VIOLETTE SAUVAGE IL 14 E 15 APRILE NELLA COFFEE HOUSE DI PALAZZO COLONNA

Violette Sauvage aprile

L’azienda francese Violette Sauvage sceglie ancora una volta la barocca e suggestiva Coffee House di Palazzo Colonna, in Piazza SS. Apostoli 67, per l’evento di moda più glamour della capitale. Sabato 14 e domenica 15 aprile dalle ore 11,00 alle 19,00 la location, straordinariamente aperta al pubblico, accoglierà tutti i visitatori con l’evento dedicato allo shopping, che mette in connessione la creatività dei designer emergenti ed un mix di tendenze del passato. Oltre quattromila persone hanno preso parte ai precedenti appuntamenti moda. Ciò dimostra che c’è un forte segnale da parte dei consumatori sul cambiamento dei comportamenti d’acquisto che divengono sempre più mirati e ragionati. In ogni evento moda c’è sempre anche una forte attenzione ai temi sociali. Violette Sauvage, in collaborazione con il gruppo romano Mercatini & Derivati, in questa edizione sosterrà l’AIL (l’Associazione Italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma) che sarà presente con un punto informativo. La onlus da sempre promuove e sostiene la ricerca scientifica per la cura delle leucemie, dei linfomi e del mieloma ed assiste i malati e le loro famiglie.  Violette Sauvage nasce nel 2010 grazie all’idea all’imprenditore italo-francese Rino Coletti, che decide di lanciare per la prima volta in Francia l’idea di un riutilizzo glamour che faccia bene all’ambiente, in grado di associare qualità e divertimento ad una visione green e con una forte attenzione verso gli animali, nelle vendite infatti non sono mai presenti pellicce vere. La filosofia portata avanti è che tutto quello che ci circonda può essere innanzitutto riutilizzato e soprattutto rivalutato. Da questa semplice ma importante idea prende vita Violette Sauvage, l’azienda francese ormai leader nel vide dressing. In Francia questo tipo di manifestazioni vanta anche 12.000 visitatori in un solo week end! Un’occasione quindi per tutti gli appassionati di moda di poter fare degli acquisti di abiti di marca ad un prezzo vantaggioso ma anche di scoprire nuove realtà quali: le esclusive e divertenti felpe Baci Bella Bimba della pr e designer Sonia Rondini, i bijoux di Gaia &Chris Collection, le raffinate borse Balò Bag, Monica Campri  beach couture, le proposte di Le Cose di Thea, Clelia bijoux, Calix retrò. Didi World, Plumilla Selection, L&L creazioni bijoux, La Bottega di Giu e Gio, Buddy and Benny, Alessandrini Shop, Kokedama Fashion, Made in Mad, Bobba’s Bag, Giuchi Kids.  Tutti gli eventi di Violette Sauvage sono una festa in cui i vari appassionati di moda si riuniscono per confrontarsi sui look e per fare nuove amicizie.  Ci sarà anche un’aerea dedicata alla ristorazione per poter fare il brunch e l’aperitivo curata da Alchimia Food Lab e Verde Pistacchio che delizieranno il pubblico con specialità sia dolci che salate. Violette Sauvage supporta sia i creativi che i privati in tutte le fasi della promozione dell’evento; basti pensare che i canali social hanno 40,000 follower Facebook, 4.000 Instagram ed 110,000 contatti newsletter

Annunci

MARINA CORAZZIARI ILLUMINA ALTAROMA CON I SUOI GIOIELLI

La storica kermese capitolina “Altaroma”, che si svolge a Gennaio,  ha coinvolto tutta la città di Roma, oltre al Guido Reni District, le diverse iniziative in calendario sono state

16602598_687389044765803_281757662075045808_nospitate al MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, e a La Galleria Nazionale, istituzioni tra le più rappresentative del polo della cultura e della creatività che si estende tra i quartieri Flaminio e Parioli, dove “Altaroma” ha da diverse edizioni creato un nucleo dedicato alla moda e alla ricerca. Ma anche gallerie d’arte e hotel, disseminate in città, hanno ospitato i numerosi eventi, un’occasione per esprimere attraverso il carisma, la determinazione e la capacità di giovani talenti e non solo, l’importanza di un dialogo tra moda, arte, storia e cultura in città.

19554713_10212943638256343_7538174198377956466_n

Grazie al sostegno dei soci (Camera di Commercio, Regione Lazio, Risorse per Roma e Roma Città Metropolitana), al supporto del Ministero dello Sviluppo Economico e dell’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane  “Altaroma” prosegue avendo come scopo principale l’ampliamento del raggio d’azione a sostegno dei talenti emergenti e dei valori del made in Italy, innalzando il livello di attenzione internazionale sulle proprie iniziative. 14102410_602034343301274_1940234003480244287_n

La sezione Atelier conferma l’interesse di “Altaroma” per l’alta artigianalità e il fatto a mano e la tradizione rivista in chiave contemporanea dai nuovi talenti. Sulle passerelle capitoline è ritornato dopo un periodo di assenza il grande stilista libanese Abed Mahfouz e l’artista Marina Corazziari con i suoi splendidi gioielli. Inoltre un grande “ritorno”, un tributo a Francesco Scognamiglio che ha celebrato i 20 anni della sua Maison con una sfilata-evento, dal 1998 al 2018 vent’anni di storia, scritta da abiti-icona e dalla nuova collezione couture, che hanno sfilato nelle sale de La Galleria Nazionale.

Tornano dunque ad Altaroma le affascinanti creazioni di Marina Corazziari, e, quello che colpisce, al primo sguardo, è la capacità della stilista  di contaminare con il proprio sguardo artistico ogni lavoro, con la delicatezza che scivola sulle immagini per una ironica nostalgia, i  ricordi fantastici del suo mare, la ricerca di un’anima che crea questi monili, importanti, iconici, indossati da queste donne meravigliose per farli tornare a mettere in discussione il ruolo che viene loro attribuito, quello del bjoux, ma giocando come testimoni surreali di ricordi, di nostalgia, di mari e cieli di paesi lontani, di sogni e  suggestioni fantastiche. 26992562_858290557675650_5628636131938506057_n

E dunque il pubblico di Altaroma ne rimane incantato, e le preziose creazioni gioiello – realizzate con coralli, turchesi, topazi e  avorio, acquemarine e topazi azzurri, giade ed ambre incastonate in lastre d’argento e d’oro –   celebrano linee e colori del Mediterraneo multiculturale, il mondo della jewels designer e scenografa Marina Corazziari.

Crediti ph: Edoardo Tranchese

Press: Le Salon de La Mode

GRANDE ESORDIO IN ALTAROMA PER PICA BAGS DI PIERA CATENA

S.Persechino_bks_1069_SS18_HC

Alta Roma in questa edizione particolarmente ha dato il via a nuovi talenti in questo caso parliamo della giovane designer Piera Catena che con le sue creazioni Pica bags ha sfilato in questa edizione dell’Alta Roma 2018 con una mini capsule collection “Majorelle” , collaborando con la nota stilista l’architetto Sabrina Persechino, che ha portato in passerella la collezione Elektron

Sabrina Persechino_106“la via dell’ambra, un tempo chiamata anche via Imperiale, luogo di estrazione dell’affascinante pietra che gli antichi greci chiamarono elektron, con il significato di “il brillante, il luminoso”, considerandola come la “sostanza del sole”. L’ambra è traslucida, di un colore che può variare dal giallo al rossiccio al bruno fino ad arrivare al verde, al viola e all’oro. Su questa palette sfilano capi lineari, geometrici e strutturati, abiti scolpiti, di forte impronta architettonica, immancabili come sempre il bianco e il nero. Una presentazione emozionante  anche per aver introdotto una giovane  musicista “Giorgia Rossetti” che abilmente ha suonato live il violino elettrico.

S.Persechino_bks_1053_SS18_HC

In questo caso l’intuito della stilista Persechino è stato anche nel saper scegliere un giovane talento come Piera Catena “Pica ”, creando una sinergia assoluta,  tra abiti e borse.  Una capsule prestigiosa per Pica che segna il suo brillante  esordio in Alta Roma con “Majorelle”, S/S 2018 ispirata ad uno dei giardini più belli del mondo situato a Marrakech.

Progettato dall’ artista francese Jacques Majorelle, che negli anni diventò  fonte di ispirazione per lo stilista Yves Saint Laurent.

Sabrina Persechino_104

 

 

 

 

Un mix di colori vivaci e forme che ispirano questa sua nuova collezione che abbiamo visto sfilare con delle variazioni di colori, attentamente studiati per la collezione Elektron di Sabrina Persechino, le forme semplicemente perfette ed in linea con gli abiti,  traggono ispirazione dal tipico mihrab e dai decori architettonici spesso arricchiti di motivi geometrici.  Tutto perfetto per segnare il grande inizio di un giovane talento firmato “Pica” Piera Catena.

27067346_2000204983555336_1384324122771917112_n

FORME D’ARTE DI SVETLANA SCHMIDT DA ORSORAMA A LE CARRÈ DORÈ

454f55_f9e1fc695be04862805984e3f2a9eeb2~mv2

Dal Gattopardo cinematografico di Luchino Visconti al Don Giovanni di Mozart, passando per Balzac e i decadenti russi, i pittori francesi Édouard Vuillard e Pierre Bonnard, fino alle ambientazioni alla Barry Lindon,    untitled

Svetlana Schmidt, architetto e artista, una creatura bellissima, in punta di piedi da viaggiatrice instancabile, coglie riferimenti culturali da cui prende ispirazione, vive stanze cariche di un vissuto impercettibile, di tracce e passaggi, che intervengono con la forza della decorazione, segnando, da artista e architetto, squisite temporary location.

untitled2

Sotto la guida competente di Cristina Vittoria Egger, talent scout di innato talento, passa dai giardini verticali di Milano alla sfolgorante Montecarlo, con gli occhi pieni del mare mediterraneo, un eclettismo fatto di ricerca, curiosità, tecnica, l’Artista Svetlana Schmidt si muove leggera, sembra una danza la sua,  mentre porta fra le braccia un fascio di fiori per una botticelliana primavera, l’artista  inaugura a Monaco, alla Galleria Le Carrè Dorè per un mese, una sua personale, un viaggio, arrivando dalla sua  concept-gallery Orsorama, luogo di mostre ma anche di design, di oggetti e di abiti creati ad hoc con il Brand Nadir Maut, su progetti di artisti, il suo hub fantastico nel cuore di Milano, in via dell’Orso.    454f55_85e790e080a94286ad8fd3d3f13f1b40~mv2

A Monaco Svetlana, nella Galleria che ospita da sempre grandi artisti contemporanei, adeguando le sue creazioni al progetto di Flavia Cannata, ideatrice di “Always Support Talent”, crea un collage, caratterizzando la sua opera d’arte in una tavolozza cromatica

sapientemente usata e calibrata, fatta di  pensieri, di studi, di ricordi, ma anche profumi di terre, di fiori, grandi prati versi, e rose….. perché le sue opere profumano, hanno il cuore e l’anima dei fiori che usa per le sue opera, che  hanno il potere di sospendere il tempo, rendere immortale un momento, dipinti, fantastici caftani e foulard che sembrano aquiloni, mossi dal vento, pieni di fiori e colori, la  costruzione di un mondo come realmente è visto dall’artista tra realtà, sogno e fantasia, mondi e modi del vivere quotidiano per abitare il mondo, codificando linguaggi e comportamenti, costruendo una identità, dunque  producendo non solo immagini simboliche e desiderabili ma svelando principalmente la sua realtà di artista.

454f55_8c9ff5bd3b3f4fe28122725e8e1a4db2~mv2

L’Artista imprime il suo talento su carta o su tessuto, partendo da motivi tradizionali, che però sovverte con geometrie inattese e ci dice «I miei soggetti si ispirano sempre alla natura, dove il paesaggio è solo l’origine della creazione, un punto di partenza, in una sorta di figurativismo astratto», le sue sono autentiche opere d’arte suggerite da ispirazioni oniriche, un mondo meraviglioso, quello di Svetlana Schmidt a Le Carrè Dorè, per raccontano storie, le sue non sono illusioni ma fantastiche suggestioni…..

Le Carrè Dorè

5, rue Princesse Caroline 98000Monaco

www.carredor-monaco.com

Svetlana Schmidt – Galleria Orsorama

Via Dell’Orso – Milano

writer Gabriella Chiarappa

2013-65817-223158_32558_11453_t

I CAPPELLINI DI FRANCESCA MUNZI SI “PRESENTANO” ALLE SIGNORE (e signori)

 

LOC MUNZI

Pomeriggio glamour, e dal gusto un pò retrò, nella redazione di “Roma Oggi” quello di domenica 12 novembre alle ore 17.00, con la presentazione della collezione di cappellini 2018 della modista Francesca Munzi.  La linea è ispirata ad una donna romantica ma moderna, che ama vestirsi in maniera raffinata ed elegante ma che nonostante il lavoro e i tanti impegni non rinuncia, per la sera o per un appuntamento particolare, ad un tocco raffinato come un cappellino. Una donna del terzo millennio, quindi pratica e dinamica ma allo stesso tempo raffinata e romantica. MUNZI MODE

Per questa collezione ha scelto colori decisi e il tema dei fiori, nove nuovi modelli, unici fatti a mano  per una donna originale e che vuole distinguersi nei particolari.

Originali creazioni indossate da modelle d’eccezione: l’attrice Natalia Simonova, e le  modelle  Elodie Vegliante e Giulia Zarbafian.natalia simonova in scena con cappello di Francesca Munzi

Un simpatico appuntamento per parlare di moda, per ammirare le nuove creazioni e per assaggiare dolci fatti in casa, preparati dalla modista, con torta al limone di Nonna Ada e brindisi delle cantine Gotto D’Oro.

Un anno di novità il 2017 e pieno di sfilate ed eventi?

Si davvero un anno pieno di novità e di tanta visibilità. E’ successo tutto all’improvviso, grazie a dei felici incontri con persone che hanno creduto in me e in quello che facevo. Ho iniziato a mostrare le mie collezioni al pubblico  grazie all’artista Ester Campese, che mi chiese a Febbraio 2017  di preparare una collezione di cappellini in abbinamento ai suoi abiti scenici per una serata al teatro Agorà di Roma  in collaborazione con Stasera sono Qui, grazie all’attore Gabriele Cantando Pasquali.  Poi  sempre insieme, subito dopo,  abbiamo partecipato  al Concorso Nazionale I Due mondi,  un evento benefico  di grande risonanza,  al teatro San Paolo di Roma. In Giugno ho portato la mia collezione al concorso di bellezza, The Look of the Year e i miei cappellini hanno sfilato grazie alle bellissime modelle del concorso. Altra importante occasione  a  giugno al  Salone Margherita di Roma e nell’occasione le mie creazioni sono state indossate da giornaliste e blogger presenti all’evento.  Infine a luglio al Teatro Arciliuto  la talentuosa attrice Natalia Simonova ha indossato due mie creazioni per il suo ultimo spettacolo  Mata Hari, spettacolo che torna in scena il 16 novembre, davvero un anno speciale che sembra ancora pieno di tante occasioni come quella del 12 novembre ovvero il lancio della mia nuova collezione 2018. Tutto questo mi sembra un sogno!”. 23226958_1650682751630309_1469909070_n

Francesca Munzi come nasce la passione per i cappellini? 

La passione nasce da piccola, passavo tante ore nella mia stanza a personalizzare e ricamare gli abiti delle bambole, quando andavo a trovare mia zia Ada se avevo la possibilità di rimanere qualche giorno da lei, io ne ero felice perché mi faceva ricamare con i fili da ricamo. Crescendo ho capito che avevo bisogno di provare altre tecniche, così ho fatto corsi di decoupage e sono diventata una professionista fino alla quarta dimensione e poi è diventato un lavoro. Dopo un corso sulle vetrate artistiche e oggettistica Tiffany, ho partecipato a mostre e lavori su prenotazione. Non è finita qui, ho fatto dei corsi sulla resina sintetica con il fimo e Cernit per creare accessori. Negli 80, 90,  ho lavorato per alcune aziende di vestiti e ho fatto il tirocinio presso stiliti molto conosciuti. Tutt’ora porto avanti le mie passioni. Mi definisco una creatrice 360 gradi, riesco a trasformare ogni oggetto che tocco”. 

 

Francesca Munzi, modista e fashion designer, scrive e si occupa di moda e arte anche nel suo blog https://serendipityfashionart.wordpress.com

Ufficio Stampa –

Cristiano morelli- Romaoggi.eu

redazione@romaoggi.eu

tel 327.8848343

SWISS FASHION WORLD, LA MODA SVIZZERA SFILA A ROMA

Giovani talenti svizzeri propongono le loro creazioni

EN_SWISS_FASHION_WORLDSi svolgerà il prossimo 6 luglio alle ore 19.00 presso l’Ambasciata di Svizzera a Roma, via Barnaba Oriani 61, l’edizione numero 16 dello Swiss Fashion World, organizzata dalla Camera Nazionale della Moda svizzera ( http://www.cnms.ch ). L’evento studiato per far conoscere in tutto il mondo lo “SWISS MADE”, Contatto_16_9

è un progetto che funge da piattaforma di scambio tra, stilisti, creativi e aziende. In questo contesto, si potranno proporre idee, opinioni e trovare soluzioni per promuovere il proprio brand, nonché un’occasione straordinaria per rendere visibile il lavoro dei giovani stilisti svizzeri della NEW GENERATION DESIGNER SWISS MADE CNMS , che cercheranno di ritagliarsi uno spazio in un settore, quello della moda, molto competitivo. La conduzione della serata, è stata affidata ad Erika Gottardi, nota direttrice della rivista internazionale WOMAN & BRIDE (www.womanbride.it), nonché responsabile della sezione romana della CNMS, ed a Stefano Dani, portavoce della Camera Nazionale della Moda Svizzera all’estero. La Gottardi, reduce da alcuni set televisivi, ha dichiarato – Sono felice che il Presidente di CNMS mi abbia voluta coinvolgere nuovamente in questa splendida serata. Lavoro con la Camera ormai da più di due anni ed è sempre una grande gioia ed una piacevolissima collaborazione. Ho grande stima dei membri 635773204465818795blogger1di CNMS, del Presidente Franco Taranto e del collega Stefano Dani.

Come da tradizione, Swiss Fashion World inizierà con la sfilata di “MADRE HELVETIA”,per poi rendere omaggio alla moda svizzera con la presenza della stilista Manuela Soldati.

SARLI NEW LAND sarà lo special Guest della serata,Carlo Alberto Terranova, stilista di fama internazionale, membro della CNMS e delfino del Grande Maestro Fausto Sarli, proporrà al pubblico la sua ultima collezione Autunno/Inverno 2017/2018. Previsti, durante la kermesse, uno splendido intermezzo cultural-musicale a cura della grande Vanessa Mini artista di fama internazionale. E’atteso un parterre importante, difatti hanno confermato la loro presenza l’Ambasciatore Svizzero Giancarlo Kessler, la Delegazione Svizzera della CNMS con il Presidente Generale Franco Taranto, il Segretario Generale, Comitato Esecutivo. Inoltre interverranno le Miss in carica: Miss Ticino Francesca Lapadula e Miss New Faces Alessandra Coppola che grazie alla vittoria conseguita hanno diritto a partecipare a diverse sfilate istituzionali della CNMS nel mondo. Male-up e hair saranno curati dalla Romeur Academy mentre le modelle che sfileranno appartengono alla New Faces Model Agency. La Swiss Fashion TV  (www.swissfashiontv.ch) riprenderà l’intero evento. Una serata all’insegna della moda e della bellezza “ Made in Switzerland ”.

Erika Gottardi

FLASHMOB E MATRIMONIO DA OSCAR A CASTEL ROMANO di Federica Rinaudo

sposi anni venti
Una nuova tendenza lanciata con un flash mob da un gruppo di giovanissimi con in tasca il sogno di un amore da favola. Le coppie di fidanzati o i futuri sposi potranno, infatti, suggellare la propria promessa e vederla crescere di pari passo alla nascita di una pianta o un albero che loro stessi potranno piantare, con i propri nomi, nel “giardino dell’amore” del parco divertimenti Cinecittà World. Se prima la moda di incidere le proprie iniziali sui lucchetti lasciati negli angoli più belli della Capitale, nata per emulare le gesta dell’ opera “Tre metri sopra il cielo” di Federico Moccia, ha rischiato di danneggiare gli stessi monumenti questo nuovo modo di confermare il proprio legame non è solo romantico ma anche utile. Far crescere la propria storia parallelamente a quella di un’area fiorita è una delle originali proposte dell’organizzatrice Daniela Valenzi, ideatrice di “Matrimonio da Oscar” il primo format che permetterà alle coppie di sposi di avere come location per le nozze proprio il parco divertimenti del cinema e della tv. Per la prima volta in Italia, grazie al benestare dell’Ad del parco Stefano Cigarini, sarà possibile scegliere di celebrare il giorno più bello in modo divertente ed insolito. Un matrimonio sospeso tra fantasia e realtà dove ognuno potrà individuare l’area tematica più adatta alle proprie esigenze, dalle atmosfere dell’America degli anni ’20 alle rovine dell’antica Roma passando per l’avventuroso far west, ed invitare familiari ed amici a condividere le proprie nozze dal rito al pranzo. Saranno un centinaio i ragazzi che sabato 29 aprile dalle ore 15.00 si riuniranno a “Cinecittà World” per dare vita ad un flash mob, durante il quale sarà possibile sfogliare un album di fotografie viventi: dall’addio al nubilato al rito. Nella vivacissima street anche una squadra di ballerini, in coloratissimi costumi ed abiti da cerimonia della stilista Paola Cipriani, provenienti dalla Jr School Academy di Nuova Florida diretti dai coreografi Roberto Proietti e Priscilla Luddi, pronti a dare il benvenuto ad una coppia speciale, Brice Martinet ed Elena Falbo, che in diretta da Miami rinnoveranno la loro promessa d’amore