coprodotto da Rai Cinema e Feel Center (film per le scuole). Presto (Novembre) lo vedremo in tv in un episodio della serie tv rai  “Nero a metá” con Claudio Amendola, Miguel Diaz e Fortunato Cerlino e infine nel film produzione Netflix intitolato Murder Mistery con Jennifer Aniston ed Adam Sandler in uscita nel 2019.

 LA REGIA / BARBARA ALESSE: si laurea al Dams di Roma3, è autrice del libro “Ariane Mnouchkine e il Théâtre du Soleil”. Si diploma alla Scuola del Teatro Stabile di Genova e studia con V. Binasco, E. Bonavera, C. Rifici, D. Fo, E. Barba, G. Rappa, L. Curino. Lavora in numerosi spettacoli della The Kitchen Company. Firma la regia di “Eventi Tragici Recenti” di C. Wright e “La Lezione” di E. Ionesco. Firma la traduzione di “Di Che Hai Paura?” di R. Dresser, regia di C. Fineschi (Festival di Benevento). Con il Teatro Stabile di Genova partecipa alle rassegne di Drammaturgia Contemporanea con “Nordost” di T. Buchsteiner, regia di A. Battistini e “Sempre Insieme” di A. Visdei, regia di M. Alfonso. “Kitchen Stories #1: Tutto l’Amore è clandestino”, di cui è autrice e regista, è finalista al Premio Scenario 2015. Lavora con G. Lavia nello spettacolo “L’Uomo dal Fiore in Bocca”, di L. Pirandello.

OFF/OFF THEATRE

Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€; Gruppi 10€ – info@altacademy,it

Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00

Info e Prenotazioni: +39 06.89239515 offofftheatre.biglietteria@gmail.com

SITO: http://off-offtheatre.com/FB: https://www.facebook.com/OffOffTheatreRoma/IG: https://www.instagram.com/offofftheatre/?hl=it

 Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona
Carla: carla@fabighinfanti.it
, 338 4935947 – Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789
FB: https://www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona/IG: https://www.instagram.com/ufficiostampafabisavona/?hl=it

Ufficio stampa spettacolo Silvia Signorelli

silvia.signorelli@comunicazioneeservizi.com  Mob. +39 338 9918303

Monica Menna ufficiostampasignorelli@gmail.com

Facebook: SiSicommunication – Twitter: @silviasignore

www.comunicazioneeservizi.com

Roma Caput Mundi, tutti gli ospiti presenti alla prima del nuovo spettacolo di Giovanni Franci

12ottobre_OffOffTheatre_RomaCaputMundi_Bertinotti_phGiovannaOnofri (38)

Fausto e Lalla Bertinotti

 

E’ una prima che va subito a segno, spiazzando il pubblico. Il direttore artistico dell’OFFOFF Theatre Silvano Spada ha scelto “Roma Caput Mundi”, un debutto nazionale che apre la seconda stagione dell’elegante e innovativo teatro di Via Giulia.

12ottobre_OffOffTheatre_RomaCaputMundi_Cancellieri_Cerquetelli_phGiovannaOnofri (59)(1)

Rosanna Cancellieri

Un testo scritto dal giovane Giovanni Franci, uno che le parole non le lascia andare, ma le ferma sui fogli immacolati delle proprie opere, sempre pregne di poesia e di una sacralità che sorprende il pubblico al termine dei suoi spettacoli. Come può un autore così giovane parlare di violenza con una tale delicatezzaCome possono due parole contrarie,

12ottobre_OffOffTheatre_RomaCaputMundi_Grimaldi_Battaglia_phGiovannaOnofri (65)

Eva Grimaldi ed Imma Battaglia

sovrapporsi? Un’operazione complicata ma riuscita, già dallo scorso anno con “L’Effetto Che Fa” (pièce che parla dell’omicidio di Luca Varani), anche grazie all’interpretazione di tre attori under35Valerio Di Benedetto, Riccardo Pieretti e Fabio Vasco, nuovamente insieme per “Roma Caput Mundi”. La risposta, forse, sta proprio in quelle quattro lettere: Roma.

12ottobre_OffOffTheatre_RomaCaputMundi_EldaAlvigini_phGiovannaOnofri (49)

EldaAlvigini

Un filo conduttore di un progetto che la vede  vittima carnefice dei propri figli. Così i personaggi Valerio, Riccardo e Fabio, sono il frutto di una città che sa donarci e privarci di emozioni in egual misura. Uno spettacolo di denuncia contro un momento storico ed una situazione sociale che tocca nel profondo anche i più giovani, sempre più pericolosamente vicini a quell’estremo pensiero di una destra spietata che non si cura dei più deboli, dando luogo ad episodi di xenofobia, omofobia e puro odio.

12ottobre_OffOffTheatre_RomaCaputMundi_RobertaBeta_phGiovannaOnofri (66)

Roberta Beta

 

Al grido di “Italia agli Italiani, Roma ai Romani”, i violenti quadri dipinti da Franci, prendono forma nei luminosi giochi di luce curati da Umberto Fiore, alternati alle elaborazioni digitali di Marco Aquilanti. Uno spettacolo che colpisce allo stomaco, delineando realtà figlie di una cronaca che assimiliamo giornalmente tra le pagine dei quotidiani. Un lungo applauso saluta la compagnia al termine della prima, lasciando spazio ad un ampio dibattito consumatosi nel club dell’OFFOFF, grazie al brindisi inaugurale a base di bollicine Nero Champagneassortiti canapè che hanno stemperato gli animi scossi del pubblico giunto, sollevati anche dal djset dell’attrice bosniaca Nela Lulic.

 

12ottobre_OffOffTheatre_RomaCaputMundi_CatrinelMarlon_phGiovannaOnofri (30)

Catrinel Marlon

Tra le prime file anche tanti volti noti: dall’ex direttore del Teatro di Roma Antonio Calbi ai coniugi Fausto e Lalla Bertinotti, passando per Sabrina Alfonsi Presidente del I Municipio accanto all’elegante Rosanna Cancellieri. Si vedono anche la coppia Eva Grimaldi e Imma Battaglia, il vicedirettore di Rai 3 Giovanni Anversa insieme all’artista Maurizio Prenna e poi Laura Lattuada e Domenico Federici, la modella in dolce attesa Catrinel Marlon insieme a Massimiliano Di Lodovico. E ancora gli attori Elena Croce, Elda Alvigini, Elisabetta Rocchetti, Cristina Golotta e Rocco Castel, Riccardo Castagnari, il modello Luca Pontillo con il creativo Riccardo Pirrone, seguiti dalla sempre presente Roberta Beta.

Foto Credits Giovanna Onofri Ph

ROMA CAPUT MUNDI_ph Giovanna Onofri (77)

LA FU MADRE DI MADAME in scena al Teatro Petrolini di Roma – le dinamiche di coppia … divertenti

loc la fu madre di madame

LA FU MADRE DI MADAME

Dal 25 al 28 ottobre

TEATRO PETROLINI

ROMA

COMMEDIA IN ATTO UNICO

 

 

 

 

 

 

 

Dal 25 al 28 ottobre  (con doppia replica sabato e domenica alle ore 17,30 e 21,00) andrà in scena nello storico Teatro Petrolini di Roma “ La fu madre di madame ”, di Georges Feydeau, con la regia di Pier Paola Bucchi ed è presentata da PPB + CMS. La commedia, un divertente atto unico di circa un’ora, verrà rappresentata per la prima volta in italiano grazie alla traduzione ed all’adattamento fatto da Claudia Maitan De Seta;  la trama è molto attuale e  divertente e la regia ha scelto una dinamica teatrale vivace e movimentatata.

pier paola bucchiProtagonisti una coppia litigiosa (Yvonne, interpretata in alternanza da Selena Bellussi e Nadia Monaco, e Lucien, interpretato da Cristiano D’Alterio), Dolores, una governante sui generis a servizio nella casa (un cameo interpretativo della regista P.P. Bucchi)  che, complice anche l’arrivo di un maldestro Valletto (interpretato da Gianpiero Cavalluzzi), con pungente ironia metterà in evidenza vezzi, follie e bassezze familiari attuali ora  come allora.

Scena e costumi Anna Addamiano, acconciature Emo, sartoria Mariella Di Paolo, luci Federico Riva, datore luci Enrico Marcacci.

Regista della commedia è Pier Paola Bucchi , straordinaria attrice che, scoperta da Lina Wertmuller che la diresse ne “Il giornalino di Gian Burrasca”, vanta una lunga e prestigiosa carriera come attrice, ballerina, autrice e regista, lavorando con personaggi del calibro di E. Morricone, E. Giannini, F. Fellini, R. Rascel, V. Salemme, F. Pannofino, solo per citarne alcuni.

Per info e prenotazioni Teatro Petrolini, via Rubattino n. 5, tel. 06 57 57 488

Sara Lauricella

 

 

 

 

 

Francesca Inaudi a Cagli, nelle Marche, per l’anteprima italiana di Preziosa

FRANCESCA-INAUDI-01

È appena tornata in televisione a fianco di Gigi Proietti con la terza stagione di Una pallottola nel cuore, nota fiction di Rai Uno della quale è coprotagonista. Francesca Inaudi, un’attrice eclettica in grado di esprimere il suo talento al cinema e in tv, ora torna in teatro con il suo ultimo lavoro Preziosa. Inaudi ha scelto, come tanti altri artisti italiani negli ultimi anni, di lavorare al Teatro Comunale di Cagli, dove lo spettacolo sarà presentato in anteprima italiana venerdì 21 settembre 2018.

Preziosa è un monologo scritto da Mariateresa Venditti, per la regia Luca De Bei, che narra le vicende di una donna e della sua vita difficile, la sua sindrome d’abbandono, dei genitori anaffettivi, dei suoi sgangherati rapporti di coppia, della migliore amica divenuta mito, della psicoterapia, della difficoltà a chiedere aiuto. Della presenza costante della morte. Ma anche del miracolo della vita che regala sempre un’ennesima opportunità.

FRANCESCA-INAUDI-02In Preziosa, Francesca Inaudi esprime tutta la sua versatilità scenica toccando diversi registri espressivi: dalla vis comica ai toni più intimisti. Una bella prova teatrale sorretta da un testo vincente e capace di conquistare qualsiasi tipo di pubblico.

Dalle note artistiche dello spettacolo leggiamo «Ci travolge come un fiume in piena il flusso di coscienza in cui la protagonista, Preziosa ripercorre le tappe fondamentali della sua vita attraverso tutte le volte in cui ha tentato il suicidio. A tre anni, gettandosi dal seggiolone. A undici anni, cercando di soffocare con delle Big Babol. A quindici anni, tagliandosi le vene… Il registro è brillante, ma il “non-detto” che emerge tocca corde profonde e di grande umanità.»

«Vivi spinta dal desiderio e non dalla paura» è il messaggio che raccoglie Preziosa lungo il suo percorso.

La direzione del Teatro Comunale di Cagli ha scelto di presentare questo spettacolo con un biglietto molto economico (10,00 € e 5,00 per gli under 25) per avvicinare un pubblico più ampio possibile alla meraviglia del teatro e per vedere da vicino un personaggio conosciuto solo attraverso lo schermo televisivo.

Francesca Inaudi, una delle attrici più interessanti della scena italiana, è conosciuta dal pubblico per la partecipazione alle serie televisive Distretto di Polizia e Una pallottola nel cuore ma la sua carriera artistica inizia in teatro. Nel 1996 il suo volto colpì Giorgio Strehler, che consentì alla Inaudi di studiare nella scuola del Piccolo fino al 1999, nell’ultimo corso del grande artista milanese. Nel corso di lunghi anni di teatro, si è confrontata con alcuni dei migliori registi italiani – Elio De Capitani, Massimo Castri, Gianluca Guidi, Giancarlo Sepe, Daniele Ciprì, Piero Maccarinelli – confermando la sua voglia di sperimentare, grazie alla sua determinazione e alla sua personalità. Numerose anche le sue interpretazioni al cinema: ha lavorato – fra gli altri – con registi quali Cristina Comencini, Ron Howard, Paolo Virzì, Mario Martone, Paolo Genovese, Massimo Venier e Ridley Scott.

PREZIOSA è l’ultimo spettacolo della pre-stagione di Cagli, dal 4 ottobre con il concerto di Toquinho partirà la stagione 2018 2019 del Teatro con sedici date tra teatro, musica, danza e opera.

Venerdì 21 settembre ore 21.15

PREZIOSA – Anteprima italiana – con Francesca Inaudi

di Maria Teresa Venditti – regia di Luca De Bei – aiuto regia Rachele Minelli

disegno luci Marco laudando – scenografia Katia titolo – costumi Sandra Cardini

produzione Pierfrancesco Pisani/Infinito e Nidodiragno

Biglietto unico 10,00 € – Under 25 anni 5,00 €

CORE – Oltre il Giardino fino al 23 Settembre 2018 a Villa Mercede

CORE_Ascanio CelestiniCORE – Oltre il Giardino

fino al 23 Settembre 2018 a Villa Mercede:

29 Giorni di TEATRO, CINEMA, DANZA, BENESSERE, LABORATORI,  nel cuore del quartiere San Lorenzo 

Sabina Guzzanti, Andrea Satta, Ascanio Celestini, Daniele Vicari e tanti altri

La Cultura nel Cuore di San Lorenzo

CORE_cinema con KAMA È iniziato lo scorso 26 Agosto e durerà fino al 23 Settembre CORE – Oltre il Giardino, il festival nato dalla necessità di condivisione reale di un gruppo di sognatori che per 29 giorni animerà la suggestiva Villa Mercede nel quartiere San Lorenzo. Teatro, danza, appuntamenti dedicati al benessere, laboratori per grandi e bambini, oltre che proiezioni cinematografiche realizzate in collaborazione con KAMA Productions, che nei giorni passati ha già accolto Sabina Guzzanti con la proiezione del suo film “Le Ragioni dell’Aragosta” e che vedrà l’arrivo di Andrea Satta, voce dei Tête de Bois, che presenterà “Mamma Quante Storie – Mamme Narranti”, in scena il prossimo Lunedì 17 Settembre. E poi ancora Daniele Vicari e Ascanio Celestini e molti altri ancora…

CORE_Villa Mercede (1)Un vero e proprio LabFest in continuo divenire, pensato come luogo d’incontro, condivisione e progettazione di nuove iniziative che si svilupperanno nel corso della stagione invernale. Cuore di questo percorso è HABITAT, atelier artistico di ricerca culturale orchestrato da Alessandro Conte, rivolto a tutti coloro che hanno interesse a esplorare il proprio habitat (danzatori, biologi, fotografi, agricoltori, musicisti, filosofi, attori, studenti, ricercatori, giornalisti, video makers, fisici, grafici). Un’immersione nel gioco delle esperienze urbane, ognuno con le proprie competenze e con il proprio sguardo, per raccogliere elementi e informazioni con i quali il gruppo elaborerà e comporrà un ENVIRONMENT in continuo divenire, una finestra quotidianamente aperta al pubblico, sul work-in-progress dell’atelier nonché sull’autopoiesi dell’habitat stesso.

CORE_Andrea SattaCHI SIAMO: Un festival fortemente voluto dall’ associazione Qui e Ora, il Collettivo Utopista dedito al Teatro, Arte, Ricerca e Artigianato Sociale, sostenuto dalla KAMA Productions del regista Riccardo Biadene, che si avvale anche della presenza del Centro il Fiume, l’associazione che promuove il benessere delle persone attraverso la diffusione delle discipline olistiche.

CORE_Bambini

COSA FACCIAMO: Il festival è aperto tutti i giorni dalle 8.30 fino a mezzanotte e propone continui appuntamenti culturali gratuiti, come lezioni e spettacoli di teatro svolti all’ombra della biblioteca interna alla villa, oppure video proiezioni con dibattiti svolti sul neonato spazio dedicato anche a lezioni di yoga, tango e swing, registrando un continuo flusso di curiosi uniti agli abitudinari frequentatori del quartiere, che il pomeriggio conducono i loro figli ai laboratori di pittura, musica e intrattenimento dedicati ai più piccini.

CORE_Yoga e BenessereIl tutto con il sempre presente stand di cibi siriani a cura di Hummustown, progetto che aiuta i rifugiati a ottenere un’indipendenza economica attraverso un’opportunità di lavoro.

 IL PROGRAMMA:

da Giovedì 13 a Domenica Lunedì 17 Settembre

Tutti i giorni: HABITAT, assemblaggi provvisori di un organismo;

Tutte le mattine dalle 8.30: Attività legate al Benessere e alla cura di sé;

Tutti i Giovedì e Venerdì mattina: Metamedicina, Massaggio corpi sottili e Carte dei Nat, per ritrovare la propria essenza;  

Tutti i pomeriggi dalle 17.30: Laboratori per Bambini;

Venerdì 14 Settembre alle 19.30: secondo appuntamento con Pillole di Teatro, un percorso di tre incontri sul teatro e l’approccio alla recitazione, con l’acting coach Alessia Di Pasquale;

(A chiusura del festival i laboratori si svolgeranno presso le sale dell’Altrove Teatro Studio)

 Giovedì 13 Settembre dalle 19.00: Lezioni Aperte di Swing, Tip Tap e Lindy Hoop

Venerdì 14 Settembre dalle 21.00: Serata Evento “Al Margine”.

Alle 21.00 – Giulia Angeloni recita il monologo di Dario Fo “Il Matto e la Morte”;

Alle 21.30 – Le storie e le canzoni di Piero Cipriano e Alessio Lega, insieme a Rocco Marchi, celebreranno i matti, a 40 Anni dalla Legge Basaglia;

Alle 22.15 – Proiezione del film “Il Principe di Ostia Bronx”, di Raffaele Passerini.

Sabato 15 Settembre alle 10.00: workshop di Mindful Self Compassion;

Dalle 17.00: Lorenzo Casadei ci porterà nel mondo dell’AIKI con lezioni aperte per adulti e bambini;

Dalle 19.30: Teatro con “Un Delirio a Due”, libero adattamento da Ionesco, con Liliana Massari e Pietro Faiella;

Alle 20.30: Racconto/Incontro su cultura, intercultura, partecipazione, tra le parole di Giovanna Marini, Andrea Satta e Antonella Rosetti della Casa delle Culture di Ravenna. Incursioni musicali di Alessio Lega.

Domenica 16 Settembre dalle 17.30 si balla con la Contact Improvisation: Lezioni Aperte di Ballo con Fabio Saetta; per i bambini un merendalab a sorpresa all’insegna dell’horror!

Dalle 18.30: Pane al Pane, Vino al Vino, Core a Core: la consueta cena domenicale con pane, vino e incursioni poetiche offerti dal festival;

Alle 21.00: Cinema de Kore, proiezione del film “Velocità Massima”, di Daniele Vicari, accolto da Riccardo Biadene di KAMA Productions.

Lunedì 17 Settembre alle 20.00: Andrea Satta, voce dei Tête de Bois e pediatra di periferia, presenta, racconta e canta Mamma Quante Storie – Mamme Narranti. La presentazione sarà accompagnata dalle illustrazioni di Fabio Magnasciutti e dal teatro di Alessandro Conte, con la partecipazione di Circo Maximo.

Segui tutti gli eventi della settimana su:

Facebook: https://www.facebook.com/CORE.Festival/

Instagram: https://www.instagram.com/corefestivalroma/?hl=it

INTERVISTA VIDEO AD ILARIA CECI DI PROGETTO LUNGA VITA FESTIVAL … L’ARTE IN OGNI LUOGO

Andare a vedere un concerto gospel invitata da un’amica ed imbattersi in un progetto culturale e sociale di grande valore. Il bello di questa mia passione per la divulgazione e per lo spettacolo. Ed ecco che, presso l’Accademia Nazionale di Danza a Roma, incontro una giovanissima direttrice organizzativa, Ilaria Ceci, che ci illustra le attività del Progetto Lunga Vita Festival. Come i giovano, riunendosi, riescano a portare l’arte in luoghi chiusi e difficili. Un grande in bocca al lupo a questo gruppo di ragazzi. Vi invito a vedere e condividere la mia intervista video.

Sara Lauricella