ROSA MARIA DELL’ARIA LA PROFESSORESSA INTERROTTA

rosa mariaLei è Rosa Maria Dell’Aria: la professoressa “Interrotta” o, come vien detto in lingua burocratica, “Sospesa” dall’insegnamento. Come ben sapete in questo sito non parliamo di politica ma parliamo e vogliamo continuare a parlare, di cultura. Dopo aver ricevuto il comunicato aperto della redazione della rivista Il Sud ESt, non possiamo esimerci dal fare alcune riflessioni.  Il concetto dello  “studiare” implica l’effettuare delle ricerche e l’estrarre dei dati. La cultura è fatta di notizie, di dati, di storie e di raccolta del materiale che poi OGNUNO IN PIENA LIBERTA’ elabora e se ne fà l’idea che meglio crede calzante rispetto alla proprie ideologie ed alla propria esperienza. E’ sacrilego INTERROMPERE l’attività di un insegnante, violare la libertà di un insegnante di proporre argomenti da approfondire e violare la libertà degli studenti di effettuare una ricerca: questo è occultare la cultura. Ricordiamo che i professori possono dare un compito ma non obbligano gli studenti a documentarsi (quanti di noi non hanno fatto almeno una volta un compito assegnato?), ogni studente, se lo avesse ritenuto opportuno, avrebbe potuto non effettuare la ricerca datogli. Ed ogni studente, dopo aver fatto la ricerca, avrebbe potuto costruire un proprio pensiero, in un senso, nell’altro o crearne uno proprio. La cultura serve per avere gli strumenti per crearsi le proprie idee. Condividiamo, quindi il comunicato ricevuto.

il sud est“Il Comitato di Redazione de ilsudest.it, in relazione alla vicenda che ha coinvolto la prof.ssa Rosa Maria Dell’Aria, sospesa dall’insegnamento per non aver impedito ai suoi allievi di rilevare, in un elaborato di ricerca, le analogie tra le leggi razziali del ’38 e il cosiddetto “decreto sicurezza” del Ministro dell’Interno, esprime piena solidarietà alla prof.ssa Dell’Aria e le proprie preoccupazioni per l’attacco, che l’azione disciplinare comporta, alla libertà di insegnamento garantita dalla Costituzione, nata sulle ceneri del fascismo.

Chiede l’intervento autorevole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, quale garante della stessa Costituzione perché tale provvedimento, in contrasto con i principi della stessa Costituzione e del diritto degli studenti di rielaborare criticamente le ricerche assegnate, venga annullato.”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...