VIOLENZA SENZA ALIBI SE LE DONNE SCELGONO UN CANE

Nel futuro di Iceberg, il miglior amico delle donne per difendersi

Il cane, miglior protettore delle donne. Non solo amico, ma compagno ideale se adeguatamente ammaestrato per sentirsi più sicure, soprattutto in un contesto sociale dove si registra, purtroppo, la netta crescita del problema legato alla violenza di genere: secondo i recenti dati del rapporto 2019 “Femminicidio e violenza di genere in Italia” dell’Eures, nello scorso anno sono state uccise 142 donne, lo 0,7% in più rispetto al 2017. Ottima è la sua funzione di dissuasore verso i malintenzionati. Ad avvalorare questa tesi è Antonio Agus, Responsabile dei Servizi di Educazione presso le sedi di Mestre e Udine Ca’ Zampa, il primo Gruppo in Italia di Centri che offrono servizi veterinari, di toelettatura, educazione, fisioterapia e parafarmacia per animali domestici.

 

Il numero di cani utilizzati per difendersi è cresciuto negli ultimi anni. “Fino a qualche anno fa – afferma Agus – c’erano alcune tipologie di cani come i Pitbull o gli American Staffordshire Terrier di moda specialmente tra proprietari giovani e maschi; oggi invece si vedono sempre più famiglie e donne sole che spinte da un senso di insicurezza, portano a casa cani come questi.” Si tratta di cani che sebbene non siano “enormi” hanno una muscolatura ed una forza straordinaria, diventa quindi fondamentale un percorso educativo per una corretta gestione, in particolare quando si è in giro e si incontrano altri cani. “Un Amstaff o un Cane Corso (altra razza in crescita per svolgere mansioni di guardiano e in questo caso di grossa taglia) che iniziano a tirare con tutta la forza per avventarsi su un altro cane per strada o su un gatto, diventano estremamente difficili da controllare”.

Secondo Antonio Agus di Ca’ Zampa, una donna con un cane di taglia medio/grande al guinzaglio difficilmente sarà presa di mira da qualcuno con cattive intenzioni perché “di fronte ad una situazione di pericolo, qualsiasi cane equilibrato prenderà le difese del proprietario”. Ogni cane è capace di essere estremamente affettuoso ma sa anche mostrare un atteggiamento aggressivo se minacciato.

Guai però a umanizzare l’amico a 4 zampe. Gli atteggiamenti quasi materni verso Fido, rischiano di “antropomorfizzarlo”. Ciò comporta spesso una mancanza di regole dentro casa, l’assunzione di cattive abitudini che portano il cane a non vedere la proprietaria come riferimento ma persona insicura incapace di gestire regole e situazioni, col rischio di comportamenti difensivi inappropriati. Contrariamente a quanto verrebbe da pensare, i cani “amano” le regole, purché naturalmente rispettose del loro benessere e la mancanza di esse non è facile da gestire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...