IL LABORATORIO DELLA VAGINA all’Off/Off Theatre di Roma

18-28dice_OffOffTheatre_Laboratorio della vagina_ridDa martedì 18 a domenica 28 dicembre 2018

VIA GIULIA, 19, 20, 21 – ROMA

DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

 Teatrocittà-C.N.T.

presenta

IL LABORATORIO DELLA VAGINA

scritto, diretto e interpretato da Patrizia Schiavo,

18-28dice_OffOffTheatre_Laboratorio della vagina 3_rid

 

con un frammento tratto da “Il rumore della notte” di Marco Palladini

e con (in ordine alfabetico):

Teresa Arena, Anna Maria Bruni, Marianna Ferrazzano, Silvia Grassi, Carmen Matteucci, Sarah Nicolucci

E con la partecipazione “extra ordinaria” di

Lucia Bianchi, Serena Borelli, Donatella Cherry, Elodie Serra

Ricerca dati e fonti di Anna Maria Bruni – Aiuto regia Antonio De Stefano

18-28dice_OffOffTheatre_Laboratorio della vagina_rid2

Farsa giocosa: dove la vagina è strumento dell’immaginario maschile e patriarcale, ma anche

strumento di rivoluzione e di presa di coscienza della donna e del suo potere

 

Da martedì 18 a domenica 28 dicembre 2018, all’OFF/OFF Theatre di Via Giulia va in scena Il Laboratorio della Vagina. Capace di coniugare irriverenza, comicità e denuncia, oscillando tra il serio e il faceto, il goliardico e la polemica. Una farsa giocosa e j’accuse, dove la vagina diventa simbolo dell’immaginario maschilista e patriarcale, oggetto di desiderio, di ironie e mistificazioni, ma anche arma di rivoluzione, strumento per la presa di coscienza della donna e del suo potere.”

Scritto, diretto ed interpretato da Patrizia Schiavo, con un frammento tratto da “Il rumore della notte” di Marco Palladini e con Teresa Arena, Anna Maria Bruni, Marianna Ferrazzano, Silvia Grassi, Carmen Matteucci, Sarah Nicolucci e altre quattro attrici  che irrompendo con “urgenza” dalla platea si alterneranno sera per sera con storie diverse; atte a destabilizzare e modificare la struttura dello spettacolo: Lucia Bianchi (il triangolo) Serena Borelli (Il marito gay) Donatella Cherry(La frigida) e Elodie Serra (Sesso pubblico).

18-28dice_OffOffTheatre_Laboratorio della vagina

SINOSSI: In compagnia di un primitivo idolo femminile, la Grande Madre, tra il talk show, la terapia di gruppo e la denuncia sociale, la conduttrice/sacerdotessa/sessuologa “Schiavo” accompagna sette donne in un percorso rivolto alla liberazione dai tabù, dai luoghi comuni, dall’ignoranza, dalle inibizioni, dalle paure e dal senso di vergogna. “Il laboratorio della vagina” è un viaggio collettivo in cui le pazienti (e di riflesso gli spettatori), imparano a raccontarsi, a conoscere il proprio corpo, a vivere appieno la propria sessualità. I tabù sdoganati senza pudori ne pedanteria assolvono una funzione liberatoria, terapeutica. La vagina, emblema di femminilità, forza, maternità, ma anche motivo di incomprensione, sottomissione, emarginazione e violenza. Storie ironiche, incredibili e drammatiche, dal primo ciclo alla prima volta, dalle richieste erotiche più impensabili, al posto più strano in cui l’abbiamo fatto. E poi l’orgasmo, i maniaci nei parchi e gli stupri. Diversi gli aspetti indagati, da quelli piccanti a quelli dolorosi, in un’escalation che conduce gli spettatori dal divertimento alla violenza subita dalle donne bosniache, gli stupri di massa e la pulizia etnica. Un NO allo stupro, alla violenza, alla mutilazione, all’infibulazione e un SI alla riscoperta del proprio essere, della femminilità, del sesso, della dignità e del rispetto. Un messaggio di denuncia, un grido per vincere l’indifferenza. “Invece di nasconderci dietro al velo e al burqa, noi ce la guardiamo!”.

OFF/OFF THEATRE

Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€; Gruppi 10€ – info@altacademy,it

Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica e Santo Stefano h.17,00

Info e Prenotazioni: +39 06.89239515 offofftheatre.biglietteria@gmail.com

SITO: http://off-offtheatre.com/FB: https://www.facebook.com/OffOffTheatreRoma/IG: https://www.instagram.com/offofftheatre/?hl=it

 

Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona

Annunci

S.E.X. Sigma, Epsilon and X in scena gli incontri sessuali

SEX_OffOffTheatre_rid2Da martedì 11 a domenica 16 dicembre 2018

VIA GIULIA, 19, 20, 21 – ROMA

 

DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

CTS Centro Teatrale Siciliano

in collaborazione con Compagnia dei giovani

presenta

S.E.X.

Sigma, Epsilon and X

scritto e diretto da Salvo Valentino

con Salvo Valentino e Pietro Cucuzza

CORPI IN VENDITA E INCONTRI SESSUALI. DAL VIRTUALE AL REALE.

 Da martedì 11 a domenica 16 dicembre all’OFF/OFF Theatre è la volta di S.E.X., Sigma, Epsilon and X., lo spettacolo scritto e diretto da Salvo Valentino, in scena con il giovane Pietro Cucuzza. I personaggi raccontano di corpi in vendita e incontri sessuali che dalla rete prendono forma sempre più spesso nella vita reale. Un thriller teatrale dalle sfumature arcobaleno, poiché al centro della piéce c’è l’omicidio di un certo Leandro Dresner, trovato ucciso con 23 coltellate e attorno cui ruota tutta la rappresentazione scritta da Salvo Valentino.

Sigma (Pietro Cucuzza) vende il suo corpo a uomini e donne, senza differenza alcuna. Epsilon (Salvo Valentino) è un ispettore di polizia in incognito, chiamato ad investigare sul misterioso caso Dresner. I protagonisti, in una scena grigia ed essenziale, si avvicendano in sette serrate sequenze, in quella che viene chiamata “scatola dei desideri”, in cui si svolgono gli appuntamenti con il destino. Ma su di loro incombe l’inquietante presenza di X.

“Sigma Epsilon and X è un’opera che nasce dopo mesi di lavoro e riflessioni – spiega l’autore Salvo Valentino – sull’onda di una necessità emotiva, di un’urgenza di comunicazione, sul bisogno di crescita professionale ma anche umana. In una indagine poliziesca è nascosta, come in una scatola cinese, in un continuo rimando di verità e finzioni, la ricerca psicologica di due uomini così lontani caratterialmente e anche anagraficamente, ma paradossalmente tanto vicini da cambiare per sempre le loro vite”.

 OFF/OFF THEATRE

Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€; Gruppi 10€ – info@altacademy,it

Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00

Info e Prenotazioni: +39 06.89239515 offofftheatre.biglietteria@gmail.com

SITO: http://off-offtheatre.com/FB: https://www.facebook.com/OffOffTheatreRoma/IG: https://www.instagram.com/offofftheatre/?hl=it

Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona

CARTA STRACCIA all’OFFOFF Theatre tra gli ospiti Alessandro Gassman

OFFOFFTheatre_Applausi Gassman_ph Cosimo Sinforini (81)CARTA STRACCIA all’OFFOFF Theatre: tra gli applausi e i sorrisi degli ospiti c’è anche Alessandro Gassman

L’atmosfera in Via Giulia ha già il sapore e i colori del Natale che sta arrivando, un’aria di festa che pervade i locali dell’OFFOFF Theatre sin dal secolare selciato all’ingresso, dove sostano gli amici di Pino Strabioli e Sabrina Knaflitz, giunti numerosi insieme al pubblico pronto ad assistere allo spettacolo Carta Straccia di Mario Gelardi, ultima fatica interpretativa di Strabioli che ha debuttato a Roma in coppia inedita con SabrinaOFFOFFTheatre_Francesco Montanari e Silvano Spada_ph Giovanna Onofri Knaflitz e con la divertente presenza del giovane Barnaba Bonafaccia, vero e proprio adone da palcoscenico. Una prima lunga due giorni, iniziata nella serata del 27 e conclusasi il 28 novembre, per due serate all’insegna di grandi applausi e ampi sorrisi. Per oltre un’ora il divertissement, voluto e apprezzato dal direttore artistico Silvano Spada e che sarà in scena fino al 9 dicembre, racconta del 1968 e di quell’aria di rivoluzione che spazzava via le tradizioni a colpi di trasgressioni. OFFOFFTheatre_Rosanna Cancellieri_ph Giovanna OnofriUn vento di novità che però non oltrepassa le quattro mura in cui sono operativi i due artigiani della cartaAgostino affascinato da Patty Pravo e dalla sua musica così innovativa e Teresa, artista incompresa dalla carriera mai decollata. I due fratelli sono due non fratelli che hanno a loro volta anche una sorella (astra, puntalizzano i due), figlia di un padre che cambiava consorte a ritmo quotidiano e lasciava figli sparsi sulla sua strada. Così, dal passato sopraggiunge un nipote che li riporta nel presente.

E’ Remo, bello e aitante, che giunge a Roma dal paesino, desideroso di mordere la vita e farla assaggiare anche ai suoi due zii che della vita ben poco sanno, rimanendone esclusi e chiusi nella loro quotidianità. Così, dall’esterno, irrompe la rivoluzione sessantottina, in modo leggero e sulle note di un’immortale Ragazza del Piper. Applausi per Pino e i suoi omaggi recitativi ad Aldo Palazzeschi e Paolo Poli, nonché per quelli canori al Leone di Venezia, ma anche per la Knaflitz luminosa ed in perfetta sintonia con Strabioli e, per il giovane Barnaba, che convince non solo per la sua indiscutibile prestanza fisica. In tanti gli amici illustri giunti nella due giorni, da Alessandro Gassman che si congratula con la moglie per la nuova avventura teatrale. Si vede anche la coppia Paola Saluzzi Gabriele Romagnoli.

OFFOFFTheatre_Saluti compagnia_ph Giovanna OnofriDalle prime gli applausi delle attrici e grandi doppiatrici Paila Pavese e Ludovica Modugno, seguite da Lella BertinottiRosanna Cancellieri e Drusilla, insieme alla coppia Laura Lattuada e Domenico Federici. Il direttore di Rai3 Stefano Coletta, che fresco di conferma, riceve i complimenti di Pino dal palco al termine dello spettacolo. E ancora, il giornalista Giovanni Anversa insieme a Maurizio Prenna, OFFOFFTheatre_Lattuada+Spada_ph Cosimo Sinforini (40)

con di seguito Orsetta e Ninni De Rossi, Pino Ammendola e ancora le attrici Ilaria BorrelliElena RussoSarah Maestri, Roberta Garzia con il suo adorabile Lupin, il conduttore Marco Di Buono e poi Alma Manera insieme al creativo Francesco Forte. I giovani attori Alberto Melone, Riccardo Pieretti, Fabio Vasco Valeria Nardella insieme ai registi Daniele Falleri e Giovanni Franci, seguiti dal produttore Cristiano Cucchini che si congratula con Barnaba. Si vedono anche l’autrice Annarita Landi insieme al makeup artist Ivan Amaniera. Prima dello spettacolo il direttore Silvano Spada saluta l’attore Francesco Montanari, presto di nuovo in scena in coppia con l’amico Alessandro Bardani, con il fortunato spettacolo La Più Meglio Gioventù.

 

STAY IL VIAGGIO A TEATRO SI PARLA DI EUTANASIA

3 dicembre_Locandina_Stay_OffOff TheatreLunedì 3 dicembre 2018 – ore 21.00

 

VIA GIULIA, 19/20/21 – Roma

Ingresso libero

 

DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

 

Exit-Italia

presenta

S T A Y – IL VIAGGIO

PaolaFrancescaIozzi_Stay_OffOffTheatre (1)di e con Paola Francesca Iozzi

 Musiche e fisarmonica: Sandro Paradisi

MatteoFrenguelli_Stay_OffOffTheatre

Disegno luci: Matteo Frenguelli – Riprese e Video: Andrea Marchi, Leonardo Giuli

Scenografia: Toni Sarnataro – Costumi: Valentina Sgrena

 

“Stay” – Resta è quello che le chiedono tutti.

“Stay” – Restate è quello che lei chiede ai suoi cari nel momento dell’ultima partenza.

 

Proseguono gli eventi speciali del lunedì all’Off Off Theatre di Via Giulia. Lunedì 3 dicembre sarà la volta di uno spettacolo centrato su un tema tra i più importanti e dibattuti nella società civile, quello dell’eutanasia. Stay-Il viaggio, scritto e interpretato da Paola Francesca Iozzi e prodotto da Exit-Italia, segue le orme segnate da Marco Longhi con il suo libro “Il viaggio” e lo fa da un punto di vista tutto al femminile.

Accompagnata dalla musica dal vivo di una fisarmonica, l’attrice veste gli abiti di una giovane donna, narra di ciò che dà alla sua vita il gusto di essere vissuta, del rapporto con l’uomo che ama, della passione per il tango e per i tacchi alti. La sua tranquillità viene interrotta dalla diagnosi di una malattia incurabile e degenerativa che la porterà lentamente a perdere completamente la capacità di condurre una vita normale.  Totalmente dipendente dalle cure del compagno comincerà a interrogarsi sul senso della vita, sulle relazioni con gli altri e sul tradimento che la vita stessa le ha riservato.

PaolaFrancescaIozzi_Stay_OffOffTheatre (5)La protagonista resta senza nome come la sua malattia mentre restano i nomi delle cose che lentamente perde: l’autonomia, il sesso, il piacere di una passeggiata sulla neve, il sapore dei cibi, il tango, la libertà e la dignità.

Sua sarà la scelta di affrontare un ultimo viaggio, quello verso la Svizzera, per morire consapevolmente senza vergogna ne’ paura, nel pieno diritto di decidere per la sua morte come ha fatto per tutta la sua vita. Coloro che l’hanno sostenuta nella malattia l’accompagnano ora oltreconfine e svelano ancora più in profondità gli aspetti intimi di doversi relazionare con il fine vita, il dolore e il lutto.

 

OFF/OFF THEATRE

Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Lunedì 3 dicembre 2018 – ore 21.00 – Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Info e Prenotazioni: +39 06.89239515 offofftheatre.biglietteria@gmail.com

SITO: http://off-offtheatre.com/FB: https://www.facebook.com/OffOffTheatreRoma/IG: https://www.instagram.com/offofftheatre/?hl=it

 

Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona

Pino Strabioli e Sabrina Knaflitz in CARTA STRACCIA

Carta Straccia_Pino Strabioli e Sabrina KnaflitzALT ACADEMY PRODUZIONI

presenta

CARTA STRACCIA

Storia Romantica con Musica nella Roma del 1968

 di Mario Gelardi

 con Pino Strabioli e Sabrina Knaflitz

e con Barnaba Bonafaccia

Musiche Carlo Vannini | Scene Paolo Iammarone | Costumi Antonella Balsamo

Coordinamento Martina Sarpero I direzione tecnica Umberto Fiore

 Da Mercoledì 28 Novembre fino a Domenica 9 Dicembre, all’OFF/OFF Theatre va in scena in prima  nazionale, lo spettacolo Carta Straccia, con Pino Strabioli e Sabrina Knaflitz, e con Barnaba Bonafaccia, scritto da Mario Gelardi e prodotto da Alt Academy.

I protagonisti Teresa e Agostino, sono due fratelli immersi nel loro laboratorio di carta artigianale, molto lontani dagli accadimenti rivoluzionari del 1968 che cambieranno nel profondo il volto del mondo. Teresa e Agostino saranno sorpresi dal giovane Remo, un nipote inaspettato il cui arrivo cela un personale segreto, destabilizzante come la Rivoluzione che avanza.

Strabioli_Knaflitz_Bonafaccia_CartaStraccia_OffOffTheatre_rid

SINOSSI: E’ il 1968 e Roma vibra a tempo di musica, cinema, moda, proteste studentesche. Le donne chiedono a gran voce un radicale cambiamento. Patty Pravo è la regina del Piper. E’ l’inizio di una rivoluzione che muterà il volto della storia. In un piccolo laboratorio di carta artigianale lavorano Teresa e Agostino, due fratelli che a malincuore, sono costretti a convivere. Il loro mondo è lì, tra quelle quattro mura, a riparo da quella rivoluzione che sembra così distante dalla loro vita che scorre tranquilla. Talmente tranquilla che anche la loro attività ormai sembra un ricordo del passato, tanto da convincerli a chiudere bottega e ritornare al paese natio, dove il padre aveva lasciato loro una casa in eredità. Carta Straccia, inizia proprio da qui; dall’ultimo giorno di apertura del loro piccolo laboratorio di carta artigianale, quando un periodo della loro vita sembra essere terminato e un altro, ancora più tranquillo, pare stia per iniziare.

Ma le strade della vita sono imprevedibili e in quell’anno di svolta tutto sembra possibile. “La svolta” si presenta sotto le sembianze di Remo, nipote mai conosciuto, figlio di una sorellastra quasi dimenticata. Remo sembra il personaggio di un romanzo di Palazzeschi, Remo è come il ’68: una vera rivoluzione per le vite dei due fratelli. Agostino e Teresa decidono di non lasciare più Roma e di accogliere quel nipote gioioso e solare che, col passare dei giorni, sembra quasi dominare le loro vite. Tra gelosie e ripicche i due fratelli iniziano a rendersi conto che quel bellissimo ragazzo nasconde un segreto, un segreto che invano cercano di scoprire. É la storia italiana di quei giorni che irromperà nella vita dei due; la rivoluzione, tenuta fuori dalla finestra, è in realtà entrata dalla porta principale. Dopo la fortunata collaborazione de “L’abito da Sposa”, Pino Strabioli e Mario Gelardi tornano a lavorare insieme per raccontare una piccola fetta d’Italia attraverso il teatro.

 OFF/OFF THEATRE

Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€; Gruppi 10€ – info@altacademy,it

Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00

Info e Prenotazioni: +39 06.89239515 offofftheatre.biglietteria@gmail.com

SITO: http://off-offtheatre.com/FB: https://www.facebook.com/OffOffTheatreRoma/IG: https://www.instagram.com/offofftheatre/?hl=it

Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona

MIMI’ in arte MIA MARTINI in scena all’Off/Off Theatre

LOCANDINA MIMI'CARDELLINO S.r.l.

presenta

MIMI’ in arte MIA MARTINI

di e con Melania Giglio

in scena con Mamo Adonà (Primo Angelo) e Sebastian Gimelli Morosini (Secondo Angelo)

 

Scene Fabiana Di Marco | Costumi Daniele Gelsi | Luci David Barittoni | Musiche Heron Borelli | Assistente alla Regia Alessandro Guerra | Trucco Francesco Biagetti | Foto Sebastian Gimelli Morosini | Grafica mariotoccafondi.com

 MELANIA GIGLIO_MIMI'

Regia Daniele Salvo

 

 

MIMI’: SPIRITO E VOCE. MELANIA GIGLIO RIPORTA IN VITA MIA MARTINI

 

Da Martedì 6 a Domenica 25 novembre all’OFF/OFF Theatre, va in scena lo spettacolo Mimì in arte Mia Martini, di e con Melania Giglio, in scena con Mamo Adonà e Sebastian Gimelli Morosini, diretti dal regista Daniele Salvo in una produzione Cardellino S.r.l..

Dopo il successo della passata stagione di “Édith Piaf – L’Usignolo non canta più”, che ha collezionato sold out e lunghi applausi, l’attrice Melania Giglio torna in Via Giulia per rendere omaggio ad un’altra grande artista e interprete di canzoni che hanno segnato la storia della musica italiana, firmate dai più grandi autori per una voce che rimane salda nella memoria, quella di Mia Martini, per tutti Mimì.

MELANIA GIGLIO_MIMII_RID

Lucio Battisti, Baldan Bembo, Mogol, Ivano Fossati, Riccardo Cocciante, Claudio Baglioni, Paolo Conte, Francesco De Gregori, Vasco Rossi, Franco Califano, Mariella Nava, sono soltanto alcuni dei tanti autori che hanno scritto per Mia Martini e per quella sua voce considerata, insieme a quella di Mina, una delle voci più belle ed espressive della musica leggera italiana e che l’hanno consacrata al pubblico che non può e non vuole dimenticarla. Con questo approccio pregno di profondo rispetto e amore per l’immensa Mimì, la Giglio porta in scena uno spettacolo che riporta in vita l’essenza stessa dell’artista, attraverso una originale tessitura teatrale e l’interpretazione dal vivo di successi come Piccolo Uomo, Minuetto, E Non Finisce Mica Il Cielo, Almeno Tu Nell’Universo, La Nevicata del ’56, Mimì Sarà e tanti altri ancora.

SINOSSI:

Riportare in vita un mito è una missione difficile, ma è questo il compito ambizioso che Melania Giglio si propone e lo fa in modo speciale, quasi mistico, richiamando in terra uno spirito tormentato come quello di Mia Martini, donna sofisticata e intensa nell’animo e nella voce. Un’anima che non ha avuto pace nel suo breve passaggio terreno e che la troverà sul palco, grazie alla guida di due angeli interpretati da Mamo Adonà e Sebastian Gimelli Morosini, che avranno il compito di alleggerirle il peso di quel talento per cui forse ha pagato troppo. Saranno proprio queste due figure luminose, due guardiani, ad evocarne l’essenza d’innanzi al pubblico e insieme a quel pubblico Mimì ripercorrerà la sua vita riappacificandosi con lei attraverso le sue canzoni. Il rapporto con la sua imperfetta famiglia (ma quale famiglia non lo è?), i racconti degli amici amati e poi persi di vista. La stupida e beffarda diceria che l’ha vista troppe volte, esser tacciata di sfortuna, a tal punto da vedere una carriera rovinarsi sotto il peso della maldicenza. E forse farà pace soprattutto, anche con se stessa, con il suo talento e la sua voce d’amianto, croce e delizia, amore e invidia di molti. Mimì ci guarderà ancora negli occhi e nuovamente canterà per noi, spaccandoci il cuore come faceva un tempo. Perché questo era Mimì, era qualcosa che non si dimenticava e che ogni volta lasciava il segno, quello stesso segno ch’è rimasto nella memoria di tutti noi. Insieme a Melania Giglio, straordinaria interprete dalla voce penetrante, recitano Mamo Adonà, raro esempio di come una voce femminile possa risiedere in un corpo maschile e Sebastian Gimelli Morosini, ambigua voce dalla presenza androgina, protagonisti di uno spettacolo con canzoni interpretate rigorosamente dal vivo.

MELANIA GIGLIO_MIMI'_RID2

 

 

OFF/OFF THEATRE

Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€; Gruppi 10€ – info@altacademy,it

Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00

Info e Prenotazioni: +39 06.89239515 offofftheatre.biglietteria@gmail.com

SITO: http://off-offtheatre.com/FB: https://www.facebook.com/OffOffTheatreRoma/IG: https://www.instagram.com/offofftheatre/?hl=it

Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona

La Confessione di Marco Politi all’Off/Off Theatre

retroUn Vaticanista si rivela:  “La Confessione. Un Prete Gay Racconta La Sua Storia”, andrà in scena in prima nazionale all’OFF/OFF Theatre di Via Giulia dal 23 al 28 Ottobre, con l’interpretazione e la regia di Alfredo Traversa. Un’occasione unica che parte da Roma, la città ideale, tra umano e divino, sensualità e spiritualità. Tratto dall’omonimo romanzo del giornalista, vaticanista e biografo di Papa Giovanni Paolo II,  Marco Politi che ci rivela e rappresenta la lobby gay  in Vaticano vista e vissuta dall’interno.

23-28ottobre_OffOffTheatre_LaConfessione_Rid1Tante le sfumature che saranno affrontate: le gerarchie vaticane, la tolleranza pontificia sugli ultimi accadimenti, gli abusi sessuali ed i tanti tabù di questo Stato così tanto vicino ed, allo stesso tempo, tanto lontano dal nostro.

imma battagliaNell’ambito di queste giornate uniche si inserisce un evento altrettanto unico per Mercoledì 24 ottobre alle ore 18.30:  Imma Battaglia, la storica leader delle lotte LGBTQ, e (don) Mario Bonfanti, sacerdote costretto dalle gerarchie vaticane a lasciare il suo impegno di parroco, si confronteranno con l’autore Marco Politi sul grande tabù che ancora oggi, in questi giorni, scuote la Chiesa con la lettera del nunzio Mons. Viganò, il quale accusa papa Francesco di tollerare una rete omosessuale in Vaticano, mescolando oscenamente il tema con la questione degli abusi.

23-28ottobre_OffOffTheatre_LaConfessione_Rid3Dal 23 al 28 Ottobre 2018

VIA GIULIA n. 19, 20, 21 – ROMA

DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Produzione AT/Associazione Babele

presenta

LA CONFESSIONE

Un Prete Gay Racconta La Sua Storia

di Marco Politi

 adattamento teatrale di Alfredo Traversa e Marco Politi

diretto e interpretato da Alfredo Traversa

23-28ottobre_OffOffTheatre_LaConfessione_Rid2“La Confessione” di Marco Politi, è il primo spettacolo teatrale italiano che racconta la condizione di un sacerdote omosessuale. Tratto dall’omonimo romanzo di Politi:  “La Confessione. Un Prete Gay Racconta La Sua Storia”, andrà in scena in prima nazionale all’OFF/OFF Theatre di Via Giulia dal 23 al 28 Ottobre, con l’interpretazione e la regia di Alfredo Traversa. Un’occasione unica che parte da Roma, la città ideale, tra umano e divino, sensualità e spiritualità.

L’opera nasce da un incontro con un prete che ha raccontato il suo mondo ed il suo vissuto. Dall’entrata in seminario alle saune, dalla sospensione alla celebrazione eucaristica. Un calvario attraverso le scomuniche della gerarchia ecclesiastica e la comprensione dell’uomo e dei suoi desideri carnali. Una testimonianza drammatica e sincera di un prete cattolico che scopre di essere omosessuale, raccontata sul palco mentre, nella vita reale, è in giro per Roma. Non ha segreti, si mostra al pubblico proprio come nell’atto di una confessione piena. Non c’è mediazione. Il suo corpo e la sua anima sono davanti agli spettatori.

Non è stato facile arrivare sino a questo punto. Sentire l’urgenza di portare un corpo in scena per vedere le sue piaghe. Per condividerne la contraddizioneracconta l’interprete Alfredo Traversaho cercato lo scrittore e giornalista Marco Politi per anni, volevo comprendere quello che lo scrittore Vincenzo Cerami aveva già scritto sul conto del sacerdote nella prefazione al libro di Politi (E’ il viaggio di un’anima alta, messa a dura prova da un destino difficile. Chi parla è una persona speciale, vera e vivente. La sua voce è di un uomo disarmante e sincero fin quasi alla spudoratezza, ma ferma nel suo desiderio di assoluzione e di vita). C’è amore c’è odio, c’è insicurezza, c’è distruzione, c’è salvezza, c’è conforto, c’è silenzio. C’è tutto il mondo nell’anima del nostro sconosciuto e se ci fosse una via d’uscita non ci sarebbe la Vita, non ci sarebbe il Teatro”.

MARCO POLITI – Scrittore e Giornalista

Commentatore de Il Fatto Quotidiano, per diciassette anni corrispondente del Vaticano per La Repubblica e, prima ancora, del Il Messaggero. Insegna “Media e comunicazione di papa Francesco” all’Università telematica internazionale-Uninettuno. Ha scritto con il premio Pulitzer Carl Bernstein la biografia best-seller di Giovanni Paolo II His Holyness (ed. Doubleday / in Italia Sua Santità, ed. Rizzoli), pubblicata in dieci paesi d’Europa e delle Americhe. Nel mio ultimo libro Francesco tra i lupi (ed.Laterza), tradotto in Europa e nelle Americhe, ha evidenziato da subito la crescente opposizione in Vaticano e nell’episcopato mondiale contro le riforme del papa argentino. Autore di numerose inchieste, si occupa di informazione religiosa dal 1971 e nei due conclavi del 1978 è stato il primo giornalista a fare una serie di interviste ai cardinali-elettori, individuando l’identikit del “papa-pastore” che poi sarà Giovanni Paolo II. Ha seguito papa Wojtyla e Benedetto XVI in più di ottanta viaggi intorno al mondo. La sua intervista nel novembre 2004 al cardinale Joseph Ratzinger, che ha indicato come candidato segreto al papato, ha avuto risonanza internazionale. Con il suo libro “Joseph Ratzinger. Crisi di un papato”, ed. Laterza 2011, ha prefigurato con un anno di anticipo le dimissioni del Papa tedesco. Dal 1987 al 1993 è stato corrispondente a Mosca, dove ha fondato l’Associazione corrispondenti esteri, di cui è stato due volte presidente. Collabora regolarmente con Abc, Cnn, Bbc, Rai, Zdf e i principali network americani ed europei. La trasmissione «ABC News Special Events», di cui eraesperto per il Conclave del 2005, ha vinto il premio Alfred I.duPont-Columbia University 2006. Pubblicazioni: La Chiesa del No, Mondadori 2009. Il ritorno di Dio – Viaggio tra i cattolici d’Italia, Mondadori, già alla terza edizione. Papa Wojtyla/ l’Addio, Morcelliana (tradotto in Polonia e Spagna). Io, prete gay, Oscar Mondadori. Giovanni Paolo II, un papa tra la gente, De Agostini.  Andate per tutto il mondo, EDB.

OFF/OFF THEATRE

Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€; Gruppi 10€ – info@altacademy,it

Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00

Info e Prenotazioni: +39 06.89239515 offofftheatre.biglietteria@gmail.com

SITO: http://off-offtheatre.com/FB: https://www.facebook.com/OffOffTheatreRoma/IG: https://www.instagram.com/offofftheatre/?hl=it

per Accrediti Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona
Carla: carla@fabighinfanti.it , 338 4935947 – Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789