CASA VUOTA SI RIEMPIE DELLA POESIE DI ELEONORA RIMOLO

Eleonora Rimolo, reading di poesie a Casa Vuota

La lettura, per il finissage della mostra di Davide Serpetti The Sleepers

si inserisce all’interno del calendario di Rome Art Week

Roma, Casa Vuota (via Maia 12, int. 4A)

30 ottobre 2021, ore 17:30

All’interno delle iniziative della sesta edizione della Rome Art Week, a Casa Vuota la poetessa Eleonora Rimolo è protagonista di una lettura di poesie che si tiene in occasione del finissage della mostra The Sleepers di Davide Serpetti, la prima personale romana dell’artista, curata da Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo. 

Il reading ha luogo a Roma sabato 30 ottobre 2021 alle ore 17:30 nello spazio espositivo domestico di via Maia 12, al Quadraro (per informazioni 3928918793 – vuotacasa@gmal.com).

Mettendo a confronto i linguaggi dell’arte e della poesia contemporanea, i versi di Rimolo da una parte e i dipinti e l’installazione di Serpetti dall’altra intrecciano un dialogo inedito e profondo, capace di far vibrare la mostra di accenti peculiari e nuovi.

Eleonora Rimolo è nata a Salerno nel 1991 ed è Assegnista di Ricerca in Letteratura Italiana presso l’Università di Salerno. In poesia ha pubblicato: La resa dei giorni (Alter Ego, 2015 – Premio Giovani Europa in Versi), Temeraria gioia(Ladolfi, 2017 – Premio Pascoli “L’ora di Barga”, Premio Civetta di Minerva) e La terra originale (Pordenonelegge-Lietocolle, 2018 – Premio Achille Marazza, Premio “I poeti di vent’anni. Premio Pordenonelegge Poesia”, Premio Minturnae). Con Giovanni Ibello ha curato Abitare la parola. Poeti nati negli anni ‘90 (Ladolfi 2019). Dirige la sezione online della rivista Atelier e le Collane di poesia Letture Meridiane ed Aeclanum per la Delta3 edizioni.

LA MOSTRA – Il sonno, che cova nella culla della casa, ci rende vulnerabili e ci trasporta in un altrove misterioso e inafferrabile, dove la realtà si smaterializza e l’immaginario si fa fluido e mutevole. È l’atto del dormire, con i suoi fili fantasmagorici ora intrecciati e ora sciolti, il motivo conduttore della mostra The Sleepers di Davide Serpetti, curata da Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo e allestita a Casa Vuota dal 18 settembre al 31 ottobre.

The Sleepers – racconta Davide Serpetti – è un progetto realizzato appositamente per Casa Vuota. All’interno dello spazio domestico, l’atto del dormire assume per me una centralità. È un momento fondamentale della nostra quotidianità casalinga, che diventa qualcos’altro attraverso la mia arte. Ho scelto di abitare Casa Vuota con dei ritratti, teste di figure dormienti, che offrono per me il pretesto per indagare alcune tematiche che ho affrontato negli ultimi anni con la mia pittura, come i discorsi sull’iconografia e sull’androginia”.

“Il progetto ideato da Serpetti per Casa Vuota – scrivono i curatori della mostra Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo – mette in dialogo la pittura, il linguaggio privilegiato della sua ricerca, con la necessità di abbracciare le tre dimensioni e di rendere dinamica l’immagine, attraverso un’originale sintesi tra scultura ed elaborazione digitale. Per quanto semplice all’apparenza, l’intervento è complesso e stratificato, in equilibrio tra profondità storica e superfici ipercontemporanee. Nella materia sfuocata e fluida della sua pittura, ognuno dei ritratti esposti rimanda a un ideale estetico che da anni ossessiona il lavoro dell’artista, quello rappresentato dalla scultura Ecce puer di Medardo Rosso, già oggetto di una serie di dipinti a partire dal 2019, la cui contemplazione racchiude in sé una riflessione sulla storia dell’arte e sul potere magnetico dell’icona, fuori dalla sfera del sacro e dentro la cultura pop. Tra citazione e riappropriazione, l’artista si emancipa dal modello medardiano realizzando la sua personale versione del puer, prima come elemento tridimensionale e poi come portato pittorico”. 

“Passando dalla pittura alla scultura e viceversa – proseguono i curatori – Davide Serpetti presenta a Casa Vuota un’inedita installazione, realizzata in collaborazione con Karol Sudolski. Al centro di una stanza buia si colloca una scultura, realizzata a partire dalla rielaborazione di un volto reale fotografato, che si anima e diventa viva attraverso la proiezione di pattern digitali in movimento tratti dagli stessi dipinti di Serpetti. Quindi l’artista traduce in pittura questa scultura, in forma di ritratti, che prendono in prestito le scale cromatiche degli Omaggi al quadrato di Josef Albers”.

“Il cuore della mostra – spiegano Del Re e de Nichilo – è un esercizio pittorico ripetuto in maniera quasi ossessiva: viene proposto al pubblico nell’allestimento di una galleria di teste dipinte che sono variazioni condotte intorno allo stesso soggetto, simili tra loro per forma e proporzioni e realizzate su tele tutte della stessa dimensione. L’andamento seriale scandisce il ritmo di un lavoro che fa della reiterazione e della variazione le sue qualità più evidenti. Nel loro abbandono al sonno, i dormienti di Davide Serpetti restituiscono alla casa la sua funzione originaria di luogo di protezione e di cura. Gli occhi sono chiusi sul caos delle immagini del mondo e il limbo della mostra vuole segnare una discontinuità nel flusso incessante delle comunicazioni e dei consumi che avvolgono e travolgono le culture contemporanee. Sono, nelle intenzioni dell’artista, delle sculture meditative, date nella sospensione. Serpetti si concentra esclusivamente sui volti, escludendo tutto il resto. Non c’è corpo, non c’è sfondo, non c’è spazio e non c’è tempo. Siamo nella dimensione del sogno, degli occhi chiusi che fanno assomigliare la faccia a un muro senza finestre. I ritratti, simili fra loro eppure dissonanti nella somiglianza, sembrano fluttuare nello spazio pittorico e nello spazio onirico di Casa Vuota, privi di peso e smaterializzati, eppure rischiarati da un’intima luminescenza. Si fanno portatori di una serie di domande. A chi appartengono i volti e i sonni messi in mostra? È sempre lo stesso il soggetto ritratto che viene fermato in momenti diversi e quindi muta nel suo aspetto? Oppure le facce appartengono a una pluralità di individui che tendono a rassomigliarsi? La figura dipinta è maschile o femminile? La scelta che Davide Serpetti compie da sempre con la sua pittura è di abitare il territorio dell’identità in maniera non binaria, perseguendo un modello di rappresentazione androgina dei soggetti dei suoi ritratti. In questi ritratti chiunque potrebbe identificarsi, perché fanno della sfuggevolezza, della mancata messa a fuoco, della possibilità proteiforme di cambiare, rompendo le regole di un destino già scritto, il loro punto di forza”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...