ANTONELLA RUGGIERO ALLA FIERA INTERNAZIONALE DELLA MUSICA DI MILANO

RUGGIERO

ANTONELLA RUGGIERO e ANDREA BACCHETTI
con ORCHESTRA CLASSICAVIVA

diretta da Stefano Ligoratti
arrangiamenti di Stefano Barzan 

La vita imprevedibile delle canzoni

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti
Giovedì 31 maggio 2018, Auditorium Testori, Piazza Città di Lombardia, Milano. Si conclude ufficialmente la prima giornata della nuova edizione di FIM – Fiera della Musica con un concerto straordinario, davvero imperdibile. In occasione dei 20 anni di Tranquilo, Antonella Ruggiero e Andrea Bacchetti, insieme all‘Orchestra ClassicaViva diretta da Stefano Ligoratti, presentano al FIM il concerto La vita imprevedibile delle canzoni. FIM 2018, edizione ricca di grandi novità, non poteva che aprirsi così: con il concerto di una diva della musica italiana, una straordinaria voce e un’artista con una nota ed eclettica sensibilità musicale. La vita imprevedibile delle canzoni è l’ultimo album della popolare vocalist, realizzato insieme al pianista genovese, e contiene le più belle canzoni della sua carriera e del suo periodo con i Matia Bazar, riarrangiate per voce e pianoforte, come se fossero arie antiche, da Stefano Barzan, fondatore di Tranquilo, storica casa di produzione musicale di Milano nata nel 1998.

unnamed(1)Nella sua carriera da solista Antonella Ruggiero ha affrontato repertori diversi che hanno attraversato folk, etnica, pop, musica sacra, lirica e contemporanea, accompagnata da ogni genere di organico: orchestre, solisti, organo, cori popolari, elettronica pura. Per Antonella non esiste distinzione tra generi musicali e Roberto Colombo, da sempre al suo fianco, è probabilmente l’unico produttore in Italia con una veduta così ampia a livello musicale, da non rappresentare alcun limite per Antonella. L’inarrestabile ricerca sonora e musicale di Colombo e il talento di Antonella hanno creato una alchimia unica, riconoscibile e penetrante nel panorama italiano. La visione musicale e artistica di Antonella Ruggiero è totalmente condivisa da Stefano Barzan, arrangiatore, orchestratore e direttore d’orchestra ma soprattutto fondatore di Tranquilo, che quest’anno celebra 20 anni di attività.

Senza compromessi (in primis commerciali), la musica vissuta e prodotta da Tranquilo, nei propri studi, non ha generi e non ha etichette. Stefano Barzan e Michela Casazza coltivano giorno per giorno la qualità del suono e della musica, trasferendo (da ormai 13 anni) il know-how acquisito anche ai giovani allievi del Corso di Tecnologia del suono dell’Accademia del Teatro alla Scala di Milano. Spaziando dal pop alla musica cantautorale, dalle incisioni di musica classica-sinfonica alla partecipazione ad eventi memorabili come l’inaugurazione e la chiusura di Expo 2015, 14 edizioni del festival di Sanremo e 2 edizioni dello Zecchino d’oro, Stefano Barzan è una figura presente “dietro le quinte” di molte produzioni oltre che come musicista come tecnico di registrazione e di mastering. Fondatore con Massimo Mariani del corso di Tecnologia del suono presso l’Accademia del teatro alla Scala di Milano, svolge anche una intensa attività divulgativa e didattica centrata sull’integrazione delle competenze tecniche con quelle musicali, con l’intento di formare figure complete e competitive per il mondo della musica.

FIM è una manifestazione ideata e diretta da Verdiano Vera e organizzata da Maia, in collaborazione con BigBox e L’Alveare e il contributo di Regione Lombardia e in Lombardia.

Per informazioni: www.fimfiera.it  – Info Line: +39 010 86 06 461

UFFICIO STAMPA
Synpress44 Ufficio stampa: www.synpress44.com

Annunci

Il Batterista di Jovanotti alla Fiera della Musica

 batterista

Gareth Brown: una poliedrica batteria
al FIM – Fiera della Musica!

Giovedì 31 maggio il batterista londinese ospite in Casa FIM: racconterà la sua esperienza tra i tamburi per Joss Stone, Donna Summer e molti altri, attualmente al seguito di Jovanotti.

Giovedì 31 maggio 2018 FIM – Fiera Della Musica 2018 (con la direzione artistica di Verdiano Vera, organizzato da Maia in collaborazione con Alveare e BigBox) sarà lieta di accogliere Gareth Brown per un incontro incentrato sulla sua esperienza di batterista per grandi del pop e del rock. Brown sarà intervistato in CASA FIM, il centro nevralgico della rassegna, all’interno del quale si incontrano – come sempre da tradizione FIM – i nomi illustri e creativi del mondo della musica, in diretta streaming. Per l’occasione il palco/salotto di FIM sarà il luogo in cui il batterista racconterà il suo mondo musicale e le sue collaborazioni, con una breve performance per FIM.

Londinese di origini giamaicane, Gareth Brown è un richiestissimo session man, sempre impegnato in studio di registrazione. Da tempo è il batterista della focosa band di Jovanotti, ma ha all’attivo il progetto solista Jungle Green e ha lavorato con molti musicisti, pensiamo a Donna Summer, Rihanna, Craig David, TIziano Ferro, Joss Stone, Rita Ora e molti altri. In un’edizione unica nel suo genere come quella del 2018, particolarmente attenta al tema della formazione musicale, la presenza di un musicista così attivo tra musica, concerti e workshop sarà molto utile nel percorso relativo alle professioni nella musica.

La partecipazione di Gareth Brown al FIM 2018 è in collaborazione con Mondomusica Milano.

Per informazioni: www.fimfiera.it  – Info Line: +39 010 86 06 461

UFFICIO STAMPA
Synpress44 Ufficio stampa: www.synpress44.com

unnamed(1)

Al teatro Olimpico arriva Shine on! The Pink Floyd Opera con gli Animals Pink Floyd

foto anials2

Musica 4.0 e arriva Shine on! The Pink Floyd Opera con gli Animals Pink Floyd
22 aprile 2018 Teatro Olimpico ore 21.00

Pink Floyd, passione senza tempo. Un mito percorso da intere generazioni. Gli Animals Pink Floyd sono una tribute band speciale che ripercorre la stessa filosofia della band britannica e si accosta quasi perfettamente al loro modo di stupire il pubblico con perfomance memorabili. A premiarli l’affetto del pubblico che li segue ovunque e dopo il grande successo dello scorso anno con Obscured by Clouds, gli Animals Pink Floyd, in collaborazione con Momento Danza, mettono in scena uno spettacolo unico il 22 aprile ore 21 al teatro Olimpico:Shine on! The Pink Floyd Opera, che racconta l’evoluzione dei Pink Floyd dal 1967 ad oggi.

foto animals
L’epopea di una band che ha cambiato per sempre la storia del rock ed ha segnato i tempi, verrà ripercorsa dagli Animals Pink Floyd in un’indimenticabile esperienza di rock-art, che coniuga musica live, performance teatrali della compagnia “Teatranti tra tanti”,  coreografie danzanti a cura di Fabio Massimo Casavecchia, il tutto sotto l’attenta regia di Stefano Viezzoli.

Teatro Olimpico
Piazza Gentile da Fabriano, 17, 00196 Roma RM
Telefono:06 326 5991

Federica Rinaudo
Giornalista
Ufficio stampa e comunicazione
www.federicarinaudo.it

I VULUMBRELLA IN CONCERTO: VILLANELLE E CANZONI

 

Baronato Quattro BellezzeVulumbrella in concerto: Villanelle e Canzoni

Venerdì 16 marzo ore 21 | Baronato Quattro Bellezze, Roma

Silvia Bilotti: voce principale, chitarra,  percussioni

Stefano Iatosti: seconda voce, chitarra, flauto diritto

Il duo Vulumbrella, formato da Silvia Bilotti e Stefano Iatosti, porta avanti una sperimentazione sulla musica rinascimentale europea utilizzando strumenti della tradizione colta, come la chitarra e il flauto diritto e altri tipici di varie culture: il pandeiro, lo scacciapensieri, i cimbali, le campanelle, le campane tibetane, il thunder tube, le nacchere, la raganella, il guiro, le campane tubolari e l’ocean drum. Strumenti apparentemente inconciliabili vengono accostati per produrre effetti timbrici nuovi e imprevedibili.

Il  concerto è dedicato alle villanelle e alle canzoni inglesi del Rinascimento, di matrice popolare e colta.

In ciascuna di esse, l’erotismo gioca un ruolo fondamentale: a volte il riferimento è esplicito, altre volte l’autore ricorre a metafore e simboli, sia pur d’immediata comprensione in un gioco allusivo che stabilisce un dialogo con l’ascoltatore.

Prima di trasformarsi in un genere polifonico alla moda, la villanella veniva eseguita in forma di melodia accompagnata con la sola parte di soprano, destinata alla voce: le altre linee melodiche  erano eseguite dal liuto o da strumenti affini. Questo modo esecutivo viene proposto con un diverso approccio, che mette in risalto la ricerca timbrica e interpretativa nell’ambito di una libera contaminazione di generi e forme.

Vulumbrella: Villanelle e Canzoni

Venerdì 16 marzo 2018 ore 21.00

 

Baronato Quattro Bellezze

Via di Panico 23, Roma RM

06 4554 8220

 

Ingresso gratuito

FUORI LE MURA: LUGLIO CON TANTI NUOVI TALENTI CANORI

FUORI LE MURA
Le Mura Music Bar @ ViteCulture Festival

Fuori Le Mura2

Le nuove sonorità da non perdere all’EX Dogana con #IlLatoPositivo
Ogni giorno a ingresso gratuito

Sul palco: Edoardo Baroni (15 luglio), Shijo X (16 luglio), Ainé (17 luglio), Jekesa (18 luglio), Sbratz e Soundburger (19 luglio).

Ex Dogana, Viale dello Scalo S. Lorenzo, 10. Ore 12.00 fino a notte inoltrata

Live Club e cocktail bar tra i più seguiti della capitale, nonchè riferimento per la scena alternativa italiana, Le Mura per l’estate 2017 diventa Fuori Le Mura e si trasferisce con la sua fitta programmazione musicale all’Ex Dogana, tramutando l’area dai forti connotati urban in un vero e proprio salotto dove scoprire e incontrare la nuova scena musicale… sempre a ingresso gratuito.

Negli ultimi anni Le Mura si è affermato come uno dei luoghi di riferimento per gli appassionati e gli scopritori delle nuove sonorità, tanto da portare all’attenzione dei grandi media e dei circuiti mainstream artisti e formazioni musicali come i Joe Victor.

All’interno del ViteCulture Festival, Le Mura con una sempre puntuale selezione artistica, prosegue la sua missione con il progetto Fuori le Mura, proponendo quotidianamente concerti destinati a portare all’attenzione del grande pubblico proposte artistiche più o meno note, ma sempre di alto livello è assolutamente da tenere d’occhio. Una proposta culturale incentrata sulla musica originale, sulle realtà alternative indipendenti ma anche su nomi di rilievo della scena nazionale e internazionale facendo da supporto al palco “main” del ViteCulture Festival con uno spazio interamente gratuito per godere di buona musica, degustando un ottimo cocktail e in attesa dei grandi live sul palco principale.

Dopo Filippo Gatti e Cesare Blanc, si prosegue dal 15 al 19 luglio con:  Edoardo Baroni (15 luglio), Shijo X (16 luglio), Ainé (17 luglio), Jekesa (18 luglio), Sbratz e Soundburger (19 luglio).

EDOARDO BARONI è figlio di una nuova ed effervescente scena cantautorale romana con l’eleganza della musica d’autore di Riccardo Sinigallia. “Il momento di pensare alle cose” è un album intimo che, come suggerisce il titolo, concede il tempo di riflettere sugli avvenimenti e su se stessi. Uno spazio in cui perdersi e lasciarsi andare al synth morbido ed alla voce di Edoardo per concedersi “un giorno senza peso”.

SHIJO X Hanno recentemente pubblicato il loro terzo disco, dallo stile sempre molto personale e sperimentale, che si allontana dai canoni trip hop del secondo album per delineare sempre più una propria e forte cifra stilistica.

AINÉ Arnaldo Santoro classe 1991 in arte “Ainé”, è un giovanissimo talento con una solida esperienza alle spalle. l 24 maggio 2016 esce il suo album di debutto “Generation One”, un disco frutto di una grande ricerca musicale che vede presenti nell’album diverse featuring appartenenti al mondo musicale italiano ed internazionale. Attualmente è al lavoro sul nuovo disco.

JEKESA Esordito come cantante reggae, ha avuto recentemente una folgorazione hip hop grazie alla complessità in cui possono spaziare testi e liriche di questo suo nuovo prediletto genere musicale.

SBRATZ Sbratz è la nuova esilarante sketch Comedy realizzata dagli autori di The Jackal e The Pills. Stand Up con Daniele Tinti, Daniela delle Foglie e Francesco Frascà e a seguire proiezione delle prime 5 puntate con commento del regista Luca Vecchi e degli sceneggiatori Serena Tateo e Tommaso Triolo.

Ufficio Stampa HF4 – Marta Volterra marta.volterra@hf4.it

LA WHY NOT E CESCO, CON IL SUO OMAGGIO A SILVIA CAPASSO, ALL’ARTECO’ DI ROMA PER L’EVENTO “MUSICA E RACCOLTA PER AMATRICE” – di Sara Lauricella

IMG-20170415-WA0016

L’attivissima accademia di canto Why Not? di David Pironaci e Tomas Conforti, non abbassa mai la guardia e non perde occasione per aiutare il prossimo. Avuta notizia da alcuni stretti collaboratori che nelle zone limitrofe alla città di Amatrice, che come ben sappiamo è stata oggetto dei recenti terremoti, sono in distribuzione beni di prima necessità, l’accademia si è subito attivata per organizzare una serata di raccolta destinata ai terremotati. E come poteva farlo se non con la musica ed il canto?  Ed ecco pronto un evento di musica e raccolta, insieme con l’Associazione “UNITI PER AMATRICE”, per il 22 aprile presso l’ARTECO’, locale romano in zona Prati che subito si è prestato per l’iniziativa e la collaborazione di #Differevent per la divulgazione ed interviste evento. Tanti gli artisti, allievi e non, che metteranno a disposizione le loro ugole per questa nobile causa. Dal cantautore CESCO che, proprio recentemente, è uscito sul mercato con il suo singolo registrato con la splendida voce, purtroppo scomparsa, di SILVIA CAPASSO  e dal titolo “ASTRONAUTA”,

cesc e silv

alla giovanissima voce di ALESSANDRO PIROLLI noto al grande pubblico per la sua partecipazione a “Ti Lascio una Canzone”,

pirolo vicino  rob

al bravissimo ROBERTO TAGLIAVENTI, già vincitore del concorso Je so’ pazzo, ed una ventilata possibile ospitata a sorpresa di CASSANDRA DE ROSA, corista di Alex Britti. Insieme a tutti loro si esibiranno tanti ragazzi dell’accademia Why Not? che non hanno esitato a prestare la propria arte per una tale iniziativa; tra gli artisti che hanno aderito ci sono  Elena Faccio, Claudia Diaferio, Gioia Lentini, Giulia Spanu, Logan Giordani, Arianna Bagaglia, Chiara Consorti, Giuseppe Giacoppo, Rosaria Boniello, Silvia Volpe.

puzzlenostri

 

nuovi

All’ingresso dell’ArtEco’ verrà riservata una zona per la raccolta dei beni di prima necessità da destinare ai terremotati: oltre ai soliti pasta, prodotti in scatola,  legumi in busta sigillata, detergenti per la persona, prodotti igienici per bambini e per signora, latte in polvere, omogeneizzati,  biscotti, latte a lunga scadenza, olio, caffè, zucchero, sale, farina, succhi di frutta, merendine, carta igienica, vestiario in buone condizioni, croccantini, ciotole e scatole per gli animali, batterie elettriche, impermeabili, articoli scolastici, qualche libro da leggere ed altro.

Il costo della cena con consumazione è di E. 20 ma ricordatevi ….. ognuno di voi dovrà portare qualcosa per i terremotati …. E per i loro animali!

Per seguire gli eventi dell’accademia potete seguire la pagina e la pagina dell’evento.

https://www.facebook.com/Why-Not–511239762226962/?fref=ts

https://www.facebook.com/events/409087609464514/

FERDINANDO VEGA VINCE IL TALENT “MY VOICE” … TANTA EMOZIONE E GRANDE DIBATTITO IN GIURIA – di Sara Lauricella

f vega prega

Si è conclusa il 12 marzo 2017 la prima edizione del talent “MY VOICE” di Cassandra De Rosa,  Simone Pigliacelli ed Alessandro Venuti. Il talent, che si è interamente svolto presso il bellissimo Billions, è stato un crescendo ed un susseguirsi di emozioni per i concorrenti, per il pubblico e per la giuria. Tutti molto bravi i cantanti in gara ed è stato veramente arduo per i giudici, soprattutto nell’ultima selezione,   assegnare i primi tre posti. Dopo una lunga discussione vince, per pochi voti, il fantasista FERDINANDO VEGA, seguito nell’immediato dal secondo posto di MARIA FAIOLA e dalla giovane AURORA TETTO,

f vega maria due

 

f silvia e due

f maria ferdi aurora

ai quali sono stati consegnati i trofei ideati e realizzati da Fulvio Pannese di Pannaus Studio e, per i primi due classificati Ferdinando Vega e Maria Faiola la Gold Tv ha assegnato l’ospitata nella trasmissione “Festival in musica” la Produzioni Why Not? ha assegnato il  premio evento, mentre la #Differevent ha assegnato il “premio Inedito Doc” a Ferdinando Vega

f inedito doc

e Simone Sartini tre mesi di promozione web alla seconda classificata. Terzo premio la visita foniatrica con la dott.ssa Silvia Spinelli della MovArt oltre all’ospitata nella trasmissione “Festival in musica” su Gold Tv. E per tutti gli altri partecipanti pioggia di premi quali borse di studio per il percorso musicale Musical Mood, ospitate al Canta Elba, ospitate all’estero, premio Inedito Doc, interviste in varie radio e canali, passaggi brani e via dicendo.

f simo silvia fabry

f giuria radio

La pregevole giuria si è molto spesa nei commenti, indicazioni, suggerimenti (ed anche qualche bacchettata) per aiutare i partecipanti nel miglioramento del loro percorso artistico e nel tentativo di non creare false illusioni agli aspiranti artisti. Immensa la presidente di giuria SILVIA MEZZANOTTE che ha osannato e criticato con garbo e chiarezza, tecnico ed immediato il giudice FABRIZIO PALMA che si è anche offerto per prendere in collaborazione alcuni dei partecipanti, sinceri e concisi tutti i componenti della giuria  sia radiofonica che artistica: Pamela Lacerenza, La Leti, Max Poli, Giuditta Arecco, Frankie Lo Vecchio, Marcelo Fuentes, … e la stessa Cassandra De Rosa.

f vega billions2

Grande il bagaglio di informazioni che la giuria ha donato ai cantanti per poter lavorare al meglio in questa durissima e bellissima professione. Ferdinando Vega è riuscito a convincere per la sua versatilità, per lo stile frizzante e sagace al tempo stesso, per la sua capacità interpretativa di pezzi un po’ più intimi come di pezzi più vivaci ed irriverenti. Maria Faiola ha colpito per la sua originalità e per il suo stile di scrittura destrutturato ed unico oltre che la voce calda e suadente ma anche forte ed incisiva. Aurora Tetto è arrivata con tutta la dolcezza della sua voce giovane e fresca. L’edizione è stata interamente condotta da Simone Pigliacelli che, per la finale, ha voluto condividere il palco con un’artista che, per la sua verve e spigliatezza,  è stata una grande rivelazione: Chiara Consorti.

f chiara

Grande lo spirito di unione e di estrema trasparenza che si è respirato durante tutta la durata del talent in cui i veri protagonisti sono stati i concorrenti: “per noi non sono stati concorrenti da buttare sul palco a farli criticare, far nascere competizioni o discussioni –afferma l’ideatrice Cassandra De Rosa-  loro sono stati i figli della nostra prima edizione di My Voice, dico figli perché  ognuno di loro ha ricevuto la stessa caramella e la stessa critica costruttiva che bisogna dare a chi vuoi bene per non dare false speranze o per far comprendere il lavoro che c’ è da fare, poi c’è chi l’accetta e chi no, ma devo dire che ci possiamo ritenere fortunati!” . Tante ma veramente tante le persone che si sono messe in azione per la realizzazione di questa prima edizione di MY VOICE e che hanno fatto si che diventasse un’edizione riuscitissima e riconoscibile per la professionalità di tutto il team organizzativo ed artistico e per la trasparenza e chiarezza di tutta la giuria. Attendiamo la prossima edizione con il gusto di aspettare qualcosa che, sappiamo già, sarà molto bello ed emozionante. Foto Credits Ph Emanuele Tetto

Foto Credits PH Emanuele Tetto

f GRUPPO TUTTI 2