A FIRENZE ARTE E TECNOLOGIA la nuova Classe A della GMG Mercedes e l’EnoArte di Elisabetta Rogai

giancarlo antognoni ed elisabetta rogai

 “Ehi Mercedes!” allegria ed ironia per una ventata d’aria nuova  – a sorpresa – per la quarta generazione della baby Benz. La tecnologia è l’elemento chiave del rinnovamento con un inedito infotainment e un motore entry level e dunque entrare in un nuovo mondo interagendo con la propria auto, sfiorando con mano il touchpad, il touchscreen e i tasti al volante, limiti inimmaginabili per l’interazione tra uomo e macchina. “Ehi Mercedes!”  due parole ed ecco che la nuova Classe A non solo ti ascolta ma risponde anche alle richieste, consentendo di gestire facilmente e con un comando vocale tante funzioni del sistema di navigazione, dell’autoradio, del climatizzatore e altro ancora.

32253590_1861439450545787_3783022484400373760_n

Dopo un debutto in privato ad Amsterdam  la nuova Classe A, che sarà una delle protagoniste del salone di Ginevra 2018, è stata presentata in tutta Italia il 12 di maggio ma la presentazione a Firenze, effettuata dalla GMG Mercedes su intuizione di Giovanni Birindelli nella Piazza Strozzi, ha sorpreso il mondo degli appassionati e la stampa per un inedito concentrato di eleganza e stile.

rogai e birindelliInfatti Piazza degli Strozzi è stato teatro di un evento che ha abbinato l’Arte e  la bellezza alla tecnologia più avanzata, l’EnoArte di Elisabetta Rogai alla Classe A, una inedita performance live,  l’abile uso del  pennello dell’Artista abbinato al  Chianti Classico del vino dell’Azienda Agricola Colle Bereto per un momento che celebra la passione per il mondo dell’Auto con l’Arte, il glamour di autovetture di sogno mostrate in anteprima nazionale dalla nota concessionaria. Non nuova ad avere consensi e definizioni della sua tecnica EnoArte “innovativa” l’Artista Elisabetta Rogai e l’imprenditore Giovanni Birindelli – GMG Mercedes – hanno riunito autorità, 32155298_10216973983688409_1534427029850554368_ncollezionisti e amici, clienti, stampa e campioni dello sport  al Colle Bereto, l’american bar più glamour di Firenze, dove la concessionaria GMG Mercedes, main sponsor dell’evento, ha creato sul red carpet un’isola statica di stile, presentando in anteprima la nuova Classe A Mercedes. L’autovettura compatibile con la bellezza della Piazza Strozzi che diventa, da memoria storica, il  luogo privilegiato dello scambio di arte e tecnologia, un crocevia di cultura, mutando armoniosamente, un simbolo della storia di questi luoghi antichi, rendendoli moderni e vivibili.

Press Cristina Vannuzzi

Firenze, maggio 2018

Colle Bereto Piazza degli Strozzi, 5R – 50123 Firenze32187228_10214854967035305_4709617332975042560_n

www.elisabettarogai.it

www.gmgspa.com

www.cafecollebereto.com

Annunci

Ambizione e talento per la nuova capsule di “Lake View”

IMG_6812                                           “

Il team dei tre giovani fondatori del marchio Lake View è determinato nel proporre nuove idee nel mondo del fashion,  brillanti idee e spirito manageriale emergono in modo sorprendente nelle loro creazioni.  La presentazione della seconda Capsule, presentata il 20 aprile 2018, ha riscontrato un grande successo confermando il grande talento di Greta Schettino, Pietro Floris e Pietro Fadda. Insieme nel 2016  hanno fondato  il brand Lake View, tutti classe 97’ hanno frequentato, il Liceo Volta di Como per poi intraprendere studi diversi rispettivamente di sociologia, giurisprudenza e fashion design. La produzione dei capi è stata, come nel caso della prima collezione, totalmente artigianale e volta allo scopo di creare capi unici e dotati di una valenza artistica. I capi sono dunque prodotti in una quantità estremamente limitata ed assumono pertanto un valore aggiunto di unicità e cura al dettaglio, sebbene vi sia l’interesse in futuro di sviluppare il brand verso una produzione industriale.

IMG_6815

La collezione è caratterizzata concettualmente da un immaginario punk che non vuole tuttavia connotarsi di sfumature di protesta e ribellione quanto piuttosto incarnare il senso di una gioventù unita, indipendente e creativa.  La presentazione della nuova Capsule, ha rivelato la fusione tra i vari  elementi, quali: la moda, l’arte e la musica,  una sinergia perfetta che ha catturato l’attenzione dei presenti.

Un altro aspetto fondamentale, per il giovane brand Lake View  è il riciclo  e la rielaborazione di capi vintage.

In particolare emerge l’idea di selezionare accuratamente di capi unici che già di per sé raccontano una storia, e donare loro una seconda vita tramite la loro attualizzazione.

IMG_6818

Tale modernizzazione dei capi vintage vede in questa capsule numerosi passi avanti rispetto a quella dell’anno precedente, esplorando concettualmente il tema del decostruttivismo, con immancabili riferimenti al mondo di Martin Margiela. I capi spalla derivati dal mondo militare quali parka, sahariane e bomber, sono accompagnati dalle giacche ed i pantaloni in denim,  tutti scomposti e riassemblati tra loro al fine di esplorare nuove soluzioni volumetriche e stilistiche.

Un grande traguardo raggiunto per il giovane team,  che con  uno sguardo al passato si proietta con attenzione  nella modernità del futuro.

Colombia crocevia di Business e Glamour: importante incontro a Roma con le aziende per l’export

IMG_0789 mancini ok stretta di mano

Mercoledì 18 Aprile, si è svolto a Roma Capitale, presso la sede della Camera di Cooperazione Araba e della Camera di Commercio Italia – Cuba e Repubblica Dominicana_ Area Celac (Parioli), l’incontro per promuovere il Progetto Colombia Moda 2018. Grande entusiasmo per le oltre 20 aziende, tra cui anche un rappresentate della celebre Maison Gattinoni, che hanno partecipato attivamente  alla presentazione, ponendo evidenza alla potenzialità che questi Paesi possono rappresentare per il Made in Italy.

1. La Fashion Manager Gabriella Chiarappa - presidente mancini direttore generale Livreri e l'Imprenditore Luigi Antinori

La Colombia attualmente  ha intrapreso un percorso di costante crescita e prosperità per cui il paese è ora un modello economico per tutto il continente latino americano e sta conquistando investitori da tutto il mondo.

IMG-20180421-WA0041  La Colombia è la terza economia latino-americana e il terzo paese per numero di popolazione, dopo Brasile e Messico, il che la pone in posizione privilegiata anche in termini quantitativi. La capitale, Bogotá è al 5º posto nel ranking delle migliori città per gli investimenti nel sud America, raggiungendo i livelli delle grandi capitali latino americane.

foto ok

Lo stesso Direttore Generale della CC-ICRD avv. Elettra Giovanna Livreri, spiega, dati alla mano “La Colombia rappresenta oggi un paese di grandi opportunità per l’export italiano della moda italiana, sia per la stabilità politica che per l’elevato tasso di crescita della popolazione  e per la forte presenza di pubblico alto – spendente”.  Prosegue, il Presidente della CCIA Mario Mancini, “L’Italia è il 3° Partner dell’UE per le Importazioni di prodotti in Colombia e la partecipazione alla Missione Moda  in Colombia sarà occasione unica per affacciarsi su un mercato promettente, quello caraibico e sudamericano, che vive l’acquisto di prodotti Made in Italy come un vero e proprio status symbol”.

IMG_0367 sala completaConclude in modo incisivo ed approfondito la Resp. settore moda,  la manager del fashion Gabriella Chiarappa, “E’ importante evidenziare il reale e concreto sostegno della Camera di Commercio nei confronti delle aziende, attraverso la definizione di strategie  e l’offerta di risposte efficaci alle esigenze delle stesse che decidono di intraprendere o rafforzare il proprio percorso di internazionalizzazione”. Un vero successo, per l’incontro che ha avvalorato l’entusiasmo da parte delle aziende partecipanti che hanno potuto constatare con dati dimostrabili, la validità delle opportunità presentate  e il concreto supporto nel processo di sviluppo economico della Camera di Commercio CC-ICRD, l’unica attivamente presente in questi territori.

IMG_0566 aziende

MARINA CORAZZIARI ILLUMINA ALTAROMA CON I SUOI GIOIELLI

La storica kermese capitolina “Altaroma”, che si svolge a Gennaio,  ha coinvolto tutta la città di Roma, oltre al Guido Reni District, le diverse iniziative in calendario sono state

16602598_687389044765803_281757662075045808_nospitate al MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, e a La Galleria Nazionale, istituzioni tra le più rappresentative del polo della cultura e della creatività che si estende tra i quartieri Flaminio e Parioli, dove “Altaroma” ha da diverse edizioni creato un nucleo dedicato alla moda e alla ricerca. Ma anche gallerie d’arte e hotel, disseminate in città, hanno ospitato i numerosi eventi, un’occasione per esprimere attraverso il carisma, la determinazione e la capacità di giovani talenti e non solo, l’importanza di un dialogo tra moda, arte, storia e cultura in città.

19554713_10212943638256343_7538174198377956466_n

Grazie al sostegno dei soci (Camera di Commercio, Regione Lazio, Risorse per Roma e Roma Città Metropolitana), al supporto del Ministero dello Sviluppo Economico e dell’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane  “Altaroma” prosegue avendo come scopo principale l’ampliamento del raggio d’azione a sostegno dei talenti emergenti e dei valori del made in Italy, innalzando il livello di attenzione internazionale sulle proprie iniziative. 14102410_602034343301274_1940234003480244287_n

La sezione Atelier conferma l’interesse di “Altaroma” per l’alta artigianalità e il fatto a mano e la tradizione rivista in chiave contemporanea dai nuovi talenti. Sulle passerelle capitoline è ritornato dopo un periodo di assenza il grande stilista libanese Abed Mahfouz e l’artista Marina Corazziari con i suoi splendidi gioielli. Inoltre un grande “ritorno”, un tributo a Francesco Scognamiglio che ha celebrato i 20 anni della sua Maison con una sfilata-evento, dal 1998 al 2018 vent’anni di storia, scritta da abiti-icona e dalla nuova collezione couture, che hanno sfilato nelle sale de La Galleria Nazionale.

Tornano dunque ad Altaroma le affascinanti creazioni di Marina Corazziari, e, quello che colpisce, al primo sguardo, è la capacità della stilista  di contaminare con il proprio sguardo artistico ogni lavoro, con la delicatezza che scivola sulle immagini per una ironica nostalgia, i  ricordi fantastici del suo mare, la ricerca di un’anima che crea questi monili, importanti, iconici, indossati da queste donne meravigliose per farli tornare a mettere in discussione il ruolo che viene loro attribuito, quello del bjoux, ma giocando come testimoni surreali di ricordi, di nostalgia, di mari e cieli di paesi lontani, di sogni e  suggestioni fantastiche. 26992562_858290557675650_5628636131938506057_n

E dunque il pubblico di Altaroma ne rimane incantato, e le preziose creazioni gioiello – realizzate con coralli, turchesi, topazi e  avorio, acquemarine e topazi azzurri, giade ed ambre incastonate in lastre d’argento e d’oro –   celebrano linee e colori del Mediterraneo multiculturale, il mondo della jewels designer e scenografa Marina Corazziari.

Crediti ph: Edoardo Tranchese

Press: Le Salon de La Mode

NADIR MAUT AL FASHION FRAMES PITTI LIVE MOVIE F/W 18/19

cris egger svatlana schmidt(1)

Una Firenze che si conferma contenitore di idee e brand si è presentata a tutto il mondo,  dal 9 al 12 gennaio, magica città dove  il mood è stato solo uno, Pitti Live Movie,  ovvero cinema & moda, costumi & scene, sfilate & film, ovviamente la MODA dove qui è tutto,

_1111512_preview(1)

quindi tendenze Autunno Inverno 2018/2019,  tutti al Film Festival di Pitti Uomo,  per le collezioni maschili dell’inverno 2019, per il red carpet dello stile contemporaneo di 1.230 marchi dei quali 541 provenienti dall’estero (il 44% del totale) con 227 tra nuovi nomi e rientri al salone) che ha occupato più di 60.000 mq in Fortezza da Basso e in tutta la città, dove si sono avute manifestazioni non meno importante e di tendenza come il Salon Of Excellence & Fashion Frames  organizzato dalla DeGorsi Luxury Consulting di Alexander Djordjevic e Cristina Egger che si confermano così come uno dei contenitori di ricerca di nuovi brand emergenti più interessanti di Pitti Immagine Uomo.

Nadir Mamut

Cristina Egger, per la 9° edizione del Fashion Frames, ha presentato una sezione completamente dedicata a nuovi designer/brand con un’importante dose di ricerca stilistica nel proprio DNA con un solido background strutturale che ne possa consentire il successo distributivo e commerciale, infatti i Brand presentati in questa edizione sono concentrati nelle merceologie relative agli accessori, luxury comfort, accessori, borse, calzature o elementi di abbigliamento che vivono indipendentemente da un total look, mixando abilmente gli accessori fatati a cui non si può rinunciare.

IMG_5955

Tra i brand esposti al Fashion Frames abbiamo notato i fantastici caftani di Nadir Maut che sembrano aquiloni, mossi dal vento, come delicate farfalle per capi di una collezione dai colori notturni e sofisticati, la  costruzione di un mondo tra realtà, sogno e fantasia, una esaltazione di un affascinante luxury comfort, abiti/caftani elegantissimi, morbidi, sensuali, per una padrona di casa che passa con grande eleganza tra mondi e modi del vivere quotidiano per abitare il mondo, un abbigliamento avvolgente e glamour, una collezione  che mostra un vero talento usando con maestria il tessuto, partendo da motivi tradizionali, un mondo meraviglioso, quello di Nadir Maut a  Pitti Live Movie.

Fashion Frames

Press: Le Salon de La Mode

shooting: Seta Atelier, Nadir Mamut, O Jour, Alef, Berg

Art Director & Ph. Edoardo Tranchese

assistant: Umberto de Rosa

MUA HM Makeup Italy di Luciano e Miriam Carino

Models: Gresya Acanfora Naomi Buonomo Maria Della Volpe Veronica Maria

Cantine Mediterranee

Organizzation: Cris Egger

26230858_1907988035910532_1941293463949297766_n

“My Creative Shoes” Un tuffo nella creatività che fa tendenza

FB_IMG_1494434456046

Un estate decisamente comoda e fantasiosa con le “ My creative Shoes”, di Fatjona Thano,  una passione che rivela ben presto l’intuito creativo della designer , nel voler fare  indossare qualcosa di unico  e personalizzato.FB_IMG_1494434465963

Il sua grande amore per le scarpe si è unito sinergicamente a quello dell’arte, creando prodotti originali che diventano tendenza, accessori che si possono indossare in varie occasioni e che determinano lo stile che fa la differenza, molte idee per l’estate e tante altre ancora previste per l’a/i.

Tutto viene personalizzato attraverso la fantasia piu’ curiosa rivolta sia ad adulti che  bambini, esclusivamente dipinte a mano, un modo nuovo di proporre idee artistiche come: personaggi dei fumetti, cartoni animati, icone della musica e tanta magia con le “ My Creative  Shoes”.

Per Fatjona è un vero è proprio sogno che si concretizza dipingere sulle scarpe, un nuovo modo di  fare tendenza , proponendo una visione moderna per le sneakers,  per le converse, adidas e tante altre ancora . Una creatività che si esprime con la giusta personalizzazione, rispondendo ad ogni tipo di esigenza o richiesta, si puo’ indicare quali zone si vogliono dipinte se un solo lato , fino alla cucitura o fino agli occhielli, oppure un disegno di richiamo che sia diverso tra una scarpa e l’altra , insomma tutto si puo’ realizzare e  da  consigliare anche  come  una buona idea regalo .PicsArt_05-10-06.21.56

Le scarpe dei nostri sogni, quindi sono realtà e la cosa piu’ bella è che personalizzando la scarpa con qualcosa che rappresenta la propria personalità e come dire “esprimi cio’ che sei con cio’ che indossi “, tutto per comunicare un vero e proprio messaggio che rappresenta chi le indossa in modo esclusivo.

Writer Gabriella Chiarappa

CINEMA E LIBRI ALL’ISOLA TIBERINA: SARAH BIACCHI “CANTA” IL CINEMA

IMG_1116

Sabato 22 luglio nella rassegna Cinema e Libri, nella cornice dell’Isola del cinema di Roma, ha preso  vita il concept  “Regia”, un’idea di Sarah Biacchi, unica attrice di prosa, interprete pop e soprano drammatico professionista allo stesso tempo che abbiamo in Italia. “Si chiama Regia – racconta l’artista – perché è una nuova lettura registica di quelli che per me sono i pezzi cantautorali più intensi scritti nel nostro Paese e nella memoria collettiva”.IMG_1158

I primi pezzi scelti da Sarah per la realizzazione dei relativi cortometraggi, scritti e diretti da Luigi Pironaci,  sono tre grandi classici:

IMG_1192

– “Carte da decifrare”  di Ivano Fossati

– “Il sogno di Maria” di Fabrizio De Andrè

– “La leva calcistica della classe ’68” di Francesco De Gregori.

 “E’ stato poetico e naturale coniugare l’uso delicatissimo del cinema d’autore di Luigi alle versioni interpretate da me e Luca Proietti di questi grandi autori musicali. I cantautori sono stati le mie rockstar… i pezzi di cuore che si sono incisi dentro me, che mi hanno fatto ridere, commuovere, immaginare mille storie da quando ero bambina”.

Nei tre film viene narrata un’unica storia, il rapporto d’amore di una famiglia e la sua evoluzione, commentata dalle canzoni, un esperimento mai visto in Italia prima d’ora, una sceneggiatura musicale.

“Mi rendo conto che sia spiazzante e inatteso da chi si confronta quotidianamente con la musica lirica,  come accade a me” – continua Sarah –  “Ma io credo fortemente nella separazione degli stili, nella polivocalità. Certo, ci vuole molta tecnica”. “Non sono versioni crossover, io canto come un’attrice, un’interprete,  o meglio una persona. Voglio suonare delle poesie, e voglio che chi non le conosce si innamori, come è successo a me sulla ‘500 di mia madre”.

Prodotta da David and Matthaus Edizioni, durante la serata di presentazione, Sarah Biacchi ha cantato altri tre brani live, accompagnata al piano dal maestro Luca Proietti.

All’esibizione live è seguita la proiezione dei tre mini-film della durata complessiva di circa di 15 minuti. Lo showcase ha visto inoltre, l’amichevole partecipazione del trio canoro Ladyvette, le cantattrici anni ’50 che con la loro ironia hanno conquistato l’America durante il loro tour e che abbiamo visto e vedremo ancora da settembre come coprotagoniste della fiction RAI “Il Paradiso delle Signore”. Le Ladyvette hanno proposto due divertenti  pezzi a cappella del loro repertorio swing.