MARIO ABBATE AVRA’ UN LARGO A LUI INTITOLATO NEL VOMERO A NAPOLI

Cerimonia di intitolazione al Vomero di Napoli di Largo Mario Abbate il 16 giugno 2021 dalle ore 10,30, con il presidio e la partecipazione delle cariche istituzionali. Il Maestro Mario Abbate portatore della musica e della lingua napoletana nel mondo, avrà finalmente, una strada, in questo caso un largo, a lui intitolato. Il luogo che prenderà il suo nome è l’area di circolazione al Vomero, risultante dall’incrocio tra via Angelica Kauffmann e via Pacio Bertini e la cerimonia ufficiale sarà anche un momento di spettacolo e cultura Made in Napoli. Con la collaborazione di cantanti, musicisti ed artisti, saranno intonate alcune delle canzoni che il Maestro Mario Abbate ha portato al successo ed eseguito come primo interprete: Anema ‘e Core, Malafemmena, Luna Caprese, Indifferentemente, Core Napulitano, Con tanto Amore etc…

L’intitolazione è il frutto di un lungo iter burocratico  iniziato con la proposta congiunta dei consiglieri Francesco Vernetti e Gaetano Simeone, sostenuta dal consiglio della Municipalità 5 e del presidente Paolo De Luca. Grazie anche al coordinamento di Peppe Damiano, alla petizione popolare ed, infine alla giunta comunale di Napoli che ha approvato, su proposta dell’assessore con delega alla toponomastica Alessandra Clemente. Il popolo napoletano è stato parte attiva e partecipativa grazie all’iniziativa di Gaetano Gatto di organizzare una petizione popolare come a testimoniare che, oltre alle istituzioni, ci fosse un vero e proprio desiderio da parte della cittadinanza, di dare un riconoscimento ed un’onorificenza ad uno dei figli più illustri di Napoli.

A presenziare la cerimonia saranno i figli del Maestro Mario Abbate: Mario Jr. e Massimo Abbate che continuano a tenere viva la musica ed il ricordo del padre. Ci piace fare anche una piccola nota storica e toponomastica: Largo Mario Abbate sorge nei pressi di  Antignano dove nel 1.200 nacque  quello che fu definito, come riportatoci dal Basile, “Il Primo Canto”: le bianche e pure voci delle lavandaie del Vomero che con “Jesce sole” sancirono la nascita, storiograficamente provata, della canzone napoletana. L’occasione vuol essere anche un  invito rivolto principalmente a cantanti, musicisti, attori e ballerini, ma anche a tutti gli appassionati della canzone napoletana.

Sara Lauricella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...