AL TEATRO TIRSO DE MOLINA RISATE ROMANE – LA STAGIONE 2018/2019, TRA TRADIZIONE E FUTURO

14

Ben diciannove spettacoli in cartellone, otto in abbonamento e undici fuori abbonamento, per la nuova stagione del Teatro Tirso De Molina, ai nastri di partenza di un viaggio che si preannuncia decisamente ricco di emozionanti novità e di consolidate conferme. “Uno sguardo alla tradizione senza mai perdere di vista il futuro – dichiara il direttore artistico Achille Mellini – per questo ad affiancare alcuni grandi nomi della comicità romana (e non solo) ci saranno anche giovani promesse. Investire sui nuovi talenti vuol dire dare una possibilità al teatro, continuare a credere nel valore dell’arte e di coloro che gli hanno dedicato una vita intera”.

25 Primo spettacolo in programma, dal 3 al 21 ottobre, “Affari di famiglia”, per la regia di Leonardo Buttaroni, con Milena Miconi e Andrea Dianetti, Gabriele Carbotti, Fabrizio D’Alessio. Debutta il 31 ottobre e fino al 18 novembre, l’inedito duo composto da Antonello Costa e Pietro Romano in “Gli amici non hanno segreti”. Nadia Rinaldi e Franco Oppini sono invece i protagonisti di “Mafia senza piombo, dal 28 novembre al 9 dicembre per la regia di Toni Fornari, con loro sul palco il trio Luca Latino, Flavio Moscatelli, Ezio Passacantilli.

22 Le festività natalizie vedono il ritorno di Pino Ammendola nel seguito di un cult “Uomini alla crisi finale”, dal 27 dicembre al 6 gennaio. Il nuovo anno prende il via con il ritorno di Pablo e Pedro che, dopo il tutto esaurito dello scorso anno, portano in scena “Io e tu”, dal 23 gennaio al 17 febbraio. Sempre a febbraio, dal 27 e fino al 17 marzo, sul palco del Tirso torna anche Dado con “Il Super – ficiale”.

20 Completano la stagione Marco Morandi e Matteo Vacca con Maurizio Di Carmine, Katy Rosselli, Alessandro Tirocchi, Morgana Giovannetti, dal 3 al 14 aprile, con una rivisitazione di “Taxi a due piazze” e Danilo De Santis, Roberta Mastromichele e Pietro Scornavacchi, dall’8 al 26 maggio, con “Uno di troppo”. Titoli da non perdere anche per i nove spettacoli fuori abbonamento che sottolineano l’impegno delle giovani promesse e confermano il valore dei grandi artisti, tra i quali quello di Enzo Salvi e Mariano D’Angelo in “Mai ‘na gioia”.

16Teatro Tirso De Molina, via Tirso 89

Direzione Artistica Achille Mellini

Orario spettacoli:

merc. giov. ven. ore 21 – sab ore 17,30 e 21 – domenica ore 17,30

Parcheggi convenzionati: Parioli Parcheggi Via Tirso, 14 (aperto 24h)

Ufficio Promozione Federica Pinto 068411827

www.teatrotirsodemolina.it

foto credits Pietro Nissi ph

7

 

Federica Rinaudo

Giornalista
Ufficio stampa e comunicazione

Annunci

A “LE TERRAZZE” DI ROMA CABARET … SI RIDE … A BESTIA! CAMPAGNA CONTRO L’ABBANDONO DEGLI ANIMALI

dado okC’ è chi gli animali li abbandona e li maltratta … ma c’è anche chi ci mette la faccia e la propria arte per tutelarli!

Dal 6 luglio al 4 agosto torna l’appuntamento con Le Terrazze Teatro Festival di Roma edizione 2018
Al Palazzo dei Congressi grandi professionisti della risata:
Dado, Michela Andreozzi, Michele La Ginestra, Pablo e Pedro, Antonio Giuliani, Dario Cassini, Alessandro Di Carlo, I Carta Bianca, I Centouno e il Premio Persefone Comicus
Le Terrazze promuove la campagna sociale pro adozione e contro l’abbandono, in collaborazione con il Comune di Roma e l’Ordine dei Veterinari di Roma e provincia,
“Ridere fa bene. Anche gli animali sanno ridere. Aggiungi un posto a tavola che c’è una ciotola in più”
michela andreozzi

Ridere sotto le stelle d’estate si può con grandi professionisti della risata. Ritorna l’attesissimo appuntamento con la comicità nelle esclusive Terrazze del Palazzo dei Congressi dell’Eur. Dal 6 luglio al 4 agosto per “Le Terrazze Teatro Festival” si alterneranno su palco: Dado, Michela Andreozzi, Michele La Ginestra, Pablo e Pedro, Antonio Giuliani, Dario Cassini, Alessandro Di Carlo, I Carta Bianca, I Centouno e il Premio Persefone Comicus. Sotto la direzione artistica del produttore Achille Mellini questa edizione 2018 si prospetta vincente grazie alla presenza di alcuni tra gli artisti più noti del panorama nazionale, pronti a conquistare la platea con i loro show all’insegna del buonumore. Ad inaugurare la kermesse nell’imponente struttura monumentale, vero esempio di architettura razionalista progettato da Adalberto Libera, con una platea di 1200 posti ed un panorama mozzafiato, sarà il 6 luglio Dado, che dopo il tutto esaurito dello spettacolo “L’impertinente” darà vita ad un live con i suoi pezzi più forti (dalle canzoni da falò sulla spiaggia che preparano al bagno tutti nudi, al terrorista che non riesce a fare l’attentato per colpa degli scioperi) fino a nuove esilaranti gag, seguito il 7 luglio da Michela Andreozzi con il suo essere frizzante e coinvolgente nell’universo dei suoi personaggi e dei racconti di quando si andava “A letto dopo il Carosello”, un vero e proprio cult che ha girato l’Italia e che vede nella sua versione estiva tante novità. Il 13 sul palco Michele La Ginestra, il 14 Pablo e Pedro, il 20 Antonio Giuliani, il 21 I Carta Bianca. Gli ultimi week end di luglio vedranno esibirsi: il 27 Dario Cassini, il 28 I Centouno, il 3 agosto Alessandro Di Carlo e il 4 agosto gran finale con il Premio Persefone Comicus, presidente Maurizio Costanzo. Ogni venerdì e sabato alle 21.30 un appuntamento imperdibile preceduto dal consueto aperitivo sotto le stelle previsto per le ore 19.30. Quest’anno per la prima volta “Le Terrazze Teatro festival” si avvale della collaborazione del Comune di Roma e dell’Ordine Medici Veterinari di Roma e Provincia per lanciare anche un messaggio sociale in favore dell’adozione e contro l’abbandono degli animali. “Ridere fa bene. Anche gli animali sanno ridere. Aggiungi un posto a tavola che c’è una ciotola in più”, è lo slogan con il quale ogni artista, al termine di ogni spettacolo, inviterà il pubblico a restituire il sorriso a cani e gatti ospiti del Canile di Roma in cerca di una famiglia, che saranno mostrati tramite foto e video con lo scopo di essere adottati, ricordando che l’abbandono è un grave reato perseguibile penalmente.
Info:
www.teatrotirsodemolina.it
0695947225

Le Terrazze Teatro Festival
Palazzo dei Congressi all’Eur, Piazza John Kennedy 1
6 luglio Dado
7 luglio Michela Andreozzi
13 luglio Michele La Ginestra
14 luglio Pablo e Pedro
20 luglio Antonio Giuliani
21 luglio I Carta Bianca
27 luglio Dario Cassini
28 luglio I Centouno
3 agosto Alessandro Di Carlo
4 agosto Premio Persefone Comicus, presidente Maurizio Costanzo

Federica Rinaudo

Giornalista
Ufficio stampa e comunicazione
www.federicarinaudo.it

IL COMICO DADO AL ROMA ART MEETING

dado.jpg

Dado sarà presente alla pomeridiana che concluderà i lavori del Roma Art Meeting! Il noto comico televisivo, che segue ormai da anni il Meeting e che lo scorso anno si è esibito in un esilarante one man show, divertirà gli spettatori dell’Auditorium SGM di via Portuense con la sua satira economico politica per nulla scontata. Un artista che pur rimanendo sempre fedele al suo personaggio, ha saputo sempre rinnovarsi e prendere spunto dalla cronaca e dall’attualità. Cosa ci riserverà quest’anno? Nulla di programmato … andrà a ruota libera e ne sentiremo delle belle! Dado vi aspetta domenica 31 gennaio dalle ore 17.00 presso l’auditorium SGM in via Portuense 741. Come tutti gli eventi del Roma Art Meeting l’ingresso è libero e gratuito.

LOGO-2015

 

IL ROMA ART MEETING 2016 CALA IL TRIS: L’ATTORE GIUSEPPE ZENO, IL COMICO DADO ED IL PROF. BAGNAI

LOGO-2015

IL ROMA ART MEETING 2016 CALA IL TRIS: L’ATTORE GIUSEPPE ZENO, IL COMICO DADO ED IL PROF. BAGNAI –
di Sara Lauricella

Ricomincia il viaggio della legalità e del sociale su e giù per l’Italia. Dal 22 al 31 gennaio si svolgerà il Roma Art Meeting che unirà, in un unico abbraccio Roma, Milano, Isernia e la Calabria e che si prepara ad espandersi in altre regioni dello stivale. Il meeting, giunto oramai alla sua quinta edizione, è stato ideato ed è diretto da Domenico Monteleone: Dibattiti, Lezioni, Teatro, Legalità, Canto, Video, Talk, Letteratura, Impegno Sociale, Arte, Poesia, Spiritualità, Musica, Danza, Mentalismo, Artigianato, Recitazione, Sport, Fotografia: tutto questo è “Roma Art Meeting”, con l’intento di rappresentare un momento di confronto e di approfondimento su tematiche di grandissima attualità e con personaggi di primo livello e realizzato, peraltro, senza contributi pubblici o sponsor commerciali. Una delle più grandi manifestazioni del panorama italiano e che mantiene, negli anni, la preferenza delle scuole come locations privilegiata. Primo dei tre assi dell’edizione 2016 è l’Attore Giuseppe Zeno il quale ha dichiarato: “E’ una manifestazione alla quale mi piace partecipare perché è un luogo dove le singole arti vengono trattate in un modo che non si trova altrove e dove è piacevole confrontarsi sulla base di un’autentica attenzione alla letteratura, al teatro, alla recitazione, alla pittura ed a tutte le altre arti. Ritengo, inoltre, questa manifestazione molto importante perché tanti artisti che hanno qualcosa da dire trovano lo spazio per portare la loro voce in un circuito di grande spessore”. Sarà proprio il bravo e noto attore ad inaugurare “A casa di …”, un nuovo evento – inserito nella manifestazione da quest’anno – dove lo staff del RAM va a fare visita a casa di un personaggio per parlare dei temi del Meeting. Secondo asso è il comico Dado che interviene dicendo: Per me il contatto umano è molto importante e il Meeting è un’occasione per concretizzare ancora una volta il mio motto: il teatro crea dipendenza, la TV aiuta a smettere, ma io ho scelto la mia droga e so di cosa preferisco morire, il palcoscenico”. Terzo asso del tris (ma non ci si ferma qui) è il Prof. Alberto BAGNAI. Nell’incontro preparatorio con il Prof. Alberto Bagnai abbiamo intrattenuto con Lui una Conversazione molto bella, nel senso che ho potuto apprezzare ancora di più la statura del Personaggio” è quanto ha dichiarato il Presidente Domenico Monteleone, il quale ha aggiunto “abbiamo verificato l’esistenza di tantissime sintonie tra il nostro Ospite ed i Principi che ispirano il Meeting e ci siamo anche scambiati idee e informazioni relative ai rispettivi campi di azione. Un grandissimo “Acquisto” per il Meeting!”. Ma tante sono le personalità (è proprio il caso di affermarlo) che si alterneranno in questi 10 giorni. Stefano Sarcinelli, il magistrato e scrittore Nicola Gratteri, il presidente Ferdinando Imposimato, il magistrato Erminio Amelio, il soprano Nunzia Durante, il mentalista Gianluca Liguori, l’attore napoletano Enzo Garramone, l’attrice calabrese Annalisa Insardà, il generale dei Carabinieri Angiolo Pellegrini, la pittrice Carmen Voicu, la compagnia teatrale de “Il Proscenio” di Isernia con Salvatore Mincione Guarino e Giovanni Gazzanni, i giornalisti Mimmo Liguoro, Emiliano Morrone, Daniela Molina, Valeria Biotti, Carmine Gazzanni, Angela Corica.

Saranno presentati numerosi libri alla presenza degli autori Isabella Pascucci, Davide Toffoli, Tiberio Bentivoglio, Attilio Coco, Salvatore Zeno, Stefania Trucchi, Alessandro De Maria, Giampiero Poggiali Berlinghieri, Maria Eleonora Zangara, Cosimo Sframeli, Sandra Rotondo, Daniela Ferraro, Corinna Pancheri, Flavia Weisghizzi.

La manifestazione è organizzata con la partecipazione delle associazioni “La voce di fiore”, “Irideventi”, “La musica che gira intorno”, “I portulani”, “Incontrare l’arte di Santa Cecilia”, “Il proscenio”, “Honduregni in Italia”, “Ma.ni.pu”. La Serata di Gala conclusiva si svolgerà 31 gennaio presso l’Auditorium SGM di Roma dove sarà consegnato anche quest’anno il “Premio Colosseum – Roma Art Meeting 2016” ad un personaggio che si è distinto nel campo del sociale e dell’impegno professionale. Il nome del premiato di quest’anno – che succederà a Nicola Gratteri e Ferdinando Imposimato, insigniti negli anni precedenti – è ancora avvolto nel riserbo che, ritualmente, precede questi eventi. Tre pensieri di grandi autori faranno da fil rouge ai diversi dibattiti, incontri, caffè letterari, talk show, momenti musicali, cinema, teatro e tanto altro ancora. Il primo è di Giorgio Gaber: “La cosa che mi fa più male è vedere le nostre facce, con dentro le ferite di tutte le battaglie che non abbiamo fatto.”. La seconda di Ezra Pound: “I politicanti sono i camerieri dei banchieri.”. L’ultima, ma non in ordine d’importanza, è la frase del giudice Paolo Borsellino: “Parlate di mafia, parlatene sui giornali, alla radio, in televisione. Però parlatene”. La cultura a 360 gradi, dunque, sarà il vero motore dell’evento che ha come obiettivo quello di stimolare giovani e meno giovani, di farli divertire con serietà e di attirare l’attenzione su argomenti di attualità molto importanti, quale appunto la legalità e la lotta alla mafia. Una lotta silenziosa e senza armi, possibile solo grazie alla cultura della legalità che può essere determinante per favorire il risveglio delle coscienze.